Esiste vita su altri pianeti? Le tecno-firme potrebbero fornire la risposta

23 Giugno 2020 67

Sappiamo che nell'ultimo decennio gli sforzi dedicati alla ricerca di segnali di vita, sia nel nostro sistema solare che al di fuori di esso, si sono amplificati di molto. Complici le nuove tecnologie, scienziati ed astronomi collaborano nell'osservazione e nella ricerca di segni, sia nello studio dei corpi celesti più prossimi alla Terra sia per quelli più remoti.

Riguardo la presenza di vita nel sistema solare abbiamo già affrontato l'argomento in un recente approfondimento che vi riproponiamo a seguire, ma esiste un approccio universale che permetta di riconoscere un segno di vita passata o presente?

Senza considerare lo studio dei segnali radio captati dallo spazio, come ad esempio il programma SETI ( Search for Extra-Terrestrial Intelligence), l'approccio più utilizzato è quello della ricerca di eventuali firme biologiche, ossia dei segni di un passato (o presente) vitale, ma se ci imbattessimo in un pianeta la cui civiltà abbia avuto uno sviluppo tecnologico ben definito? In un caso simile si potrebbero anche trovare delle tecno-firme, ossia dei segni tecnologici lasciati dalla civiltà e che siano distintivi di un'evoluzione di tipo avanzato.

Qualcuno crede che la ricerca di tecno-firme possa essere una strada migliore rispetto a quella delle bio-firme, tra questi vale la pena citare Adam Frank , professore di fisica e astronomia all'Università di Rochester. Lo scienziato di recente ha ricevuto una borsa di studio dalla NASA che gli consentirà di iniziare a rispondere a queste domande.

La sovvenzione finanzierà il suo studio sulle tecno-firme, si tratterà della prima volta in cui la NASA finanzia una ricerca non basata sui segnali radio e rappresenta una nuova entusiasmante direzione. La sovvenzione consentirà a Frank, insieme ai collaboratori Jacob-Haqq Misra dell'organizzazione no profit internazionale Blue Marble Space, Manasvi Lingam del Florida Institute of Technology, Avi Loeb dell'Università di Harvard e Jason Wright della Pennsylvania State University, di produrre le prime voci in una biblioteca di tecno-firme online.


I ricercatori inizieranno il progetto esaminando due possibili tecno-firme che potrebbero indicare attività tecnologica su un altro pianeta:

Pannelli solari: Le stelle sono uno dei più potenti generatori di energia nell'universo, dunque è probabile che una civiltà avanzata si sia basata su tecnologie simili a quelle dei pannelli solari, di normale utilizzo sulla Terra. Se una civiltà utilizza molti pannelli solari, la luce che viene riflessa dal pianeta ha una certa firma spettrale. La misurazione delle lunghezze d'onda della luce che vengono riflesse o assorbite, potrebbe indicare la presenza di tecnologie di questo genere.

Inquinanti: Purtroppo, uno dei segni riscontrabili a livello atmosferico in un pianeta tecnologicamente avanzato, potrebbe essere la presenza di inquinanti di varia natura. Sulla Terra siamo in grado di rilevare sostanze chimiche nella nostra atmosfera grazie alla luce che le sostanze chimiche assorbono. Alcuni esempi di queste sostanze chimiche includono metano, ossigeno e gas artificiali come i cloroflourocarburi (CFC) che un tempo usavamo come refrigeranti. Gli studi sulle bio-firme, ad esempio, si concentrano su sostanze chimiche come il metano, uno dei prodotti maggiormente distintivi della presenza vitale. Frank e i suoi colleghi catalogheranno le firme dei prodotti chimici che indicano la presenza di una civiltà industriale simile alla nostra.

Le informazioni saranno raccolte in una biblioteca online di tecno-firme che gli astrofisici saranno in grado di utilizzare come strumento comparativo durante la raccolta dei dati. Per maggiori informazioni, vi rimandiamo alla lettura della pubblicazione disponibile in FONTE.


67

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Karellen

Qua sulla terra delle forme di vita intelligenti potrebbero essersi formate al posto dei dinosauri (ma anche prima) senza problemi, anche 200 milioni di anni fa, ed un altro sistema solare come il nostro potrebbe essersi formato anche una manciata di miliardi di anni prima, per cui potrebbero potenzialmente esserci civiltà che esistono da qualche miliardo di anni. Mi sembra abbastanza per produrre delle tecno-firme (se però parliamo di bio-firme tipo la produzione di ossigeno già 3 miliardi di anni fa la terra sarebbe stata individuabile sotto questo punto di vista).

i primi homo sapiens 130 mila anni fa, CREDEVI CHE PARLASSI DI DINOSAURI CHE MANDANO SATELLITI IN ORBITA ? SCUSA!

Ehm, non parlo dei moscerini, i moscerini non costruiscono satelliti

Juanito82

esatto.
con sistemi direzionali non serve molta potenza e le apparecchiatture di ricezione sono già ora sufficientemente sensibili per ricevere segnali "distanti" miliardi (miliardi al plurale è davvero tanto) di anni luce, figuriamoci 4

77fabio

Allora non ci capiamo... anche ammettendo che in centinaia di migliaia di anni questo ipotetico e fantascientifico razzo con fotocamere non si sompesse e continuasse a funzionare con le fanta-batterie, hai idea di che potenza servirebbe ad un antenna per inviare un segnale fino a noi? Facciamo fatica a vedere i segnali prodotti dalle stelle più potenti e secondo te un'antenna montata su un razzo (pieno di fotocamere perchè vogliamo anche i selfie degli alieni) può trasmettere una foto fino a noi???

xpy

Era nel senso che una sonda per arrivare così lontano ci metterebbe tempi assurdi e si romperebbe prima, e quasi sicuramente sarebbe troppo lontana per riuscire a inviarci dati

Black_Codec

Sto ancora ridendo... questo è da commenti memorabili

Black_Codec

Comblotto fratello è tutto finto, una macchinazione di bill gates che ci immetterà mercurio nelle vene attraverso il 5g

off

Hanno fatto qualcosa di meglio: hanno lanciato un pupazzo con una tesla nello spazio, appena trova qualcosa di interassante gira l'auto e ci viene a chiamare!

delpinsky
Mirko

Beh, sognavano di andare sulla Luna e alla fine ci sono andati.

Juanito82

sono già al limite delle funzionalità causa batterie "esauste", tra qualche anno si disattiveranno del tutto e resterà il solo disco d'oro come sistema di comunicazione.
sempre che un giorno non arrivi V'ger :D

Juanito82

tutto giusto tranne che per la foto.
sarebbe abbastanza semplice ma è talmente lontano che impiegherebbe comunque 4 anni per raggiungerci.
ovviamente rispetto alle centinaia di migliaia di anni per arrivare lì sarebbe nulla, ma chi riceverebbe la foto non sarebbero homo sapiens sapiens

Slade

Si certo sogna

Repox Ray

Se trovano alte concentrazioni di metano è meglio tastarsi i c0gl10ni, potrebbe essere un pianeta Borg.

Frederik

Chi ha detto sia facile? Ma rimane senz altro una cosa da fare che non ci penalizza in nulla mandare qualcosa in avanscoperta, prima la si invia prima tornano i dati anche se tra 100 anni. Tutto ciò che concerne lo spazio è fatta con scopi futuristici.Hai della fretta?

Andhaka

La natura si ripete. Se qualcosa è successo potrà succedere di nuovo.

Vista la quantità di stelle anche solo nella nostra galassia le probabilità su un periodo di tempo abbastanza lungo sono probabilmente piuttosto alte.

Cheers

Andhaka

Aggiungi che avanzando come possibilità tecnologiche si potrebbero anche piazzare nello spazio aumentando le possibilità di dimensionamento in modo netto.

L'energia solare ha ancora parecchio potenziale.

Cheers

ilmondobrucia

Quindi è facile.

77fabio

Sono state lanciate due sonde (voyager 1 e 2) negli anni 70, avevano vari scopi tra i quali quello di trasportare un messaggio (fissato su un disco in oro per durare migliaia/centiania di migliaia di anni) verso l'ignoto. Nonostante sia in viaggio da quasi 50 anni, è arrivata solo ora nell'eliopausa.

Secondo te, anche lanciando un razzo con 18mila telecamere, cosa risolviamo? La stella più vicina è a 4 anni luce dalla terra (vuol dire 4 anni viaggiando alla velocità della luce). Sai quanto ci potrebbe mettere un razzo che non viaggia a velocità relativistiche a raggiungerla? Anche fosse possibile sfruttare le ipotetiche e futuristiche vele solari, ci metterebbe più di 100 anni... E anche la raggiungesse, pensi sia facile inviare una foto da 4 anni luce di distanza?

77fabio

Ah... non è piatto?

Frederik

Manda in orbita qualcosa ormai è piuttosto semplice per tutte le superpotenze

Frederik

Grazie a te! Se hai contatti con la Nasa ma anche la ESA vorrei farci un giro dentro

SuperDuo

Beh, se vogliamo parlare di fantascienza, una società con tante centrali a fusione da avere energia pressochè illimitata, potrebbe anche usare l'atmosfera per diffondere la corrente elettrica "gratuita". Un po come teorizzato da Tesla m cassato sulla terra per via dell'impossibilità di evitare i furti. .

Mirko

Ma anche se esistessero gli alieni a noi cosa cambia? Tanto sono troppo lontani per interagire con loro. Concentriamoci piuttosto a raggiungere la singolarità tecnologica il prima possibile.

Mirko

Si, Zio ha creato Adamo ed Eva qualche migliaio di anni fà ...

Karellen

Il bello è che anche se fosse creazionista al massimo gli animali sarebbero comparsi dopo 5 giorni, e al sesto giorno gli umani.

Ciccio Lino

https://uploads.disquscdn.c...

Slade

Qualche migliaio di anni ahahahahah

Karellen

Non proprio fantascienza, ma sicuramente un progetto a lungo termine, si usano le tecnologie attuali ma prevedendo che migliorino. Ad esempio i laser aumentano di potenza seguendo qualcosa di simile alla legge di Moore per i computer.
Fantascienza sarebbe usare un motore ad antigravità ad esempio.

FabxRM

Aspettavamo te.. grazie per la fantastica e originalissima idea.. grazie mille avverto subito la NASA e le altre agenzie ancora grazie

Davide Mosezon

Funzionerà ancora a lungo ma potrà trasmettere solo fino al 2025. Questo è quello che si legge

ilmondobrucia

"una cosa semplice"

Frederik

E continua a funzionare? A trasmettere?

Frederik

Ci mettano quel che ci mettano nessuno ha fretta, l'importante è che trasmettano il più possibile a lungo

Ibenfeldan

Certo che è stato fatto, e anche verso il Sole... Parker Solar Probe ti dice nulla?

Ibenfeldan

E' ancora li, supportata da una miriade di prove sperimentali...

Ibenfeldan

Circa 4 miliardi di anni. L'universo ne ha 13,8. te li faccio io i calcoli in percentuale o credi di riuscire da solo?

Alessio Ferri

Ok, pardon: per i sistemi embedded, per i sistemi fuori rete e per le zone sperdute non si può utilizzare una centrale a fusione, ma per forza dei pannelli solari per questioni di spazio e tempi di deployment.
In effetti potevo espandere la spiegazione

Hereticus

forse... o forse si scopriranno materiali e tecnologie per rendere i pannelli solari iperefficienti...

Hereticus

Praticamente... in termini di distanza fra i sistemi solari, non è ancora partito!

Hereticus

Temo sia ancora "fantascienza"

Hereticus

Ma hai una vaga idea delle distanze in gioco???

Vergo

Ma poi la teoria secondo la quale l'universo sia in continua espansione che piega ha preso?

Karellen

Il massimo che possiamo fare, che tra l'altro non ancora al momento, è il Breakthrough Starshot.

Karellen

La vita esiste da tra 4.4 e 2.7 miliardi di anni. Non male in un universo di 14 miliardi di anni scarsi!

Sara Vignali

Si parla di circa 4 miliardi di anni, ma credo che non cambi molto per te se non sai distinguere le migliaia dai miliardi.

Pura speculazione scientifica, la vita sulla terra da quanto c'è? qualche migliaio di anni? In confronto all'universo siamo una caccola.

xpy

Considera che le sonde che sono state lanciate quasi 50 anni fa sono appena uscite dal sistema solare

Davide Mosezon

Voyager 1 è il progetto più vecchio, è già uscito da diversi anni dal nostro sistema solare.

Android

Recensione Galaxy A51 5G, la porta d'ingresso per il 5G di Samsung

Android

Recensione Samsung Galaxy A21s: spender poco e avere il giusto

Mobile

Recensione Huawei Freebuds 3i: poche rinunce con meno di 100 euro

Alta definizione

In viaggio con Panasonic Lumix G100: più mirrorless che vlog camera | Recensione