Telescopio James Webb: ecco come la NASA ha piegato il suo schermo solare

12 Aprile 2021 16

Il telescopio spaziale James Webb è ormai pronto a partire per lo spazio: il suo lancio è stato ritardato dalla pandemia e rischedulato proprio per il 2021. Di questo gioiello della tecnologia abbiamo parlato abbondantemente in passato, rivivendone i momenti del suo assemblaggio sino a carpirne i segreti della sua struttura a origami. Ora la NASA condivide gli ultimi sviluppi che riguardano in particolare lo schermo solare, finalmente pronto ad affrontare il viaggio di 1,5 milioni di chilometri nello spazio profondo.

Una volta dispiegato, lo schermo solare a cinque strati misura 21x14 metri - in pratica è grande quanto un campo da tennis - ed è stato progettato per piegarsi attorno al telescopio e per essere stivato all'interno del razzo Ariane 5 in un diametro di 5,4 metri (resterà chiuso durante i primi sette giorni nello spazio). Ora è stato ripiegato e compattato, un'operazione che ha richiesto particolare impegno (e tempo: 1 mese!) da parte degli esperti che lavorano presso il Northrop Grumann a Redondo Beach, in California.

A COSA SERVE

Proteggerà il preziosissimo telescopio a infrarossi dalle temperature estreme dello spazio, dai 110 °C cui sarà esposto lo strato esterno fino ai -237 °C del lato interno che volge verso lo spazio profondo. Gli specchi e i sensori necessitano di operare a temperature basse e controllate per poter rilevare i dati in modo corretto. In modo altrettanto corretto è previsto che lo schermo solare si possa riaprire e mantenere la forma una volta che entrerà in funzione, esattamente come un paracadute.

COME É STATO PIEGATO

I cinque strati sono stati allineati e posizionati perfettamente uno sopra l'altro, operazione particolarmente complessa vista la sua forma a diamante con bordi curvi che ne ha reso difficile il processo di appiattimento. Sono stati successivamente sollevati in verticale e appoggiati su un'attrezzatura di supporto per tenerli fermi: il team di lavoro ha poi piegato ciascuno strato a zigzag. Un processo arduo e delicato, considerando che gli strati hanno spessori diversi tra loro, che vanno da 0,05mm del primo strato a 0,025mm degli strati rimanenti. Il lavoro è stato reso ulteriormente complesso da due fattori:

  • la presenza dei cavi di tensionamento (90 in totale) che sono stati posizionati in modo tale da facilitare la corretta apertura di ciascuno strato che compone lo schermo solare
  • la presenza di fori (centinaia per ogni strato) posizionati ad hoc per impedire a luce e calore di raggiungere gli elementi ottici del telescopio una volta che lo schermo solare è aperto. A schermo chiuso, i fori devono essere perfettamente allineati così da inserire i 107 perni che servono per tenere in posizione lo schermo stesso e per aprirlo correttamente

Nei prossimi tre mesi si completeranno le operazioni di stivaggio, inclusa l'installazione dei dispositivi di rilascio dello schermo solare e il fissaggio dei cavi. Saranno stivati anche i bracci Mid-Boom che saranno utilizzati per dispiegare verso l'esterno tutti gli strati.


16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alessandro

Credo perché quel posto è l'unico dove questa macchina può produrre i risultati sperati

MARCELLO BETTONI

Tutte le macchine più complesse realizzate dall'uomo hanno bisogno di cura e manutenzione, perché inviare questa in un posto dove non si può fare più nulla se qualcosa va storto o si guasta?

gioboni
gpiemo

Grazie. Dice più una gif di 7righe della spiegazione testuale.

Babi
T. P.

https://media0.giphy.com/me...

Allora lo lanciano veramente.
Era ora! :)

Mostra 1 nuova risposta

Parlando di gufate vero? lol

Azz

Volevo fare un commento intelligente, ma dopo avere letto "rischedulato" mi sono cascato i cabasisi.
E comunque è uno scudo solare, non uno schermo.

gioboni
gioboni

Speriamo solo che a sto giro non saltino fuori problemi: un intervento come quello che fu necessario per Hubble è impensabile.

Mostra 1 nuova risposta

Penso che alla fine ripagherà con i risultati, Hubble ha prodotto immagini incredibili...

Mostra 1 nuova risposta

Speriamo di no ma i razzi sono comunque pericolosi, se esplodesse sarebbe tragico

Mostra 1 nuova risposta

Si così si sfalda dopo 2 anni come le plastiche che usa nei sui telefoni

mister x

dovevano farlo fare a Sansung, ormai è pratica di pannelli curvi

salvo valastro

altro che pandemia, è in ritardo di 10 anni

Android

Recensione Galaxy A72: è davvero lui il top di gamma della Serie A?

Windows

Recensione Lenovo Legion 5 Pro, io lo comprerei subito

HDMotori.it

Moto elettriche 2021, ci avete mai pensato? Nuovi modelli, prezzi e autonomia

HDMotori.it

In viaggio con il Birò di Estrima: quadriciclo elettrico buffo, compatto e...