Xiaomi TV F2, le prime TV con Amazon Fire TV integrato: in prova il 43 pollici

30 Maggio 2022 92

Sebbene Xiaomi sia presente in Italia con diverse gamme TV che spaziano dai 32 pollici della serie P1, fino ad arrivare ai 75 pollici della serie Q1, completa di retroilluminazione QLED, 4K Ultra HD con supporto HDR10, HDR10+ e Dolby Vision e tutti dotati di Smart TV Android TV, il brand cinese fatica ancora ad imporsi con continuità sul nostro mercato. E questo nonostante a livello globale (soprattutto per il mercato interno) sia presente con molti più modelli, inclusi OLED, LCD Mini LED e tagli fino a 100 pollici.

Per cercare di distinguersi maggiormente dall’agguerrita concorrenza, Xiaomi ha siglato una partnership con Amazon che vede l’approdo della nuova serie F2, caratterizzata per l’integrazione nativa della piattaforma Smart TV Amazon FireOS. Tradotto in soldoni questo significa che i nuovi Xiaomi F2 da 43, 50 e 55 pollici hanno la Fire TV e tutti i relativi servizi a portata di telecomando. Telecomando che, non a caso, è assolutamente simile a quello delle “chiavette” HDMI Fire TV Stick, fatta salva l’aggiunta di un tastierino alfanumerico.

Esperienza d’uso a parte, le caratteristiche tecniche di questa nuova gamma LCD 4K Ultra HD (sì, sono tutti con pannelli a risoluzione nativa 3840 x 2160 pixel) con supporto HDR10 e HLG non fanno gridare al miracolo, però hanno da loro un listino a dir poco interessante: il 43 pollici viene venduto a 399 euro, il 50 pollici a 449 euro e il 55 pollici a 499 euro. E tutti vengono subito immessi sul mercato in promozione lancio rispettivamente a 339 euro, 379 euro e 419 euro. Abbiamo provato in anteprima il più piccolo della serie: scopriamo insieme come va!

SOMMARIO

CARATTERISTICHE TECNICHE E DOTAZIONE

Il primo aspetto che colpisce del nuovo Xiaomi F2 da 43 pollici è la sua leggerezza. Poco meno di 7 kg, incluse le due staffe “piedistallo” laterali in plastica dal peso di pochi grammi. Esteticamente è complessivamente gradevole e le cornici che circondano il pannello sono piuttosto sottili. Nella vista laterale, il TV non è un campione di snellezza e il pannello posteriore è in metallo lamierino.

Quindi attenti ad eventuali movimenti bruschi durante gli spostamenti, non mi da l’aria di avere a che fare con una scocca a prova di urti. Insomma costruttivamente il TV denota la sua natura “economica” e da questo punto di vista non si discosta da tanti altri modelli “entry-level” di altre marche. E ci sta, visto che viene proposto al lancio a poco più di 300 euro.

La dotazione prevede l’utilizzo di un pannello LCD a risoluzione nativa 4K Ultra HD, con retroilluminazione direct LED, refresh-rate a 60Hz, riproduzione dei colori a 8 bit con FRC (per poter riprodurre i contenuti fino a 10 bit) e copertura gamut dichiarata al 90% del DCI-P3. Per quanto riguarda l’HDR è previsto il supporto ad HDR10 e HLG, mentre mancano quindi HDR10+ e Dolby Vision.

Piuttosto completo il parco connessioni con 4 porte HDMI, di cui 3 in versione 2.0 e una in versione 2.1. Attenzione però: la porta HDMI 2.1 è di fatto una 2.0 con in più il supporto al canale audio di ritorno eARC. Non sono quindi previste funzionalità gaming, né tanto meno bande passanti a 40 o 48 Gbps.

Troviamo anche un’uscita digitale ottica, una porta Ethernet, i coassiali d’antenna DVB-T/T2 e satellite DVB-S2 (ovviamente completi di supporto alla decodifica HEVC Main10 e di interattività HbbTV di ultima generazione), i mini-jack video composito e uscita cuffie, lo slot CI+ e 2 porte USB 2.0.

Sul fronte wireless è previsto il Bluetooth 5.0 (che serve anche per il telecomando) e il Wi-Fi dual-band con supporto Mirroring, nonché Apple AirPlay e integrazione dell’assistente vocale Amazon Alexa, richiamabile sia dal microfono del telecomando, sia da un eventuale speaker Amazon Echo (anche per accendere e spegnere il TV a voce senza bisogno del telecomando.

Sotto alla scocca, troviamo a comandare le operazioni un SoC MediaTek MT9020 con architettura quad-core ARM A55 da 1,5 GHz, GPU Mali G52 MP2 con 2GB di RAM e 16GB di spazio d’archiviazione. Trattasi della stessa piattaforma usata già per altri TV “Amazon” venduti, ad esempio, negli Stati Uniti a marchio Toshiba. Un SoC quindi già rodato per far girare l’interfaccia Fire TV e questo è sicuramente un punto a favore.

Tra l’altro, oltre alla decodifica hardware dei contenuti in H.264 e H.265 (HEVC), supporta anche il codec AV1 (che è risultato effettivamente sfruttabile su alcuni contenuti Youtube) e sul fronte audio la decodifica delle tracce in DTS (anche in versione lossless) e Dolby Audio. A proposito di audio, lo Xiaomi F2 può contare su 2 altoparlanti con una potenza dichiarata di 2 x 12W.


Venendo all’interfaccia Smart TV, l’approccio è in tutto e per tutto quella di una Fire TV Stick (il dongle HDMI di Amazon) con in più le voci dedicate alle trasmissioni TV in diretta e i menu per richiamare e impostare i preset delle Immagini e dell’Audio. Il feeling, la logica e la navigazione sono quindi identici e chi fosse già abituato a usare i dongle di Amazon si troverà perfettamente a suo agio.

Nello specifico viene utilizzata la versione Fire OS 7.2.7.8 (che ricordiamo essere basata su Android 9) con accesso a tutte le App che siamo stati abituati ad utilizzare con le Fire TV Stick. Non mancano ovviamente i suggerimenti di visione in base ai propri gusti e alle applicazioni attive e la “Home” si presenta anche con dei banner pubblicitari.


Non mi metto a fare l’elenco delle App disponibili e mi limito a confermare che ci sono tutte quelle utili ad accedere ai film, le serie TV, i documentari, la musica e gli eventi sportivi attivi nel nostro mercato: da Amazon Prime Video (ovviamente!), a Netflix, Disney+, AppleTV+, DAZN, Now, RaiPlay, Youtube, Discovery+, Spotify, ecc…

Nessun problema nel riprodurre i contenuti fino a risoluzione 4K Ultra HD, anche con HDR (ovviamente solo HDR10, visto che Dolby Vision e HDR10+ non sono supportati) e chi possedesse una soundbar o un sistema Home Theater con supporto Dolby Atmos potrà fruirne una volta configurata l’uscita HDMI ARC / eARC. Pass-through della codifica Dolby Atmos (con core Dolby Digital+) che ha funzionato perfettamente da Netflix, ma anche da Disney+, ma che paradossalmente non viene abilitato con Amazon Prime Video. Ci auguriamo sia solo un bug della prima ora, che verrà poi risolto con un aggiornamento firmware e che abbiamo già segnalato al costruttore.

LE MISURE E I CONSIGLI PER REGOLARE LA TV

Per la prima installazione è sufficiente seguire passo passo le indicazioni a schermo (con tanto di QRCode che permette di attivare in pochi secondi il proprio account Amazon da smartphone) per ritrovarsi dopo qualche minuto con il televisore sintonizzato e pronto all’uso. Chi volesse potrà anche configurare diversi profili di accesso, esattamente come farebbe con una FireTV Stick.

Il TV parte di fabbrica con il preset d’immagine “Standard” e per ogni porta HDMI e i vari servizi App / Mediaplayer è possibile scegliere in alternativa anche le modalità “Cinema”, “Sport”, “Gioco” e “PC”. Le stesse modalità vengono anche replicate per l’HDR. Anche per l’audio sono previsti 5 preset: “Standard”, “Musica”, “Film”, “Clear Voice” e “Enhanced Bass”. Qualche leggera differenza tra le varie modalità preimpostate è possibile avvertirla, però l’estensione in frequenza degli altoparlanti in uso è quella che è, quindi non ci farei troppo affidamento.


Tornando invece alle impostazioni delle immagini, il TV consente pochi margini di miglioramento e non è, di fatto, calibrabile (nel vero senso del termine). Non sono presenti voci per modificare il bilanciamento del bianco, né tanto meno per intervenire sui colori tramite un CMS.

E’ possibile intervenire quindi sulla retroilluminazione, la luminosità, il contrasto, la tinta, la temperatura colore e sui preset del gamma, nonché abilitare o meno il local-dimming (ma essendo un direct LED i margini sono obiettivamente ristrettissimi) e poco più. Quindi, come stiamo per vedere dalle misure, prendete per buono quello che vi viene proposto scegliendo il preset più adeguato e non toccate praticamente altro.

Come sempre, dimenticate il preset “Dinamico”, davvero troppo scorretto in tutto. Lo “Standard” va leggermente meglio, ma risulta anch’esso tendenzialmente troppo freddo (si può notare dalla misura della scala dei grigi l’eccesso di blu e la temperatura colore da quasi 9500° K). Impostando la temperatura colore su “Caldo” è un preset che potete utilizzare per vedere trasmissioni TV e Sport, anche perché raggiunge 230 nit di picco luminanza, sufficienti per ambienti diurni non in pieno sole o comunque con un punto luce in ambiente. Il contrasto supera di poco i 5000:1 e il dato non particolarmente esaltante è dovuto al livello del nero che parte da 0,04 nit, tipico dei pannelli LCD di questa fascia di prezzo.

Il preset più corretto da utilizzare, specie per la visione di film o serie TV (sia da sorgenti esterne che da App o Mediaplayer) è senza dubbio “Film”. Non è perfetto e “soffre” anch’esso dei limiti del panello in termini di livello del nero e contrasto nativo, però quanto meno il bilanciamento del bianco è abbastanza lineare, con un DeltaE medio tutto sommato accettabile e penalizzato in gran parte dal gamma dalla discesa repentina dai toni medi a salire.

Di fabbrica, in virtù dei 260 nit di picco luminanza, questa modalità va bene per le visioni diurne, mentre per le riproduzioni serali o in stanza buia suggeriamo di abbassare la retroilluminazione LED a un livello compreso tra 20 / 25 per ottenere un target di luminanza di circa 100-120 nit. Questo intervento avrà un impatto favorevole sul livello del nero (che si dimezza scendendo a 0,02 nit), mentre alle alte luci tenderà a far emergere un leggera deriva del punto del bianco verso il magenta. La coperta è corta e quindi bisogna accontentarsi ma, onestamente, considerando la fascia di prezzo mi sarei aspettato di peggio.

Gamut REC709 "Film"

Per quanto riguarda la riproduzione dei colori, la saturazione è fin troppo eccessiva e agli estremi il gamut REC709 non viene mai centrato con, in particolare, rosso, magenta e blu ben oltre i target di riferimento. Non avendo controlli su cui poter intervenire, ne prendiamo atto e ce li teniamo così.

Per la cronaca, abbiamo misurato anche i preset “Sport”, “Gioco” e “PC” però non apportando alcun miglioramento d’interesse (potevano tranquillamente non essere presenti), direi che possiamo passare direttamente all’HDR.

E devo dire che, tutto sommato, con la modalità “Film”, l’HDR non se la cava affatto male. Sfoggia un ottimo bilanciamento del bianco fino ai toni medi, per poi virare al freddo alle alte luci. Certo, il livello del nero e il picco di luminanza massimo di 300 nit (in qualsiasi condizione, che sia a pieno schermo o un puntino bianco, sempre 300 nit massimi saranno) rendono l’immagine poco dinamica e modulabile, però quanto meno la curva di tone-mapping viene seguita correttamente (e non è poco!).

Anche la resa dei colori è più che buona, con una copertura gamut BT2020 che arriva al 71% e quella DCI-P3 che supera addirittura il dichiarato arrivando al 92%. Anche il Color Checker conferma il buon settaggio di fabbrica dei colori in HDR. Ovviamente il tutto tenendo sempre a mente la fascia di prezzo del prodotto (non sto dicendo che abbia le prestazioni HDR di un top di gamma, neppure lontanamente). Quindi quando volete riprodurre contenuti in HDR10 o HLG, usate la modalità “Film” così com’è!

LA PROVA DI VISIONE E CONCLUSIONI

Il vero valore aggiunto di questa TV (e di tutta la gamma F2, compresi i tagli da 50” e 55” che utilizzano pannelli ed elettronica con caratteristiche del tutto simili) è senza dubbio la Fire TV built-in. Per essere un prodotto “entry-level” l’interfaccia è risultata sempre veloce, reattiva e affidabile. Molto più di altri pari fascia dotati di smart TV Android, ad esempio.


Il cambio canali è abbastanza veloce e l’esperienza d’uso complessiva è appagante e intuitiva. Buono il dettaglio delle immagini con i canali in HD, mentre l’upscaling dei canali “standard definition” appare perfettibile (ma la diagonale di “soli” 43 pollici aiuta a migliorare la percezione generale).

Per la riproduzione degli eventi sportivi è disponibile anche l’elaborazione del moto (di tipo MEMC) che non va oltre i 60Hz. Non è sempre velocissima nel rilevare i panning (specie sulle scritte in movimento) ed emerge anche qualche artefatto di troppo, però la resa è sostanzialmente in linea con quella di tanti altri modelli di primo prezzo.

La qualità della immagini è complessivamente piacevole, nonostante i limiti di contrasto, che vengono in minima parte compensati dall’intervento di local-dimming (software) e, volendo, per la trasmissioni televisive anche dall’opzione di “contrasto dinamico”. Alle bassi luci è sempre abbastanza difficile tirare fuori chissà quale dettaglio, mentre con immagini ad elevato APL (quindi belle luminose) la resa risulta più che discreta. In SDR l’eccesso di saturazione sui colori si nota in particolare sul rosso e il verde.

Con i contenuti in 4K si apprezza invece l’ottimo dettaglio del pannello nativo, mentre in HDR sembra sempre mancare quell’emozione che dovrebbero, invece, regalare immagini ad elevata dinamica. Ma i miracoli non si possono chiedere: con 300 nit di picco massimo e un livello del nero che parte da 0,05 cd/mq i limiti sono costruttivi. Non esiste elettronica che possa metterci una pezza. Quanto meno ho apprezzato l’assenza di clipping alle alte luci e la buona resa dei colori (anche se mancano, ovviamente, anch’essi dell’attesa luminanza).

Fronte multimediale, il mediaplayer integrato ci mette un po’ ad accedere a tutti i contenuti presenti nell’hard-disk appena collegato (probabilmente perché deve generare anche tutte le anteprime), ma risulta poi veloce nelle navigazione. Non abbiamo avuto problemi a riprodurre qualsiasi tipo di contenuto e con diversi codec e container (H.264, HEVC, MKV) e anche i vari codec audio (Dolby, DTS) vengono riprodotti senza esitazioni. Con alcuni file in 4K HDR ad elevato bitrate abbiamo notato qualche incertezza all’avvio, per poi riprendere la visione in maniera fluida.

Il mediaplayer non consente di selezionare eventuali multi-tracce audio presenti nel file (ad esempio italiano + inglese all’interno di un MKV), ma se vi servisse farlo, la problematica è facilmente ovviabile affidandosi a un player di terze parti scaricabile dall’App Store (come Nova Player, ad esempio, che vi consiglio). Per quanto riguarda, infine, la gestione delle cadenze, l’elettronica riproduce sempre tutti i contenuti a 60Hz, con il pull-down che viene comunque gestito abbastanza bene.


La serie F2 di Xiaomi è senza dubbio una piacevole novità per tutti coloro che sono alla ricerca di una TV “economica”, 4K, HDR, con una buona dotazione e soprattutto completa di un’interfaccia Smart TV veloce, intuitiva e ricca di App e funzionalità come si è dimostrata in questi anni la Fire TV di Amazon.

Il pannello in sé ha indubbiamente i suoi limiti, però è anche vero che nella sua fascia di prezzo le prestazioni son queste un po’ per tutti. L’importante è esserne consapevoli e magari questo modello da 43 pollici può tornare utile anche come grande monitor PC 4K in “smart working”, visto che le porte HDMI non mancano.

Fire TV integrataBuona dotazioneSupporto AirPlay e codec AV1Rapporto Qualità / Prezzo
Dolby Atmos assente su Amazon VideoNiente Dolby VisionRapporto di contrasto
Il meglio di OnePlus? OnePlus 9 Pro, in offerta oggi da Tecnosell a 620 euro oppure da eBay a 699 euro.

92

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
LoseYourself

Questo o AU9000 della Samsung? Il secondo ho visto che ha VRR. Posto che mi serve per la stanza un 43 pollici e penso in futuro da affiancarla ad una console.

LuFranco78

Ho la 32 pollici in versione Google. Sinceramente è una Tv eccellente per il suo campo di utilizzo.
Certo non è una TV da mettere come principale in salotto, ma in cucina, nelle camere o in qualsiasi altro luogo, per 300€, ma ora molto meno, avrete una TV eccellente. Tutto integrato in un solo telecomando senza chiavette, alimentatori, cavi ecc.. sintonizzatore TV molto potente e facilità d'uso estrema.
Ovviamente si vede bene e si sente decentemente per il tipo di utilizzo.
Se gli dovessi trovare un difetto è un pò di lentezza di operazioni, ma spero in nuove versioni con processore aggiornato.
Ho 2 altre tv con fire stick 4k, ma sinceramente dove non mi serve chissà quale qualità d'immagine preferisco la praticità e l'economicità di una tv simile

Anathema1976

Considendo la qualità del TV tanti non sono, è tra i pochi modelli da 43"ad avere un pannello 100hz, la calibrazione di fabbrica poi è davvero ottima, ci ho messo un attimo ad ottenere un immagine equilibrata, e l'upscaling poi è formidabile, ma come si dice. "che te lo dico a fare", hai già un Sony in casa...

Shane Falco

non comprerei mai tv lcd lg perchè hanno pannello ips a basso contrasto e cioè ampiamente inferiore a questa tv xiaomi che usa pannello va.

Gian Luca Di Felice

No, non c'è nulla... non è come sulle Firestick ;)

Massimo Olivieri

ma nel menu dei setting c'è?

Gian Luca Di Felice

Dalle prove fatte, no

Gian Luca Di Felice

HLG, non HDR10 ;)

Massimo Olivieri

adattamento dei fotogrammi c'è?

Massimo Olivieri

casomai è il contrario , fire os edition dove c'è vende sempre di più

Massimo Olivieri

Ga lea zzi e TV ... lascia perdere

Massimo Olivieri

DV profilo 8.4 del iphone lo vedi anche in HDR10

mytom

Peccato non facciano anche la 65", altrimenti un pensierino...

Daccio985

Si si ne sono convinto, ho già il Sony A8 in soggiorno ed è una meraviglia
Mi stuzzicava sto realme anche se in realtà non ho trovato molti feedback quindi sarebbe stato un acquisto un po' alla cieca, comunque il Sony da 43 sono convinto sia un altro pianeta anche se mi girano un po' a spendere 550 sacchi per un TV da piazzare in cucina...

Anathema1976

Punta al Sony, è un altro pianeta
L ha preso un amico ed una favola di TV

Migliorate Apple music

FireOS mica lo prendi per PrimeVideo...

Daccio985

Posto che un TV smart Xiaomi non lo prenderei, un TV realme potrebbe essere una buona soluzione nella fascia economica? vedo che il 50" è venduto a 449 sul sito ufficiale, cercavo qualcosa da mettere in cucina non ho particolari esigenze se non quella di avere un pannello quantomeno discreto...
Puntavo anche il Sony x89j da 43 che attualmente vedo fermo a 549

depierrimichele

Anche oggi ho aggiornato la lista delle cose da non comprare.

Alessandro Barbesco

grazie

Sir Newton Compton

onestamente per i contenuti che ci sono su prime video, una fire stick da 40 euro è già troppo.

TheBoss

il VRR non è solo su TV di fascia media ed alta ?

Massimo Strangio

I supporti centrali si possono comprare a parte, anche universali e ruotabili (si montano sul supporto vesa).

Paolone

Si, e poi denota che probabilmente è tutta plasticaccia

Antonio63333

Altra spazzatura elettronica.

Squak9000

“ complessivamente piacevole”

ste frasi non mi piacciono… di solito sono porcherie

Un nanocell pure vecchio ed hai un grande sistema operativo.

mandraghen

scaffale

Migliorate Apple music

Secondo me è un vantaggio invece. Android TV ha alla base il problema della mancanza cronica di alcune app come per Now tv, non roba da poco e dietro c'è Google che non ha ancora la minima idea di cosa voglia fare da grande con il suo sistema smart per le tv

Migliorate Apple music

Dipende da che versione di DV si sta parlando, per esempio quella degli iphone parte come base da un file in HLG, che a sua volta può essere riprodotto anche su dispositivi in SDR

Tiwi

non ha molto senso visto che le chiavette costano pochissimo e si possono mettere su qualunque tv, anche più valido, a parità di prezzo

pollopopo
Gian Luca Di Felice

Puoi avere tutte le sonde che vuoi, ma se i controlli non rispondono (ed è quanto succede quasi sempre sui TV economici) te lo tieni comunque così com'è! (era questo che intendevo dire con la prima risposta " magari apparentemente ci sono, ma se risultano inutilizzabili")

Gian Luca Di Felice

Il casting lo fai tranquillamente anche con Fire TV e sì Stadia non c'è... però onestamente per tutto il resto, in questa fascia di prezzo, è meglio FireOS (e non è solo questione di velocità)

Gian Luca Di Felice

Dovrebbero essere tutti uguali in questo caso... e comunque ha provato anche lui il 43 pollici (probabilmente lo stesso che hanno dato prima a noi) :p

ermo87

Porcheria, prenderei mille volte un TCL o un Philips che hanno AndroidTv

The_Th

Usare una TV come monitor non lo vedo comodissimo, sempre meglio usare un monitor da PC, visto che usare un 43 pollici stando vicini non è il massimo.
Comunque non sono male, per quello che costano, magari come seconda TV tipo in una camera o seconda casa, non la terrei come prima TV, anche perchè se dovessi prendere una nuova TV andrei sicuramente sopra i 60 pollici.

Shane Falco

tcl la chiama miniled ma in realtà avendo 128 zone di retroilluminazione è un normale fald, i miniled hanno minimo 526 zone di retroilluminazione vedi top gamma samsung qn90a, cmq il rapporto qualità prezzo di questa tcl è discreto direi. Trovi una breve recensione qui https://www . whathifi . com/reviews/tcl-55c825

G.Rossi

Come non fidarsi di un così noto esperto del settore che tutti ci invidiano. Hdtvtest, avamgazine, avforums scansatevi proprio! Poi magari ci spiega con tutta calma da quando gli ips arrivano a quei livelli ma non credo succederà.

Shane Falco

magari il pannello cambia da ips a va a seconda dei pollici come tante volte fanno sony e samsung nei loro tv...

daniele

Mmm rinunciare alla chormecast integrata e a stadia integrato per cosa? 1 secondo in meno?

Gian Luca Di Felice

OK! Allora vengono riprodotti in HDR10 ;)

ondaflex

Si scusa, intendo chessò Obi Wan Kenobi su Disney+ o qualcosa di analogo su Netflix o Prime video in dolby vision.

matteventu

Sì avevo già visto il sito AVforum, mentre la recensione di D DAY non so come mi era sfuggita.
Grazie!

pollopopo
pollopopo

Peccato, in verità, come per alcune android tv, è possibile; sorgono problemi con disney plus e tutti quei servizzi che non hanno un 4k hdr (vanno in fullhd solitamente) ma ne giovano infinitamente servizi (come netflix e prime video) che invece hanno anche il 4k sdr ma che non permettono di disattivarlo.

l'hdr serve solo in dispositivi di riproduzione eccellenti, il più delle tv combina un disastro.

Jacopo93
NULL

Scherzavo, era una battuta. Detto ciò, puoi leggere la recensione di DDAY (https://www.dday.it/redazione/40252/test-tcl-c825-review-prova) e il forum di AV (https://www.avforums.com/threads/news-tcl-reveals-c82-mini-led-and-c72-qled-tvs-for-europe-in-2021.2356187/). Niente di speciale, ma, a quel prezzo e se non sei interessato al gaming, può andare.

momentarybliss

A parte l'ìinterfaccia che può piacere o meno, su Google manca Now TV, per me grossa pecca

matteventu

Perché qui magari qualcuno aveva testato/provato il corrispettivo europeo (C825K), mentre della variante UK (C826K) si trova poco e niente (e pure di quella europea in realtà si trova abbastanza poco) :)

matteventu

Perché qui magari qualcuno aveva testato/provato il corrispettivo europeo (C825K), mentre della variante UK (C826K) si trova poco e niente (e pure di quella europea in realtà si trova abbastanza poco) ;)

Gamma TV LG 2022: tutte le novità su OLED evo, QNED, Smart TV e processori

Samsung annuncia ufficialmente i TV QD-OLED S95B: si parte da 2.200 dollari

Samsung annuncia la gamma TV Neo QLED 2022: tutte le caratteristiche e i prezzi

Sony LinkBuds: le cuffie true wireless che controlli a gesti | Recensione