VivoGreen apre a Terni, è il primo negozio senza casse in Italia

11 Settembre 2020 115

Avete mai pensato di andare al supermercato, scegliere i vostri prodotti, metterli nel carrello e uscire senza passare dalla cassa? Ovviamente non parliamo di taccheggio, ma di spesa intelligente e di pagamenti cashless (vedi Amazon Go) tecnologie che danno la possibilità di non dover fare la fila, riporre i prodotti sul nastro, prendere il portafogli, i soldi o la carta di credito, ed evitare tutti gli imprevisti del caso (vedi aspettare per il resto, POS che non funziona ecc).

Tutto questo sarà possibile da domani a Terni con l'apertura di VivoGreen, il primo negozio in Italia privo di casse dove i clienti possono acquistare i propri prodotti, riporli nella borsa o carrello, uscendo poi da un apposito gate che permette il pagamento cashless grazie alla tecnologia fornita da Nexi.


Nexi, partner di VivoGreen per il progetto, ha fornito la tecnologia per tutta l'infrastruttura, permettendo così all'azienda di gestire quelli che vengono definiti "invisible payments" attraverso XPay, il gateway di pagamento di Nexi.

In pratica, il cliente deve registrarsi a VivoGreen presso il negozio o online, successivamente può ritirare la propria tessera associata ai propri dati e alla carta di credito. Una volta effettuati gli acquisti, il cliente può uscire attraverso un apposito gate che, grazie alla tecnologia Rfid, identifica i vari prodotti addebitando tutto sulla carta di credito.

VivoGreen, che nasce inizialmente come progetto didattico da un'idea di Davide Milani, professore presso l’Itt Allievi-Sangallo di Terni, è anche un progetto a consumo zero di rifiuti. I prodotti venduti nel negozio sono tutti imballati in materiali completamente biocompatibili, biodegradabili o in vetro e, grazie a un algoritmo brevettato, Vivogreen è in grado di calcolare e rimborsare anche la tassa Tari.


115

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
spino1970

Diciamo che se questo tipo di tecnologia servisse a ridurre i costi, e di conseguenza anche l'esborso di soldi del consumatore, ok. Se devo pagare il doppio per non dover strisciare il bancomat e togliere lavoro alla gente e far risparmiare solo l'azienda, anche no.

Garrett

In Italia c'è gente con non prende nemmeno quello.
Il Paese e stracotto

Tizio Caio

I cash sono i contanti non i soldi in generale

Rick Deckard®

Non lo dubito.
Semplicemente sono i più difficili da sostituire

Rick Deckard®

Certo, ma dico solo che è il limite della decenza e rispetto ai cassieri da 600€ è il doppio

nutci

Ok boomer!

Ratchet

Cashless? Ok, quindi senza soldi, allora non pago nulla.

Thorgal83

Io non mi sto lamentando del fatto che vado contro il sistema. Sto andando contro il sistema perché mi sto lamentando. Una differenza di causa effetto. Ad ogni modo che le città siano frenetiche e un pessimo luogo per vivere è un dato di fatto. Non un'opinione . Poi che ci siano vantaggi o che uno debba viverci per lavorare questo è un altro discorso ed e' vero. Ma sono le scelte di noi consumatori che possono cambiare le cose. Come ridurre il consumo di carne (parlo da non vegetariano). Non è un opinione. E' una necessità che si può abbracciare o meno . Ma resta una necessità. Io non voglio tornare all'età della pietra ma solo bilanciare degli enormi vizi del consumismo

Thorgal83

Aspetta, mi hai frainteso. Non sto giustificando il ruolo di cassiere, non lo farei mai. Io lavoro in banca e quando hanno tolto le casse sono stato più che felice di non fare più banali prelevamenti o versamenti. Quello che volevo sottolineare è sia che i cassieri comunque hanno una loro professionalità. Sembra un lavoro automatico ma avere una persona che ti saluta, che ti aiuta, con cui puoi scambiare una chiacchiera veloce non è uguale ad avere un robot. Questa qualità, migliorata e ampliata, mi dispiacerebbe perderla a beneficio solo del boss di turno. Viviamo in città stressanti, frenetiche e individualiste. Se un supermercato toglie le casse per darmi più servizi , come successo in banca (consulenza , polizze) allora mi sta bene. Se invece toglie un servizio e automatizza e basta (es banche che chiudono tutti gli sportelli) allora non mi va più bene. La professionalità delle persone non si può ridurre a un robot

waribi
waribi

Forse perché non hai letto bene, riprova. Io ho grande rispetto dei lavori manuali specializzati.

Gv83

Un po' come il casellante autostradale..un lavoro senza senso

Re-Wwanted

Se l'obiettivo è arricchirsi di certo non lo si fa nei comodi panni del dipendente (salvo profili d'eccellenza e per ruoli d'alto livello).

La ricchezza, che per le masse è sinonimo di tanto denaro mentre una rendita in grado di sostenere il proprio tenore di vita senza dover lavorare. Difficilmente la si raggiunge facendo cose "normali". Grandi sacrifici e rischi possono produrre grandi risultati, se lavori come dipendente a 1200 euro al mese, avrai di che vivere dignitosamente, ma non sarai mai ne ricco ne libero.

Rick Deckard®

Ti accorgerai nel tempo che molti tuoi conoscenti vivranno delle relazioni sociali che hai abbandonato

Rick Deckard®

Secondo me nessuno fa quel lavoro tutta la vita, se non mamme che necessitano di part time..
Detto ciò è comunque sfruttamento e magari un giorno proprio a te, nella vita, capiterà di doverlo fare per bisogno e mi auguro te ne siano 400 XD

Scherzi a parte molti lo fanno come primo lavoro o come integrazione agli studi ed è poco pagato comunque

Re-Wwanted

Per un lavoro di manovalanza a 30 ore a settimana, sono ciò che offrono i CCNL. Se non ti piace, ti qualifichi per una mansione superiore o emigri

Rick Deckard®

Ma prendono 600/700€ al mese,.

Re-Wwanted

Mi sono trovato più volte a valutare a colloquio laureati e spesso e volentieri mi sono trovato di fronte gente alla quale non avrei fatto pigiare manco un bottone.

Capisco l'astio dopo aver studiato anni. Scontrarsi con la realtà non è sempre facile, ma qui non si sta facendo di tutta l'erba un fascio.

Ci sono laureati e laureati. Ma il fatto che tu sia laureato, non ti eleva ad una posizione superiore.

Magari fosse come dici tu, avrei le lacrime agli occhi, vorrebbe dire che ogni volta che mi trovo davanti un laureato sarei certo di aver il candidato perfetto di fronte e invece...

Re-Wwanted

Quanto dovrebbe guadagnare una cassiera secondo te? Prende uno stipendio del CCNL commercio rapportato alle ore lavorate. I CCNL non li decide il datore di lavoro, lui semplicemente li applica e li rispetta

Rick Deckard®

Va beh ma quelli lavorano e sono disonesti.
Comunque 1000€ sono pochini

Re-Wwanted

Ho un sacco di amici in quelle zone definite "difficili" che lavorano e si danno da fare. Chi ha un impiego da dipendente e chi non trovandolo si è rimboccato le maniche e si è messo in gioco lavorando in proprio e questi ultimi da quando è stato attivato il reddito di cittadinanza tribolano a trovare personale perchè :"Per guadagnare 1000 euro lavorando, sto a casa e ne prendo 800" oppure "Ci vengo a lavorare ma non mi metti in regola altrimenti perdo il reddito di cittadinanza". Questa è la realtà.

La gente che lavora e paga tasse ne ha un po' le balle piene di far percepire la paghetta ai parassiti per sostenere i consumi.

Rick Deckard®

Invece saranno proprio i lavori manuali specializzati a rimanere, come idraulici, o simili...

Rick Deckard®

Non vorrei offendere nessuno ma nemmeno Briatore mi sembra laureato né una cima .. eppure..

Rick Deckard®

Non parlo per esperienza personale ma secondo me in certe regioni lavorare non è così semplice...
Un po' di aiuto sostengono i consumi...

Rick Deckard®

Si beh, le cassiere non prendono tanto

Delfino D'Acciaio

APPUNTO e come nel capitale, quando qualcosa diventa comune perde di valore, si svaluta, come stampare molta moneta, poi si svaluta la valuta, esattamente come si svaluterebbe la laurea se tutti la prendessero. Già oggi è svalutata e certe posizioni vengono offerte solo a persone con dottorati e master.

Delfino D'Acciaio

lol, sei ridicolo

Mattia Alesi

Quindi quando acquisti dei prodotti compri anche un sorriso?

virtual
Dark!tetto

Ora sono in proprio e ho acquisito qualche negozio facente parte della GDO, prima ho fatto di tutto nel settore da agente, buyer, store manager e responsabile regionale per la catena di cui i miei negozi ora fanno parte.

waribi

Il tuo stupido commento mi dice già abbastanza di te, non ho bisogno di sapere altro.

waribi

Sviluppo software in vari ambiti (automazione industriale, tracking in tempo reale, magazzini verticali automatici).

waribi

Risposta senza senso, ma lo sai già.

saetta

Molto bene, grazie

ilKing

Certo e tu da cosa avresti capito cosa guadagno e dove lavoro? Abbassa le alette ragazzino

Re-Wwanted

I 4 nomi sono per questioni di sintesi, ma ce ne sono davvero un sacco.

Non prenderla sul personale. Ci sono laureati geni, ma un sacco che non lo sono. Stessa cosa vale per i geni.

Questo cosa significa? Non è laurea a trasformarti in genio perchè, ribadisco, l'intelligenza è una cosa, la cultura un'altra.

Un genio con la laurea. è un genio acculturato e sicuramente in quanto genio le skill apprese con la laurea saprà metterle a frutto.

nutci

Di cosa ti occupi??

nutci

Di cosa ti occupi?

Nessun lavoro è per sempre, tutto si trasforma ed evolve fortunatamente.
Vuoi che ti dica che un giorno l'essere umano sarà obsoleto per il mondo del lavoro? Forse.

Intanto siamo nel 2020 e in un paese tecnologicamente abbastanza arretrato, sei in grado di adattarti almeno a questo?

waribi

Se non si comincia mai resteremo sempre il paese arretrato che siamo....

ligeiro

se studi per crearti un futuro ed investi soldi e tempo..almeno fallo bene

ligeiro

discorso troppo generico, l'università costa, non è proibitiva come negli usa, ma li non se lo sognano il 40% di disoccupazione; la situazione è più tragica di quanto non pensi,

boosook

Perfettamente d'accordo.

Dark!tetto

Evasione, corruzione in cima alla lista, in 3 atenei che ho frequentato posso dirti che il 90% dei docenti/rettori erano imparentati più o meno tra loro. Ora che ho una mia attività vedo pure il marcio dentro le scuole, per farti un esempio con il discorso LIM non c'è stato un solo preside che non mi ha chiesto se potevo fatturare un prodotto diverso e fargli intascare qualcosa a lui. Diversi li ho pure segnalati, e il risultato ? Un manichino su una sedia piazzata davanti al cancello di casa e incendiato, e l'appalto comunque è stato vinto da altri che hanno concesso questo "favore". Il sistema è tutto marcio, andrebbe completamente rivisto dalle basi e andrebbero segnalati e denunciati gli illeciti, ma la colpa per questo non può ricadere sulle fasce meno abbienti no ?

roby

Forse non e' importante sapere Che si sta scrivendo da una tastierina piccolina di un cellulare e che molto spesso ci sono errori di digitazione

Occorre un cambiamento culturale che consenta di fare crescere in modo diverso le persone e quindi di cambiare certi contesti sociali, con un'attenzione maggiore alle materie STEM e agli studi universitari. Certo non possono diventare tutti medici/ingegneri ... Ma a parte il fatto che c'è spazio anche per i lavori di cura (infermieri, badanti, colf), l'importante è ridurre il più possibile la percentuale di persone inutili per il mondo del lavoro. In modo da poterle gestire, in quel caso SI, con i sussidi.

Dark!tetto

No vabbè, ma questi son eccezioni e possono capitare, qua si parla di quelli recidivi che ce l'hanno con il mondo intero. E il fatto di non avere possibilità di far altro non è certo una scusante per non salutare o essere irrispettoso/a dei clienti, mi dispiace e per quanto posso essere comprensibile sul periodo brutto se diventa la norma non vedo perchè danneggiare l'immagine della mia attività solo perchè tu questo lavoro non vuoi farlo. Non fraintendere, ma per quanto odioso può essere un lavoro, quello va fatto nel migliore dei modi altrimenti è solo ed esclusivamente una mancanza di impegno da parte del dipendente.

waribi

Oppure investendo nell'istruzione come fanno gli altri paesi. Come mai loro ci riescono? Suvvia, non facciamo finta di non vedere che siamo uno dei paesi cosiddetti "avanzati" messi peggio da quel punto di vista...

boosook

Boh io non sono categorico come voi, magari quel giorno alla tipa è morto il gatto, magari il fidanzato l'ha lasciata, addetto alle vendite è differente, lì sei quasi una macchina. E magari se fai quel lavoro non hai altre possibilità.

Dark!tetto

Ma certo e anche se può sembrarti assurdo anch'io alla fine ho deciso di rimanere qua, inoltre facendo un lavoro non del tutto inerente al mio percorso di studi. Se avessi seguito quello, oggi avrei pure un dottorato e lavorerei in svizzera guadagnando probabilmente anche di più. Il fatto è che io ho avuto la possibilità prima fornita dal contesto familiare e poi da quello lavorativo di potermi permettere un'istruzione, proprio per questo capisco che non tutti hanno questa fortuna di poter studiare.

Rispondendo all'altra risposta se hai 0 puoi investire 0 nel tuo futuro purtroppo, una società avanzata ha 2 modi per affrontare questo problema, o tramite sussidi con il rischio di creare parassiti. O in modo indiretto, mantenendo posti di lavoro come la cassiera o il casellante, per dare comunque una dignità a chi non può permettersi una laurea, o anche solo un diploma. Economicamente scorretto, ma civilmente, socialmente ed eticamente è giusto che chi investe in manodopera umana viene incentivato a farlo, altrimenti si crea povertà nella popolazione e quella colpisce anche me e te che abbiamo "ruoli dirigenziali"

Apple

Tutti gli iPhone 13 sono arrivati: unboxing e le nostre prime impressioni | Video

Apple

Scopriamo insieme tutti gli iPhone 13 | Replay del live unboxing

Android

Samsung One UI 4 con Android 12: vi mostriamo la beta per i Galaxy S21 | VIDEO

Tecnologia

Inspiration4: la missione termina con l'ammaraggio, è un successo | Video