TV TCL: prime indicazioni sui Mini LED 8K con tecnologia OD Zero

25 Giugno 2021 14

Le prime indiscrezioni sui nuovi TV Mini LED TCL arrivano dall'Australia, dove sono stati presentati i prodotti per il 2021. I televisori annunciati sono sostanzialmente sovrapponibili con quelli disponibili anche in Europa: ritroviamo infatti le serie C82, C72 e P72. Se per gran parte della gamma non ci sono dunque differenze, altrettanto non si può dire della fascia più alta. Nel segmento premium troviamo infatti due serie che non sono state ancora annunciate nel Vecchio Continente: X925 Pro e X925.

Ad accomunarle è la tecnologia di base: parliamo di LCD (sicuramente di tipo VA, dato che TCL produce ed usa solitamente questa tipologia) Full LED Array con local dimming e retroilluminazione Mini LED. La risoluzione per entrambi è 8K mentre cambia il numero di diodi e di zone di controllo.

TCL X925

X925 Pro vede il debutto della tecnologia OD Zero, cioè Optical Distance Zero. La distanza ottica è quella che separa il modulo che ospita la retroilluminazione con Mini LED dallo strato che diffonde la luce su tutto lo schermo. Ridurla a zero permette di ottenere vari vantaggi: si possono costruire televisori più sottili, si può incrementare con più facilità il numero di Mini LED e migliora anche l'uniformità, perché una minore distanza consente di convogliare la luce sul pannello con più precisione. Il fatto che OD Zero sia presente solo su X925 Pro non è una sorpresa: Marek Maciejewski, Director of Product Development per TCL Europe, ci aveva spiegato, nel corso di un'intervista, che la nuova tecnologia sarà inizialmente riservata ai top di gamma.

X925 Pro non lesina del resto sulla dotazione: si parla di un 85" che dovrebbe disporre di migliaia di zone di controllo per la retroilluminazione e di Quantum Dot. La frequenza di aggiornamento è fissata a 100 / 120 Hz con Clear Motion Rate (CMR) 200 per il miglioramento delle immagini in movimento. I video in HDR sono supportati nei formati HDR10, HDR10+, HLG, Dolby Vision e Dolby Vision IQ.

La gamma TV in Australia

Non manca poi l'intelligenza artificiale per l'upscaling e il miglioramento delle immagini (AIPQ Engine), IMAX Enhanced e Google TV per la parte "smart". I microfoni sono integrati anche nel corpo del TV in modo da poter usare l'interazione vocale anche senza il telecomando a portata di mano (Hands-Free Voice Control 2.0). C'è anche una videocamera a scomparsa mentre per l'audio è presente un sistema sviluppato da Onkyo, dotato di subwoofer separato e compatibilità con Dolby Atmos e DTS-HD. Completa la dotazione il Wi-Fi 6.

La serie X925 prevede due modelli da 65" e 75" sempre LCD Full LED Array e local dimming. Manca OD Zero e pertanto il numero di zone dovrebbe scendere nell'ordine delle centinaia. Le altre differenze consistono nell'assenza della videocamera e nel sistema audio, provvisto di un subwoofer integrato.

L'annuncio dei nuovi 8K TCL per l'Europa dovrebbe avvenire a breve: in linea di massima ci aspettiamo una dotazione molto simile (C82 e C72 appaiono identiche ai nostri corrispettivi modelli, ad eccezione del design) ma ovviamente potremo confermarlo solo dopo la presentazione ufficiale.


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Stefano

Mamma mia il tuo commento non manca mai ed è sempre lo stesso..qualsiasi sia la proposta non oled, alla fine sempre lo stesso il risultato..mah comincio a pensare che hai qualche problema..

Nicola Buriani

Intendi i pannelli completi o solo i moduli nudi e crudi?

Antonio63333

E che ne pensi del fatto che LG potrebbe concedere licenze di produzione a terzi?

Nicola Buriani

Il problema è che non è facile trovare un'alternativa che sia completamente diversa dagli LCD (e in prospettiva futura io credo sia necessario) e contemporaneamente non vada a pestare i piedi ai brevetti LG (che giustamente si è ben tutelata).
Ecco perché ad esempio chi punta agli OLED cerca di sviluppare gli ink-jet RGB che sono totalmente diversi, il problema è che bisogna avere la tecnologia e gli stabilimenti produttivi a regime per la produzione di massa, non è così semplice (basta che la resa dei macchinari non raggiunga un certo livello per bloccare tutto).
Io spero che qualcosa tra le soluzioni in sviluppo faccia il definitivo salto per arrivare sul mercato di massa: avere alternative è sempre meglio perché spinge a migliorarsi e offre più possibilità di scelta.
Del resto anche LG con la situazione attuale deve per forza prima investire nell'incremento della produttività, senza quella anche miglioramenti pazzeschi a livello qualitativo non servirebbero a molto (se poi li riservi a tre pannelli in croce a chi vendi?), per questo devono bilanciare le cose e devo anche dire che ci stanno riuscendo, visto che i numeri stanno aumentando di molto e sono usciti gli OLED evo.
Però se davvero entrasse in gioco anche Samsung, come si vocifera, come si riuscirebbe a stare in piedi?
Se Samsung volesse sostituire in toto la gamma QLED dovrebbe coprire fino a 10 milioni di TV l'anno circa.
Togliamo pure la fascia più bassa: potrebbero restare comunque un 5-6 milioni di pezzi in prospettiva.
Attualmente LG Display dovrebbe produrre circa 8,5 milioni di pannelli l'anno; poniamo che possano arrivare a 10 milioni: se 6 se li prende Samsung i 4 restanti sarebbero pochi per la sola LG, secondo me.
Tutti gli altri marchi dovrebbero spartirsi le briciole?
Per questo dico che un'alternativa serve.
C'è comunque da dire che, LCD o OLED, Mini LED o altro, il livello qualitativo si è alzato tantissimo, anni fa mi mettevo le mani nei capelli per tarare tanti prodotti (gli stessi OLED LG: hanno fatto passi da gigante sulle regolazioni e l'elettronica) e comunque i difetti era molto più impattanti.

Antonio63333

Credo che mi hai frainteso, infatti la situazione attuale dove l'unica alternativa agli Lcd sono i pannelli Oled di LG non mi piace affatto. Ma mi sembra che le altre aziende facciano ben poco per modificare questa situazione ed invece di investire in nuove tecnologie, si limitano ad apportare modifiche più o meno inutili ai pannelli Lcd. Questo perché probabilmente l'investimento è minimo ed il ritorno sostanzioso. Questo a discapito di noi consumatori di questo settore. Oramai sono più di 6 anni che i TV Oled di LG sono in vendita, e la concorrenza che fa oltre ad inventare nomi nuovi per prodotti vecchi ed obsoleti? Possibile che aziende come Sony, Panasonic, Samsung, non siano in grado di sviluppare una tecnologia alternativa agli Lcd?
Mi sa che se continua così, vista la capacità produttiva insufficiente di LG a soddisfare la domanda mondiale, ad LG non resterà che dare licenza a terzi per produrre i suoi pannelli, guadagnerà senza lavorare.

Angelo_674

Peccato....

Nicola Buriani

I tagli italiani sono quelli che abbiamo già comunicato.

Nicola Buriani

Qualsiasi tecnologia richiede anni di sviluppo, se cassassero ogni progetto che richiede più di 3-4 anni per arrivare sul mercato, sul mercato non arriverebbe assolutamente niente.
L'acquisto dei pannelli da LG non può essere la soluzione per il mercato perché 1) LG non ha capacita sufficiente, non ci arriva neanche vicina, 2) l'omologazione che comporta l'avere un solo produttore sul mercato non mi pare per niente positiva per il mercato, per quanto le prestazioni degli OLED LG siano buone.

Angelo_674

Peccato che il C825 non arrivi in Italia con il taglio 75"....oppure avete notizie in meriito??

Antonio63333

Sono 10 anni (da quando LG è uscita con i suoi pannelli Oled W-RGB) che si parla di Oled RGB ink-jet, ma su tagli grandi, a parte qualche prototipo non si è visto nulla. Ricordo il prototipo di TV Oled Panasonic presentato ad un CES una decina di anni fa. La verità è che è molto più conveniente continuare a lucrare su una tecnologia vecchia e decotta come gli Lcd e nel caso acquistare pannelli Oled da LG, che sviluppare qualcosa di nuovo che sia poi realmente in vendita. Alla fine l'unica innovazione in questo settore, è arrivata da un'azienda che si occupa di tutt'altro: la Kodak, e stiamo parlando di un'innovazione che ha almeno 15 anni.

Nicola Buriani

Questo ragionamento non lo applicherei a TCL: loro stanno lavorando sugli OLED RGB ink-jet con JOLED.

Antonio63333

Sempre la stessa minestra riscaldata, Lcd con qualche modifica alla retroilluminazione e nessuno che si inventi un'altra tecnologia attiva concorrente degli Oled LG. Questo significa che guadagnano troppo bene su questa tecnologia stantia i produttori e non hanno alcun interesse ad innovare davvero il settore display.

Nicola Buriani

Da quello che ho visto in Australia non c'è (ma ci interessa molto poco direi).

Nella lista manca il TCL C728

Europei di calcio: dove vederli in TV e i consigli per i settaggi ottimali

Recensione TV Sony OLED XR-65A90J: processore cognitivo per rimanere in vetta

Recensione TV TCL X10: ecco perché i Mini LED cambiano il gioco

TV Samsung: tutto sui Quantum Mini LED, controllo a 12-bit e intelligenza artificiale