TIM, Vodafone e Fastweb, un flop il ricorso al Tar per pubblicità ingannevole

07 Dicembre 2022 29

Nella primavera del 2018 l'AGCM sanzionò TIM, Vodafone e Fastweb per importi compresi tra i 4,4 e i 4,8 milioni di euro (ciascuna). I tre presentarono appello al Tar del Lazio, sostenendo di non aver messo in atto alcuna pratica promozionale illecita sulle connessioni in fibra. Quattro anni più tardi dall'inizio della vicenda il Tar risponde confermando a tutti le sanzioni rimediate dall'AGCM.

Respinti dunque i ricorsi delle tre telco, che adesso sono costrette a saldare il conto con il passato. Il Garante della concorrenza e del mercato ravvisò che i messaggi promozionali su web, TV e affissioni enfatizzavano il raggiungimento delle massime prestazioni in termini di velocità e affidabilità della connessione, senza informare adeguatamente i consumatori sulle effettive caratteristiche della connessioni e dunque sulle limitazioni conseguenti, nonché le reali potenzialità del servizio in fibra offerto e i limiti geografici.

In altre parole, l'AGCM contestò l'utilizzo del termine generico "fibra" che serviva ad adombrare i dettagli sul collegamento alla rete. Inoltre nel pacchetto veniva offerta gratuitamente per un periodo di tempo limitato l'opzione tariffaria che dava diritto ad accedere a internet alla velocità pubblicizzata. Al termine del periodo promozionale, l'opzione andava pagata o disattivata.

Il Tar spiega nelle sentenze che l'AGCM era intervenuto correttamente "per reprimere una comunicazione commerciale che nella primissima fase (c.d. aggancio) si esternava in messaggi poco chiari e fuorvianti. [...] Né potrebbe scriminare la circostanza che, in un secondo momento, il consumatore potesse ottenere le necessarie informazioni per una scelta consapevole, atteso che si farebbe in tal modo gravare sull'utente un onere non dovuto". Da qui la conferma delle sanzioni.


29

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex

Purtroppo noi, ma dovrebbe pagarle il management che si vuole riempire di soldi

Alex

Hai ragione su tutto ma questo non permette alle aziende di fare ste porcate, no? Dovrebbe chiaramente pagare il management, non l'operaio che si fa il mazzo

L0RE15

Esatto. C'è il reale dubbio che non vengano pagate e tra condoni, prescrizioni,lentezza della Giustizia e mille altri fattori, riescano anche a non pagarle, pagarle molto più basse e, magari, in comode rate a partire dal 2045.

MorgaNet

Vorrei ricordarvi che in queste aziende ci lavorano persone come me e voi e trovo stupido metterle in ginocchio (con multe fuori misura) che ricadranno a cascata sui dipendenti. Avrebbe molto più senso che la giustizia si muovesse in tempi più rapidi e che certe pubblicità venissero bloccate prima, magari con obbligo di ammenda pubblico con gli stessi mezzi con cui si è diffuso lo spot incriminato.

Hockey

Già. Poi chissà chi le paga...

Alex

Anche, un buon 15%

sk0rpi0n

4 milioni di euro...per loro sono noccioline. A quando multe più consone, incrementali se perpetrate ed in percentuale del fatturato?

italba

Sentire e capire non è la stessa cosa...

Tomas

Perché si avvalgono di studi legali amministrativi con i cd…

Andrebbero fatte in percentuale sul fatturato, vedi come passa la voglia

Strano di solito il Tar del Lazio è accomodante con le pretese degli operatori

Giulio

https://media1.giphy.com/me...

italba

"Quando e se", "mercato di libera concorrenza"... Povero ingenuo!

Giulio

"da me" in particolare direi di no, te l'assicuro.
Se ad altri va bene così, fatti loro.
Ripeto: mercato di libera concorrenza.
Abbaierò quando e se faranno cartello (come hanno fatto in passato le Big3)

italba

Bravo!I soldi li prenderanno dove gli viene più facile prenderli, quindi da te, hai poco da essere contento. Le campagne di marketing multimilionarie servono appunto per acchiappare i clienti, abbassare i prezzi convincerebbe solo quelli consapevoli ed in grado di fare i conti, e comunque non potrebbero competere con gli altri tipo Iliad che hanno costi molto minori

Squak9000

‘sti giochetti fruttano alle compagnie decine di milioni di euro… non penso vi sia nessun problema a pagarne 4 (probabilmente gia messi in conto da tempo)

Giulio

Intendi dire dai clienti tramite rimodulazioni?
Se si, meritano di avere delle uscite in portabilità da lasciarli secchi.
E' un mercato di concorrenza, si va dall'operatore che si ritiene più adatto alle proprie esigenze.
Se non lo si fa, guai a lamentarsi.
E comunque potrebbero prenderlo, che so, da tagli alla spesa corrente o da risparmi sulle campagne marketing (visto che pare siano poco ferrati in materia di etica e trasparenza)

Alex

Troppo basse queste multe, andrebbe aggiunto uno 0

Marco Revello

E adesso ci starebbe bene un processo per causa temeraria

italba

Indovina da dove (anzi, da chi) prenderanno i soldi della multa?

italba

Ma se Wind3 è stata l'unica a non essere condannata!

Abel

Cercassero di arginare sul nascere la rimodulazione fissa legata all'inflazione... È un furto che non si vedeva dai tempi Alibaba e i 40 ladroni...

Dario Prince

Cacciate i soldi e fate le offerte da 7 euro tutto illimitato, tutti no chi si e chi meno. I soldi prendeteli da chi pretende il 5g a loro potete sparargli anche 15-16€

pollopopo

ma fastweb è diventata solo wind/tre ?? avevo la sim per usare TIM in un modem quando vado in ferie in alcune zone, riprovando ho notato però che non va più su tim, zio caro...

Venom

Multe ridicole, guadagnano molto di più con le rimodulazioni. Viviamo davvero nella repubblica delle banane

Squak9000
Patrocinante in Cassazione

il sottoscritto fortunatamente non ha l'anello al naso, mi dispiace per wind3 che fa questi giochetti

Giulio

Scalda sempre il cuore leggere notizie simili.

Jotaro

Giustizia è fatta!

Abbiamo provato i nuovi Galaxy Z Fold4 e Z Flip4, ecco le novità! | VIDEO

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia