Stangata per Starlink: la FCC boccia il piano per le zone rurali

12 Agosto 2022 63

Le promesse di Starlink non hanno convinto la FCC, la quale ha rigettato il piano di sfruttare l'infrastruttura della rete satellitare di Elon Musk pensato per connettere le zone rurali degli Stati Uniti.

La proposta era emersa a fine luglio e nelle ultime ore è arrivata la secca bocciatura all'iniziativa da parte della FCC, la quale ritiene che quanto promesso dall'azienda sia irrealistico. In pratica viene contestato ogni aspetto della proposta di Starlink, a partire dalle velocità di connessione (si parlava di 100 Mbps in download e 20 in upload), definite ben più elevate di quelle che è in grado di fornire il servizio (un rapporto di Ookla conferma il calo delle prestazioni della rete negli ultimi mesi).

La FCC è stata particolarmente critica anche riguardo il piano di copertura in sé, dal momento che la proposta di Starlink appare irrealistica e basata su premesse troppo ottimiste. È chiaro quindi che la FCC vede la seria possibilità che il piano dell'azienda di Musk possa subire ritardi o un risultato finale al di sotto delle aspettative, motivo per cui non ha voluto dare il via libera al progetto.

L'espansione di Starlink avrebbe dovuto essere finanziata con il Rural Digital Opportunity Fund, grazie ad un finanziamento di 885,5 milioni di dollari, ma sembra che per il momento la questione sia decaduta. Resta da capire se Starlink avrà la possibilità di presentare un nuovo piano più in linea con le aspettative della FCC o meno.


63

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
PuckBeastOfTheEnd

- I razzi recuperabili (visto che quelli SpaceX recuperano solo una parte) già erano adottati per i booster degli shuttle
- prima di Tesla andavano di moda le Prius e cmq macchine elettriche ne hanno fatti per anni sia prototipi che piccole serie
- l'uomo su Marte ancora non esiste

Francesco Renato

Motorola ha avuto bisogno di liquidità subito dopo il dissesto del consorzio, tant'è che già nel 2003 scorporò e vendette la divisione semiconduttori, la cronica carenza di liquidità ha portato la mancanza di sviluppo di nuovi modelli di telefonini con conseguente perdita di competitività e resa finale, fine ingloriosa di un marchio che aveva rappresentato il massimo in materia di telefonia mobile, non era un semplice problema di costo del lavoro perché la manifattura poteva essere collocata in Cina, come già aveva fatto Apple, era invece un problema di debiti da pagare, da qui la decisione di vendere per pagare i debiti.

piervittorio

Quindi mi stai dicendo che Motorola avrebbe avuto bisogno di liquidità 12 anni dopo il fallimento del consorzio Iridium (che non è fallito ma andato in chapter 11), nonostante nessun analista finanziario se n'è accorto, mentre si erano accorti (giustamente) che i cinesi avrebbero dominato il mercato dell'hardware (motivo per cui negli stessi anni anche TI vendette la divisione notebook ad Acer, ed IBM la sua divisione hardware a Lenovo, e così fecero tutte le aziende occidentali produttrici di hw)?
Azzo, ma se che giornali prendi le tue informazioni?
Su Novella 2000?
La stessa che raccontava che i telefoni satellitari avrebbero ricevuto al chiuso?

Francesco Renato

La vendita è avvenuta nel 2011 ma la decadenza è cominciata nel 2000 quando Motorola ha subito la perdita secca del fallimento Iridium e si è trovata a corto di liquidità con conseguente impossibilità di finanziare adeguatamente ricerca e sviluppo della divisione mobile. Per quanto riguarda l'illusione che i telefonini satellitari Motorola potessero ricevere anche al chiuso vai a leggere i giornali dell'epoca (1999-2000).

piervittorio

Ribadisco, non c'è MAI stata tale illusione, e Motorola non è certo fallita, nè per Iridium, nè per altro: semmai, ben DODICI anni dopo il concordato del Consorzio Iridium ha scorporato e venduto (nel 2011!) la divisione telefonia mobile (come hanno fatto Ericsson e Nokia, gli storici concorrenti di Motorola) ai cinesi di Lenovo, mantenendo il core business nei servizi di telecomunicazione, ovvero la Motorola Solutions, che fattura otto MILIARDI di dollari e impiega 18.000 persone nel mondo, rimanendo americana, nella stessa sede a Chicago che occupa da mezzo secolo...
Sei molto confuso

Veronika

Che è comunque meno degli 80 milioni dei Soyuz. Saresti così cortese da rispondere alla domanda che ti ho posto nei commenti sopra?

Francesco Renato

La tua conclusione è ovvia, nessun satellitare funziona al chiuso, ma non è di questo che si sta discutendo, bensì della illusione che il satellitare Iridium potesse funzionare anche al chiuso, una illusione che è costata il fallimento del consorzio Iridium e della stessa Motorola, ora in mano ai cinesi.

piervittorio

Io Iridium ce l'ho (oltretutto con antenna fissa pilot esterna e centralina interna con tre linee fonia ed una dati, ovvero il loro sisyema professionale top di gamma) e lo uso da oltre un decennio, e senza il fix gps non si connette, quindi non venirmi a spiegare come funziona.
Così come prima ancora avevo Thuraya ed Inmarsat BGAN, e appena disponibile avrò Starlink Marine.
Che poi l'utilizzo di satelliti LEO comporti latenze minori e banda maggiore, è una assoluta ovvietà, ma non c'entra minimamente nulla col fatto che SEMPRE E COMUNQUE qualsiasi segnale satellitare comporti una antenna che non abbia ostacoli, ovvero che "veda" fisicamente i satelliti, altrimenti il sistema va in errore LOS (line of sight) che appunto segnala un ostacolo tra l'antenna ed il satellite.
Quindi, te lo ribadisco, nessun satellitare, tranne globalstar e thuraya (che si avvalgono delle normali linee cellulari quando c'è segnale) funzionano al chiuso.
Di questo si sta discutendo.

Francesco Renato

Il tuo errore basico è appunto quello di credere che la distanza non conti nulla, invece è fondamentale, è per questo che i satelliti Iridium sono posizionati in orbita bassa, con tutti i problemi tecnici e i costi che questa scelta comporta, la distanza ridotta consente infatti di collegarsi con una piccola antenna e di avere risposta praticamente in tempo reale. Iridium non richiede la tua posizione GPS per funzionare, naturalmente nulla impedisce al tuo telefonino di collegarsi al GPS per far funzionare i servizi di soccorso.

piervittorio

Perché Iridium prima di poterti connettere vuole la posizione GPS, quindi senza quella niente connessione, secondariamente perché la distanza non c'entra nulla, nemmeno Starlink (i cui satelliti sono a 500km...) se gli copri l'antenna con molto meno che un tetto (vedasi gatto che ci si accovaccia sopra) non funziona.
Nessun servizio satellitare ha una potenza sufficiente per superare un ostacolo fisico, ed alcuni sistemi (vedasi KVH) sono già in difficoltà se c'è una forte copertura nuvolosa, figuriamoci un ostacolo fisico.

stefano passa

veramente il lancio di un falcon 9 costa 67 mln
https://www.spacex.com/medi...
adesso non riesco a trovarlo ma il lncio di un falcon spendibile costava meno di uno riutilizzabile

Francesco Renato

Le "fesserie" le ho lette sui giornali dell'epoca, non capisco come fai ad equiparare il GPS ad IRIDIUM dato che i satelliti GPS sono a 20.000 km di altezza e quelli IRIDIUM a soli 780 km!

piervittorio

Ma va là...
Chi te le ha mai raccontate queste fesserie?
Sono utente Iridium fin da allora (attualmente in barca ho un sistema Iridium Pilot con tre linee telefoniche fisse ed una linea dati) e NESSUNO ha mai proposto né tantomeno si aspettava un sistema che funzionasse all'interno (sarebbe stata una aspettativa da analfabeti funzionali, dato che se all'interno non prende il GPS, come potrebbe addirittura il terminale connettersi)?
Il progetto fallì perché fu pensato negli anni 80, agli albori della telefonia mobile, e a quel tempo il livello di servizio pianificato sembrava adeguato.
Ma 12 anni dopo, quando la costellazione fu finalmente in orbita, la rete cellulare a terra aveva fatto passi da gigante, ed Iridium con i suoi 2.4kbps e telefonate a 10-20 dollari al minuto era obsoleto, e soprattutto non offriva grandi vantaggi rispetto ai satelliti geostazionari Inmarsat, che nel frattempo coprivano tutta la superficie terrestre, poli esclusi, con pochi satelliti, offrendo prestazioni migliori e costi inferiori.
Tutto lì.

Francesco Renato

No, mi riferivo proprio al consorzio Iridium capeggiato da Motorola, i ricevitori, come dici tu, hanno funzionato solo all'aperto ma l'aspettativa di Motorola e clienti era che funzionassero anche al chiuso, fu proprio per questa delusione che l'obiettivo di un milione di abbonati non venne raggiunto con conseguente dissesto economico.

Veronika

Perché tu lo sappia, è scortese ignorare le domande che ti vengono poste.
Lanciatore russo Sojuz 2
Costo per lancio US$ 80 million (Arianespace), US$ 35-48,5 million (Roscosmos)
Falcon 9
27 milioni di dollari
Con inoltre la differenza che il Sojuz 2.1b riesce a trasportare in orbita LEO 8 200 kg mentre il Falcon 9, sempre in orbita LEO, 9500 kg. Fino a prova contraria è decisamente più conveniente un Falcon 9 rispetto all'attuale lanciatore non riutilizzabile con il maggior numero di lanci ed ancora in servizio

piervittorio

Veramente con gli attuali vettori spedisce in orbita 53 satelliti 1.5 ogni lancio, e pesano 295 kg cad.
Ovvero, potrebbe già lanciare con gli attuali vettori una dozzina di satelliti 2.0 per lancio.

piervittorio

No, Iridium ha sempre funzionato solo all'aperto, come ogni altro ricevitore satellitare, che sia telefonia, GPS o televisivo.
Quello cui tu fai riferimento era Globalstar, che era un sistema ibrido, satellitare + cellulare.

Migliorate Apple music

La caratteristica principale dei satelliti 2.0 al momento è il fatto che non possono essere lanciati. Musk può presentare quello che vuole, ma finché non risolve con starship porterà avanti soltanto marketing che non può coprire i rallentamenti che stanno avendo.

Migliorate Apple music

Alla FCC sanno che stanno parlando con qualcuno che per ora si trova in serie difficoltà con il suo progetto è senza starship Starlink non è destinata ad allargarsi per problemi logistici. Sono bravi tutti a promettere mari e monti, ma per ora il nuovo vettore è lontano dall’essere ultimato e le velocità stanno scendendo in maniera irreparabile con diverse aree tra cui la Bay Area già sature.

È vero che Musk è quello di spaceX, ma è anche quello del progetto di hyperloop che da mezzo rivoluzionario si è trasformato in una metro su gomma.

Francesco Renato

Ma il disastro iniziale fu dovuto esclusivamente al fatto che il telefonino satellitare, al contrario di quanto garantito, funzionava solo all'aperto e non all'interno degli edifici, un errore tecnico clamoroso che costrinse al rifacimento del piano di diffusione del telefonico con le conseguenti ricadute economiche.

Alessio

I lanci averrebbero lo stesso, almeno li fanno con veicoli usati, sai quanto costerebbe ad ogni lancio dover perdere i motori e il razzo ?
Milioni di euro.

piervittorio

Iridium funziona ancora ottimamente, e solo due anni fa ha sostituito tutta la costellazione satellitare con satelliti Next di nuova generazione.
Fu solo la società iniziale che andò in concordato, prima di essere salvata dal governo USA in quanto azienda strategica, ma quel fatto risale a 23 anni fa, agli esordi dell'industria aerospaziale privata, e la crisi fu causata da ben altri fattori.
L'attuale Iridium, che rilevò l'azienda iniziale, opera benissimo e senza interruzioni da oltre vent'anni, e fattura oltre 600 milioni di dollari, con quasi die milioni di utenti.

stefano passa

Sai quanto cosata lanciare 1 kg nello spazio? Migliaia di euro

stefano passa

I dati sono pubblici c’è poco da dire
La convenienza deriva dal carico utile se tu devi incamerare molto più carburante per far rientrare il primo stadio questo impatta sul carico utile per il resto basta fare 2 conti
Tra L altro la prova sta nei costi ufficiali di space x. Dove il costo di un razzo spendibile è minore di quello riutilizzabile

dumyspeed

mah .. in giro per il web si dice che la fcc non gli abbia dato i finanziamenti, ma non è che ha negato chissa cosa

Luke

Sai anche scrivere?

Luke

Benaltrismo.

il Gorilla con gli Occhiali

Deve far paura a qualcuno ed ecco che non va bene.

Francesco Renato

Forse alla FCC sono memori del disastro del telefonino satellitare che portò al fallimento il consorzio Iridium.

Miranda

Anche i razzi recuperabili di SpaceX apparivano irrealistici, anche le auto elettriche di Tesla apparivano irrealistiche, anche l'uomo su Marte appare irrealistico, forse alla FCC non sanno che hanno a che fare con un certo signor Elon Musk.

Veronika

Sei sicuro di ciò? Rocket Lab ha iniziato i tentativi di recupero in volo, Astra sta testando i prototipi, Blue Origin ne ha già recuperarti parecchie, la Cina sta sviluppando un vettore riutilizzabile ma ovviamente ha preso esempio

Veronika

Infatti i dati dell'ingegnere francese (che sicuramente non lavora nella SpaceX e dubito sappia tutte le specifiche) ha utilizzato dati di razzi che non erano mai stati riutilizzati. Soprattutto perché mai un'azienda all'avanguardia come SpaceX dovrebbe esistere solo per perdere soldi?

supermariolino87

Elon Fiask. Marketing a gogo!

Alessio

Beh, le nostre acciaierie sono nella condizione che tutti sappiamo, ma il nostro mercato lo ha preso la germania, e non mi sembra che la Germania sia famosa per il basso costo del lavoro.
Poi per altre realtà italiane d'eccellenza è sicuramente come dici tu.
Ricordiamo però anche che molte delle aziende italiane d'eccellenza dal punto di vista della qualità degli operai sono ancora sulla cresta dell'onda perchè sono state vendute/svendute a colossi esteri

piervittorio

Credo che a Starlink di questa bocciatura fottesega.
Forse la commissione considera i piani di sviluppo troppo ottimistici, e magari la velocità 100/20 irrealizzabile.
Ma anche se andasse la metà (50/10) e la rete satellitare si sviluppasse più lentamente del previsto, per le aree rurali al momento non ci sono soluzioni migliori.
Musk ripresenterà il progetto tra pochi mesi, in occasione della presentazione dei satelliti 2.0 (i tremila satelliti in esercizio oggi sono perlopiù 1.5 e qualche 1.0), che hanno caratteristiche davvero pazzesche.

stefano passa

no i mezzi per arrivare all'iss per la maggiorparte sono russi ,ed i minor tempo di percorrenza deriva dalla zona di lancio non dalla bontà del vettore
avere internet è una gran bella cosa ma dipende cosa ci fai, nel tuo caso non serve a molto se non per i social

Alessio

Beh, se recuperi il primo stadio recuperi i motori, mica briciole.

stefano passa

noi siamo il secondo paese manifatturiero d'europa , e siamo il secondo paese esportatore d'europa , dove la meccanica fa da padrona , non esiste solo ansaldo e leonardo ma ci sono una marea di aziende medio piccole che sanno fare il loro lavoro , poi ci sono quelle che sono leader mondiali tipo brembo , poi che negli ultimi 20 anni abbiamo perso aziende e mercati questo è vero , ma devi ricordare che sono entrati i cinesi nel mercato occidentale

stefano passa

diciamo questo una volta ho letto un bell'articolo (qualche anno fa )
di un ingegnere spaziale francese, questo si è fatto i calcoli del carburante che ci vuole per far rientrare il vettore con conseguente perdita di carico utile e costo del carburante , ne è uscito fuori che economicamente non conviene,
poi mi sono preso la briga di confrontare i prezzi di lancio del falcon 9 spendibile e quello con il recupero del primo stadio , bhe quello spendibile
viene di meno come costo x kg lanciato

Alessio

Certo che se pensi di rientrare delle spese investite facendo due lanci del cavolo, beh allora sono anticonvenienti, ma SpaceX che usa i propri booster per un numero di lanci e rientri superiore alla decina e oltre ciascuno, forse il discorso cambia

Alessio

Guarda che non lo dico io, lo dicono i fatti ed i risultati. Sono quasi tutte o commissariate o comunque al tavolo del MISE perchè o sull'orlo del fallimento o già con i libri in tribunale.
La ex FIAT ha sempre ricorso alla finanza creativa per sopperire alle carenze di programmazione ed innovazione, ANSALDO è nel baratro, LEONARDO è un decimo rispetto a quello che era 20 anni fa. E queste due ultime sono Aziende che stanno in piedi perch'è alle loro spalle c'è lo Stato o CDP. l'unica che al momento regge è FINCANTIERI che per il momento ha delle commesse.

JakoDel

nessuno li ha seguiti? ma di che stai parlando? Mezzi razzi per arrivare alla ISS sono di SpaceX, e con la crew4 hanno anche il record per il minor tempo impiegato per arrivare alla ISS e con un falcon 9 il record per numero di riutilizzi (13). Secondo me ti converrebbe tornare a pensare alle aziende meccaniche italiane..
belli gli anni 90 senza internet, quando ancora non si parlava di quello che non si sapeva..

stefano passa

ok ma come mai nessuno li ha seguiti?? forse perchè sono antieconomici?

stefano passa

e perchè le aziende meccaniche italiane sarebbero gestite male??
sentiamo,

lux85

non prende più quel che faceva prima, ora è una società multinazionale con base in olanda, quindi sovvenzione 0, poi per i dipendenti lavoratori in italia eventuali sgravi ect.. quello si.

Maurob

Mha guarda... Nelle aree rurali stanno con connessioni mobili da 2 mega a 60/70$ al mese. Onestamente mi pare un'assurdità bocciare Starlink, anche se offrisse un decimo dei 100/20 concordati si potrebbe banalmente rinegoziare. Poi 885 milioni mi sembrano una miseria, ma ovviamente andrebbe letto il progetto per intero e capire bene.

Rick Deckard®

Per criticarli bisognerebbe fare di meglio prima..

Rick Deckard®

Hahaha diventerà odiato per aver realizzato ciò che sembrava impossibile

Alessio

I satelliti in orbita mica vengono spenti.
Detto questo con tutti i problemi sanitari ed economici che ci sono nel mondo adesso il problema primario sono le ossevazioni spaziali ?
Ma finiamola

Alessio

Se reputi il progetto in ritardo o inferiore alle aspettative non elimini le sovvenzioni ma o le diminuisci e/o solleciti l'azienda finanziata a rimettersi in pari.
Per qualsiasi cosa si rinegozia.
Questioni politiche di sicuro, ma Elon è comunque criticabile eccome

Video recensione

Xiaomi Smart Band 7 Pro, le nostre prime impressioni | VIDEO

HDMotori.it

Volkswagen Tiguan eHybrid, 2 settimane alla guida del SUV Plug-in

Android

Recensione Xiaomi 12T Pro: foto a 200 MP, batteria e...sensore fisico

Android

Xiaomi 12T è anche Pro: con loro Redmi Pad e Smart Band 7 Pro | PREZZI Italia