SpaceX Starship, spazioporti galleggianti favoriranno i viaggi intercontinentali

27 Febbraio 2021 69

Mentre siamo tutti in attesa del nuovo test ad alta quota del prototipo Starship SN10 di SpaceX, l'azienda di Elon Musk guarda al futuro e lo fa con il solito spirito d'innovazione che da sempre la caratterizza. Il progetto recentemente emerso è titanico e prevede il riutilizzo di due piattaforme petrolifere recentemente acquistate dalla società, con l'obiettivo di convertirle in spazioporti galleggianti da posizionare nell'oceano per il ritorno a terra di Starship. I primi rumor erano emersi a fine gennaio ma con il recente posizionamento delle piattaforme nei pressi del sito di Boca Chica, arriva la conferma che i lavori di sviluppo sono attualmente in corso.

Lo stesso Elon Musk ha scherzato sui costi non indifferenti di tale operazione rispondendo al tweet del noto grafico ErcX, che ha provato a immaginare l'aspetto delle due strutture una volta che saranno terminate.

Le due piattaforme sono già state battezzate con i nomi Phobos e Deimos, un chiaro omaggio alle due lune del pianeta Marte. Si trovano attualmente posizionate nel sud del Texas, nel porto di Brownsville, vicino alla struttura di SpaceX di Boca Chica, dove Starship è in fase di sviluppo.

Perchè affidarsi a piattaforme simili? A quanto pare i lanci di Starship saranno particolarmente rumorosi vista la mole dell'astronave e la potenza del booster Super Heavy, necessaria per la sua spinta in orbita. In uno dei tanti commenti al progetto su twitter, Musk ha inoltre specificato che:

La maggior parte degli spazioporti per navi stellari dovrà probabilmente trovarsi a 30 chilometri dalla costa per avere livelli di rumore accettabili, specialmente per i frequenti voli giornalieri, come accadrebbe per i voli punto a punto sulla Terra

Non solo, in successivi commenti Elon Musk ha anche aggiunto che i primi test d'utilizzo potrebbero prendere vita già entro la fine dell'anno in corso. Sembra quindi che l'idea dell'utilizzo di Starship per gli spostamenti intercontinentali, anche per passeggeri, non sia stata accantonata nonostante le tante criticità che un processo di spostamento simile soffrirebbe, una su tutte, l'incredibile forza g che le persone a bordo dovrebbero sopportare.

A questo punto vale la pena condividere nuovamente la ricostruzione video pubblicata da SpaceX nel 2017, che vuole mostrarci come funzionerà il sistema di trasporto intercontinentale basato su Starship.

In ogni caso i tempi non sono ancora maturi e per vedere questo incredibile sistema di trasporto dovremo attendere ancora qualche anno, infatti, è bene ricordare che i test di Starship a cui stiamo assistendo in questi mesi riguardano solamente l'astronave principale e si concentrano sulla sequenza di ritorno a terra. Il booster Super Heavy, ossia il primo stadio che si prenderà l'onere di fornire la spinta di partenza da Terra, è attualmente in fase d'assemblaggio e necessiterà di una lunga fase di test, ovviamente non ancora cominciata.

Questo imponente lanciatore utilizzerà fino a 28 potenti motori Raptor alimentati da metano criogenico e ossigeno liquido per spingere in orbita Starship, che in configurazione completa sarà alta circa 120 metri.

In chiusura vi ricordiamo che il prototipo Starship SN10 è attualmente posizionato sul launch pad e durante i prossimi giorni potrebbe essere protagonista di un nuovo test ad alta quota, al momento la data più quotata è il 1° marzo.

Il meglio di OnePlus? OnePlus 9 Pro, in offerta oggi da Mister Shop King a 729 euro oppure da Amazon a 830 euro.

69

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Eolovive

Ma, realisticamente quanto deve costare un biglietto per rendere sostenibile economicamente una cosa del genere?
50'000€? 100'000€? ..

psimo24

Come non essere d’accordo, sottoscrivo in pieno... vedremo se mai avremo un ente certificatore degno di questo nome in grado di dettare legge e dare dei limiti seri per garantire viaggi DAVVERO sicuri secondo i dettami di quanto scoperto finora nei tanti anni di incidenti aerei e spaziali

Mario Tortci

Buonasera psimo24. Pure io ho una certa competenza professionale nel settore e sposo quanto dici. Credo che Musk stia omettendo qualcosa di importante in tutti i suoi rendering e francamente non capisco il perchè. La formula come la sta prospettando oggi credo non sarà mai certificabile per il volo umano nè da FAA nè da NASA nè da nessuno in quanto assolutamente non fail safe. Semplicemente manca un vero escape launch system che invece è stato richiesto su ogni singolo razzo che abbia lanciato astronauti finora. Ma farne uno per tutta la starship è un non senso. E allora mi viene in mente solo una strada, deve sviluppare una grande capsula da mettere nella parte superiore della Starship dove si dovranno ricoverare gli occupanti durante lancio e atterraggio e che dovrà avere la capacità di sganciarsi e atterrare da sola in caso di necessità. Ad occhio parliamo di 20-30 tonnellate per una trentina di occupanti, se estrapolo i numeri di una crew Dragon o un Boeing CST che hanno diametri pari a metà quella di Starship. Ma parliamo di un qualcosa che da solo richiede anni di sviluppo. E se penso che pure SpaceX ha dovuto rinunciare a certificare Crew Dragon per l'atterraggio su terra mi sembra che tutto ciò metta un grosso punto interrogativo su tutto il programma, altro che missione intorno alla Luna tra due anni con una decina di passeggeri... Salvo pensare di mandare su e giù i passeggeri usando alcuni tradizionali Crew Dragon e Falcon 9, che già oggi sono man rated, lanciando Starship vuota e poi trasbordando i passeggeri in orbita terrestre... ma a che costo?
Musk illuminaci!

stefano passa

e allora??? ma secondo te quel serbatoio centrale cosa contiene??

AlphAtomix

vabbè, parti, svieni, ti svegli e sei arrivato.

stefano passa

no no non sai di cosa parli, lo shuttle montava 3 motori a bordo e credo che siano stati tra i più potenti mai realizzati ..
I tre motori a razzo, chiamati SSME (Space Shuttle main engine), si trovano dietro l'Orbiter e sono utilizzati insieme con i booster laterali a propellente solido per produrre la spinta necessaria a mettere la navetta in orbita. Questi motori a razzo a propellente liquido, una volta spenti non possono più essere riaccesi, ma hanno prestazioni che superano tutte le produzioni equivalenti passate e presenti. Ogni motore può generare circa 1,8 MN di spinta al decollo e i tre motori possono generare un impulso specifico (Isp) di 453 secondi nel vuoto o 363 secondi a livello del mare, con velocità di scarico rispettivamente di 4440 m/s e 3 560 m/s.

multi.vac
italba

Sai leggere?

In ogni caso io stavo parlando di inquinamento, non di efficienza energetica, e la combustione di idrocarburi complessi in aria, come fanno gli aerei, è senz'altro più inquinante della combustione del metano con l'ossigeno.
R4gerino

Il metano, sempre di idrocarburi si tratta. Visto che parli di efficienza, è sicuramente il sistema probabilmente più inefficiente che esiste se si volesse spostare sulla superficie del pianeta.

Orlaf

TRIGGERED! https://uploads.disquscdn.c...

LTL

no è la traduzione fatta in modo pacchiano, lì secondo me si intende "spazioporti per starship" ma hanno tradotto starship invece che lasciarlo col suo nome.

Proxima8

Ingenuity... che molti hanno tradotto in Ingenuo :-)

Kamgusta

Comunque la roba che fuma Musk deve essere veramente buona

xpy

Beh, l'idea di base è quella del concorde, non è senza senso, però è molto difficile da rendere economicamente sostenibile

camillo777

L'isola delle rose!

stefano passa

come non aveva motori a bordo......

Davide

Idea senza senso. Tra combustibile e posti limitati non ha senso una soluzione del genere.

ally

lo space shuttle non aveva un reject take off, era un win or die...

ally

manda una mail a spacex, sicuramente è un dettaglio che si sono persi...

Maurizio Mugelli

tipico inquilino del piano terra che e' contrario all'ascensore perche' tanto lui non lo usa...

malapropysm

Tra le tante già dette nei commenti, uno dei problemi che mi viene in mente sono le condizioni meteo.

Se piove o c'è un filo di vento questi cosi non partono

Zimidibidubilu

Che quindi in fondo sono più piccoli dei piccoli, visto che questa "gloria" è tutto da vedere che roba sia...

Francesco Renato

Giusto, alla vita tengono gli uomini piccoli, i grandi uomini pensano alla gloria!

psimo24

Sul più semplici mi permetto di dissentire, gli endoreattori liquidi sono sistemi dalla complessità paragonabile ai motori aeronautici. Peraltro questi sono complessi perfino all’interno dello stesso mondo degli endoreattori liquidi, il sistema che usano (se hanno mantenuto lo stesso dei Merlin) per il raffreddamento è un sistema full-flow, un sistema praticamente inedito, sicuramente inedito per motori di quella potenza... questo porta a una lunga serie di problemi, il primo che mi viene in mente è la corrosione delle turbine da parte del flusso a mixture ratio oxygen rich. Oltre questo aggiungerei che il sistema di gimballing degli ugelli è una roba che ha angoli di authority che personalmente non ho mai visto, penso allo stress delle giunture. Per di più la resistenza a fatica della struttura, sia per il ciclo di compressione-decompressione, sia per lo stress al decollo e atterraggio (vibrazioni comprese) è un problema da tenere in conto. Per non parlare che ad ogni atterraggio deve subire un momento della spinta pazzesco, che subisce ciclicamente. Tutto questo nella struttura che è, essa stessa, il launch escape system. Io sono un tecnico di queste cose, è mia deformazione professionale vedere forse troppo il lato negativo... Chiaro che se uno starship fa pochi viaggi al mese, meno di dieci per dire, il problema si riduce, ma comunque non penso si possa arrivare a livello di sicurezza aeronautico entro 20 anni, per sparare una cifra indicativa.

Francesco Renato

Forse è previsto l'uso residuo di un retrorazzo nel posteriore per raggiungere più rapidamente la riva!

italba

Oggi no, domani nemmeno ma in tempi piuttosto brevi credo si possa arrivare ad un livello di sicurezza comparabile con gli aerei attuali. Tieni presente che i motori che usa adesso Spacex vengono già riutilizzati, e che ogni motore è dotato di un sistema di controllo vettoriale della spinta. Inoltre per un volo suborbitale i motori sarebbero molto meno stressati che per andare in orbita, e sono comunque molto più semplici dei jet

Babi

Aveva ragione Caparezza...

psimo24

Tipo, visto che malgrado i poveri morti ha ridestato un interesse assopito per la sicurezza del sistema macchina in volo (trascurata nel senso che era data per scontata in alcuni aspetti), ma comunque l’aereo resta il mezzo più sicuro per spostarsi... basta vedere quanto hanno inciso gli incidenti dei due max sul bilancio complessivo di vittime su passeggero-kilometro, che non sarà MAI zero, ma è comunque bassissimo

psimo24
psimo24

I tre ssme erano orbitali, i boosters erano necessari ma non erano i soli e nemmeno i principali contributori alla spinta... anzi gli ssme erano un gioiello di motoristica spaziale, infatti verranno usati anche sull’SLS

LaVeraVerità

Ok

Signor Rossi
italba

L'ossigeno lo si prende ovviamente dall'aria (cosa credevi?) ed il metano è lo stesso gas che arriva nella tua cucina o alla tua caldaia. Per liquefare questi gas ci vuole dell'energia (poca), ma per distillare il carburante dei jet anche, e non credo sia molto meno. In ogni caso io stavo parlando di inquinamento, non di efficienza energetica, e la combustione di idrocarburi complessi in aria, come fanno gli aerei, è senz'altro più inquinante della combustione del metano con l'ossigeno. Infatti i jet emettono anche idrocarburi incombusti, particolato, ossidi di azoto mentre i razzi praticamente solo vapore acqueo e CO2

multi.vac

lo space shuttle non aveva motori per andare in orbita, veniva portato su da due razzi che poi cadevano nell’oceano.
Venivano recuperati, ma non credo che fossero riutilizzati.

italba

Ci sono fino a 32 motori, per atterrare ne bastano tre

Alex Baldi

Viaggi interplanetari non intercontinentali...

Burton La Valle

Mi chiedo l'utilità di farlo ora, visto che anche solo per pensare di metterci una persona su starship devono portare a termine almeno un centinaio di missioni senza intoppi

db1997

non so come sono quelli che ha comprato musk, ma ci sono anche piattaforme galleggianti fissate al fondale con cavi

Paolo C.
multi.vac

pensa quanti morti se ti esplode il razzo sopra Miami

LaVeraVerità
prevede il riutilizzo di due piattaforme petrolifere recentemente acquistate dalla società, con l'obiettivo di convertirle in spazioporti galleggianti

Qualcuno spieghi a Genco che le piattaforme petrolifere sono tutto fuorchè galleggianti.

https://uploads.disquscdn.c...

Vae Victis

Ma per andare sulla piattaforma perdi un sacco di tempo.

psimo24

L’inquinamento di questi affari è il problema minore, genera quantità di CO2 e H2O paragonabili se non inferiori di quelli di un aereo a parità di distanza (a spanne eh, se avessi i dati sul propellente caricato potrei essere più preciso), eliminando completamente altre componenti come gli ossidi di azoto perché essendo un endoreattore altri elementi oltre alle componenti del propellente non entrano in camera di combustione

psimo24

Con i livelli di sicurezza raggiunti dall’aviazione (e sempre in miglioramento) non penserei mai di prendere una cosa del genere. Troppi rischi, se piantano i motori sei fregato, a un aereo se piantano i motori scendi benissimo, per di più su un tipo di motori che fino a dieci anni fa usavi una volta e basta (se escludiamo l’eccezione eccezionale dello space shuttle)... sarei curioso di capire FAA come si comporterà per l’omologazione per i viaggi terra-terra

LucaMW

Cioè siamo in un periodo in cui tutti scassano per l'inquinamento e che pensano ad un futuro con aerei ad idrogeno o comunque ad energie alternative che producano meno Co2 ed Elon vuole sparare razzi per il trasporto di persone per
spostamenti intercontinentali? LoL

MatitaNera

Lo soooooo

MatitaNera

Bravo

MatitaNera

Appunto

Dalem

L'obbiettivo è ricavarli dalla CO2 nell'aria.

Zimidibidubilu

Vuoi mettere essere importante?
Il resto sono dettagli.

HDMotori.it

Kia UVO, 5 cose da sapere | Prova infotainment su Kia XCeed Plug-in Hybrid

Recensione

Recensione Intel Core i9-12900K: overclock a 5,6 GHz, test iGPU, gaming e consumi

Tecnologia

È tra le più dettagliate foto del Sole, sono servite 150.000 immagini per realizzarla

Android

Snapdragon 8 Gen 1, ufficiale il chip da 4nm che sarà sui nuovi top di gamma | Video