Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Il numero di lanci orbitali ha raggiunto un nuovo record nel 2023

30 Novembre 2023 23

Il 2023 verrà ricordato per l'altissimo numero di lanci orbitali, maggiore rispetto a qualsiasi anno precedente e figlio di una tendenza al rialzo che si protrae negli ultimi cinque anni. Protagonisti sono soprattutto SpaceX e la Cina in generale, con quest'ultima che ha visto un'impennata della sua attività. Per avere un'idea della sola attività di SpaceX, il 22 novembre un razzo Falcon 9 ha lanciato un altro lotto di satelliti Starlink Internet da Cape Canaveral, in Florida. Si è trattato del 180° del 2023, superando il record di 179 lanci orbitali avvenuti con successo nell'arco di tutto il 2022.

L'attività di lancio è rimasta piuttosto stagnante a livello globale dopo la fine della Guerra Fredda, quando la Russia e, in misura minore, gli Stati Uniti, hanno ridotto i loro programmi spaziali militari. Per quasi 30 anni, il numero record di lanci orbitali in un anno solare è rimasto entro i 129, con questo numero stabilito nel 1984. Pensate che nel 2005 solo 52 razzi sono riusciti a raggiungere l'orbita.

Per veder sgretolare il record del 1984 bisogna arrivare al 2021, quando sono stati effettuati 135 lanci orbitali, diventati poi 179 nel 2022. Al 30 novembre del 2023 si è già riusciti a fare meglio, poiché sono già stati raggiunti 183 lanci, con la prospettiva di raggiungere almeno 200 entro la fine dell'anno. Certo, se si includono i due voli di prova del Starship di SpaceX (che di fatto non erano destinati ad andare in orbita) e gli altri test, ci sono stati almeno 11 tentativi di lancio quest'anno che non sono riusciti nell'obiettivo.

SpaceX è in testa con 87 lanci orbitali riusciti. eseguiti principalmente con Falcon 9 e in misura minore Falcon Heavy. Circa due terzi dei lanci dell'azienda di Elon Musk hanno trasportato satelliti Starlink nello spazio. Segue la Cina con il lancio di 54 missioni orbitali quest'anno: 53 successi e un fallimento. Chiude la Russia al terzo posto con 15 lanci orbitali.

SpaceX ha come obiettivo volare 12 volte al mese l'anno prossimo, il che darebbe alla società 144 lanci nel corso dell'anno, pertanto si supereranno con facilità i 200 lanci anche nel 2024. In effetti, i numeri potrebbero crescere ulteriormente sia tra le realtà di cui sopra, sia per l'ingresso di altri player.

SpaceX eseguirà altri test del razzo Starship, mentre in parallelo continuerà con l'attività di Falcon 9 e Falcon Heavy. La Cina prevede di lanciare grandi "megacostellazioni" di satelliti di telecomunicazioni e banda larga nei prossimi anni, pertanto dovebbe incrementare la sua attività

Non bisogna dimenticare che inizierà il massiccio dispiegamento dei satelliti Internet Kuiper di Amazon, il che contribuirà a gonfiare ancroa di più i numeri globali. Lo scorso mese la società di Bezos ha messo in orbita i suoi primi due satelliti di prova, ma ci sono in essere contratti per altri 76 lanci commerciali: 46 con United Launch Alliance per missioni Vulcan e Atlas V, 18 con Arianespace per razzi Ariane 6, altre 12 missioni New Glenn prenotate con Blue Origin, oltre ad alcuni contratti opzionali per un totale di ulteriori 15 lanci.

Tutto ciò ci porta a sollevare una questione, ossia la quantità di materiale che viene immessa in orbita e che inevitabilmente un giorno potrebbe diventare inquinamento. BryceTech, una società di analisi e ricerca focalizzata sull'industria spaziale, ha riferito che tutti i lanci mondiali hanno portato in orbita più di 1.000 tonnellate di materiale del carico solamente dal 1° gennaio al 30 settembre 2023. Più dell'80% di questo quantitativo è stato lanciato da SpaceX, principalmente per popolare la rete Starlink con più satelliti. La Cina si trova al secondo posto ma decisamente al di sotto di SpaceX, con le sue 80 tonnellate di materiale orbitale, ma è piuttosto sicuro che le cose potrebbero peggiorare nei prossimi anni.


23

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Luke

Non inquinano questi lanci, vero?

Dante Lanzinetti (*_^)

Ha copiato quelli di Hamas. Ho capito.

T. P.

più lanci oggi, più spazzatura domani...

uncletoma

deltaplano

Federico

Si Maurizio, però va anche detto che tutto l'allarmismo suscitato dal lancio dei 5B appare infondato, dal momento che ogni rientro è avvenuto esattamente nel punto previsto da Pechino.
Quanto alle immagini, ce ne sono di molto peggiori relative sia al programma Shuttle che alle missioni private attuali.
Ripeto, si tratta di una tecnologia intrinsecamente pericolosa, quindi o smettiamo di sparare roba fuori dall' atmosfera o accettiamo che ogni tanto qualcuno ci rimetta la pelle.

Maurizio Mugelli

diciamo che in cina sono molto meno propensi a guarantire la sicurezza dei propri lanci, ad esempio uno dei loro principali siti di lancio non punta verso il mare aperto ma verso zone abitate - questo risale a tre anni fa www youtube com/watch?v=VFyFpo3iTqc - far ricadere boosters nell'entroterra e' la norma, non un incidente.

Federico

Sono poco propenso a tenere conto del numero di morti, se lo facessimo dovremmo giudicare i programmi spaziali russi ed americani come vere e proprie macchine di morte.
È una tecnologia intrinsecamente pericolosa, quindi gli effetti collaterali sono inevitabili.

Dante Lanzinetti (*_^)

Non è sceso al volo spero! :D

Federico

Ho trovato da solo la risposta: al 2021 i lanci del Lunga Marcia erano 400.
Adesso saremo forse vicini ai 500 lanci.
Beh direi che 19 fallimenti significano poco peggio del 100% di successo, tanto più che sono incluse tecnologie vecchissime che nulla hanno a che fare con quelle attuali.

Maurizio Mugelli

On 29 January 1984, the maiden launch of the Long March 3 failed to reach geostationary transfer orbit.

On 28 December 1991, the Long March 3 failed to deploy DFH-2A-4 (ChinaSat 4) into geostationary transfer orbit.

On 21 December 1992, the Long March 2E experienced a structural failure of the payload fairing, destroying the Optus B2 communications satellite. The satellite's debris reached the correct orbit.

On 28 November 1995, the Long March 2E damaged AsiaSat 2 by subjecting it to excessive forces during the launch. The satellite was unable to broadcast to its full coverage area.

On 18 August 1996, the Long March 3 failed to deploy ChinaSat 7 into geostationary transfer orbit.

On 31 August 2009, the Long March 3B failed to deploy Palapa-D into geostationary transfer orbit. The satellite reached the intended orbit with its own propulsion system.

On 28 December 2016, the Long March 2D failed to deploy the payloads into Sun-synchronous orbit.
The primary payloads reached the correct orbit with their own
propulsion systems, but the secondary payload had no propulsion system
and reentered two months later.

On 18 June 2017, the Long March 3B failed to deploy ChinaSat 9A into geostationary transfer orbit. The satellite maneuvered 10 times over a one-month period to reach the correct orbit.

On 5 November 1974, the Long March 2 lost control during its maiden launch.

On 25 January 1995, the Long March 2E experienced another structural failure in the payload fairing, destroying the Apstar 2 communications satellite.

On 14 February 1996, the Long March 3B lost its guidance platform and veered off course, hitting a nearby village and killing at least 6 people.

On 18 August 2011, the Long March 2C lost attitude control.

On 9 December 2013, the Long March 4B experienced an early shutdown of its third stage and failed to reach orbit.

On 31 August 2016, the Long March 4C failed to reach orbit.

On 2 July 2017, the Long March 5 experienced an anomaly in its first stage and failed to reach orbit.

On 22 May 2019, the Long March 4C failed to reach orbit due to a problem with its third stage.

On 16 March 2020, the first Long March 7A failed to reach orbit.

On 9 April 2020, the Long March 3B failed to reach orbit with the Palapa-N1 (Nusantara Dua) satellite due to third stage failure

Federico
Federico

Grazie Maurizio, credevo molto meno.
Curiosità, 19 su un totale di quanti e su che periodo?
Se non vado errato tutti i vettori cinesi sono denominati allo stesso modo, quindi 19 potrebbero rappresentare una percentuale notevole o, visto l'impressionante numero di lanci per anno, anche prossima allo zero.

mister x

poi ha chiesto di poter tornare col razzo facendo una fermata sopra casa sua.

Maurizio Mugelli

se ci si limita alla serie "long march" conto 19 lanci falliti, non contando quelli annullati prima del lancio su 54 totali.

Dante Lanzinetti (*_^)

Io sapevo anche di più.

Dante Lanzinetti (*_^)

Ecco dove doveva andare così di fretta Lollobrigida.

icos
Segue la Cina con il lancio di 54 missioni orbitali quest'anno: 53 successi e un fallimento

No... Magari il prossimo anno.

mister x

hanno piantato un albero vicino la torre di lancio

L'illuminato

Ma la c02 ???

Federico

Se per europeo intendi anche russo, allora sì.
Se invece limiti alla sola UE, beh allora... con quali capitali?
Quello è un gioco costoso.

Federico

Se non vado errato la Cina ha una percentuale di successo tipo del 100%

Gin Sonic

Non fanno più i razzi elettrici di una volta.

Sig. Stroboscopico

Ed Europa completamente al palo nella corsa allo spazio...
E complimenti a Starlink. Una capacità veramente impressionante di creare un nuovo business.
Kuiper... boh... chissà se ce la faranno.
Arrivare dietro Starlink, Cinesi e forse qualcosa di europeo?

HDMotori.it

Dacia Spring 2024: l'anteprima del restyling, esterni e interni | Video

Games

Xbox, svelate 4 esclusive in arrivo su piattaforme concorrenti

Alta definizione

Recensione Fujifilm X100VI: la regina delle compatte è tornata | VIDEO

Windows

Abbiamo rifatto la nostra workstation, ora è tutta ASUS ProArt!