Il magazziniere è un robot: Boston Dynamics presenta Stretch

30 Marzo 2021 68

Non c'è solo il "cane robot" Spot: Boston Dynamics ha infatti presentato Stretch, una macchina pensata per rivoluzionare l'automazione nel settore della logistica. Il suo compito è semplice: spostare scatole. E può farlo sia scaricandole dai camion, sia invece componendo un ordine.

Se Stretch vi sembra familiare, non vi sbagliate: si tratta del prototipo di una versione commerciale di Handle, progetto svelato al pubblico ormai quattro anni fa. La base omnidirezionale (pare avere le dimensioni di un pallet EPAL 80x120cm) gli consente di spostarsi in maniera rapida negli spazi dei magazzini, passando da una banchina di carico all'altra, oppure di sostare nel vano di un camion per scaricarne il contenuto.

Stretch svolge il lavoro con il suo braccio meccanico che culmina in una mano fatta di ventose e ricca di sensori che gli consentono di gestire una grande varietà di casse. Un aspetto su cui punta molto Boston Dynamics è la capacità del robot di identificare le scatole grazie ad una speciale tecnologia di computer vision che consentirebbe alle aziende che in futuro lo adotteranno un risparmio significativo di tempo e risorse per "educarlo".

La svolta, sempre secondo Boston Dynamics, starebbe nella flessibilità estrema del macchinario, e cioè nella capacità di Stretch di essere operativo da subito in ambienti lavorativi in cui non siano previsti scenari o percorsi studiati appositamente per macchine automatizzate. La logistica, la capacità di movimentare sempre più merci e sempre più velocemente, è un settore chiave del futuro, come provato nell'ultimo anno dall'emergenza pandemica: Stretch non è ancora pronto per la commercializzazione, che è prevista nel 2022, ma il suo momento non è lontano. Una prospettiva che impone riflessioni serie, pensando che nel frattempo proprio in Italia la filiera di Amazon si è fermata lunedì scorso, dando luogo al primo sciopero globale su scala nazionale.



68

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
csharpino

Tu dici che "Esistono progetti del genere sul mercato" fatti da aziende italiane e ti lamenti del fatto che non fanno notizia però porti come esempi "solo" dei muletti a guida autonoma che stanno a questo progetto come un aliante sta ad un aereo.
A casa mia "del genere" vuol dire che svolgono compiti della stessa complessità e tipologia non genericamente che muovono scatole tutti e 2... Ti ho quindi chiesto di farmi un esempio di questi "progetti del genere" perchè magari esistono veramente e sono io che non li conosco..
PS: Anche se esistessero, se si parla sempre Boston Dynamics e non dell'azienda italiana Pincopallo è forse anche perchè in BD non hanno Sbirulino al marketing, se si bravo a creare robot ma non sei in grado di comunicarlo al resto del mondo non ti puoi lamentare di rimanere pincopallo...

Gianluca

Lo
studio più accurato che sia mai stato condotto sugli effetti dell'introduzione
della robotica, quello di Acemoglu e Restrepo della Boston University
intitolato "Robots and Jobs: Evidence from US Labor Markets",
dimostra che ogni robot ogni 1000 lavoratori porta ad una riduzione
dell'occupazione dai 0,18 ai 0,34 punti percentuale e una contrazione dei
salari dallo 0,25 allo 0,50%. L'automazione negli scorsi anni ha provocato 5
milioni di esuberi in Wisconsin, Ohio, Missouri, Michigan e Pennsylvania. Metà
degli esuberi in Michigan hanno fatto richiesta del sussidio di disabilità e
non sono mai più tornati a lavorare, molti altri hanno dovuto ripiegare sui lavoretti della gig economy, e non hanno più raggiunto la stabilità occupazionale e i livelli reddituali precedenti. Naturalmente in genere se si parla di robotica si tira in ballo la Corea del Sud, che ha un elevato tasso di robotizzazione, sostenendo che nonostante tutta questa automazione l'occupazione non sia declinata. In realtà i giovani stanno incontrando notevoli difficoltà di inserimento, tanto è vero che nella provincia di Gyeonggi è stato introdotto uno "Youth Basic Income", un reddito di base per chi ha compiuto 24 anni, proprio sulla base della constatazione del declino quantitativo e qualitativo del lavoro. Ma questo è appena l'inizio di una transizione di fase che ci sta portando all'esaurirsi del così detto "bigger pie effect" (quello grazie al quale la produttività aggiuntiva creava più posti di lavoro di quelli distrutti dalla tecnologia): la maggior parte degli effetti dell'automazione che stiamo studiando oggi, infatti, si riferiscono a un'epoca precedente alla genesi delle reti neurali convoluzionali, se guardiamo agli studi più recenti, come quello di Hazell e Restrepo riferito al quadriennio 2014-2018, scopriamo che le attività di concetto nelle quali è stata introdotta la IA sono state interessate da un declino delle assunzioni. In definitiva l'intelligenza artificiale sta producendo un fenomeno chiamato "task encroachment", una "Invasione di campo" progressiva delle attività che un tempo si ritenevano non automatizzabili, e che sta portando le capacità distruttivo / sostitutive della tecnologia a sopraffare le sue caratteristiche creativo / suppletive, anche per quanto concerne le nuove attività che essa stessa produce.

Gianluca

Non direi, ormai i robot non sono più macchinari che compiono movimenti prefissati, privi di qualsiasi capacità di interpretare il dato visivo, condividono lo stesso ambiente di lavoro degli operai, sanno muoversi in contesti caotici, possiedono capacità di adattamento, skill che nascono dalla sinergia fra robotica e deep learning.

Gianluca

Non temere, non succederà: anche i laureati perderanno il lavoro, infatti i più recenti sviluppi della IA ci hanno dimostrato che qualsiasi barriera pensassimo di porre tra i così detti lavori "umili", di routine, e quelli ritenuti non automatizzabili, che richiedevano il riconoscimento di sofisticati pattern gerarchici all'interno di dataset caotici, era puramente arbitraria: in realtà la IA, evolvendo, sta diventando in grado di svolgere anche mansioni che richiedono una elevata preparazione accademica.

TLC 2.0

Pagateli per bene, fategli dei contratti seri a t.i. e vedi come li trovate.
Io personalmente (ing. informatico ed elettronico con doppia specializzazione) se non mi danno almeno 2-2.5k non rispondo nemmeno alla mail di richiesta call.
Sono i novellini appena usciti dalla triennale-magistrale che accettano gli stipendi da 1.300€ che rovinano il mercato. Per carità, ok che devono fare esperienza e tutto il resto, ma se io ingegnere devo andare a guadagnare 1300€, se permetti vado a fare l'elettricista industriale trasfertista e guadagno il triplo, con molti meno problemi e responsabilità.

Matteo Fringuelli

Concordo e conoscendo bene questo tipo di lavoro non posso che essere a favore di soluzioni come quelle di cui si parla in questo articolo.

mikelino666

Vuoi una manciata di cv di ingegneri civili che fanno a gara con i geometri 20enni per trovare un posto ad almeno mille euro?

Francesco Renato

La tua preoccupazione è infondata, oggi i lavori umili sono svolti spesso da diplomati e laureati che dovrebbero svolgere lavori più qualificati.

ermo87

ne sono felice da un lato ma mi dispiace che a parte ingegneri non investano anche in marketing. certe realtà dovrebbero farsi conoscere, restare nella ricerca non è un buon segnale

Mattia Cavallo

Esistono studi in letteratura che dimostrano che nelle aziende in cui sono adottati robot industriali, l'occupazione "umana" non diminuisce, anzi. Semplicemente se si continua così, un domani non ci sarà bisogno di operai umani, ma ci sarà il bisogno comunuque di altre figure, come il manutentore, il controllore, ecc...
Dobbiamo fare lo sforzo di pensare che così come cambia il mondo della tecnologia, debba cambiare pian piano anche quelle che sono le basi dell'istruzioni e le competenze minime.

Mi permetto anche di dire che qui si parla del "magazziniere", che non è di certo la mansione più salutare di questo pianeta ed anche piuttosto inefficiente. Sono convinto che l'operaio magazziniere sia ben felice di svolgere un'altra mansione, un po' più evoluta e meno dannosa per la sua salute.

Alieno

Menomale che davanti a me ho la vera verità, altrimenti chissà come farei.

Davide Mosezon

Ciao,
non ho capito quello che chiedi

Crazy999

Non è vero. Se se un ing PoliMi mandami CV e ti faccio trovare lavoro in un paio di giorni

LaVeraVerità

Un NEET ignorante, zecca sulle spalle dei propri genitori, che vive di paghetta fino a che il loro passaggio a miglior vita non lo priverà anche di questa.

LaVeraVerità

Dimmelo tu, chi ho davanti? Quale grand'uomo ho la fortuna di avere incontrato? Di quali perle di borghesismo reazionario potrai ancora inondarmi?

csharpino

Ma io ti ho chiesto "un progetto del genere" tra quelli che dici esistere non un qualcosa che di simile ha solo il fatto di muovere della merce.

Redvex

Tutte le aziende cercano, salvo poi non pagare quanto la figura professionale richiede, facendo contratti a termine, barando sulle ore lavorate ecc ecc. Le aziende cercano.......ma alle condizioni loro

Mirko

Dai, ora usano molti tipi di combustibili diversi, vanno dall'orbita bassa alla Luna, possono essere lanciati da un sommergibile ed atterrare su una nave.

mikelino666

Assolutamente vero; provate a lavorare per categorie lavorative senza copertura dei sindacati, senza minimi salariari, senza nulla.. dopo inizierete a cercare lavori con diritti e non solo doveri!

Alieno

Il tuo è un ragionamento tipico di chi è leone da tastiera e non sa chi ha davanti. Giusto?

MatitaNera

Non mi sembrano molto più versatili eh...

mikelino666

Tranquillo che quelli laureati al Poli, attualmente, fanno esattamente gli stessi lavori di chi non ha potuto/voluto studiare, e sta qui il vero problema.

Davide Mosezon

Rimanendo in Italia citerei Eletric80 che si occupa dell'automatizzazione dei centri logistici in cui sviluppano muletti a guida autonoma

Mirko

No problem, fanno anche robot poliziotto ...

Crazy999

Mi preoccupa che i robot andranno a rimpiazzare i lavori più umili, svolti da gente che o fa quello o delinque. Se gli togliamo il lavoro, non tutti andranno a laurearsi al Politecnico e dunque temo aumento del crimine.

csharpino

Me ne puoi indicare uno?

Mirko

E' quello che sostenevo io in un commento precedente, prima i robot italiani costruiti nelle nostre belle valli da ingegneri che si tramando l'esperienza da nonno in padre in figlio.

Riccardo sacchetti

Io sono elettricista.i ci sono voluti circa 15 anni, ma ora rapinò che nemmeno te ne accorgi!

Frankbel

Che trollata di commento.

Giacomo

Tutti quelli che non lavorano come magazzinieri

Davide Mosezon

Esistono progetti del genere sul mercato(non in fase sperimentale bensì proprio in produzione) da anni..ci sono realtà italiane che fanno muletti che si guidano da soli. Lo so che Boston Dynamic è e crea hype però se provate a vedere un po' oltre la punta del naso di internet troverete molte realtà fantastiche, alcune di queste italiane.

tecote

l'idraulico è un mestiero difficile, ci vogliono anni e anni di gavetta per imapare la tecnica della rapina a mano armata, non è roba per tutti

tecote

impotenza, mai provata?

T. P.

aahahahah

alessandro78293

Schizofrenia ??

Mirko

La mia azienda non torva tecnici ed ingegneri.

tecote

poi però si dovrà combattere una sfida ben più difficile di questa, tipo chi avrà ancora i soldi per comprare qualcosa dalle loro piattaforme iper stellari, ma ehi è il futuro

Mirko

Beh, i primi razzi andavano solo a Londra, ora invece sono molto più versatili.

LaVeraVerità

D'altra parte non ci vuole molto per rendersi conto, da come cadono, che quelle scatole sono vuote.

Eppure per alcuni qui dentro sembra che io dica caxxate, solo perchè la "grande Boston Dynamics" non può sbagliare (e in effetti non sbaglia ma più che altro bara consapevolmente).

tecote

speriamo dai che subentrino in fretta, magari in grosse aziende come Amazon, si spera però di giovarne un po' tutti da questo cambiamento, in primis pagando meno i prodotti

Mirko

La politica ci ha già pensato: Prima i robot italiani ....
Vi aspetto tutti quanti al Papeete per bere un mojito insieme a me.

MatitaNera

tutto bello ma poi nel mondo reale questi "robot" funzionano solo in mansioni con mille vincoli e standardizzazioni

Mirko

Non serve, se ne accorgeranno da soli appena il cliente si lamenterà.

Mirko

Hai ragione, le ventose dovrebbero servire per tirare la scatola su un ripiano metallico usato per il trasporto.

Mirko

Ottimo, cosi i lavoratori di Amazon non si lamenteranno più.

Se non ci saranno problemi avremo più o meno quello che succedette con il telaio meccanizzato.
:\

Ad Amazon in questo periodo serve di più la 'Delivery Automation'.
;)

LaVeraVerità

Devo deluderti però, come puoi facilmente constatare le provocazioni spesso attirano fessi che le leggono letteralmente.

LaVeraVerità

Il tuo è il ragionamento tipico di chi non ha mai avuto contatti col mondo del lavoro. Parlo di quel mondo con cui hanno avuto a che fare i tuoi genitori, che ora pagano i tuoi interventi a sproposito su internet, grazie a conquiste che ti senti in diritto di disprezzare ma che ti hanno tenuto il cul0 al caldo in tutti questi anni.

Smartphone

Recensione Realme GT: Snapdragon 888 a 399€ è un best buy?

Alta definizione

TV LG OLED: i settaggi per vedere (al meglio) le partite di calcio degli Europei

Android

Recensione OnePlus Nord CE 5G, io ve lo consiglio!

Tecnologia

Che cos'è una CDN, e perché ha mandato offline migliaia di siti | Video