Il successo è di Blue Origin, ma la vera vincitrice è Wally Funk | Editoriale

21 Luglio 2021 67

Con la riuscita della missione NS-16 da parte di Blue Origin si conclude la fase preliminare dei primi viaggi spaziali suborbitali con equipaggio. A metterci la faccia (e non solo) sono stati gli stessi creatori delle rispettive aziende aerospaziali, da un lato Richard Branson di Virgin Galactic che è salito a bordo del suo spazioplano VSS Unity l'11 luglio, dall'altro Jeff Bezos che ieri con la sua capsula RSS è stato in grado di sfrecciare a 106 km di altezza superando l'ambita Linea di Karman.

Una sfida aperta da Branson che per primo ha centrato l'obiettivo, scandita successivamente sui social dalle frecciatine di Blue Origin (noi abbiamo le finestre più grandi e siamo gli unici ad andare effettivamente nello spazio!) e culminata con il successo anche di quest'ultima.

Chi ha avuto il piacere di seguire con noi la diretta di ieri non avrà potuto fare a meno di notare l'atmosfera che si respirava, quella del tipico sogno americano che diventa realtà. I fratelli Bezos che si presentano con il cappello da Cow-Boy (del resto eravamo in Texas...), la scelta di una data carica di significato e legata a due tra i più grandi progressi della prima era spaziale, e poi gli altri due membri dell'equipaggio, Wally Funk e Oliver Daemen. Quest'ultimi sono stati rispettivamente la persona più anziana e la più giovane a diventare cosmonauti. Tutto studiato nei minimi dettagli, nulla di casuale (o quasi come vedremo a breve), e il successo di pubblico non può che confermare la bontà di queste scelte.

Non ci siamo fatti mancare nemmeno una piccola caduta di stile, quella di Jeff Bezos, che in conferenza stampa ha candidamente ringraziato tra i tanti anche gli acquirenti Amazon per aver "di fatto" sponsorizzato la missione. Non c'è di che Jeff, ti abbiamo pagato volentieri il viaggio!

Chi si aspettava di vedere qualcosa in più dei pochi minuti passati in microgravità è rimasto inizialmente deluso, ma il video è stato condiviso poche ore dopo da Blue Origin su Instagram. La sequenza è breve ma indubbiamente carica di significato: vediamo i componenti dell'equipaggio sganciarsi le cinture e passare poco meno di 2 minuti in condizione di microgravità, prima che un cicalino allerti tutti dell'imminente rientro e della necessità di riassicurarsi ai sedili.

Un'esperienza breve che Bezos ha definito come "la migliore della sua vita", opinione condivisa anche dagli altri membri, e come potrebbe essere altrimenti!

Oliver Daemen, il più giovane, ha potuto partecipare per un caso fortuito poiché il misterioso magnate che si era aggiudicato un costosissimo biglietto da 28 milioni di dollari ha deciso all'ultimo di abbandonare la missione "a causa di altri impegni imprescindibili". Si è quindi ripiegato sul secondo in ordine di offerta, un ricco finanziere olandese. Ma anche quest'ultimo ha pensato di lasciare l'onore a qualcun altro, suo figlio. Ed è così che il diciottenne Oliver si è guadagnato un posto a bordo che lo ha reso di fatto il più giovane astronauta della storia a superare la Linea di Karman.

Ma la vera vincitrice resta lei, la veterana Wally Funk che alla veneranda età di 82 anni ha dimostrato che i sogni possono diventare realtà, sempre! Lei che faceva parte del programma sperimentale Mercury 13, quando alla fine degli anni '50 si pensava che gli astronauti dovessero avere caratteristiche fisiche pressoché perfette per resistere all'accelerazione g di un razzo aerospaziale.

Da una parte c'erano i prestanti ragazzi del programma Mercury 7, tra questi anche Alan Shepard, il primo astronauta a effettuare un viaggio suborbitale a 186 km di altezza e il cui cognome ispirerà Bezos per il razzo New Shepard. E poi esisteva questo gruppo di ragazze coraggiose, che senza un briciolo di attenzione mediatica si prestò a un periodo di preparazione intenso, estremo, al limite della tortura.

Tutto il programma si basava sull'ipotesi che le donne, essendo più piccole, leggere e meno bisognose di ossigeno, potessero essere le candidate ideali per un viaggio nello spazio. Poi di punto in bianco il programma venne abbandonato e non mancarono le polemiche, soprattutto in seguito all'invio nello spazio nel 1963 della cosmonauta russa Valentina Tereshkova, la prima donna a raggiungere questo obiettivo.


Wally Funk era tra i membri del programma Mercury 13, al tempo aveva 23 anni ed era la più giovane. Fu una delle poche a superare le due fasi principali di test prima della cancellazione del programma, il suo sogno si frantumò contro scogli ideologici e burocratici che ebbero eco negli anni a venire, tanto da portare nel 1962 il caso all'analisi di una commissione speciale del governo per l'evidente rischio di discriminazione sessuale.

Ecco perché abbiamo dedicato a lei l'immagine in testata. Il coronamento del suo sogno è forse il più bel messaggio che rimane dell'avventura di Blue Origin, e il suo sorriso ne è la testimonianza migliore. Fra tutti è stata la più lucida, e quando i membri dell'equipaggio camminavano nervosamente nella sale pre-imbarco, con Jeff Bezos visibilmente agitato che ondeggiava il suo braccio destro avanti e indietro, lei non ha mai perso il suo sorriso.

REPLAY

Il meglio di OnePlus? OnePlus 9 Pro, in offerta oggi da Tecnosell a 780 euro oppure da Amazon a 839 euro.

67

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Andhaka

Magra consolazione che le hanno, in parte tolto. La FAA ha modificato le condizioni per il titolo di astronauta proprio il 20 Luglio, giorno del lancio, praticamente sottraendo le "ali" a Bezos.

Cheers

RomanRex

mai visto mare e spiaggia più brutti

pollopopo

considerato il costo che hanno speso questi signori con spacex partivano si facevano 4 o 5 giri del pianeta e riatterravano :P ...considera che un falcon costa circa 20k dollari al kg per la bassa orbita

pollopopo

costa anche decisamente meno

PaoloF

Considerando che fondamentalmente il computer è stato inventato da Alan Turing per far vincere agli alleati la guerra (che ne fosse cosciente o no non è che faccia differenza), meglio spendere un po' di soldi dei miliardari per andare nello spazio che mandare bombe a destra e sinistra (che già ce ne sono troppe sganciate in giro per il mondo). Se non avessimo mandato gli uomini sulla luna forse non avremmo nemmeno il microonde a casa..cosa ci inventeremo grazie ai viaggi spaziali non lo so ma tra 30 anni sarebbe bello scoprirlo (almeno per me)

comatrix

Ma infatti non ho parlato o mi sono riferito alla tecnologia, ma di durata effimera

comatrix
rimango comunque contento per la Funk che si è presa una piccola rivincita per il torto subito ai tempi

Appoggio la mozione seppur magra consolazione

stefanoc

Potremmo essere colleghi, ahimè.

Claudio M.

Grazie Renato per la tua bellissima perla di saggezza :) veramente.

Claudio M.

Se posso chiedere, tu in che ambito lavori? tanto per capire con chi o cosa sto parlando.

stefanoc

Il tuo ambito esiste anche grazie alla ricerca spaziale che sta trovando nuova vita grazie ad aziende private che costruiscono "giostre costose". Non si tratta di avere nozioni di astrofisica ma certi commenti me li aspetto dalle cassiere piuttosto che da informatici che vivono di progresso e tecnologia.

Claudio M.

appunto, non è il mio ambito, ho fatto un commento con tanto di (per me) mia opinione personale.
Pace.

Claudio M.

illuminami.

GinoK
I sogni possono diventare realtà, sempre!


Mai frase più falsa e superficiale.

Romu83

Quante cose sono una giostra costosa a questo mondo. Che commento è?
Di questa missione rimangono un sacco di aspetti positivi, aldilà della simpatia o meno degli attori coinvolti.
Rimane il fatto che un privato può pagarsi un biglietto ed andare nello spazio (dimenticando per un secondo il tecnicismo del termine).
Rimane il fatto che la tecnologia oggi permette di riportare a casa il vettore distruggendo i costi di gestione rispetto ad un tempo.
E poi amici... Quella gente non credo che sia partita a cuor molto leggero, quindi pionieri o no non sapevano se sarebbero tornati a casa interi.... A parte la signora di 82 anni tutti gli altri avrebbero avuto molto da perdere!!!!!
Non so quanti tra questi leoni da tastiera sarebbero partiti con loro.

piervittorio

Sì, certo, in questo senso hai ragione.
Forse allora in questo caso parlerei di strategia di marketing.
Anche se la forma fallica del razzo con modulo, sembra un po' maschilista comunque...

KeePeeR
Andhaka

Ni.

Oggi le condizioni per approvare una missione e i parametri di tolleranza che ne conseguono sono MOLTO più stringenti di un tempo e i rischi calcolati in modi molto, ma molto diversi.

Ovvio che i rischi sono comunque altissimi rispetto a farsi una passeggiata nel parco, ma in confronto alle missioni di Gagarin, Shepard e le Apollo? Tutto un altro modo di procedere.

Cheers

Andhaka

Infatti quello di Gagarin fu un volo orbitale, questo solo un lancio sub orbitale... scopi diversi alla fin fine.

Ma ammetto che definirli astronauti è ovviamente un mero tecnicismo che fa un po' ridere... rimango comunque contento per la Funk che si è presa una piccola rivincita per il torto subito ai tempi.

Di Bezos e delle sue illusioni mi frega poco.

Cheers

mmhoppure

si vabè ancora, stiamo qui a parlarne su un sito che non fa altro che aumentare il desiderio di cose inutili.

Tsaeb

Questi voli insensati però hanno portato alla realizzazione di razzi riutilizzabili che atterrano da soli, è comunque un passo avanti, certo non si dovranno fermare qui.

Tsaeb

Tra tutti comunque il progetto meno interessante è quello della Virgin Galactic. Gli altri almeno hanno un razzo riutilizzabile che torna a terra da solo, che potrebbe servire anche per missioni più importanti (e Space X già li usa per quello).

stefanoc

Non mi stupisco ormai, è un titolo che si prende tanta gente senza referenze.

Ibenfeldan

Ma davvero? Gesù...

stefanoc

Fortuna che sei un sistemista e consulente informatico...

Ibenfeldan

Qua non si tratta di essere scienziati, ma hai scritto una bella paccata di idi0zie. Per un lancio parabolico non c'è bisogno di razzi per il rientro in atmosfera, e non si fluttua nel vuoto, la Terra mantiene comunque il suo campo gravitazionale, non è che superata la linea di Karman improvvisamente non c'è più gravità, altrimenti la Luna, che è ben più lontana, non potrebbe rimanere agganciata.

Rotolo ad un foglio

Tocqueville, Marcuse, Pasolini, perfino in teatro con Gaber: In realtà il tema viene trattato da molto prima del film di Carpenter xD

Indurre a credere che le scelte non siamo condizionate ("decido io") è il raggiungimento di una campagna di manipolazione dei bisogni

Nico Ds

Perché allora si era in guerra, ora no.

mmhoppure

si ma non siamo su Essi vivono, sta cmq a noi decidere cosa vogliamo.

Rotolo ad un foglio

Promozioni inutili, campagne pubblicitarie martellanti, vocine stridule, messaggini frivoli grondandi di falsa felicità: e tu credi ancora di acquistare liberamente, senza condizionamenti, solo i beni di cui ha necessariamente bisogno? Ahahahahahahah

Come direbbe Carmelo Bene: "Siete acquistati: acquistate un c...o". E intanto lui se la passa sullo spazio a spese vostre, che vi arrabbattate 5 giorni su 7 per l'ultimo telefonino o l'innovativa scopa elettrica che aspira polvere come tutte le altre. Quando il consumismo avrà annientato anche l'ultima possibilità per la salvezza del pianeta, lui ha già pronta l'astronave per lasciarvi tutti qua xD

Francesco Renato

Non ho capito, se lo fa lo stato con i tuoi soldini di contribuente è una cosa seria, se lo fa un miliardario con i suoi soldini è una scemenza?

Francesco Renato

Caro Claudio, la vita è tutta una follia, se non lo capisci non te la godi.

Max Fremps

Cosi come lo era una volta infondo eh
Non tutti avevano la macchina o i soldi per spostarsi ecc e alla fine tutti compravano sempre nei negozi del paesino dove probabilmente c'era un solo alimentati un solo negozio di vestiti ecc
All'atto pratico cambiava poco per il cliente, sicuramente per i lavoratori si
Ma questo alla fine è un problema dei piccoli e basta, perchè i medi o multinazionali o grosse catene non hanno questo problema cosi accentuato dove spessissimo i prezzi sono piu bassi di amazon al 90%, il punto è che Amazon ha un assistenza,una garanzia e comodità che gli altri non hanno, amazon vince su queste categorie e non sui prezzi
Però queste categorie potrebbero averle anche gli altri ma se nessuno lo fa o ci prova, pochissime aziende ho visto tentar di avere questi servizi al top

Questo discorso vale ovviamente solo per Amazon, sulle altre multinazionali bisogna vedere altri aspetti ma ricordiamoci... ubi maior minor cessat

Claudio M.

gestita da nani che improvvisano canzoni per lavorare il cioccolato.

Claudio M.

Alla fine sono stati su una giostra ultracostosa della durata di 10 minuti che se fate il calcolo al secondo dell'investimento viene da piangere. Poi (per me) non sono stati nello spazio, altrimenti avebbero fluttuato nel vuoto senza più farne ritorno dato che la capsula non aveva razzi per il rientro in atmosfera, ripeto per me... non me ne frega nulla degli scenziati su questo blog, nel complesso mi sembra una cosa folle ed inutile.
Poi mi ha fatto ridere Umberto con la storia del complottismo e sui cambi di inquadratura, che effettivamente ci stava tutto, ahahahah

Aristarco

un novantenne nel corpo di un ragazzino....

Aristarco

loro no, ma i loro capi rischiano la testa, negli anni 60 c'era una cosina chiamata guerra fredda....ma si moriva realmente in giro per il mondo nonostante fosse "fredda", ogni mezzo era lecito...ora non è più così e fortunatamente la vita umana ha più valore, almeno per la maggior parte dei paesi occidentali

Luca Lindholm

La curvatura del geoide è sempre quella da sempre, eh… non è che cambi.

Luca Lindholm
Oggi sarebbe inaccettabile un centesimo del rischio che si assunse Gagarin.

E perché sarebbe oggi inaccettabile?
E perché allora, invece, lo era?

Se c’è un obiettivo aeronautico o aerospaziale da portare a termine per la gloria nazionale ed europea, i militari e gli astronauti devono ubbidire comunque; non è che si possano eliminare i rischi che qualcosa vada storto!

Aristarco

è possiede una fabbrica che produce cioccolato

Luca Lindholm

Beh, qualche giorno fa mi fecero notare come ormai le donne e gli uomini gareggino insieme nell’atletica leggera.

Tiziano Catini

D'accordo, e io voglio dire che è una scemenza ultrasonica.

Tiziano Catini

Missioni sulla terra, sullo spazio, LE ULTIME PUTTANATE DEL SECOLO, certo, questi ultramiliardari NON HANNO PROPRIO A CHE PENSARE....ma andate al diavolo voi e i vostri miliardi, spendeteli (se non sapete che farne) per qualcosa di veramente utile e serio, non queste scemenze.

Maicol.Mar

Curvatura? guarda che la Terra non curva, è piatta! XD

Maicol.Mar

"...rimane inaccettabile, Si deve migliorare soprattutto per il prezzo che costa."
Con tutto il rispetto per la tua opinione: non è che nessuno obbliga altri a comprare il biglietto. Se solo una decina di persone sono disposte a pagare Xmila dollari per 4 minuti falliranno, se saranno migliaia andranno avanti.
E' una impresa commerciale non un obbligo verso la popolazione mondiale!

Davvero non lo capisco questo modo di ragionare, se non ti va bene ci sta, se giudichi tutto sbagliato per i tuoi interessi sei a mio avviso in errore.

L'illuminato

ahgahaha ormai la verità è sessismo, le donne sono più deboli, punto.

sailand

Appunto, scopi promozionali o per dirla più brutalmente per farsi pubblicità. Più chiaro adesso?
La Nasa degli anni ‘60 era la rappresentazione della società di allora in usa: maschilista!
Ma oggi la privatissima società di bezos, che nulla a che fare con la nasa, ha tutto da guadagnare a rappresentare il viaggio come accessibile ad una donna molto anziana (ancora sessismo sotto sotto con il concetto donna = + debole) e ad attirare anziani ambosessi (perché giocarsi i soldi di ricche vecchie? Almeno vera parità dei sessi nello spillar soldi).

Miserabile

C'è poco da parlare, orari lavorativi, stipendi e modalità di lavoro sono stabilite nel contratto di lavoro che una persona può firmare oppure no. Sfruttamento è un'altra cosa.

piervittorio

In realtà ha una forte valenza simbolica: la Funk è una leggenda nell'aeronautica americana, e fu la più giovane tra le sole 13 donne superare, in un programma di studio parallelo, quegli stessi test psicofisici e di pilotaggio cui la NASA stava sottoponendo gli astronauti selezionati per il programma spaziale e per le missioni lunari, superando spesso i risultati degli uomini.
Nonostante l'eccellente preparazione delle donne, il programma venne sospeso, e ci vollero quasi vent'anni per rivendere una donna in un programma spaziale operativo, da cui nacquero molte accuse di sessismo.
Con questo volo, le è stato restituito quel sogno che le venne rubato sessant'anni fa, da una società che al tempo era molto maschilista.

piervittorio

Funk è il cognome, Wally è il diminutivo di Wallace (in realtà Mary Wallace), che è un nome ambosesso, negli USA.

Android

Motorola cala il tris: anteprima Edge 20, Edge 20 Pro e Lite

Recensione

Recensione Gigabyte GeForce RTX 3060 Gaming OC: ottima per giocare in FHD

Alta definizione

Nothing Ear (1): idea ottima ma non tutto è funzionale | (non) Recensione

HDMotori.it

Come nascono le batterie: viaggio in fabbrica con Askoll e la stanza segreta