Dopo la carne ora anche il latte è Impossible. E presto ci sarà l'uovo vegetale

21 Ottobre 2020 351

Dopo la carne-che-non-è-carne-ma-sa-di-carne arriva anche il latte-non-latte: non poteva che essere Impossible Foods a proporlo, annunciandolo ufficialmente nel corso di una conferenza stampa in previsione della sua prossima commercializzazione.

L'azienda vuole ripetere il grande successo del suo Burger vegetale ed estendere l'offerta che attualmente vede disponibile anche Impossible Pork, maiale - sempre vegetale - che mantiene il sapore originale ma che di carne non contiene nemmeno una molecola. Dunque ora tocca al latte: non sarà un succedaneo di quello di soia, per intenderci, ma sarà proprio un latte vero e proprio che però con il mondo animale non avrà nulla in comune. Avrà il gusto del latte che conosciamo, mantenendo tutte le sue caratteristiche organolettiche e nutrizionali - dicono.

Impossible Milk messo a confronto in laboratorio con altri tipi di latte vegetale

Impossible Milk è stato mostrato in anteprima dai ricercatori del laboratorio interno, messo a confronto con altre tipologie di latte vegetale. Si è voluto dimostrare come questo sia il più simile a quello di origine animale, dal colore alla struttura. E in più, promettono, non coagula quando entra in contatto con le bevande calde - il caffè, ad esempio.


Quella del latte-non-latte è soltanto una delle prossime sfide a cui è chiamata Impossible Foods, che ha annunciato la nascita del progetto Impossible Investigator per richiamare scienziati e ricercatori di tutto il mondo proponendo loro di sviluppare alimenti vegetali per sostituire quelli di origine animale, pesci inclusi.

E presto arriverà anche l'uovo impossibile: niente gallina, solo prodotti vegetali (ri)elaborati in laboratorio.

VIDEO


351

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Otto

Non stiamo facendo ne filosofia ne benaltrismo o almeno non io. Il mio intervento é chiaro e da quello che scrivi hai confermato il mio intervento iniziale. Non siamo d'accordo sui numeri ? Amen.
Il concetto non cambia

E K

Credo il problema sia a monte. La presenza di qualsiasi essere umano é dannosa per l'ambiente, ma con questa constatazione non sto in nessun caso implicando che il genere umano si deve estinguere, deve solo orientare il proprio stile di vita verso un consumo minore e limitare i danni (che a prescindere ci saranno).
Ora lo stesso identico discorso riguada gli animali, senza cibo animale non possiamo garantire la nostra salute, gli allevamenti sono inquinanti ma necessari.
Questo dicevo, ma capisco che sperare che pensieri complessi vengano capiti sulla base di 3 righe stringate sia utopia. I walltext sono necessari se si vuole evitare risposte come la tua.

Otto

Rileggi bene il tuo intervento. È in contraddizione con se stesso: prima dici che ‘che l’allevamento sia dannoso per l’ambiente non ci piove’ poi nella stessa frase: ‘eliminare l’allevamento non si sono prove... solo convinzioni religiose’.
Prima fai pace con te stesso, poi ne parliamo.

E K

Non mi pare di averlo negato, ma il fatto che una stalla sia così non nega che la produzione di vegetali non sia meglio e che se vuoi nutrirti senza carenze sei costretto a incamerare Omega3 di sintesi, taurina di sintesi, vitamina D di sintesi, Vitamina B12 di sintesi, integratori di ferro, calcio, zinco, etc. etc. etc.

Riguardo al fatto che le piante sono senzienti non hai osato dire nulla....strano.

Ps essendo cresciuto in Sardegna ho partecipato parecchie volte a feste in cui si ammazzava il maialetto, se ne mangiava il fegato crudo e la cordula (quella il giorno dopo) e come regalo mi sono portato a casa in alcune situazioni fortunate una cagliata di agnello fresca (che presumo tu sappia cosa sia). So molto bene come sono le stalle, semplicemente non sono ipocrita, se voglio mangiare carne so bene che conseguenze comporta per gli animali e so cosa sto mangiando.

E K

Io sono stato vegano per qualche mese anni fa' per colpa del sovraconsumo di carne (a cavallo di pasqua in Sardegna, ti lascio immaginare i menù degli inviti irrinunciabili), al dilá delle panzane per autoconvincersi, e dell'intolleranza modaiola contro gli onnivori che é venuta fuori negli ultimi anni e che se ne sta andando lentamente, non é uno stile alimentare minimamente sostenibile (se fatto per vivere sani e non per essere alla moda) nel lungo periodo, servono troppi alimenti che vengono da altri continenti e serve un dietologo che ti segua mese per mese, con analisi del sangue e aggiustamenti costanti della dieta, cosa che mangiando normalmente non é necessaria.

E K

In realtá non si parla di allevamenti intensivi ma di allevamenti totali, gli intensivi producono meno co2 per animale rispetto agli allevamenti estensivi perché il cibo dato ha una digeribilitá maggiore rispetto all'erba (e fa crescere l'animale piú in fretta senza bisogno di steroidi, che invece gli americani usano a secchiate negli allevamenti estensivi).

Che l'allevamento sia dannoso per l'ambiente non ci piove, che sia tra i piú dannosi, qui ci sono parecchie ombre, di sicuro per come é ora, non é una cosa positiva e potrebbe essere molto meglio, che eliminare l'allevamento sia una soluzione...qui non ci sono prove, ci sono solo convinzioni religiose da chi combatte gli allevamenti.

Tornando al tuo post, che la carne non sia sostenibile a livello ambientale, é falso.

È attualmente poco sostenibile per colpa della sovraproduzione, sprechi produttivi e sovraconsumo, ma i principali produttori fatta eccezione per il Brasile non stanno deforestando e non hanno impoverito le riserve di acqua dolce in seguito all'allevamento, la California per esempio le ha azzerate per produrre eticissime ed ecologicissime mandorle, le foreste vengono abbattute per fare piantagioni monocoltura di sostitutivi dei grassi animali (olio di palma su tutti).

Emanuele

Sul punto 6, da quel poco che so, non sarebbe molto sostenibile per via che l'intero stabilimento deve essere refrigerato

Pip

Disse il tizio che comunque continua a rispondere...

Fabio

Ma guarda, non mi interessa nulla delle tue opinioni.

Mattia Alesi

Certo ma dipende QUANTO ce ne metti di additivo.
Se per portare sul mercato un surrogato vegano devi utilizzare il triplo degli additivi per dargli un sapore/consistenza accettabile, arrechi un danno alla salute.

Ricky

La maggior parte dei cibi, senza quegli additivi, non arriverebbe sulle tavole ma si deteriorebbe prima

Caco Mela

Sì, va be', ciao.

moralizzatore

verdura non verdura fatta di verdura.

Cristiano M.

Per carità, sarà come dici ma una lavata al CUL0 me la darei lo stesso.
Inoltre mangiare vegano è una cosa, ma quí mi pare si vada sull'artificiale, non si parla di soia lavorata e tofu. Ma mangiare naturale no?

Scrofalo
Scrofalo

Esatto, se già sostituissero la carne dei fast food sarebbe un grandissimo passo in avanti, poi a tagli di carne vera e propria ci si arriverà

No è più sostenibile l'allevamento intensivo in effetti

No no l'impossible non è male, l'ho provato... ovviamente la carne è più buona/saporita, ma messo in mezzo a pane, formaggio, salse ecc fa la sua figura. E quello che ho provato io era di prima generazione, nel frattempo ne hanno fatto una versione nuova

Luca Lindholm

Al supermercato CONAD del mio quartiere ci osno i beurger di soia in due varianti: uno "classico" e uno "vegetale"... boh..

Pip

Sempre meglio di chi è così a corto di argomenti da rispondere per la terza di fila con una battuta

rsMkII

nnamo bene

rsMkII

Infatti la i sta per impossible

rsMkII

Vero, ma i costi come ben sappiamo sono un argomento passeggero, dato che si evolvono. Vuoi un esempio banale? Prova a guardare cosa mangiavano anni fa e cosa mangiamo oggi, anche solo come quantità di carne per restare in tema.

rsMkII

Fatte di carne!

rsMkII

Impossible Investigator, che sembra un investigatore ma non lo è?

SuperDuo

Mi sa che non sai leggere l'italiano. Pazienza.

Saluti.

Tizio

Paradossalmente in Italia, quelli mangiabili arrivano da alternative economiche.
Il Rebel Whopper di Burger King (anche se mi che è stato tolto), le polpette TalieQuali di Ikea e i Next Level Burger del Lidl.

Fabio

Allora stai messo male figlio mio

mark

Doveva sfoltire i vecchi che non producono più e sono un peso per la società e l'economia... Ma non é andata come volevano

Matteo

Chissà se faranno l'impossibile vagina

fabbro

quali tagli "pregiati" importremmo dagli states?
quali sarebbero i tagli BBQ??

Neuzzo

Ma i tagli nobili non penso proprio che si possano fare, ma già se si riuscisse a sostituire hamburger e wurstel di vari tipi penso che taglieresti la grandissima parte della carne consumata.

Neuzzo

Bah..Il mercato e la mia esperienze dice che al contrario la carne americana è tra le più buone. Tant'è che la importiamo nei tagli pregiati.
Tra le più ricercate nei tagli BBQ.

Pip

Non ho neanche 30 anni, ma vabbè...

Fabio

Ok boomer

Andrea M.

senti micino da tastiera, guarda che il nazivegano qui sei tu, io mangio sano e compro prodotti di qualità, non me ne frega niente delle carni fatte bombate, ne di quelle che prima erano un cetriolo e ora sono bistecche. Quelle le lascio a voi che vi informate su google.

Internauta

non esiste un onnivoro che mangia di tutto. A seconda dell'ambiente in cui vive, a seconda della vegetazione, della disponibilità del cibo e della rotazione stagionale ha un range più o meno stabile di varietà di alimenti con cui ha una forte associazione metabolica e quindi una buona assimilazione. Poi ci sono gli alimenti secondari che utilizza in caso di mancanza di quelli a cui è abituato. Per cui l'uomo predilige i vegetali, ma di gran lunga li predilige. La carne la prendeva quando non aveva altra disponibilità (e viceversa). Poi con l'allevamento e la coltivazione si è abituato ad avere più carne ma rimane comunque un essere prevalentemente vegetariano. D'altronde se andiamo a guardare indietro (10 milioni di anni fa) ci sono evidenze scientifiche che suggeriscono una dieta a base di radici, bacche e frutti.
Il fatto della carne è recentissimo, solo 1000 anni (e anche meno) che ha cominciato ad assumere quantitativi sempre maggiori di carne (Sempre grazie agli allevamenti se no col cacchio che avremmo avuto tutta sta carne disponibile). Il problema però di questa dieta è gli enormi costi di energia sussidiaria necessaria per mandare avanti gli allevamenti, il che sono risultati INSOSTENIBILI.
Prima passi di nuovo a una dieta vegetariana, meglio è. O ci vai o sarai costretto, te lo assicuro. E se non tu i tuoi nipoti o i tuoi figli.

SuperDuo

Ti sei perso tra i vari messaggi che in famiglia abbiamo un'azienda che fa proprio questo... Riprova ancora caro il mio leone da tastiera.

Biroger

Intendi il Sensational? L'ho provato perché era in sconto al supermercato, immangiabile.

Nuanda

Ecco se magari le seguivi pure le lezioni era meglio.... Ciccio mio...

Internauta

Treccani hahahah
Ciccio mio, sono laureato in Scienze ambientali.
Treccani chiede a me quali tipi di onnivori possono esistere.

TheRealTommy

Potrà essere una cosa ibrida. Gli hamburger saranno vegetali, le altre carni animali.

Scrofalo

Speriamo che arrivino presto anche la frutta e verdura

Harry

Leggi i commenti prima di rispondere, grazie.

Harry

Con un aspettativa media di vita di 80 anni, dubito che il pianeta fornirà carne per oltre 50 anni...

Mattia Alesi

Si, poi mi fai l'elenco degli additivi con la E

I'mNotYourFatherLuke

Indicami dove avrei detto che i manzi sono ottenuti dal petrolio.
Ora invece spiegami per filo e per segno quali sono i processi chimici che portano alla nascita e alla crescita di un bovino.

Otto

Ok, ragioniamo per assurdo. Hai ragione tu solo il 40% del terzo delle emissioni globali é colpa degli allevamenti intensivi. Cosa cambia ?
Gli allevamenti intensivi rimangono sempre tra i maggiori produttori di emissioni nocive per l'ambiente.
Cosa sposta rispetto al ragionamento del thread che ho iniziato ?
Nulla.
Vuoi fare il puntiglioso sui numeri e perdi di vista il ragionamento centrale.

Andrea M.

e tutto questo lo sai dopo la tua laurea presa su Facebook immagino.

Android

Galaxy S23 Ultra: come ottenere il massimo grazie ai software di Samsung | Video

Sony

SONY ZV-1 II: abbiamo provato la nuova Vlog Camera. Ne vale la pena?

Articolo

Prime Video: tutti i film e le serie TV in arrivo a giugno 2023

Economia e mercato

Hisense Europe in Slovenia: dove nascono prodotti e tecnologie per tutto il mondo