NASA: il telescopio TESS rileva "il battito" delle stelle Delta Scuti, è la prima volta

16 Maggio 2020 16

Dopo anni di studi, gli astronomi sono finalmente riusciti a intercettare e decodificare con chiarezza "il battito" di una particolare classe di stelle, le Delta Scuti, che fino ad ora era stato inafferrabile.

Il merito è anche della NASA: è stato grazie ai dati del telescopio spaziale TESS, che da un paio d'anni va alla ricerca di pianeti extrasolari sfruttando il metodo fotometrico del transito, se gli studiosi sono riusciti a individuare finalmente le pulsazioni di questa classe di stelle. Il loro studio è stato pubblicato proprio in questi giorni su Nature.

In realtà, tutte le stelle emettono pulsazioni: si tratta di risonanze naturali generate dai moti convettivi dovuti ai processi di fusione che avvengono nel nucleo. Tuttavia, le Delta Scuti avevano sempre dato del filo da torcere ad ogni studio di astrosismologia, poiché la rapidità della loro rotazione confondeva i dati relativi alle pulsazioni.

Le pulsazioni di una stella Delta Scuti. Fonte: NASA

Per trovare il bandolo della matassa era necessario osservare una grande quantità di questo tipo di stelle tutte insieme, in modo da rilevare delle similitudini nelle loro pulsazioni. E qui entra in gioco il telescopio spaziale TESS che, oltre a monitorare ampie strisce di cielo acquisendo un'immagine completa ogni 30 minuti, è in grado di scattare delle istantanee ogni due minuti ad alcune migliaia di stelle selezionate.

Così, in questa questa grande mole di dati, i ricercatori sono riusciti ad individuare un sottoinsieme di stelle Delta Scuti con schemi di pulsazione regolari, riuscendo infine a identificare un totale di 60 stelle di questo tipo grazie a un software ad hoc. Il battito individuato è di due tipi: nel primo, l'intera stella si espande e si contrae simmetricamente; nel secondo, gli emisferi opposti si espandono e si contraggono alternativamente.

Le sessanta stelle con pulsazioni regolari individuate hanno una massa compresa tra 1,5 e 2,5 quella del Sole, distano da 60 a 1.400 anni luce dalla Terra, hanno frequenze di pulsazione molto elevate (dell'ordine di 30 per giorno), una giovane età e una tendenza a frequentare gli assembramenti di stelle.

Ecco il battito rapido di HD 31901, ricavato da 55 modelli di pulsazioni osservati da TESS nell'arco di 27 giorni. Fonte: NASA

La rilevazione delle pulsazioni è importante perché permette di capire l'età, le dimensioni e la composizione delle stelle. Il principio è lo stesso per cui i geologi, studiando le onde sismiche della Terra, hanno dedotto la struttura interna del nostro pianeta in base alla loro direzione e velocità mentre attraversavano i diversi "strati" dal nucleo alla crosta terrestre.

Le novità relative alle Delta Scuti hanno già portato i primi risultati, contribuendo a risolvere un dibattito sull'età di una stella chiamata HD 31901. Per informazioni più dettagliate, si rimanda all'articolo di Media Inaf riportato in Via 2.


16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
JustATiredMan

Mha... può darsi... ma mi sà che li c'era anche una sorta di valenza religiosa... per cui erano più motivati.

p.s.
A proposito, come va il Trider ?

Babi
KontoKuantoKuntaKinte

Ahahahah :)

Dark!tetto

Te ne darei 2 upvote uno per i Metallica e uno per il nick

KontoKuantoKuntaKinte

Come dicono i Metallica.

KontoKuantoKuntaKinte

E valla a trovare.

KontoKuantoKuntaKinte

Non e' che perche' non e' una racchia che bisogna sempre farle i complimenti per ogni articolo.

KontoKuantoKuntaKinte

Ma la stella si chiama Delta Scuti o Delta Ausculti?

Watta

tu pensa che gli antichi Maya avevano una conoscenza dell'astronomia molto superiore di una persona media di adesso e non facevano altro che guardare il cielo..

Rumors from outer space.

Dark!tetto

Triste, ma vero...

Andrej Peribar

Ci vorrebbe una community interessata alla tecnologia

Dark!tetto

Capisco quello che intendi, ma il punto era un altro. Seppur non la capisci o apprezzi rimane un articolo con una valenza non solo scientifica, ma tecnologica in linea con un blog di tecnologia. Lo sbadiglio di Cook è semplice gossip da 2 soldi, per non entrare nel merito dei migliai di articoli di "rumors" di qualsiasi tipo assolutamente infondate e inutili. Il mio non voleva essere un rimprovero alla comunità di HDBlog, ma un incoraggiamento all'autrice che nonostante il panorama descritto prima si sbatte per portare contenuti impopolari, ma importanti e lo ha fatto in modo corretto, comprensibile ai più lincando ben 3 pagine di approfondimentoi per chi volesse.

Turk

Brava Elena.

JustATiredMan

perchè ovviamente una scoperta come questa, non solleva lo stesso interesse, e perchè per la maggioranza di quelli a cui piace l'astronomia superficialmente, come me, non riesce a capirne l'implicazione .
E' una roba da addetti al mestiere, o di appassionati seri a cui piace approfondire la tematica.

Se la notizia avesse riguardato qualche fenomeno sui buchi neri, o sulle stelle di neutroni, forse avrebbe interessato più persone.
La tipologia di oggetti di quel tipo, affascina molte più persone anche frà i non addetti, e magari qualche commento in piu sarebbe arrivato.

Dark!tetto

Anche se la notizia ha meno commenti di quello che potrebbe avere un articolo su uno sbadiglio di Cook, ringrazio l'autrice per averla riportata. Molto interessante

Android

Recensione e Confronto tra Redmi Note 9, 9 Pro, 9S: quale scegliere? Video

Asus

Recensione Asus ROG Zephyrus G14 con Ryzen 9 4900HS e RTX 2060

HDMotori.it

SpaceX fa la storia, oggi la missione epocale Demo-2 | Rinviato al 30/05

Alta definizione

Recensione Sony ZV-1: la fotocamera che piacerà ai Vlogger (anche per il prezzo)