TCL lancia i Google TV Mini LED 8K X925 e X925 Pro con tecnologia OD Zero

08 Settembre 2021 15

TCL ha presentato la nuova gamma di TV Mini LED con un evento online dedicato. Si parla della Serie X, quella che già da alcuni anni si posiziona sulla fascia più elevata andando così a costituire l'ammiraglia per il colosso cinese. I modelli in arrivo sono tre e sono di fatto quelli che avevamo intravisto a giugno grazie ai dettagli comunicati per il mercato australiano, anche se sussistono comunque alcune piccole differenze che però non modificano il quadro in modo sostanziale.

X925 Pro è racchiude la summa di tutte le migliori tecnologie messe in campo da TCL, tra cui spicca la OD Zero annunciata in occasione del CES 2021. Su un gradino leggermente più basso troviamo invece X925 che comprende due tagli e che rinuncia alla suddetta OD Zero mantenendo comunque gran parte della dotazione presente nella versione "Pro". Ovviamente non mancano la Smart TV con tutte le funzioni compresa la possibilità di fungere da centro di controllo per la "smart home" e anche qualche novità riguardante l'interazione tra televisori e utenti, non basata unicamente sul tradizionale telecomando o sull'uso della voce in sinergia con gli assistenti vocali.

Prima di procedere con le caratteristiche dei prodotti si è fatto il punto sulla posizione di TCL sul mercato e sul ruolo giocato da China Star Optoelectronics Technology, la controllata che realizza i pannelli utilizzati poi in tutti i TV. É anche grazie all'integrazione verticale che si facilita lo sviluppo dei prodotti e di tecnologie come Mini LED, Vidrian e OD Zero.

LA POSIZIONE DI TCL NEL MERCATO TV E IL RUOLO DI CSOT

Sono circa 300 milioni i consumatori che hanno scelto TCL nel mondo. Questo risultato è stato raggiunto grazie ad un andamento positivo che nel 2020 si è tradotto in vendite per 23,93 milioni di unità (fonte: OMDIA, GfK, NPD e TCL). In Nord America le vendite sono aumentate del 25,4% mentre in Europa l'incremento è stato del 66% anno su anno. Non stupisce dunque che le quote di mercato siano cresciute: TCL si è piazzata tra i primi 5 produttori al mondo per vendite in volume in 19 Paesi.


Gli ottimi risultati ottenuti hanno permesso di migliorare gli investimenti nella ricerca e sviluppo (R&D): nel 2020 le spese effettuate si sono accresciute del 117% rispetto all'anno precedente, portando a nuove soluzioni per i prodotti e ad aggiornamenti software e nei servizi. TCL afferma di aver raggiunto il secondo posto nel mercato TV globale nel corso del 2020.

Come avevamo riportato in apertura dell'articolo, TCL si è soffermata anche sul fondamentale contributo dato da China Star Optoelectronics Technology (CSOT) in qualità di fornitrice dei pannelli. Attualmente CSOT dispone di 7 linee di produzione, 3 delle quali sono 8.5 Gen, capaci di sfornare substrati da 2.200 x 2.500 millimetri dai quali vengono poi ricavati i singoli schermi. CSOT può inoltre contare su 2 linee 11 Gen (per substrati da 3.370 x 2.940 millimetri). In virtù di tali capacità, TCL si è posizionata seconda per quote di mercato anche nel mercato dei produttori di pannelli (fonte: 2020 Annual Report di TCL Technology).

LE COLLABORAZIONI COL MONDO DEI VIDEOGIOCHI

Per migliorare ulteriormente la percezione del proprio marchio e per espanderne la visibilità, TCL ha da tempo stretto varie collaborazioni e siglato sponsorizzazioni nel mondo dello sport. Si parla di Copa America, di cui TCL è stata partner ufficiale per due volte, FIBA e di vari ambasciatori come la star dell'NBA Giannis Antetokounmpo e i calciatori Paul Pogba, Harry Kane, Saul Niguez, Krzysztof Pyatek, Marco Reus e Gianluigi Donnarumma.

Nel 2021 si è deciso di ampliare le collaborazioni includendo il mondo dei videogiochi e degli e-sport: è arrivata così la sponsorizzazione del GT World Challenge eSports. L'ultimo accordo siglato è con Activision: TCL è diventata Official TV Partner per Call of Duty: Vanguard. L'intesa permetterà di utilizzare canali di comunicazione privilegiati per mostrare come le tecnologie presenti sui televisori TCL permettano di migliorare l'esperienza di gioco; si parla di refresh rate fino a 120 Hz, Auto Low Latency Mode, Variable Refresh Rate ed eARC.

Will Gahagan, Director of Global Partnerships and Integrated Marketing, Activision Publishing, ha dichiarato:

Call of Duty: Vanguard è pronto ad offrire una straordinaria esperienza per l'intera comunità dei giocatori. Siamo entusiasti di continuare a lavorare con TCL e siamo impazienti di far provare il titolo ai giocatori di tutto il mondo in tutto il suo splendore su un TV TCL, quando uscirà a novembre.

Shaoyong Zhang, CEO di TCL Electronics, ha aggiunto:

Siamo lieti di ampliare il nostro rapporto con Activision. Siamo entusiasti di poter fornire ai fan la migliore esperienza di gioco e con i nostri Mini LED e QLED TV 2021 lo stiamo facendo.

TV MINI LED X925 PRO: ARRIVA LA TECNOLOGIA OD ZERO

Il QLED X925 Pro si posiziona al vertice dell'offerta TCL. L'unico taglio previsto è un 85" caratterizzato da un design che non può passare inosservato. Lo schermo è contornato da una cornice estremamente sottile. La scocca è in alluminio spazzolato ed è abbinata ad un supporto da pavimento che ospita anche la generosa sezione audio realizzata in collaborazione con Onkyo. La cura nei dettagli si può riscontrare da particolari come le coperture in pelle presenti sugli speaker.

Il profilo del TV è molto sottile grazie all'utilizzo della tecnologia OD Zero, abbreviazione di Optical Distance Zero, qui al debutto. Di cosa si tratta? Come abbiamo spiegato anche nella nostra guida sulla tecnologia Mini LED (anche in video), la distanza ottica azzerata è riferita a quella che intercorre tra il modulo che ospita la retroilluminazione con Mini LED e lo strato che diffonde la luce proveniente da essi su tutto lo schermo. Ridurre tale distanza a zero millimetri permette, per l'appunto, di costruire televisori più sottili e potenzialmente dotati di un maggior numero di Mini LED.


OD Zero offre inoltre un vantaggio in termini di uniformità: convogliare la luce in un punto preciso è tanto più semplice quanto più è breve la distanza tra i diodi e il diffusore. Verificarlo è molto semplice anche con una semplice torcia: se si illumina un punto distante è più difficile concentrare il fascio solo dove serve.

Quanto appena descritto si traduce nella possibilità di diminuire efficacemente l'effetto "blooming", cioè quegli aloni che si generano intorno a fonti di luce immerse nel nero; l'azzeramento della distanza ottica riduce la possibilità che la luce proveniente da Mini LED accesi finisca per inquinare il nero di una zona contigua in cui i Mini LED sono spenti. OD Zero riesce infine ad assicurare anche una maggiore efficienza luminosa.


Il pannello da 85" di X925 Pro è un LCD di tipo VA a 10-bit con Quantum Dot e una frequenza di aggiornamento a 100 / 120 Hz. La risoluzione è 8K, 7680 x 4320 pixel. La retroilluminazione Mini LED forma un sistema di tipo Full LED Array con local dimming (qui spieghiamo in dettaglio come funziona). TCL dichiara che la dimensione dei diodi è di 152,4 micrometri, circa 20 volte inferiore rispetto ai LED convenzionali impiegati nei TV (si attestano intorno ai 3.000 micrometri). Ridurre la dimensione dei LED ha permesso di aumentarne il numero: X925 Pro ne ospita ben 96.768. Non sono state fornite indicazioni sul numero di zone di controllo ma non ci stupiremmo se fossero circa 2.000 o più.

L'elaborazione di tutti i segnali è affidata all'AIPQ Engine, un'elettronica che si avvale dell'intelligenza artificiale per eseguire operazioni come l'upscaling, esattamente come su altri prodotti della gamma 2021 ma qui con le opportune ottimizzazioni per il pannello 8K. Tra gli interventi apportati c'è anche la compensazione del moto tramite 100 Hz Motion Clarity Pro. X925 Pro è anche certificato da 8K Association.

L'interazione gestuale tramite la Magic Camera

TCL dichiara una copertura pari al 100% per il volume colore (in questo articolo c'è un approfondimento anche in video) relativo al DCI-P3, un risultato raggiunto grazie al contributo dei Quantum Dot. Ovviamente non manca il supporto all'elevata gamma dinamica: la scheda tecnica parla di HDR Premium 1800 con un picco di luminanza di 1.800 cd/m² - nits. I formati supportati includono HDR10, HLG, HDR10+ e Dolby Vision con metadati dinamici oltre a Dolby Vision IQ, la versione adattiva che sfrutta i sensori di luminosità per ottimizzare la resa in funzione delle condizioni presenti nell'ambiente.

Il sistema audio Onkyo è celato dietro ad uno sportello scorrevole motorizzato che protegge gli speaker quando il TV non viene usato. La configurazione integrata è a 5.1.2 canali così ripartiti:

  • 2 canali frontali con 4 speaker
  • 2 canali per gli effetti surround con 8 speaker
  • 1 canale centrale con 4 speaker per i dialoghi
  • 2 canali superiori con 8 speaker per l'espansione verticale del suono
  • 1 subwoofer collocato sul retro

In totale sono presenti 25 speaker con un'erogazione complessiva di 160 W. X925 Pro è Dolby Audio e può riprodurre tracce in Dolby Atmos e DTS-HD.


A livello di connettività la dotazione è completa: troviamo il Bluetooth 5.2, il Wi-Fi 6 e 4 ingressi HDMI 2.1 che dovrebbero gestire la piena banda dei 48 Gbps (TCL non lo ha specificato ma, contando che la serie C82 la supporta, ci stupiremmo se l'ammiraglia fosse da meno). Le funzioni supportate includono eARC, Auto Low Latency Mode (ALLM), Ultra HD a 120 Hz, 8K a 60 Hz e Variable Refresh Rate (qui il nostro approfondimento su HDMI 2.1). X925 Pro è definito Game Master Pro e assicura una latenza inferiore ai 15 ms durante l'uso di videogiochi.

La piattaforma Smart TV è rappresentata da Google TV con tutto il suo parco di applicazioni e le novità apportate soprattutto a livello di aggregazione dei contenuti. Ci sono ovviamente Chromecast e Google Assistant che si può usare anche senza tenere a portata il telecomando (hands-free), sfruttando i microfoni inseriti nel corpo del televisore. Sulla parte superiore è ospitata la Magic Camera, una webcam che si può usare per le videochiamate con Google Duo e anche per interagire impartendo comandi gestuali. Completano la dotazione il supporto ai codec HEVC, VP9, AV1 e i sintonizzatori TV DVB-T2 e DVB-S2.

Al momento non disponiamo dei dettagli su data di uscita e prezzo.

TV MINI LED X925

Sotto al top di gamma "Pro" troviamo gli X925 da 65" e 75", entrambi dotati di pannelli LCD di tipo VA a 10-bit con risoluzione 8K, Quantum Dot e una frequenza di aggiornamento a 100 / 120 Hz. Anche in questo caso la retroilluminazione è Mini LED di tipo Full LED Array con local dimming. A segnare la differenza con il modello di fascia superiore è soprattutto l'assenza della tecnologia OD Zero che riteniamo si rifletta anche sul numero di diodi presenti, anche se TCL non ha fornito dati riguardanti gli X925.

L'elettronica di bordo dovrebbe essere sostanzialmente identica: parliamo sempre di AIPQ Engine con elaborazioni quali upscaling e compensazione del moto tramite 100 Hz Motion Clarity Pro. Come per gli X925 Pro troviamo anche qui la certificazione di 8K Association. Identica è anche la copertura del volume colore pari al 100%.

Il picco di luminanza in HDR si attesta a 1.000 cd/m² - nits, come testimoniato dalla dicitura HDR Premium 1000. A livello di supporto X925 offre tutto quello che abbiamo descritto per X925 Pro: si possono utilizzare video in HDR10, HLG, HDR10+, Dolby Vision e Dolby Vision IQ.

La sezione audio è sempre realizzata in collaborazione con Onkyo ma è più semplice, anche per via del minor spazio a disposizione. Come si può vedere dalle immagini allegate all'articolo, tutti gli speaker sono collocati all'interno di un vano a sviluppo orizzontale posto nella parte inferiore del televisore. La configurazione è a 2.1 canali con i frontali destro e sinistro e un subwoofer posto sul retro; la potenza erogata è pari a 60 W complessivi. Come X925 Pro anche gli X925 sono provvisti di Dolby Audio, Dolby Atmos e DTS-HD.

Il resto delle specifiche è in comune con X925 Pro: sono pertanto confermati il Bluetooth 5.2, il Wi-Fi 6 e i 4 ingressi HDMI 2.1 con tutte le relative funzioni. Anche il Game Master Pro è incluso con il medesimo input lag inferiore ai 15 ms. La parte "smart" è sempre affidata a Google TV con Chromecast, Google Assistant anche "hands-free" e la Magic Camera per videochiamate e interazione gestuale.

TCL non ha ancora comunicato prezzi e disponibilità.


15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Massimo Olivieri

prendi una Raspberry o un box android da due lire.

1984

gli LG purtroppo non supportano steam link che userei x giocare, quindi o vado di samsung che ha l'app nativa o una tv con andoid..

Forse perché I tuoi occhi avranno 60 anni di stagionatura. Ma ti assicuro che io il rumore nei chiaro-scuri di colore e luminosità la vedo e come!

Massimo Olivieri

ma prendi un oled LG ci stai pure a pensare.
I philips sono pieni di bug purtroppo, poi ambilight con un OLED cozza di brutto. LCD in quella fascia di prezzo non reggono il confronto.

1984

OT: consiglio per tv 55 budget intorno ai 1000, uso principale cinema e gioco solo saltuariamente, son indeciso tra
- philips oled706/806, mi intriga ambilight, sembra aver casse decenti (in attesa di prender un sistema esterno), mi spaventa l’affidabilità philips e la durata dell’oled
- samsung Q90T o QN90A, costano qualcosa in meno, forse il pannello è più duraturo, il suono sembra pessimo..

The depth of color in Bit è indipende dalla grandezza della TV. Un produttore di TV se lo volesse potrebbe creare una TV da 20 pollici con profondità di colore a 14 bit nativi, ovviamente non lo fa per il costo.

Non c'entrano nulla i pollici. Comunque 55

Surak 2.04

Sullo schermo del pro in se nulla da dire e mi piace, ovviamente esteticamente dato che altro non si può giudicare, ma tutto il resto pare disegnato da un designer degli anni '70 a cui hanno chiesto "come sarà il tv degli anni 2020... anno più anno... più?"

Nicola Buriani

TCL è in joint venture (tramite CSOT) proprio con JOLED, ci vorrà ancora tempo però prima di vedere una produzione sostenuta e pannelli di grandi dimensioni adatti ai televisori.
Per i Mini LED va sempre considerato che è una tecnologia che può scalare verso il basso: come sempre si parte dalla fascia alta ma non si resta solo su quella e a TCL sicuramente interessa vendere anche prodotti in altre fasce di mercato.

Roundup

Tutti questi pregievoli sforzi tecnologici in ambito LCD immagino siano per non dipendere da LG per i pannelli oled, altrimenti non credo che il gioco varrebbe la candela, ad ogni modo è sempre benvenuta una nuova tecnologia (beh, mezza). Ma qualcuno sa JOLED a che punto sia con i pannelli da tv per i comuni mortali?

Aster

Strano, quanti pollici è?

Ovviamente vedi il rumore video in ogni video che presenta chiaro-scuri.
Le gradualità di colore, di luminosità.
È davvero fastidioso.

Aster

Con quale sorgente lo percepisci?

Aster

Aspetto l'ultra.

Io ho acquistato il TCL C728 che risulta una buona TV peccato solo per l'ampio tumore digitale dovuto dal fatto che è una TV a 8bit + FRC (che non funziona a dovere dato che io la attivo e si disattiva automaticamente rimanendo attivo solo nelle impostazioni, problema software? Comunque insopprimibile), per il resto i colori sono buoni e il sistema operativo è veloce e non ha lags.

Pixel 6 e 6 Pro ufficiali: Google punta al top | Prezzi e VIDEO

Xiaomi 11T: scopriamolo in diretta insieme a Xiaomi Italia | Replay

Qual è il miglior smartphone per foto e video: ecco il confrontone | Video

Recensione Samsung Galaxy A52s: fascia media che accontenta tutti