8K Association: specifiche aggiornate per i TV e Prime Video tra i nuovi membri

23 Dicembre 2021 8

La 8K Association (8KA), nata nel 2019 per promuovere l'ecosistema con risoluzione 8K, ha aggiornato le specifiche per il programma di certificazione 8K Association Certified. Il consorzio, che lo scorso luglio aveva annunciato di aver certificato oltre 70 prodotti (il numero intanto è salito a oltre 80), ha aggiunto ulteriori requisisti riguardanti la decodifica dei segnali, le metriche inerenti la qualità dell'immagine e la modalità da gioco. I nuovi requisiti vanno a sommarsi a quelli già fissati in precedenza:

  • Risoluzione: 7680 x 4320 pixel
  • Frame rate in ingresso: 24, 30 e 60 fotogrammi al secondo
  • Luminanza dello schermo: più di 600 cd/m2 - nits
  • Codec: HEVC
  • Interfaccia: HDMI 2.1

Per quanto riguarda la decodifica dei segnali video, si parla genericamente del supporto ad un più ampio insieme di formati che espanderanno la disponibilità di contenuti 8K in streaming. Anche se 8KA non fornisce ulteriori dettagli all'interno del comunicato, sappiamo che si sta lavorando soprattutto su AV1 e VVC, già oggetti di sperimentazione per quanto riguarda sia l'efficienza sia la capacità di adattarsi anche alle trasmissioni in diretta.

Il successo riscosso dai sistemi da gioco ha convinto 8KA ad includere tra i requisiti l'Auto Low Latency Mode e il Variable Refresh Rate, due funzioni introdotte con HDMI 2.1 di cui parliamo in dettaglio nella nostra guida. La decisione è basata sulla convinzione che i videogiochi saranno largamente utilizzati sui TV 8K ed il consorzio vuole assicurarsi che l'esperienza garantita sia la migliore possibile.


8K Association sta inoltre promuovendo l'adozione dell'Ambient Contrast Ratio (ACR), un sistema di misura nato per assicurare la migliore qualità dell'immagine in differenti condizioni di luminosità ambientale. È un fatto noto che in stanza non molto illuminate i televisori moderni non abbiano generalmente particolari difficoltà a saturare adeguatamente i colori e ad offrire un buon rapporto di contrasto (ovviamente chi più e chi meno, a seconda della tecnologia usata).

Quando la luce presente nella stanza aumenta, gli schermi devono compensare incrementando la luminanza e operando sull'abbattimento dei riflessi. Il test ACR predisposto da 8KA misura la riflettività dei TV con un modello che prende in considerazione condizioni di illuminazione sia intensa sia scarsa, fissando il livello di prestazioni che i prodotti devono superare in entrambi i casi. L'ACR è ritenuto un fattore importante per i televisori, indipendentemente dalla risoluzione (non solo per gli 8K quindi).

8KA ha infine annunciato l'arrivo di nuovi membri nella seconda metà del 2021: sono Prime Video, 4by4, una compagnia che crea contenuti, UL, fornitore di servizi per testare una vasta gamma di servizi, ed infine il produttore di TV Changhong.


8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
realist

Be quello e ovvio e scontato.

opt3ron

L'hdr delle TV è diverso da quello introdotto sui PC , non è una rielaborazione a 64 o 128bit dell' immagine ma è un fake HDR che sfrutta il fatto che le TV hanno raggiunto una densità di pixel tale da superare le capacità del occhio umano , andare oltre il 4k non ha senso se non su TV gigantesche.

realist

Non e inutile. Sono inutili le risoluzioni non equilibrate al bitrate

Davnet75

Si certo, intendo quel che presentano il bollino antricontraffazione rilasciato da un ATC e che hanno superato tutti i test dimostrando di possedere tutti requisiti:
banda passante di 48 Gbps, supporto a risoluzioni come Ultra HD a 120 Hz o 8K a 60 Hz, HDR in tutti i formati, Variable Refresh Rate, eARC eccetera.
Il bollino inoltre è provvisto di un codice che è possibile scansionare ed è numerato per evitare i falsi.
Attualmente non ho tutta la catena 2.1, e lo stesso LG ha una banda che si ferma a 40Gbps, ma essendo un lavoraccio far passare tutti i cavi in maniera pulita ho preferito sostituirli tutti insieme e di andare su un prodotto "garantito" per non doverci più pensare per parecchi anni.
Purtroppo ormai gli standard vengono cambiati troppo rapidamente, sempre che di standard si possa parlare, perché purtroppo spesso ce ne è più di uno... ed i televisori stanno riuscendo a farli diventare dei prodotti ad obsolescenza programmata, che spingono a far cambiare piuttosto recentemente, ma a volte con acquisti abbastanza ragionati e consapevoli ed aspettando il momento giusto, si riesce a farlo "durare" con più soddisfazione e senza evidenti rinunce e limiti per più tempo.
Gli Oled 4k, specie se affiancati acneh da una valida e recente elettronica, hanno ora raggiunto una maturità tale e delle prestazioni così valide che i miglioramenti iniziano a diventare estremamente marginali e difficilmente visibili nel normale impiego, e spesso solo misurabili con gli strumenti idonei.
Per vedere un netto salto in avanti credo che bisognerà attendere i futuri micro led, che avranno il vantaggio degli Oled senza essere organici. Ma per vederli maturi, a prezzi umani e su pannelli di grandi dimensioni (oltre i 70/75 pollici intendo) dovranno passare almeno 5 anni.

Massimo Olivieri

non esistono "cavi hdmi 2.1 certificati ", solo cavi certificati ULTRA high speed.

Davnet75

Questa estate, anche grazie ad una serie congiunta di offerte, ho preso un nuovo Oled 4k da 77" con tutte le hdmi 2.1(LG C1). Essendo l'installazione piuttosto impegnativa, compresa quella dei cavi che passano nel muro ho colto l'occasione per sostituirli tutti con cavi hdmi 2.1 certificati e dei cavi di rete più veloci ed isolati.
Fortunatamente il pannello non presenta difetti di sorta (tra l'altro è installato quello del G1, ma non intendo fare alcuna modifica al firmware) e sono veramente contento e soddisfatto e ritengo di aver raggiunto una certa pace dei sensi per un bel pó di anni, grazie ad un sistema relativamente future proof.
Ora venendo all'articolo e dal senso del mio post, ritengo che attualmente il passaggio all'8K sia assolutamente prematuro, considerata la mancanza di materiali (viene ancora compresso eccessivamente il 4k...), di immaturità dei processori video nel gestire al meglio un upscaling fino a 8k, nel costo spropositato di questi tv, anche perché per avere senso dovrebbero essere dai 75" per poter beneficiare dell'aumento della risoluzione (un 65" temo sia già troppo piccolo).
Personalmente valuterò il passaggio, fra molti anni, ad un 8k da 88" micro led, quando questa tecnologia sarà matura e con un prezzi entro i 2.500 euro, quindi acqua sotto i ponti ne dovrà ancora passare.

opt3ron

L'8K penso sia la cosa più inutile da quando l'omo Invento er cavallo.

TV Samsung QD-OLED: come funzionano e 25% di luminosità in più degli Oled WRGB

Recensione Cuffie Corsair Virtuoso RGB Wireless XT: versatilità al top

Recensione Sony Alpha 7 IV: l'evoluzione della specie | Video

Apple AirPods 3 ufficiali con Spatial Audio a 199 euro | Disponibili su Amazon