Tradurre la lingua dei segni in parlato? Ci pensa un guanto digitale

01 Luglio 2020 5

Una ricerca recentemente pubblicata su Nature - trovate il link in Fonte -, apre le porte a nuove possibilità per le persone sorde, grazie alla traduzione della lingua dei segni in parlato.

Un team dell'Università della California a Los Angeles (UCLA) ha infatti realizzato uno speciale guanto digitale che tiene traccia dei movimenti delle dita dell'utente grazie a sensori dedicati e, automaticamente, li traduce nella parola corrispettiva nella lingua di riferimento. Il tutto avviene attraverso l'utilizzo di uno smartphone, sul quale ogni gesto viene tradotto in audio e testo (alla velocità di una parola al secondo), in modo che il parlante della lingua dei segni possa comunicare con più facilità con un interlocutore che non la conosce.

Rappresentazione 3D del guanto

Al momento l'esperimento funziona solo per le traduzioni dalla lingua dei segni americana verso il parlato/scritto angloamericano, ma lo scopo è quello di creare un dispositivo quanto più versatile possibile, quindi in grado di adattarsi alla lingua dei vari Paesi. Ricordiamo infatti che la lingua dei segni utilizza un sistema di gesti, segni e posizioni delle dita che variano a seconda del paese (un parlante di LIS, lingua italiana dei segni, non condivide lo stesso codice di un parlante britannico, francese, angloamericano e così via) e, oltre a ciò, fa anche largo uso di espressioni facciali e di elementi di prossemica: la posizione delle mani e delle dita nello spazio è importante quanto i singoli gesti.

Al guanto mostrato in queste immagini, infatti, vengono anche accompagnati ulteriori sensori adesivi che possono essere applicati sul volto del parlante, al fine di poter captare con precisione gli aspetti appena citati. Certo, non si tratta della soluzione più elegante e socialmente accettabile, ma uno sviluppo di questa tecnologia potrebbe semplificare notevolmente la comunicazione e lo stesso apprendimento della lingua dei segni per le persone sorde. Non è la prima volta che vediamo esperimenti di questo tipo, ma rispetto al 2012 possiamo dire che siano stati fatti passi da giganti!


5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Marco Revello

Tanto per chiarirci, la lingua americana dei segni è quella che comprende il pugno chiuso con il medio disteso, vero?

Da cui Babil Junior. ;)

csharpino

Per lo stesso motivo per cui non hanno pensato ad una lingua comune a tutto il mondo...

LaVeraVerità

Accade per colpa della superbia degli uomini.

«Tutta la terra aveva una sola lingua e le stesse parole. Emigrando dall'oriente gli uomini capitarono in una pianura nel paese di Sennaar e vi si stabilirono. Si dissero l'un l'altro: "Venite, facciamoci mattoni e cociamoli al fuoco". Il mattone servì loro da pietra e il bitume da cemento. Poi dissero: "Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un nome, per non disperderci su tutta la terra". Ma il Signore scese a vedere la città e la torre che gli uomini stavano costruendo. Il Signore disse: "Ecco, essi sono un solo popolo e hanno tutti una lingua sola; questo è l'inizio della loro opera e ora quanto avranno in progetto di fare non sarà loro impossibile. Scendiamo dunque e confondiamo la loro lingua, perché non comprendano più l'uno la lingua dell'altro". Il Signore li disperse di là su tutta la terra ed essi cessarono di costruire la città. Per questo la si chiamò Babele, perché là il Signore confuse la lingua di tutta la terra e di là il Signore li disperse su tutta la terra.»

(Gen. 11, 1-9)

Crazy999

una cosa che non ho mai capito è il perchè ogni lingua (italiano, francese, inglese etc etc) abbia la propria lingua dei segni e non abbiano subito pensato di farne una universale.

Android

LG Wing: qualcosa di originale ma sorprendentemente "normale" | Video

Video recensione

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3080, il 4K non sarà più un sogno! Video

Games

PlayStation 5: scopriamo date e prezzi ufficiali | Live dalle 21:30

Games

Recensione Super Mario 3D All-Stars: tra eccellenza e pigrizia