Elon Musk ha superato Bill Gates: è la seconda persona più ricca al mondo

24 Novembre 2020 311

Elon Musk ha superato Bill Gates nella classifica delle persone più ricche del mondo stilata da Bloomberg: il CEO di Tesla è salito al secondo posto, con un patrimonio stimato di 128 miliardi di dollari, e insegue da lontano Jeff Bezos, che rimane stabilmente in testa con 182 miliardi di dollari. La scorsa settimana Musk aveva superato Mark Zuckerberg, che era al terzo posto e che ora è finito al quinto, dietro l'uomo d'affari francese Bernard Arnault.

Si parla di quantità di denaro enormi: per avere un ordine di grandezza della ricchezza di queste persone rispetto alla famiglia americana media, ecco una impressionante visualizzazione grafica dei dati creata all'inizio di quest'anno, in cui ogni pixel rappresenta 1.000 dollari.

Quella di Musk è stata una scalata lampo, se si considera che all'inizio del 2020 era trentacinquesimo in classifica, e che da allora ha accresciuto il suo patrimonio di 100 miliardi di dollari. La volata è stata resa possibile soprattutto dalle azioni Tesla, che attualmente vale 500 miliardi di dollari: un aumento notevole, se si considera che aveva iniziato l'anno a meno di 100 miliardi.

Tesla Model Y

Secondo The Guardian, Tesla ha la capitalizzazione di mercato più alta di qualsiasi altra azienda automobilistica al mondo, pur producendo molti meno veicoli: si pensi che quest'anno prevede di produrre 500.000 auto, mentre ad esempio Toyota ne produrrà 10 milioni. Dunque una bella spinta è derivata a Musk da questo settore, dato che tre quarti del suo patrimonio netto è costituito da azioni Tesla.

Anche l'altra impresa di Musk, SpaceX, ha registrato un anno di successi: la scorsa settimana la società aerospaziale ha trasportato quattro astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale nella missione Crew1, a seguito della riuscita di Demo2, il primo volo con equipaggio diretto sulla ISS.

Bill Gates è rimasto in cima alla classifica del miliardari di Bloomberg fino a pochi anni fa, quando nel 2017 il suo posto è stato preso da Jeff Bezos. Il dato però va letto con attenzione: come fa notare Bloomberg, Gates probabilmente avrebbe un patrimonio molto più alto se non avesse dato così tanto in beneficenza, tra cui i 27 miliardi di dollari che ha elargito tramite la Bill & Melinda Gates Foundation a partire dal 2006, a riprova che non conta solo quanto si ha ma anche come lo si spende.

Melinda e Bill Gates

E mentre, appunto, Bill Gates, Warren Buffett e Mark Zuckerberg sono noti anche per le loro donazioni, Jeff Bezos è stato criticato per la sua scarsa generosità verso il prossimo: per fare un esempio, il CEO di Amazon è l'unico tra le cinque persone più ricche d'America a non aver firmato il Giving Pledge, ovvero il patto che impegna coloro che vi aderiscono a donare in beneficenza almeno metà del proprio patrimonio, in vita o dopo la morte; al contrario, la ex moglie MacKenzie Bezos ha aderito.

L'idea è partita proprio da Gates e Buffett nel 2010, e ha raccolto finora circa 210 adesioni da 23 Paesi e, siccome la maggior parte dei firmatari è miliardaria, le donazioni promesse sono ingenti. Finora, però, quasi nessuno dei partecipanti è riuscito nell'intento, anche perché il volume dei loro affari è praticamente raddoppiato nel giro di un decennio; le donazioni in generale sono al centro di un dibattito pubblico perché in molti Paesi sono deducibili dalle tasse, e quindi ciò andrebbe a discapito della collettività.


311

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
E K

Si se ricordo bene.

Zimidibidubilu

Nonsense.

Alessandro
Flow Flow il figlio dei fiori

Allora tu hai ragione a dire che VW fa schifo in tutto, soprattutto per il modo spregevole in cui si è comportata.
Però tesla nel 2019 ha consegnato 367,500 vetture, mentre Toyota più di 10,000,000!

Ora anche un cretino capirebbe se le 2 aziende hanno la stessa capitalizzazione in borsa, una delle 2 è una enorme e gigantesca bolla destinata ad esplodere male e a lasciare macerie tra gli investitori.

L'unico modo che tesla ha è quello di vendere più vetture.
Peccato che le auto più vendute sono quelle sotto i 30,000$ e tesla non ne possiede neanche una a listino manco con gli incentivi.

Tyler Durden

Be se tesla fa prodotti mediocri, allora dimmi due marchi che sono buoni o che non fanno prodotti mediocri, così come consiglio visto che fra pochi mesi mi scade il leasing e probabilmente cambierò auto e sinceramnete avevo puntato la model y, sempre che piaccia a mia moglie, altrimenti dovrò orientarmi su altre cose. Dai un consiglio. Grazie.

Tyler Durden

Beh complimenti allora.

Flow Flow il figlio dei fiori

Ma secondo te, una casa che inizia dal nulla a fare auto elettriche secondo te può superare nel mercato dell'auto gruppi come Toyota o GMC?....presentando prodotti che rispetto alle controparti dei gruppi più grossi non è che siano anni luce avanti?
Dai è ovvio che sono dei grandissimo venditori di sogni e Musk è evidentemente il più bravo di tutti.

Perché nessuno si tranne lui si sarebbe potuto permettere di salire così tanto in borsa presentando un prodotto che avrebbe visto la luce solo diversi anni dopo (parlo di model 3)

Flow Flow il figlio dei fiori

Non serve essere analisti o economisti per capire.
Cioè, Tesla ha superato a Gennaio i 190,121 miliardi di dollari di capitalizzazione, arrivando al primo posto e superando Toyota: 182,273 miliardi di dollari e Volkswagen: 71,963 miliardi di dollari.

Ora Tesla ha in commercio 5 o 6 modelli con un numero di vendite di poche migliaia contro i milioni di volumi del gruppo Toyota.
In più rispetto sempre a Toyota non ha neanche lontanamente le stesse fabbriche sia per numero che per capacità produttiva.

Ora come fa ad avere tutto questo capitale.
Di fatto da quando esiste è cresciuta esponenzialmente solo in borsa, come numeri è una caccola anche contro il gruppo Volkswagen che vende milioni di macchine l'anno.

Se non è una bolla destinata ad esplodere malissimo non so cosa lo possa essere.
Tesla è un'azienda che si basa solo ed esclusivamente sull'inseguimento dell'hype per nuove cose che non usciranno mai o che usciranno quando sarà troppo tardi per poterle definire innovative, il tutto condito poi da una qualità complessiva del prodotto abbastanza mediocre!

Flow Flow il figlio dei fiori

Assolutamente si!
Il più grande venditore di fuffa di tutti i tempi!

Riccardo sacchetti

Cercherò grazie. Ma, come scritto sotto, non prendo per assoluta verità tutto.

E K

Esempio 1:
l'inchiesta sull'edilizia a paragone con quella tedesca era una farsa assurda. Su quella tedesca hanno mentito in ogni virgola.

ice.man

ho lavorato nel settore automotive per anni, e di Tesla nell'azienda dove lavoravo ne hanno comprate (come compravano delle Porsche o delle Audi A8, pittusto ceh mercedes o Jaguar) per smontarle e analizzare le scelte costruttive (tipo di accoppiamenti, di cinemetismi, etc)

Riccardo sacchetti

Ovviamente sono diritti. Sono stato dipende per 16 anni, ora sono artigiano senza dipendenti. Inutili, i corsi di "formazione", perché non servono a nulla. Purtroppo per chi ti paga le ferie e le malattie sono un peso. Soprattutto se il dipendente ne approfitta pesantemente (un mio ex collega riusciva a fare circa 1 terzo di anno lavorativo, capisci che era un peso e non un plus). Anche da dipendente ho sempre sostenuto che il dipendente fosse troppo tutelato, ma è un'altro discorso. Per lo stipendio boh.. nei negozi della mia zona lo stipendio per 8 ore è di circa 1200/1300€. Ovviamente in base al livello e quant'altro. 8, o più ore, a 600€ forse nelle grandi città o nelle grandi catene. Ah, è vero che i Big dell'online ti pagano FORSE un po' di più, ma a che prezzo? Rapporto umano, anche col cliente, 0. Diventi un automa e impari 0. Uscito da lì come ti proponi? Che curriculum hai? Per il resto sono punti di vista.. per te è normale fare resi su resi, con tutto quello che si muove anche a livello di inquinamento. Per me no. Assolutamente. E ho 32 anni eh.. compro su Amazon da sempre e ancora prima su eBay. Ma avrò fatto forse una decina di resi e quasi sempre per difetti. Il fatto è che è impossibile offrire lo stesso servizio, o migliore, dei Big. Non lo sarà mai. Col passaggio dal cavallo all'automobile, chi campava coi primi si è reinventato. Oggi non ti reinventi proprio in nulla. Ma ripeto. Licenziati e prova. Vai. Io l'ho fatto 3 anni fa e ne sono contento.

Crash Nebula

Io non ho assolutamente detto che ne sarei capace. Dove l’hai letto?
Lo vedi qual è il tuo problema ? Giustifichi il negoziante in tutto e per tutto.
Corsi di formazione “INUTILI”,
FERIE, MALTTIA, questi sono DIRITTI di un lavoratore!!
Ti assicuro che in NESSUN CCNL c’è scritto che un commesso full time prende 600€, eppure vai in questi negozietti e chiedi al commesso quanto prende.
Anche il commesso deve mangiare, deve pagare le bollette, ha una famiglia da mandare avanti!
Per te lavora solo il negoziante!

“Se non ho più un negozio fisico dove provare, toccare con mano, valutare di persone un capo, una scarpa o altro, come lo acquisto? Con la speranza che mi vada bene o piaccia? Ma davvero?”

Vedi che non sai quello di cui parli? Ci sono le recensioni, c’è il diritto di reso, è qui che entrano in gioco i vantaggi di Amazon e co.
Acquisto un prodotto su Amazon, non soddisfa le mie aspettative? Faccio il reso.
Prendo un felpa su zalando, la misura che ho preso non veste come credevo? La rendo, hai 100 giorni per farlo.
Non sono io che faccio morire il settore, io acquisto dove conviene. Questo significa prezzi inferiori o anche uguali, e servizi superiori.
Un intero settore muore se non è più sostenibile. Se non è capace di modernizzarsi.
Se offri un servizio deve essere al livello degli altri, o una cosa diversa dagli altri, altrimenti c’è la competizione. Se non competi fallisci. Come tutti. Come in qualsiasi ambito.

Riccardo sacchetti

Non è che il tuo sia un discorso molto più sensato in effetti. Visto che tu ne saresti capace, domani vai e apri un negozio. Poi torni e racconti l'esperienza. Che sia online o canonico. Scegli tu. Intanto fai come la finanza, dai per scontato che il negoziante evada. Cosa comunque da dimostrare fino a prova contraria. (Immagino ti sia un normale dipendente). Beh, quei 600€ al mese diventano circa 1100/1200 per il titolare. Senza contare i corsi di formazione inutili e le varie ferie/malattia. Quindi, se il negozio è piccolo, ci sta eccome se oltre a fare il commesso fai anche qualche altro ruolo. Noni sembra aumiliante no? In ogni caso la paga è stabilita dai vari CCNL, non dal titolare. Gli youtubers c'entrano eccome. Se non ho più un negozio fisico dove provare, toccare con mano, valutare di persone un capo, una scarpa o altro, come lo acquisto? Con la speranza che mi vada bene o piaccia? Ma davvero?! I Sarri continuano ad esistere e continuano ad essere per persone con redditi ben diversi. Non sembra che siano falliti tutti con l'arrivo dei negozianti. I motivi che portano l'Italia ad arretrare non sono di certo i negozianti. Come per farla avanzare non ci pensano i big della rete. Io stesso compro su Amazon e affini, ma solo certi prodotti. Perché magari introvabili nei normali punti vendita o effettivamente con prezzi fuori dal normale. Ma far morire un intero settore con la convinzione che "sia il futuro" lo ritengo un errore enorme. Però vedo che è inutile. Vai e risparmia il più possibile (tra l'altro non su tutto, anzi). Poi vedremo tra una ventina d'anni come evolverà la cosa. Per ora rimane la mia opinione, inutile, contro la tua inutile allo stesso modo

Crash Nebula

Che minestrone di cose assurde hai fatto.
Se il negoziante vuole competere deve offrire gli stessi servizi. Non è capace? Allora chiude.
Non vedete solo la cosa dal punto di vista del “povero” negoziante, che evade le tasse e paga 600€ il commesso che fa anche il magazziniere, che fa anche lo scaffalista, che fa da solo cose per le quali servirebbero 4-5 persone.

Io lavoro per mangiare. Come il negoziante. Non me lo regalano i soldi. Devo spendere di più e avere meno per fare beneficenza o negoziante, così questo può pagare l’affitto del locale e le bollette?

Non capisco cosa c’entrano gli youtuber...
Allora a comprare gli abiti andiamo a farli fare su misura. Perché li acquisti nei negozi dove una maglia costa 5€?
Non pensi al sarto che non può competere perché deve pagare l’affitto, i materiali e quant’altro?

Questo è il motivo per il quale in Italia non si va avanti.
Non vi volete evolvere.
Voi vedete le cose VECCHIE come tesori da preservare.
Anche a discapito dell’evoluzione e del vostro coolo.

Riccardo sacchetti

Quindi al negoziante, che deve pagare affitti, bollette, tasse e oboli vari, aggiungiamo anche tutta la spedizione degli articoli e la gestione dei resi. Csì da far, magari, girare tantissimi soldi ma incassarne praticamente 0. Tanto se ci riescono Amazon and Co. ci deve riuscire anche Franco il salumiere. Quindi, per lo stesso discorso, per comprare abbigliamento, scarpe e altri articoli di tutti i giorni, mi affiderò agli youtuber che ne fanno la recensione? Ne prendo 10o 15 e poi rendo il superfluo. Chiaro.

Joey Tempest

Non credo le cose siano come le dipingi tu. Non so in base a cosa tu dica che la qualità Tesla sia scarsa, io anni fa avevo una daewoo nubira... e la qualità era scarsa in effetti. Tu hai avuto una tesla? Sei un analista economico o sei un operaio?

Anselmo

Ricapitolando, il Covid ha reso evidente una reale frattura esistente nella società italiana tra garantiti e non garantiti cosa di cui nella stampa si parla poco o niente, si preferisce scrivere evidenti bischerate, fare una narrazione dove i ricchi di solito stranieri sono sempre cinici sfruttatori dei poveri. Se poi questi ricchi si permettono pure di fare beneficenza, e la fanno pure bene, allora si che vengono costantemente calunniati vedi Bill Gates.
Ps scrivere che i ricchi sono diventati più ricchi grazie al covid non è fare reportage nè scrivere opinioni è proprio sparare balle populiste che tanti chiagni e fotti garantiti amano sentirsi raccontare.

talme94

Certo, sempre la solita idea del self-made man. Poi scopri che la maggior parte di loro potevano già vantare di un patrimonio inimmaginabile per i più, o comunque su uno che diventa miliardario ce ne sono 1 milione che non ce la fanno

Riccardo sacchetti

Beh sì, chiaro che non lo trovi. Cosa devono dirti? L'ovvio? Che chi era povero, l quasi, ora va alla Caritas e chi era ricco continua a comprare pro? Non è inchiesta, è cronaca.

Anselmo

In Italia si è ampliato di sicuro, pensionati, dipendenti pubblici para pubblici etc a stipendio pieno anche se a casa a in finto smartworking.
Privati dei settori ristorazione servizi alla persona partite iva etc hanno visto un crollo dei loro introiti e molti sono alla fame.
Quindi si, il divario tra garantiti e no in Italia si è ampliato molto e reso evidente, ma stai sicuro che questo su Report non lo trovi

Riccardo sacchetti

Ah ecco... Beh, in realtà non ha del tutto torto. Il divario sociale si è ampliato molto col covid. Cioè, io ho lavorato più quest'anno che lo scorso.

Anselmo

Sono anni che non seguo report, ricordo vagamente un ridicolo servizio sul cibo per animali, qualche settimana fa in compenso in prima pagina del Corriere della Sera ho letto il titolo di un articolo della Gabbanelli che recitava più o memo: con il Covid i ricchi sempre più ricchi.

Riccardo sacchetti

Tipo?

Anselmo

Basta aspettare che facciano un servizio su cose di cui hai un po' di competenza/conoscenza e verifichi direttamente.

Riccardo sacchetti

Ah non sapevo. Non che prenda tutto per oro colato, sia chiaro. Ma non mi sembrava tutta una parodia. Però può darsi eh..

Anselmo

Report è una parodia del giornalismo d'inchiesta.

Imprenditore leggendario.

Zimidibidubilu

Ah ecco, "cerca su google e troverai la verità rivelata.
Un trucchetto da quattro soldi.
Tu hai affermato una cosa e quindi sta a te dimostrarne la sua validità. Si chiama onere della prova e chi non lo ottempera dimostra solo di non sapere di cosa parla.
Inoltre marx e compagnianon li ho proprio npminati, io parlo di matematica elementare e di semplice logica.
Può un essere umano accumulare grandi ricchezze sol con il proprio lavoro, ovvero con la sua personale capacità di creare ricchezza? No.
Quindi l'accumulo di ricchezze di questo tipo è frutto del furto della creazione di ricchezze di altre persone.
Fine del discorso, non esiste altra possibilità.

Alessandro

si e mo mi metto a spiegare gratis a te che neanche conosco il perchè la filosofia di marx non risulta più esatta e perchè è ideologia passata, ma tutto bene? ma chi se ne frega che pensi che il mio commento non abbia valore, se ti incuriosisce cerca su google e trovi migliaia di risultati.

Riccardo sacchetti

Beh, una delle ultime puntate di report sembra così!

PositiveVibes
Elris

"Secondo TNW Bill Gates avrebbe almeno 330 milioni di azioni Microsoft, per un valore di 55 miliardi di dollari, e almeno il 4.3% del totale della compagnia. Questa non è una grande sorpresa." Che vuoi che siano!

Signor Rossi
Crash Nebula

Che non sia Amazon a mantenere l’economia italiana è ovvio. Utilizza gli stessi escamotage di tutte le multinazionali. Allo stesso modo però da da mangiare ai propri dipendenti, con stipendi che, diciamocelo, si sognerebbero in un negozio locale.
In Italia il modello commerciale di questi negozi è lo stesso da cinquant’anni.
Allora demonizziamo anche Lidl, Coop e tutte le grandi aziende che possono permettersi prezzi competitivi e servizi superiori al negozietto a conduzione familiare sotto casa.

Riccardo sacchetti

Si, si. Effettivamente hai ragione. Ma non è Amazon a mantenere l'economia italiana. Di sicuro non con le tasse. E nemmeno con gli stipendi. Tu guardi il tuo, non nel complesso. Il tessuto sociale viene ammazzato da Amazon, non aiutato.

Crash Nebula

Ma smettiamola con questa storia. Il mondo cambia e si evolve, bisogna essere competitivi.
Se il negozietto ti vende lo stesso prodotto al doppio del prezzo, non ha un servizio di spedizioni, e se torni a cambiare un prodotto malfunzionante ti manda a quel paese, è lui stesso che vuole impoverirsi.
Amazon offre vantaggi oggettivi. Quando acquisto non posso fare beneficenza, acquisto dove e come è meglio PER ME.

Simmi

Che piattaforma usi per fare trading? EToro?

darthrevanri

Sti gates?

Andrea

Non ho nulla contro le micro e le piccole imprese, però in un paese dove oltre il 90% sono appunto le micro e le piccole imprese è un paese destinato, prima o poi, a fallire secondo me. Forse a livello governativo dovrebbero creare delle leggi dove è vietato aprire aziende di così piccole dimensione, non so...

Signor Rossi
Signor Rossi
Let's be friends forever

"tutta gente piena di debiti"
Lo sai come funziona il bilanciamento tra asset e liability?

Giacomo Cecchin

Possono aprire loro un business come ha fatto lui, no?

Signor Rossi
Alexv

Sì ma aspetta prima che succeda, e poi ti crederai il perché.

talme94

Intanto ti consiglio di calmarti perchè il sangue alla testa non ti fa comprendere bene quello che ho scritto. Se noti ho parlato di patrimonio, non di soldi in banca.
Seconda cosa, c'è un po' di differenza tra le migliaia di piccole/medie imprese italiane e colossi più potenti di interi stati che non pagano nulla in tasse e, sì, rubando ricchezza alla povera gente.

Alexv

Ma, uno è libero di prendersi i rischi che vuole. Se gli piace barattare cambiali è un suo problema. L'importante è che in tempi di crisi, se finiscono a gambe all'aria, non ci rimettano tutti gli altri per salvare le loro aziende.

Zimidibidubilu

Mancano le tue argomentazioni. ops...
Lo sai vero che sono proprio i troll che si mettono a denigrare il prossimo senza uno straccio di argomentazione?
ops...
E certo che sono serio, questa è una questione della massima serietà perché in definitiva si tratta di rubare la vita degli altri. Se non èserio questo...
Si vede che sei stato punto sul vivo, visto che ti senti in dovere di attaccarmi senza essere in grado di argomentare alcunché.
Bene, così magari inizi a riflettere seriamente sulla questione invece di aderire ad una visione che non fa altro che sdoganare lo sfruttamento di altri esseri umani.

Android

Recensione Samsung Galaxy S21: una bella conferma

Games

200 ore a Night City

Android

Recensione Samsung Galaxy S21 Ultra: convince praticamente su tutto

Sicurezza

Telegram, Signal ma non solo: ecco le migliori app alternative a WhatsApp