AGCM chiede agli operatori di dire la verità sulla FTTH a 2,5 Gbps

24 Giugno 2022 217

L'Antitrust (AGCM) è riuscita a convincere gli operatori a spiegare più chiaramente nelle offerte 2,5 Gbps che si tratta della somma delle velocità raggiungibili da più dispositivi connessi al router. Si chiama "moral suasion" e si potrebbe tradurre come persuasione morale. In sintesi si è ottenuto il risultato desiderato senza far scattare procedure sanzionatorie.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato esattamente ieri ha specificato che Iliad, Vodafone, Fastweb, Telecom Italia, Planetel e Unidata "non fornivano informazioni adeguate e corrette" in relazione alle offerte di connettività fibra (fino a) 2,5 Gigabit/s. Secondo l'Autorità mancavano le chiare indicazioni o le informazioni corrette per raggiungere tali prestazioni.

In particolare, non veniva adeguatamente specificato che la velocità massima è da intendersi come somma delle velocità di più apparati connessi alle diverse porte del router e/o connessi tramite Wi-Fi, oppure, in caso di collegamento Wi-Fi, raggiungibile solo attraverso dispositivi abilitati di ultimissima generazione, si legge nella nota ufficiale.

Il risultato di questa pressione è che gli operatori residenziali che offrono prestazioni a 2,5 Gigabit/s adesso hanno modificato la grafica e aggiunto le informazioni adeguate. Scrivono ad esempio che i 2,5 Gigabit/s sono "suddivisi tra Wi-Fi e porte Ethernet", la velocità "non è raggiungibile con un singolo dispositivo" e che "sommando la velocità delle porte ethernet e/o del Wi-Fi si raggiunge la velocità massima di 2,5 Gigabit/s", oppure che bisogna impiegare dispositivi con Wi-Fi avanzato (Wi-Fi 6, ndr).

In sintesi secondo l'Agcm la trasparenza ottenuta può contribuire a far comprendere ai consumatori le caratteristiche e le effettive prestazioni delle offerte di connessione internet in fibra, "con riferimento a una delle variabili di scelta più rilevanti, qual è la velocità di navigazione".

IL COMMENTO

Quanto avvenuto dovrebbe far riflettere su molti fronti. Il primo è che gli operatori hanno accolto l'indicazione senza fare resistenza; una resistenza che in passato è stata scatenata sempre e a prescindere anche per questioni indifendibili. Ricordate la fatturazione a 28 giorni? Sapevano che sarebbero stati costretti a cambiare ma comunque molti hanno sfruttato cavilli e sotterfugi per rimandare. La sensazione è che il clima sia un po' cambiato o forse che abbiano compreso che la battaglia per perdere tempo danneggia l'immagine.

Un altro tema è quello del fronte spaccato. Iliad per gli operatori leader di mercato non è ancora un problema di quote bensì di marketing e comunicazione. Quando ha lanciato la sua offerta residenziale a 5 Gbps è stata l'unica a puntualizzare che si trattava di una velocità complessiva. Pur agendo in questo modo l'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria ha richiesto delle modifiche nella comunicazione delle caratteristiche tecniche perché sarebbero potute essere "complicate da comprendere per i consumatori". Dopodiché vi è stata una correzione ed è evidente che tutto ciò che tende a migliorare la trasparenza è benvenuto. Anche questa ulteriore azione di spigolatura dell'AGCM nei suoi confronti. 

Però la vicenda fa sorridere perché poco prima di questo lancio nessuno si era mai preoccupato di andare a fare le pulci alle offerte da 2,5 Gbps. Al solito gli utenti più scafati hanno sempre saputo che non erano velocità raggiungibili; la maggioranza no. Gli operatori sull'argomento sono sempre stati vaghi. E così si è giunti all'azione del Garante.

Tecnicamente, come ci aveva raccontato AVM, i router di nuova generazione potrebbero integrare una porta ethernet da 2,5 Gbps senza grandi effetti collaterali sui prezzi di listino. Ma questo oggi non avviene perché probabilmente ci vorrebbe un'azione di concerto con gli operatori, perché una nuova linea ad altissime prestazioni avrebbe senso in configurazione modem-router, non solo router.

Per quanto riguarda il wireless è quasi impossibile che con il Wi-Fi 6 si possano raggiungere velocità così elevate. Ma non tanto perché i router non ce la fanno, ma perché normalmente i dispositivi consumer da collegare non hanno configurazioni di antenne MIMO adeguate. Basta dare un'occhiata alle caratteristiche tecniche di router, smartphone, schede Wi-Fi, etc. Qualcosa potrebbe cambiare forse tra un anno e mezzo con l'avvento sul mercato dei primi prodotti Wi-Fi 6e, uno standard che promette prestazioni analoghe al 5G.

Il consiglio finale è di guardare al racconto degli operatori come si assiste a quello della pubblicità. Quindi con un po' di distacco e non troppe aspettative. Certo, devono rispettare più paletti rispetto a uno spot televisivo o un cartellone pubblicitario ma ciò che conta realmente spesso è in secondo piano. Anzi adottate una regola: la dimensione dei caratteri è inversamente proporzionale alla loro importanza. Quindi nell'ordine guardate le cifre, le descrizioni, le note a più pagina e poi i contratti che per obbligo devono sempre rendere reperibili sul sito ufficiale. 


217

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Squak9000
Riccardo Revilant

Già....vedo che hai afferrato il concetto...nella moltitudine si annida la medioctirà eanche peggio, l'inettitudine. Con quella andiamo avanti da decenni e si vede.
L'alternativa è il problema...sembra anche qui che ci tocchi per forza scegliere il minore dei mali...e così si procede in questo paese cone in altri.
Il meno peggio e si spera in bene...e si vive male...amen.

LeoX

Serve. Sempre. E. Comunque.

I tempi e la tech avanzano rapidi, meglio avere tanta banda ora piuttosto che poca dopo.

Squak9000

per cosa?
che per vedere un film HDR 4K al massimo della risoluzione bastano ESAGERATAMENTE parlando 20mbs (ma proprio a dire tanto).

La questione è che non esiste SERVER che ti "spara" roba a quella velocità ma neanche lontanamente ad 1Gbs.

Like a virgin

Si effettivamente il ping altro lascia intuire giri strani per le dorsali / MUX

Like a virgin

dici che non basti un FRITZ!Box 7590 per domare la potenza della fibra di tiscali ?

Like a virgin

è tutto cablato a dovere

LeoX

Servono sempre e comunque, più banda, più velocità, serve sempre.

Squak9000

2,5 sono sufficienti per 20 persone...

Carlo Marini

D'accordissimo su tutto, a parte che, finalmente, dopo circa 3 mesi di utilizzo, sembra proprio che non ho più disconnessioni. Invece il ping è rimasto alto, sui 16-17 msec e per alcuni usi ciò può essere effettivamente fastidioso. So che anche l'IP condiviso, per chi gioca online, può dare problemi a seconda di quale parte di porte libere assegnate si hanno (quindi se si è nella prima fascia o in un'altra delle altre 3 che compongono il numero di porte totali): purtroppo penso che questo sarà risolto solo quando tutto il web passerà definitivamente a IPV6 da IPV4....allora non ci sarà più alcun problema di indirizzamento.

Carlo Marini

Volevo scrivere in alcuni ambiti, tipo per chi gioca online...

Carlo Marini

Nessun problema, figurati.

Carlo Marini

D'accordissimo su tutto, però, almeno per me, le disconnessioni dopo 4 mesi sono praticamente scomparse. Invece il ping alto (16-17 msec) è sempre lo stesso, e questo, in alcuni ambiti, può essere fastidioso.

Vespasianix
che ce dovete fare ci 2,5Gbs su un dispositivo?


Con una 2,5 ci servo me, il vicino è quella di sopra.

Diego 1

Perdi il WiFi e poi serve un mini ONT (modulo SFP) che supporti i 2.5 Gigabit

Belphagor

qualsiasi switch e router business sono adatti

Diego 1

Si ok ma sempre un convertitore esterno è, la fibra non entra nel router diretta questo era il concetto.

jacksp

P0rno in 7k in vr, machennnesai tuu

Dryblow

Cambia e come, la gbic non prevede un firmare che gestisce la conversione e non impegna un'asic.

Squak9000

bah... sicuramente è importante... ma ci sono almeno tanti altri aspetti che dovrebbero chiarire più importanti... come le rimodulazioni.

Diego 1

E quindi? il concetto non cambia.

Ergi Cela

Beh io ho sia 5g sullo smartphone con windtre con 200gb,sia i 10gb di tim con tim magnifica che farò l’offerta a giorni e poi mi acquisterò un router Wi-Fi 6E/Wi-Fi 7,però è brutta sta cosa perché c’è troppa disuguaglianza in tutta Italia

Dryblow

Sta parlando di una gbic che da sfp ad rj45, non c'entra niente l'ont che fa un altro mestiere

Dryblow

Ma sono degli Acess Point WiFi Cisco, quello sotto è il loro wireless controller

Diego 1

Questo chiedilo ad asus

Ma sta roba è un router? https://uploads.disquscdn.c... https://uploads.disquscdn.c...

Ergi Cela

Ma non ha senso però se riesce a gestire 1gb o 10gb perché non farli gestire anche i 2.5gb?

Ergi Cela

Io con iPhone 12 non ho mai toccato quelle velocità manco volendo

Felk

Anche di più negli speedtest...

Mario Rossi

scusami, avevo interpretato male

Mefistofele

Magari si sarà reso conto della figura di melma che ha fatto

Mefistofele

Ad esempio con uno di questi e wifi 5GHz. Ovviamente anche lo smartphone deve essere all'altezza https://uploads.disquscdn.c...

Diego 1

Ma quindi vedi che l'ONT giusto serve (mio primo messaggio) altrimenti come fai ad usare un modem tuo per sfruttare 2.5 gigabit su singolo dispositivo?

Mario Rossi

se serve un convertitore e' ovvio che non entri direttamente...

Diego 1

Cambi router ok, ma i cavi rimangono quelli

Diego 1

Quindi un ONT che è appunto un convertitore fibra-->ethernet
ed anche se intendi un media converter quindi fibra-->SFP-->ethernet
la fibra non entra diretta nel router comunque

Diego 1

No, quella porta SFP+ di quel router NON supporta i 2.5 Gigabit ma solo 1 o 10 gigabit (fino a prova contraria ovviamente).

pollopopo
pollopopo
Dario Perotti

Mi ricorda qualcuno si.

Dario Perotti

Ok forse sono stato un po’ troppo precipitoso nel giudizio.
Scusami.

Confermo, ho fatto le stesse prove in due diverse abitazioni e i 5Gbit si raggiungono senza grossi problemi, a patto di essere in possesso del giusto hardware. Le schede di rete da 10Gbit esistono comunque da anni (è sufficiente una scheda madre Asrock Taichi Ultimate per esempio e un router Asus top di gamma).

Resta inteso che, almeno per quanto mi riguarda, è nettamente meglio una FTTH da 1Gbit che pinga 1-2ms e ha IP statico non condiviso con massima stabilità della linea (zero disconnessioni). Iliad è tutto il contrario: ping "alto", IP condiviso e disconnessioni frequenti (random).

Iliad fornisce una connessione a 5Gbit e con una scheda di rete adeguata (sia lato PC che sul router) si possono spremere fino all'ultimo byte. Il rovescio della medaglia è un ping non proprio all'ultimo grido (per una FTTH) e l'IP condiviso (che da diversi grattacapi, per esempio nella gestione remota del sistema di sorveglianza ma anche nell'accesso a determinati server in cui quell'IP risulta bannato).

L'ONT viene dato obbligatoriamente (per legge) nel momento in cui il cliente sottoscrive l'abbonamento specificando di voler usufruire del proprio apparato e se la connessione è a 5Gbit va da se che anche l'ONT avrà l'uscita adeguata.

Ergi Cela

Asus rt-ax89x è un router che ha anche molte antenne e costa sui 400 euro,il punto è che la asus mette le porte da 10gb sui router medio/alta gamma e non sui router top di gamma che c’è ne sarebbe più bisogno oltre alla mancanza del Wi-Fi 6E

Carlo Marini

Certo che puoi chiedere: sono un ingegnere elettronico e, fra le altre cose, ho insegnato per decenni in corso di informatica sia di base che avanzati. E per quanto riguarda l'hardware, sarò immodesto, ma ritengo di avere una buona competenza, anche se effettivamente ora sono fuori dall'ambiente lavorativo da alcuni anni. Quando tornerò a casa dal mare potrò postare delle immagini per dimostrare quanto dico, e anche l'ottimizzazione che ho raggiunto con il bilanciamento delle 3 schede di rete: dopo l'avvio del PC lancio un programmino da linea di comando dove ho scelto, facendo varie prove, una priorità di contesa di 5 per la scheda da 2,5 Gbit e di 2 per le altre 2 schede. In effetti si usa un proxy e su questo vanno configurati gli altri software per il download, tipo IDM (Internet Download Manager) che è il principale ma anche altri tipi Filezilla per i siti FTP o 4kvideodownloader: tutti e 3 permettono di configurare un proxy. Certo, so bene che anche con una 200 Mbit si fa tutto, ma vuoi mettere la soddisfazione per essere riuscito a sfruttare al massimo la mia linea?A onor del vero devo dire che con il bilanciamento delle 3 schede non si ha la somma delle 3 bande, ma di meno, altrimenti sarei dovuto riuscire a superare i 4 Gbit, mentre mi fermo a 3,5-3,6 Gbit e solo con alcuni server (uptobox per esempio).Altri server mi castrano un po' nel download, ma comunque vado sempre a un'ottima velocità. E comunque, per concludere, sono assolutamente soddisfatto: non potrei chiedere di più.

Carlo Marini

Io invece ho potuto verificare: ho 3 PC a casa, il principale con la scheda da 2,5 Gbit (aggiunta da me), un vecchio PC desktop e un portatile ambedue con scheda da 1 Gigabit...ebbene speedtest lanciato in contemporanea su tutti e 3 con questi risultati in download: 2370 Mbit/sec, 950 Mbit/sec e 950Mbit/sec sugli altri due. Quello che promette Iliad è vero anche se poi altri Provider (Wind e Tim) gli hanno fatto la guerra per ovvi motivi commerciali...io li ho avuti ambedue e so perfettamente come vanno: non c'è confronto.

Ergi Cela

Nah non credo,sarebbe assurdo per un modello uscito 2 anni fa non avere il Wi-Fi 6,probabilmente il tuo dispositivo ha il Wi-Fi 6E con router Wi-Fi 6E che si aggancia alla banda a 6ghz per raggiungere quelle velocità se no è davvero impossibile

Mario Rossi

non lo conosco, mi dici il nome?

Ergi Cela

Ci sarebbe anche il router con una porta sfp da 10gb e una lan da 10gb sempre della asus,però non ha il wifi 6E oltre ad avere velocità più basse rispetto al router top di gamma

ALDream40K

iPhone 12 se non erro non ha il wifi6 ma il 5

Android

Scattare foto alle stelle con lo smartphone, ecco qualche consiglio utile!

Android

Recensione vivo X80 Pro: probabilmente il miglior camera phone Android del 2022

Alta definizione

Recensione Sony LinkBuds S: le cuffie TWS piccole e potenti

Android

Recensione Nothing Phone (1): buona la prima | Video