Samsung al lavoro per migliorare l'efficienza dei QD-OLED e diminuire i costi

29 Maggio 2022 63

Samsung Display è già al lavoro per migliorare la tecnologia QD-OLED. A darne notizia, riportata dalla testata coreana The Elec, è stato Kwon Jang-hyuk, professore presso la Kyung Hee University. Nel corso di una presentazione svoltasi nella cornice del SID 2022 Review Symposium, il professor Kwon ha illustrato le novità su cui si stanno concentrando le attività di ricerca e sviluppo del colosso coreano.

L'aspetto su cui si vuole intervenire sono gli emettitori organici blu, gli elementi posti alla base dei QD-OLED poiché fungono sia da sorgente diretta per la luce blu sia da innesco per la conversione del colore ad opera dei Quantum Dot rossi e verdi (qui spieghiamo in dettagli come funzionano i QD-OLED e le differenze con gli altri OLED).

Attualmente i TV QD-OLED usano emettitori organici fluorescenti blu disposti su un triplo strato. Questa struttura è necessaria poiché i materiali fluorescenti sono molto meno efficienti di quelli fosforescenti che su altre tipologie di schermi OLED vengono usati per il verde e il rosso. L'efficienza luminosa nel passaggio di luce all'interno dei pannelli è solo il 25% per gli emettitori fluorescenti blu, contro il 100% delle componenti organiche fosforescenti, che garantiscono anche una maggiore durata nel tempo.

La struttura di un pannello QD-OLED con i tre substrati di emettitori organici blu

Per questo motivo Samsung Display sta lavorando per sostituire i materiali fluorescenti con quelli fosforescenti. La maggiore efficienza permetterebbe di diminuire il numero di substrati contenenti gli emettitori blu: Kwon sostiene che si dovrebbe passare da tre a uno soltanto. Questa modifica semplificherebbe la produzione dei pannelli riducendone il costo e avrebbe ovviamente anche ripercussioni positive sull'efficienza complessiva.

La ricerca è stata avviata già da tempo (si parla di oltre un anno) e puntava ad ottenere risultati visibili entro l'anno. È quindi probabile che, in caso vi siano sviluppi positivi, questi possano arrivare già con le prossime generazioni di pannelli QD-OLED per TV e monitor.


63

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ergi Cela

Comunque tutte ste migliorie alla fine non le ho notato più di tanto,mi è sembrato che fosse cambiato pochissimo

Rettore Università di Disqus

Il fatto che tu non lo abbia non vuol dire che non sia possibile.
Ci sono vari test che hanno mostrato che il burn in è ancora possibile.

Ergi Cela

No no guardò anche molta roba in streaming su netflix o facendo screen mirroring dallo smartphone,però quando ho cambiato da fullHD da 42 pollici con un 4K da 55 pollici non ho notato tutta questa differenza

Antonio63333

Assolutamente no, visto che oltre al blu gli altri due primari sono generati sempre dallo strato blu, quindi se i subpixel rossi (che ripeto sono sempre frutto dell'Oled blu) lavorano piu dei verdi o dei blu, avrai lo stesso problema. A livello di ritenzione, burn in ecc non cambia assolutamente nulla anzi avendo 3 subpixel per ogni colore invece che 4, ogni subpixel dei pannelli samsung lavora di piu rispetto a quelli LG.

Antonio63333

Beh 4K, HDR, Dolby Vision, HDR10+, Dolby Atmos, DVB-T2 HEVC, di cose ne sono cambiate, se poi usi la tv per vedere solo i canali digitali in SD allora ok, non è cambiato nulla.

Antonio63333

Mi sa che hai parecchia confusione su come funziona un pannello Oled sia WRGB che RGB, in quanto non esiste alcun diodo in questi pannelli ma strati di materiale Oled di diversi colori sovrapposti per ottenere il bianco nel caso dei WRGB ed invece 3 strati solo blu in quelli samsung.

21cole

no, non è la stessa cosa, almeno a livello di colore. Negli oled wrgb il diodo blu è il primo a deteriorarsi, dunque la sorgente luminosa cambia colore, ma solo quando il blu è presente, perché gli altri due continuano a emettere la stessa luce. Si può ipotizzare invece (è un po' grossolana come approssimazione, non ho dati al riguardo, però per un segnale casuale è matematicamente vero) che mediamente la luminosità sul pannello sia sempre la stessa per ogni pixel, nell'arco di utilizzo. Essendo il solo blu la sorgente luminosa, è lecito aspettarsi una riduzione generale della luminosità, ma non color shift

Antonio63333

È la stessa identica cosa visto che i colori primari verde e rosso vengono ottenuti sempre da un unico colore generato dallo strato Oled in questo caso blu.

Antonio63333

Si ma un LCD di 15 anni fa ha la retroilluminazione a neon non a led, non ha alcun local dimming, ne è compatibile coi segnali 4K ne HDR, inoltre non è nemmeno compatibile col DVB-T2.
Gli Lcd di oggi sono molto diversi di quelli di 15 anni fa, un po' come le auto, da quando hanno costruito la prima, hanno tutte un motore e 4 ruote.

jena blindata

per adesso direi che è prematuro,quindi se ne parlerà se va bene dal 2024-25 in su...
e comunque a che prezzo?
si è ben visto che prezzi fa la samsung sia sui cellulari che sui tv alti di gamma,

e io più di 2000 euro per un tv a grande schermo NON sono disposto a spendere,non importa che tecnologia c'è dietro:

quindi per avere un ipotetico QNED samsung oltre gli ottanta pollici
a prezzo ragionevole capace che passano quattro o cinque anni,
mentre probabilmente già per l'anno prossimo gli LG QNED
4K scenderanno parecchio,visto che stanno andando tutti sugli 8K.

certo,mi riservo di vederne uno dal vivo...
ma dovrà essere un salto ALMENO equivalmente al passaggio dall'LCD

all'OLED per convincermi a spendere magari quattromila o seimila euro in più a parità di dimensione,
rispetto al QNED lg.
e da quello che ho letto negli articoli che ne parlano,dubito molto che il miglioramento sia tale....

massimo mondelli

Praticamente indenni o indenni?

Kamehame

La tecnologia è sempre quella, la scelta di cambiare dispositivo dev'essere del consumatore non imposto dal produttore

aleardo

Gli LCD di alta gamma di oggi sono di un'altra categoria rispetto a quelli di 15 anni fa. E' evidente sia dalle misurazioni che dalla semplice visione.

aleardo

Solo negli IPS, i VA sono praticamente indenni.

aleardo

Semmai, almeno in linea teorica, dovrebbe averlo prima, visto che gli Oled blu sono quelli più delicati e con minore longevità. E' questo il motivo per cui ce ne sono tre strati, in modo da diminuire il carico su ogni singolo pixel. La spiegazione sta nella fisica quantistica, per cui la quantità di energia del fotone è direttamente proporzionale alla sua frequenza elettromagnetica, che è maggiore proprio nel caso del blu.

Facorzep

Vanno usati con un minimo di intelligenza. L’utente medio imposta la luminosità al massimo, tutto il giorno accesso sullo stesso canale e dopo averlo spento stacca subito la spina impedendo di effettuare il ciclo di pulizia automatico.

massimo mondelli

Mai successo finora e sono cinque anni

Nicola Buriani

Gli LG si chiamano QNED ma non sono gli stessi QNED che sta sviluppando Samsung.
I QNED LG sono LCD che combinano le tecnologie NanoCell e Quantum Dot.
I QNED su cui lavora Samsung non sono LCD: usano delle specie di bastoncini blu, i nanorod, come sorgente luminosa per il blu e per innescare i Quantum Dot rossi e verdi.
Trovi più dettagli qui:
https://www.hdblog.it/tv/articoli/n527167/lg-marchio-qned-tv-euipo/
https://www.hdblog.it/tv/articoli/n535316/lg-tv-oled-evo-qned-miniled-webos-6-0/#qned

jena blindata

veramente io ne ho visto uno da 65 8k pollici dalla LG,giusto ieri.
si vede molto,molto bene....
meglio del qled della samsung,sicuramente.
non è ancora a livello dei migliori oled,
ma è vicinissimo...
così vicino che osservandolo da meno di trenta centimetri quasi non si notano differenze e allontanandosi guadagna parecchio rispetto

a qualsiasi OLED:
se non altro perchè essendo un lcd retroilluminato soffre moltissimo meno del problema dei riflessi,quindi ti permette di guardarti qualcosa anche fuori dagli ambienti oscurati,

ed essendo una evoluzione dei lcd non dovrebbe dare alcun problema di burn in e di durata dei colori:
poi bisogna vedere se implementano una elettronica di controllo

decente, (che duri qualche anno,intendo)
ovvio....
comunque quando riuscirò a trovare il modello da 85"
a prezzi ragionevoli (sotto i duemila euro)
lo comprerò sicuramente.

LaVeraVerità

A leggere questo thread sembra che più che altro ci sia interesse verso i QNERD.

LaVeraVerità

Non è obsolescenza programmata, è semplicemente tecnologia immatura.

LaVeraVerità

Da quanto esposto non solo si verifica ma si verifica prima.

Ergi Cela

Beh ho avuto un tv Philips fullHD del 2009 e l’ho tenuto per 10 anni e non mi sembra che la tecnologia sia cambiata in modo così radicale a parte la risoluzione più elevata e la parte smart,poi nulla di stravolgente,sarebbe stato interessante se avessero implementato il 3D sulle nuove tv,ma non c’è mai nulla di rivoluzionario

Ergi Cela

Mai cambiato elettrodomestici dopo così poco tempo,al massimo dopo 10 anni,per gli smartphone è diverso perché poi dopo 5 anni non ricevono più aggiornamenti e possono dare dei problemi

Akio Morita

Ma che stai dicendo?

andrea55

A quant'è impostato di luminosità?
Il mio è sempre freddo al massimo tiepidino.
Gli Lcd scaldano molto perchè serve più potenza ai led per avere una buona luminosità attraverso gli strati (specialmente i non quantum dot) e dissipano anche peggio, ho visto un televisore samsung che ha fuso gli strati interni con la retroilluminazione

Kamehame
Kamehame

Non mi sembra che la tecnologia sia totalmente cambiata dato che 15 anni fa già c'erano gli LCD e fino a 2 giorni fa Samsung era ancora con quella lì

darthrevanri

Si 40 anni

Chicco Bentivoglio

Negli LCD è veramente limitato sugli OLED devi fare cicli di pulizia

Chicco Bentivoglio

Joules ma è veramente empirico con il tatto

21cole

perché al posto di avere una sorgente bianca(rgb) ne usi sempre una blu, quindi non hai ritenzione per colore ma solamente, eventualmente, per luminosità. Almeno in linea teorica

21cole

il burn in si manifesta anche in base al colore che viene riprodotto con gli oled normali, nel senso che se riproduci schermate di un unico colore, puoi notare disuniformità che non vedi con altri colori (non so se sia comprensibile come discorso, se vai su rtings ci sono foto d'esempio)

Antonio63333

Dovresti fare qualche corso di aggiornamento, in quanto da quel che scrivi non hai compreso come funziona un pannello Oled LG ed uno Samsung. In estrema sintesi entrambi hanno uno strato Oled attivo, la differenza è che negli LG è bianco ed in quello samsung blu. Quindi paradossalmente è piu resistente quello LG visto che il bianco viene ottenuto da piu strati Oled di diverso colore, mentre nei samsung ci sono solo strati blu che è il materiale Oled che si deteriora prima.

Antonio63333

E perchè scura, ma hai letto come funziona?

Antonio63333

In 15 anni cambia totalmente la tecnologia, e cmq non è che se non si rompe il pannello in in tv non si puo rompere altro. Prova a trovare una scheda di ricambio di un tv che ha piu di 5 anni.

Antonio63333

... che è proprio il materiale che si consuma prima...

Rino Medici

I pannelli che sino ad oggi conosciuti hanno più strati come se fosse un sandwich. Il qd oled ad oggi è l unico che usa più strati blu

Akio Morita

Uniformità dei colori?

Akio Morita

Quindi il burn-in è dovuto ai pannelli con strati di differenti colori e non si verifica quando lo strato ha un unico colore?

Nicola Buriani

Non ci sono date al momento e in generale non sono mai affidabili su tecnologie così nuove.

Kamehame

8/9 anni una TV da 1500/2000€ ?Dovrebbe durare 15. Ho una TV 32" del 2012 Samsung pagata 2/300€ ed è ancora perfetta dopo 10 anni.
Questa cosa di farsi andare bene l'obsolescenza programmata o qualsiasi altro genere di politica simile è deleteria e folle.

Ergi Cela

Per quello mi sembra che si parli di 2025/2026

Rino Medici

Lavoro anche io nella grande distribuzione ed il problema del burn-in è tutto oggi presente. Chi ha comprato la TV due anni fa torna in negozio lamentandosi. Avendo il qd-oled solo lo strato blu. Tenderà ad averlo più tardi nel tempo.

giovanni cordioli

No ma il calore prodotto fornisce una buona approssimazione .
Calore= energia consumata

Nicola Buriani

Nel 2023 arriverà un affinamento degli attuali QD-OLED, i QNED sono decisamente più in là a venire.

Ergi Cela

Si quella sarà l’evoluzione definitiva,ma prima dei QNED lo step successivo saranno questi qd-oled che usciranno nel 2023

massimo mondelli

La ritenzione è un problema temporaneo per nulla importante e per altro presente anche negli lcd

massimo mondelli

Il problema burn-in esisteva più che altro nei proclami Samsung contro la tecnologia concorrente. Ora che lei stessa la ha adottata non ne sentirai più parlare. Gli ultimi casi noti risalgono ad anni fa ed esclusivamente sulle serie più economiche della lg.

Nicola Buriani

I QNED non sono QD-OLED, manca proprio la parte organica.

Recensione TV Panasonic OLED LZ1500: il migliore anche senza soundbar

LG OLED Flex il primo 42" (OLED) pieghevole al mondo | Video Anteprima

Recensione TV Samsung OLED S95B: benvenuta concorrenza!

TCL TV QLED C735 da 98”: anteprima (con misure) del Cinema in casa… e non solo!