La Cina lancia in orbita un robot capace di raccogliere i detriti spaziali

27 Aprile 2021 18

Quando guardiamo su, verso le stelle, un po' come Leopardi di fronte alla siepe ci figuriamo un deserto buio fatto di interminati spazi e sovrumani silenzi: ma la situazione è un po' diversa se prima di inoltrarci negli abissi siderali ci soffermiamo invece nelle immediatezze dell'orbita terrestre, dove lo scenario comincia a farsi veramente affollato.

Non solo c'è un' abbondanza di satelliti, ma anche e soprattutto della cosiddetta space junk, la spazzatura spaziale costituita da tutti quei detriti che restando in orbita costituiscono una minaccia sempre crescente: lo scorso settembre l'ISS (ovvero la Stazione Spaziale Internazionale) è stata costretta ad un manovra d'emergenza proprio per evitare un impatto che si sarebbe potuto rivelare rovinoso. E infatti ad ottobre l'ESA (European Space Agency) è tornata a farsi sentire, esprimendo tutta la propria preoccupazione per il tema.

Tra le soluzioni possibili in passato erano già stati valutati raggi laser e arpioni: ora dalla Cina arriva invece un robot dotato di una rete capace così prima di intercettare i detriti, e poi di distruggerli bruciandoli col proprio sistema di propulsione elettrica. Ad aver messo a punto il progetto è stata Origin Space, start-up con sede a Shenzen: il robot, che si chiama NEO-01, è un primo prototipo ed è stato lanciato nell'orbita terrestre bassa martedì, assieme a nove satelliti portati nello spazio da un razzo Long March-6.

Lo scopo di Origin Space sul lungo termine, però, è anche un altro: l'idea è quella di lanciare decine di "minatori" spaziali, veicoli in gradi di realizzare la prima estrazione commerciale di risorse minerarie direttamente sugli asteroidi entro il 2045, come dichiarato dal fondatore dell'azienda Su Meng nel corso di un'intervista rilasciata ai media nazionali il 6 aprile.

In generale, Pechino nutre grande ambizioni al di là del cielo, con l'intenzione di raggiungere Russia e Stati Uniti nel 2030 e rendere così la Cina una grande potenza spaziale.


18

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mirko

Strarazzate! Se non c'era Lui non c'erano nemmeno i bombardamenti.

Roberto Giuffrè

Razzate! Abbiamo avuto anche un debito per decenni. Per ricostruire ciò che loro hanno bombardato, per poi prestarci i soldi per ricostruire.
E soprattutto oggi si sgancia una bomba in testa a qualcuno ogni 12 minuti da qualche parte nel mondo.

Mirko

Se non avessero bombardato ora noi saremo ancora sotto i nazi-fascisti.

Rendiamociconto

perchè chi sta bombardando nello spazio?

Rendiamociconto

la space force esiste davvero

Dajant

Il nesso?

zdnko

cercano i processori per i telefoni huawei! :D

Watta

La Cina vuole i detriti per poi copiare la tecnologia

RIC 5 stelle

Purtroppo, sembra che molta gente, segua gli articoli di tecnologia solo per mostrare la propria mediocrità.

Repox Ray

Siamo sicuri che poi raccolgono e distruggono solo detriti e non satelliti altrui, vero? :-)

delpinsky

E la Cina a non perseguitare/uccidere oppositori politici e segregare/uccidere le minoranze religiose.

T. P.

che anche loro hanno contribuito ad inquinare...
ed, ovviamente, non sono mossi da un fine umanitario...

certo che dovrebbero pensare anche alla terra è indubbio! :)

caribba

commento che c'entra come i cavoli a merenda

virtual

Vinciamo noi, Grace! [cit.]

Roberto Giuffrè

E gli USA di non bombardare sulla terra.

DicoIo

simpatico il fatto che la cina abbia alcune tra le città più inquinate al mondo ma si preoccupi di pulire lo spazio!!! grandi!

Apocalypse

La Cina dovrebbe pensare a non inquinare sulla Terra...

Questo mi ricorda la serie Space Force. :D

Apple

Lavorare con iPad Pro M1 12.9: cosa si può fare davvero (e con quali compromessi)

HDMotori.it

Opel Mokka-e: il SUV elettrico messo alla prova, anche in viaggio | Video

Games

Tutti i giochi rinviati nel 2021 (fino ad oggi)

Android

Recensione OnePlus Nord 2: sarà lo smartphone giusto per molti