Sony svela tutti i Google TV OLED e LCD della gamma 2021 con HDMI 2.1

07 Gennaio 2021 75

Sony ha presentato la nuova gamma TV 2021 all'edizione completamente digitale del CES 2021. Il rinnovamento comprende tutte le tecnologie, sia LCD sia OLED e coinvolge anche altri ambiti, dall'elettronica alla piattaforma Smart TV. Le serie in arrivo prendono il nome di Bravia XR e si prefiggono lo scopo di riprodurre immagini fedeli alla visione di chi crea i contenuti. Per raggiungere questo obiettivo Sony ritiene importante non trascurare il modo in cui l'occhio umano percepisce il mondo che lo circonda.

Per tradurre l'approccio summenzionato in termini pratici, Sony ha scelto di elaborare le immagini tramite l'intelligenza artificiale e la cosiddetta "Cognitive Intelligence" (intelligenza cognitiva), una novità che il produttore giapponese introduce per la prima volta nel mercato TV. Il concetto di intelligenza cognitiva è considerato uno sviluppo ulteriore dell'intelligenza artificiale che si applica tramite l'analisi incrociata di molteplici elementi e l'identificazione e miglioramento degli aspetti focali dell'immagine, quelli su cui l'apparato visivo tende a concentrarsi (ad esempio gli occhi, i toni della pelle e i capelli).

Tutto parte dal nuovo processore video Cognitive Processor XR, un'evoluzione definita discontinua della famiglia X1 che negli anni ha visto succedersi X1 4K Processor, X1 4K HDR Processor, X1 Extreme 4K HDR Processor e X1 Ultimate. Questo componente è noto anche con il nome in codice di Sharaku, ispirato al pittore giapponese Tōshūsai Sharaku, esperto nello stile dell'ukiyo-e. Sony ha accostato il suo processore più evoluto al nome dell'artista per sottolineare come entrambi siano capaci di capire quali particolari enfatizzare in un oggetto e quali tralasciare.

Tutto parte ovviamente da un segnale in ingresso: il processore lo analizza con un processo che vene chiamato "Cross Analysis". L'elettronica esamina la sorgente in tempo reale mettendo in correlazione migliaia di particolari all'interno dei fotogrammi e nel passaggio tra di essi. Tra questi molteplici elementi e zone su schermo vi sono i elementi come i soggetti in primo piano, gli sfondi, i contorni, le componenti cromatiche eccetera.

Sony OLED A90J

Dopo aver analizzato il segnale in ingresso viene applicata l'elaborazione vera e propria. Qui entra in gioco l'intelligenza artificiale sotto forma di "machine learning". La macchina sfrutta un archivio di immagini come modello per capire quali algoritmi applicare alla sorgente in modo da ottenere il risultato migliore possibile. Nel caso dell'upscaling viene impiegato un doppio archivio anziché uno solo come sui processori X1 Ultimate. Come l'anno scorso è presente una serie di modelli per l'elaborazione denominata "Super Resolution object-based". L'elettronica individua i particolari su cui intervenire (gli oggetti, per questo di parla di "object-based") e li elabora seguendo gli schemi che si sono rivelati più efficaci con immagini simili (ad esempio un fiore, un prato o il cielo).

XR Upscaling aggiunge a quanto descritto un secondo archivio appositamente sviluppato per elaborare le texture. Al suo interno sono contenuti modelli che riproducono le trame di una superficie o la pelliccia di un animale. I televisori possono così riconoscere il tipo di texture che devono visualizzare e applicano l'intervento dimostratosi più efficace per la ricostruzione di quella specifica tipologia di dettagli. Tutti gli interventi menzionati sono inoltre diversificati a seconda della risoluzione del pannello: Sony parla di XR 8K Upscaling e di XR 4K Upscaling.

Più in generale si possono individuare sei aree di intervento dei Cognitive Processor XR e due macro-categorie:

Immagine

  • XR Color: XR Triluminos Pro e XR Smoothing
  • XR Clarity: XR 8K Upscaling, XR 4K Upscaling e XR Super Resolution
  • XR Contrast: XR Contrast OLED Booster Pro e XR Contrast Booster
  • XR Motion: XR Motion Clarity

Suono

  • XR Sound Position: Acoustic Surface Audio e Acoustic Multi-Audio
  • XR Surround: 3D Surround Upscaling
Sony 8K Z9J

XR Triluminos Pro analizza il segnale tramite la già citata Cross Analysis concentrandosi specificamente sui colori. L'algoritmo sviluppato da Sony opera su una scala in 3D, da intendersi con le tre dimensioni che definiscono le coordinate cromatiche: tinta, saturazione e luminosità. In questo modo i televisori assicurano la più ampia e corretta copertura degli spazi colore maggiormente estesi come il DCI-P3 e il Rec.2020.

XR Contrast interviene diversamente a seconda della tecnologia impiegata per i pannelli. Sugli LCD opera XR Contrast Booster in sinergia con le tecnologie per il controllo a zone della retroilluminazione (il local dimming). Contrast Booster potenzia l'intensità luminosa quando occorre ottenere un picco di luminosità più alto, sfruttando al contempo la capacità del Cognitive Processor XR per bilanciare picchi e livello del nero e senza pregiudicare la naturale riproduzione degli incarnati (che spesso possono risultare troppo accesi se si esagera nel gestire i picchi in HDR). A seconda dei modelli l'efficacia di questa soluzione permette di incrementare sia il picco di luminanza sia il rapporto di contrasto.

Attuatori per Acoustic Surface Audio: a sinistra AG9 e a destra A90J

Specifici per gli OLED sono invece XR Contrast OLED Booster e XR Contrast OLED Booster Pro. Le due versioni condividono lo stesso scopo: garantire una luminosità più alta non solo nei picchi ma anche in media quindi anche quando il livello medio dell'immagine, il cosiddetto APL (Average Picture Level) aumenta. Un ulteriore beneficio è l'espansione del volume colore causata da una migliore gestione dell'estremo superiore (i picchi di luminanza) della scala.

XR Contrast OLED Booster Pro, presente esclusivamente sulla nuova serie OLED top di gamma, aggiunge ulteriori elementi. La dissipazione del calore è affidata ad una lastra di alluminio che distribuisce più efficacemente la temperatura generata dal pannello OLED. La descrizione di questo elemento sembra ricalcare esattamente lo stesso accorgimento sfruttato da Panasonic per le serie GZ2000 e HZ2000, entrambe caratterizzate da un picco di luminosità più alto di tutti gli altri TV sul mercato con la stessa tecnologia. Anche se Sony non dichiara il dato relativo alla massima luminosità ci aspettiamo pertanto che il valore sia più elevato della media. Sony è inoltre intervenuta anche sul pilotaggio dei sub-pixel WRGB che compongono i pannelli. Quando il Cognitive Processor XR individua un'area su cui è necessario intervenire incrementando il picco di luminanza, l'emissione di luce giunge simultaneamente da tutti i quattro sub-pixel (bianco, rosso, verde e blu).

Sony LCD X95J

Con Acoustic Surface e Acoustic Multi-Audio su passa dall'elaborazione dell'immagine a quella del suono. La prima delle due tecnologie citate è esclusiva degli OLED ed è uno dei tratti distintivi usati da Sony sin dalla serie A1, la prima con pannelli OLED. Degli appositi attuatori, aggiornati per le nuove serie 2021, generano l'audio tramite la vibrazione dello schermo. Acoustic Multi-Audio è invece appannaggio degli LCD: una combinazione di vari speaker permette di simulare più efficacemente l'effetto di un suono generato direttamente dallo schermo (sugli OLED l'effetto non viene simulato ma è legato proprio al funzionamento di Acoustic Surface Audio).

3D Surround Upcaling usa invece un'elaborazione virtuale per ricreare un'espansione del suono in senso verticale. Si tratta di fatto di una sorta di Dolby Atmos o DTS:X (i formati audio a oggetti) simulato che parte da sorgenti stereo o 5.1 e le elabora per ottenere un effetto a 5.1.2 canali.

L'ultima caratteristica comune a tutta la gamma 2021 è Google TV: la piattaforma Smart TV ha subito lo stesso iter del Chromecast 2020 e si presenta ora con un'interfaccia rinnovata che sostituisce quella degli Android TV. Naturalmente tutti i punti di forza di Android TV sono ancora presenti, dall'ampio parco di applicazioni alle funzionalità integrate (Chromecast e Google Assistant su tutte).

Speaker a confronto: a sinistra ZH8 e a destra Z9J

Tra le novità introdotte quest'anno c'è BRAVIA CORE, una sorta di centro che raggruppa contenuti di pregio realizzato in collaborazione con Sony Pictures Entertainment (SPE). Questa sorta di hub è disponibile da subito su tutti i nuovi modelli BRAVIA XR e offre una selezione degli ultimi titoli premium e classici di SPE ultra ad un'ampia collezione film in IMAX Enhanced. BRAVIA CORE è anche la prima piattaforma del settore a offrire la tecnologia Pure Stream, che consente di godere di una qualità che Sony definisce quasi “lossless”, cioè equivalente a quella dei Blu-Ray UHD con bitrate fino a 80 Mbps.

A comporre l'offerta di Sony per il 2021 sono in tutto nove serie: gli LCD 8K Z9J, gli OLED Ultra HD A90J e A80J, gli LCD Ultra HD X95J, X90J, X85J e X81J / X80J e il 32" HD W800. Vediamo le caratteristiche in dettaglio:

LCD 8K Z9J

L'ammiraglia LCD per il 2021 succede alla serie ZH8 e prevede due tagli: 75" e 85". I pannelli a risoluzione 8K sono di tipo Full LED Array con local dimming e utilizzano l'XR Contrast Booster 15 (il valore numerico funge da riferimento per le prestazioni, come vedremo è più basso su altri LCD). Troviamo poi XR Triluminos Pro, XR 8K Upscaling, XR Motion Clarity e le tecnologie X-Wide Angle (amplia l'angolo di visione) e X-Anti Refletion (contiene i rifletti per preservare il rapporto di contrasto percepito).

La funzione Ambient Optimisation Light & Colour sfrutta i sensori di luminosità per ottimizzare le immagini in funzione delle condizioni di luce in ambiente. Per quanto riguarda l'audio la dotazione comprende Acoustic Multi-Audio, 3D Surround Upscaling e la compatibilità con Dolby Atmos. Z9J può riprodurre filmati in HDR nei formati HDR10, HLG e Dolby Vision.


I TV 8K appartengono alla Master Series e sono quindi l'espressione della massima qualità offerta da Sony. A disposizione degli utenti c'è il Netflix Calibrated Mode che offre un'impostazione più accurata per la visualizzazione dei contenuti in streaming sia in SDR sia in Dolby Vision. Tornano anche IMAX Enhanced e la possibilità di interfacciarsi con il software Calman di Portrait Display per eseguire una calibrazione (manuale o automatizzata).

La Smart TV è costituita da Google TV con Google Assistant integrato, il supporto ad Alexa, HomeKit, AirPlay 2 e la connettività Bluetooth con A2DP. Le ricerche vocali possono anche fare a meno del telecomando grazie alla funzione "hands-free". Per quanto riguarda le funzioni di HDMI 2.1 abbiamo il pieno supporto ai segnali Ultra HD a 120 Hz, Auto Low Latency Mode (ALLM), Variable Refresh Rate (VRR) ed eARC.

Concludiamo con il design: Sony lo definisce XR Icon con un retro caratterizzato dalla finitura Grid Design Rear. La cornice è Titanium Silver e il piedistallo può essere posizionato in tre modi diversi: con i due elementi vicino ai bordi, in prossimità del centro o rialzati per ospitare una soundbar senza coprire lo schermo. Il telecomando è un'unità in alluminio dotata di retroilluminazione.

OLED ULTRA HD A90J

Anche gli OLED top di gamma 2021 sono Master Series e condividono molte delle caratteristiche menzionate sugli Z9J. Ritroviamo XR Triluminos Pro, XR 8K Upscaling, XR Motion Clarity, Ambient Optimisation Light & Colour, XR 4K Upscaling e 3D Surround Upscaling. Cambia ovviamente la tecnolgia usata per diffondere i suoni: come su tutti gli OLED Sony è presente la Acoustic Surface Audio.

Anche A90J è dotata di Netflix Calibrated Mode, IMAX Enhanced ed è Calman Ready. La dotazione "smart" è identica alla serie 8K: Google TV con Google Assistant integrato, Alexa, HomeKit, AirPlay 2, Bluetooth e ricerche vocali "hands-free". Cambia invece la tecnologia che ottimizza picchi e contrasto: qui è presente XR OLED Contrast Booster Pro, la versione più evoluta ottimizzata per gli OLED e tendenzialmente capace di garantire picchi più alti di luminosità.


Gli A90J si differenziano dagli OLED 2020 per il supporto ai segnali Ultra HD a 120 Hz, ALLM, VRR ed eARC. Una delle principali novità è costituita dalle dimensioni disponibili: agli ormai collaudati 55" e 65" si aggiunge il nuovo taglio da 83". Quest'ultimo permette di regolare i supporti su tre posizioni (le stesse di Z9J) mentre gli altri si limitano a due (in prossimità dei lati e rialzati per ospitare una soundbar). Il telecomando è in alluminio con retroilluminazione. A livello di design si parla di Seamless Edge Bezel per 55" e 65" e di Flush Surface Bezel per l'83".

OLED ULTRA HD A80J

A80J è la seconda serie OLED che si posiziona su una fascia più bassa. È disponibile nei tagli da 55", 65" e 77". La dotazione è simile a quella degli OLED A90J ma con alcune differenze. XR OLED Contrast Booster sostituisce la versione Pro e dovrebbe quindi garantire picchi più bassi. Anche l'ottimizzazione tramite i sensori integrati è semplificata: si parla di Ambient Optimisation.

Diversi sono infine il telecomando, realizzato in plastica e non retroilluminato e il design, con il frontale che ricorre ad uno stile simile all'83" A90J e con il retro in stile Z9J. Il piedistallo si regola su tre posizioni. Tutte le funzioni di HDMI 2.1 sono sempre presenti. Da notare che i modelli dalla A80J a scendere non sono Master Series. Manca infine l'interazione "hands-free".

LCD ULTRA HD X95J

La prima serie LCD Ultra HD si presenta nei tagli da 55", 65" e 75". I pannelli sono Full LED Array con local dimming e XR Contrast Booster 10. Le funzioni sono identiche a quelle degli OLED A80J ad eccezione di Acoustic Surface Audio, qui sostituta da Acoustic Multi-Audio.

Il design è definito Seamless Edge Bezel con lo stesso lato posteriore di Z9J. Il piedistallo si regola su tre posizioni ad eccezione del 65" (manca quella centrale). Completano la dotazione tutte le funzioni di HDMI 2.1 e il telecomando retroilluminato in alluminio.

LCD ULTRA HD X90J

X90J è una versione in scala ridotta di X95J. Offre i tagli da 50", 55", 65" e 75". Tutti i pannelli sono Full LED Array con local dimming e XR Contrast Booster 5. Le differenze rispetto alla serie di fascia superiore consistono nel telecomando in plastica non retroilluminato e nel piedistallo regolabile su due posizioni: con i due elementi in prossimità dei lati e verso il centro. Il design è Flush Surface Bezel con il retro identico a Z9J. Ovviamente non mancano tutte le funzioni di HDMI 2.1.

LCD ULTRA HD X85J

LCD Ultra HD disponibili nei tagli da 43", 50", 55", 65" , 75" e 85". La dotazione è sensibilmente differente rispetto ai modelli sin qui riportati. Il processore è 4K X1 HDR Processor e non il nuovo Cognitive Processor XR. Troviamo pertanto 4K X-Reality Pro per l'incremento del dettaglio e Motionflow XR 800 Hz per le immagini in movimento. Anche il sistema di speaker è diverso: X85J integra gli X-Balanced Speaker.

Sono presenti Triluminos Pro, Ambient Optimisation, Google TV, Calman Ready e tutte le funzioni di HDMI 2.1, la connettività AirPlay 2, HomeKit e Alex. Il supporto si regola sempre su due posizioni e il telecomando è quello in plastica non retroilluminato. Da questa serie in poi è assente BRAVIA CORE.

LCD ULTRA HD X81J e X80J

Gli LCD Ultra HD "entry level" sono disponibili come X80J nei tagli da 43", 50", 55", 65" e come X81J nel taglio da 75". I pannelli sono 50 Hz (gli A85J sono 100 Hz) e pertanto c'è il Motionflow XR 200 Hz. Da segnalare che questa è anche l'unica serie Ultra HD sprovvista delle funzioni introdotte con HDMI 2.1. Completano la dotazione il piedistallo regolabile su due posizioni e il telecomando in plastica senza retroilluminazione.

LCD HD W800

La serie W800 è composta da un unico modello da 32" con risoluzione HD. L'elaborazione è affidata al Bravia Engine mentre la Smart TV è su base Android TV (non Google TV). Sono disponibili molte applicazioni di uso comune comprese quelle per accedere a Google Play Movies & TV, Netflix, Amazon Prime Video e YouTube.


75

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Albert

Quindi non saranno presenti oled da 49" (o 48", quello che era lo scorso anno, non ricordo)?

Tommyd-19

E perchè mai? Ciunque ne capisca un minimo di TV disabilita tutti gli artefatti tipo Motion Pro, contrasto dinamico, nero profondo etc e si gode il film senza filtri

Queste funzionalità sono per pochi casi d'uso e per molti babbi che non sanno cosa siano

Alessandro Dionigi

be se devono fare come quelle porcherie lg ...

Alessandro Dionigi

comprati un tv piu economico allora che risparmi

AntNotAnt

Ma qualcuno sa perché sul sito Sony i modelli X85J, X81J, X80J (quelli che includono il 43" ai quali sarei intenzionato) non sono citati? È presto? Sono per altri mercati? Grazie!!

Marco R.

Sarà meglio A90J o il top di gamma PANA?

Marco R.

Anche io sono interessato, vorrei prendere un 55' AJ90, ma prima aspetterò qualche recensione e soprattutto un confronto col top di gamma PANASONIC.

77fabio

A dire il vero al muro vengono appesi mobili dal peso enormemente superiori a quelli di una TV (ed hanno anche un baricentro più esposto rispetto alla tv), anche fosse da 100 pollici... Basta scegliere il tassello giusto e non si stacca niente... Di certo non le puoi appendere al cartongesso ma se è muro, la regge tranquillamente.

zlatan regna

sei un tipo pieno di certezze

lynx

ora vediamo se portano "Google TV" sui modelli 2019/2020 :)

Progressive

Quest'anno con Panasonic ne abbiamo la prova provata... Comunque non capisco, s'ostinano a mantenere un telecomanda dal design e funzionalità inizi anni 2000.

Mowgli420

no samsung è da evitare per l'interfaccia e la sua scarsa longevità (non aggiornano in poche parole)

il sentore è che TUTTI non sanno più che razza di roba inventarsi ogni anno per vendere......

Aster

ah ok,e la cosa meno importante per me su una TV

Giangiacomo

Come sempre Sony c'è ed è sempre un passo avanti sui televisori. Ora con Google TV finalmente avremmo un OS serio, speriamo arrivi anche sui modelli dal 2016 in poi. XJ95 mi sa che lo regalerò a mio nipote. Spazzati via ancora una volta LG con webOS 6 e Samsung. Panasonic invece rimane ancora la vera sfidante, l'unica in grado di competere.

Giangiacomo

Guarda che Sony e Panasonic sono i due migliori al top. Panasonic pecca molto lato software, non ha un OS all'altezza della concorrenza. Ma per il resto se la giocano Panasonic e Sony.
LG e Samsung manco li cito

Giangiacomo

Vai di aggiornamento da sito e chiavetta.

Giangiacomo

Di solito i modelli da 77 in su è quasi impossibile montarli a parete. Il peso inizia a essere troppo elevato e c'è grande probabilità che si stacchi dal muro prima o poi, per questo dubito che (almeno fino a quando non avremmo un peso soddisfacente) consiglino e diano il supporto per montaggi a parete.

Alex Nemoto

Ma secondo me 800 è pure troppo per un LCD.

Alex Nemoto

L'unico vantaggio è per chi lo vuole usare come monitor PC. L'lg supporta il 4k 120hz in 4:4:4. Il pana si ferma a 60hz.
Ma non credo sia il suo caso.

Alex Nemoto

Quoto in toto.

Alex Nemoto
ligeiro

non mi piace la parte smart

Nicola Buriani

Figurati!

Mowgli420

come fedeltà dei colori i pannelli oled Sony sono i migliori, ben bilanciati e inoltre hanno una qualità audio pazzesca. Gli LG sono sempre degli ottimi prodotti ma i loro pannelli tendono a "sparare" un po' troppo i colori per attirare l'utente meno consapevole.

Mowgli420

io pure sono ancora in attesa!

Fibonacci Fibo

Per il modello 83 pollici non è previsto il montaggio a parete? Parlano solo dei modelli 55 e 65 con la vecchia staffa WL 850. Assurdo

Aster

se non ti servono hdmi 2.1 e sicuramente non servono come si deve,prendi un panasonic per 1000 euro oled

Aster

perche sara il solito con la console che spera di giocare a 4k 120hz:)non succedera quasi mai!per questo non li ho detto di prendere un panasonic

S8C BLOG

ok grazie per il chiarimento e scusa l'off topic

GeneralZod

Da capire. Sul mio XF90 solo 2 HDMI 2.0, di cui una ARC. Per questo sono stato costretto a prendere la loro soundbar che era l'unica ad avere sia una porta ulteriore che la compatibilità garantita di tutti i protocolli HDMI e HDR supportati dalla TV...

Tommyd-19

Un sacco di funzionalità... che verrano disabilitate alla prima accensione

Elektrosphere

Ma le porte sono tutte HDMI 2.1? O solo una su 3 o cavolate simili?

Nicola Buriani

Non è necessario avere HDMI 2.1 né per HDR10+ né per il Dolby Vision.
I formati con metadati dinamici sono nelle specifiche di HDMI 2.1 perché sono usciti dopo HDMI 2.0b e da allora non ci sono stati più cambiamenti (del resto che fosse in arrivo la versione completamente nuova era cosa nota, non avrebbe avuto molto senso).

S8C BLOG

guarda in linea di massima direi che gli oled, pur richiedendo giusto un paio di accortezze per il loro "mantenimento", per uso per film e serie tv sono superiori e hanno caratteristiche visive superiori tranne solo per i picchi di luminosità magari, ma comunque quelli li apprezzi tanto anche a seconda delle condizioni di luce che hai nella stanza dove vedi col tv... gli oled credo nascano un pò per essere "cinematografici", si godono di più magari vedendoli al buio o in una stanza dove non c'è proprio tanta luce. Se vedi soprattutto con la luce accesa e/o di giorno allora forse meglio led, altrimenti direi che siccome bene o male vengono considerati spesso e volentieri gli oled come i tv un pò a tutto tondo migliori di questo momento penso tu possa andare sul sicuro

Akio Morita

Secondo me gli LCD hanno senso fino a un massimo di 800 euro.
Perchè non prendi in considerazione anche un OLED Panasonic? Qualche volta si trovano offerte sui 1000 euro.

Federico Ferrara

Si, vero. Però loro lo hanno venduto così, mi sembra strano che non sistemeranno la cosa. Io penso che sia un problema di campionamento del segnale...

Naso23

Quando lo butti avvisa, che passo sotto quella finestra volentieri XD

ligeiro

con lg mi posso permettere il cx 55, quando và in offerta, ma sony probabilmente no; a questo punto oled LG o sony led?
in linea di massima non mi interessa giocare con ps

stefanomac
Alex Nemoto

Non sbagli. È stato appurato negli anni quello che dici.

Alex Nemoto

Preferisco una chiavetta usb seria o la mia xbox one x, per quello.
Sulla TV meglio una piattaforma smart semplice e leggera (a meno che non si decidano di implementare soc decenti che quelli odierni sono scandalosi).
Ovviamente tutto ciò vale per me. Poi c'è chi si accontenta...

Lucacip

Io mi sono scaricato su chiavetta l'aggiornamento dal sito Sony e poi l'ho installato sul tv.

Coolguy

Si son decisi ad implementare l' hdmi 2.1 full.
Ben svegliati.

Non sembra esisteranno tagli oled da 48.

Alex Nemoto

Esatto. Per i film i pana. Sony per il processing. Il primo per malati che utilizzano quasi esclusivamente ultra bluray 4k, ma anche bluray normali. Sony per tutto il resto: streaming, segnali molto compressi e TV normale (fino ad oggi).
Ma per come la vedo io, per sorgenti più scadenti preferisco usare un banale Qled da 600~700€ che perlomeno è bello luminoso.
Poi, ovviamente, ad ognuno il suo.
Comunque ben venga che sony possa surclassare tutti. MAGARI! La concorrenza spietata non è che un bene per noi.

Francesco Zerbini

O.T. Ho il Sony AG9 e deve arrivarmi ancora Apple TV, qualcuno con il mio stesso problema?

Lukinho

L'unica cosa dei Panasonic è l'interfaccia smart che non è all'altezza. Per il resto, è top.

Ho un Panasonic da 10 anni e mi piangerà il cuore quando lo dismetteró...

S8C BLOG

Nicola scusami avrei bisogno di un chiarimento sui metadati dinamici: se leggo sulla pagina wikiepdia sull'hdmi leggo che "Dynamic HDR metadata (SMPTE ST 2094)" è presente solo con hdmi 2.1... questa codifica però non comprende anche il dolby vision oltre ad hdr10+? Questo significa che per godere davvero appieno del dolby vision è necessario sempre hdmi 2.1?

S8C BLOG

ciao, guarda sento leggere abbastanza male dei led lg pur avendo l'interfaccia valida... lato visione credo che tra i led i vertici di sony e di samsung siano quelli da preferire...come visione solamente forse tra i due brand samsung, come supporto nel tempo e forse compatibilità ed interattività, grazie ad android tv, sony

S8C BLOG

da quello che ho sentito e letto mi sentirei di essere anche io di questo avviso...sony forse nella gestione del moto è migliore nel senso che l'immagine in movimento sul sony è più nitida, mentre credo che panasonic si vanti fedeltà cromatica e gestione della luminosità superiore, infatti ho sentito consigliare il sony per chi guarda lo sport e il panasonic per i film generalmente (pur essendo consigliati entrambi in senso assoluto)

Recensione Samsung Galaxy S21: una bella conferma

Recensione Samsung Galaxy S21 Ultra: convince praticamente su tutto

Samsung Galaxy S21 e S21 Ultra: Live Unboxing e prime impressioni | Replay

Galaxy S21, variante Plus e Ultra ufficiali: caratteristiche, immagini e prezzi Italia