AI Google contro il cancro al seno: legge i raggi X meglio degli esseri umani

02 Gennaio 2020 33

Spesso si fatica ad individuare le reali potenzialità dell'intelligenza artificiale ma quest'ultimo studio, realizzato da ricercatori della Northwestern University (Chicago) e due centri medici inglesi grazie a fondi di Google, potrebbe cambiare la nostra percezione. Attraverso un nuovo sistema, ancora in fase di sperimentazione, è stato possibile aiutare i medici a scovare delle anomalie nelle mammografie. La ricerca è stata pubblicata nelle scorse ore su Nature e pone le basi per un prossimo futuro dove l'AI giocherà un ruolo sempre più importante, anche in campo medicale, come dimostrato da IBM che ha invece sviluppato un sistema che addirittura prevede lo sviluppo di simili anomalie dei tessuti.

I team di ricercatori hanno quindi allenato il sistema AI nella lettura delle mammografie (utilizzando dati di oltre 100 mila donne), gli esami radiologici realizzati tramite i raggi X, ed ottenuto risultati migliori rispetto al procedimento tradizionale che affida il giudizio ai medici. Nello studio sono state utilizzate 25 mila mammografie anonime di donne statunitensi e 3 mila provenienti dal Regno Unito, di tutte si avevano ovviamente i risultati.

Il sistema di riconoscimento delle anomalie ha portato alla riduzione del 9,4% i falsi negativi e del 5,7% dei falsi positivi per le mammografie provenienti dagli Stati Uniti. Per i restanti fatti in UK, dove tradizionalmente la lettura viene affidata ad un doppio controllo di due radiologi, l'intelligenza artificiale è riuscita a ridurre del 2,7% i falsi negativi e dell'1,2% i falsi positivi. In ogni caso è stato quindi un successo. Infine è stato fatto un ultimo esperimento per comprendere le difficoltà nella creazione di un modello più generale, capace di funzionare con tutti i principali sistemi sanitari: i ricercatori hanno applicato il modello elaborato per il Regno Unito ai sample statunitensi, ottenendo comunque una riduzione del 3,5% nei falsi positivi e dell'8,1% dei falsi negativi.

Nel quadratino giallo il cancro identificato dal sistema AI che sei radiologi non avevano visto precedentemente

L'ultimo fattore da tenere in considerazione, ancora a vantaggio del sistema elaborato, è che l'AI ha avuto a disposizione le sole mammografie anonime, senza alcuna informazione accessoria o precedenti raggi X capaci di fornire un contesto, come prevede la regola attuale.

La battaglia contro questo male è importantissima, ogni anno viene diagnosticato il cancro al seno a circa 55 mila donne nel solo Regno Unito, negli Stati Uniti invece 1 donna su 8 sviluppa la malattia nel corso della vita, globalmente si parla invece di circa 2 milioni di casi ogni anno. Il dato più sconcertante, tuttavia, riguarda l'accuratezza dei test: secondo l'American Cancer Society l'attuale sistema non permette di riconoscere il cancro al seno nel 20% dei casi e i falsi positivi sono comuni, con inutili test accessori richiesti.

I limiti sono per lo più tecnologici, i radiologi invocano da tempo mammografie più accurate che possano ridurre, se non azzerare, lo scarto d'errore, e un sistema simile a quello finanziato da Google potrebbe certamente fornire un aiuto ulteriore alla lettura umana. Esattamente ciò che avverrà nel prossimo passo dopo questa fase di sperimentazione, il vero banco di prova sarà infatti quello della vita reale in cui alcuni radiologi selezionati potranno sfruttare il nuovo strumento digitale.

Seppure gli sviluppatori di AI abbiano sempre precisato che un tale sistema servirà ad aiutare i radiologi, non sostituirli, c'è chi come il Dr. Constance Lehman, Director of breast imaging al Massachusetts General Hospital di Boston che ha commentato lo studio sul NYTimes, afferma che "in futuro simili letture potrebbero interamente esser affidate ai computer, senza l'ausilio umano".

Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da Mobzilla a 649 euro oppure da Amazon a 704 euro.

33

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

E daje, chissene frega del pc. Per fare un upload basta un 8086 è una scheda di rete.

Per gli studi arriveranno, le ai nei prossimi venti anni saranno molto più presenti nelle nostre vite

michi17

E daje. Non giudico il merito della tecnologia ma il fatto che stiamo qui a parlare di investimenti per il 5G e l'AI quando l'ospedale medio ha i pc e le stampanti del cenozoico.

Nel merito, questo è uno studio singolo quindi non ha dimostrato proprio nulla, c'è bisogno di maggiori evidenze e che questi risultati vengano confermati da altri studi. I fattori metodologici in grado di influenzare studi di questo tipo sono innumerevoli e quando si parla di tumori è importante andarci cauti.

Se leggi, questo sistema si è dimostrato più preciso dei medici, motivo per cui un secondo parere da questo sistema è apprezzabile

michi17

1) Non vedo perchè parli di pronto soccorso in un articolo su uno studio circa la capacità dell'AI di diagnosticare tumori al seno.

2) Aspettare 20 minuti non conta molto, ma qualche povero cristo i dati dovrà caricarli in locale o sul cloud, e se ci mette 10 minuti a paziente ripeto fanno prima a continuare a farlo fare ai medici.

Il mio concetto è semplice: inutile stare qui a disquisire di AI e 5G quando la stragrande maggioranza delle strutture sanitarie italiane si confrontano quotidianamente con problemi di ben altro spessore. Mai sentito il discorso del partire dalle fondamenta quando si fa una casa invece che dal tetto (tanto per restare in ambito di priorità)?

Certo, perché i pc si spengono contando che offrono supporto 24/24, soprattutto se si parla di pronto soccorso

michi17

So che non sai di cosa parli perché parli di VPN e cartelle condivise senza sapere che il pc dell'ospedale medio ci mette 12 minuti (cronometrati) ad avviarsi

salvatore esposito

so che non sai di cosa parli, ma esistono anche le cartelle condivise volendo, su vpn.
e indovina indovinello? ci sono ospedali che lo fanno gia per molte cose di inviare file ad altri per elaborazioni o stampe di alcune tipologie di documenti

michi17

mai quanto quella dei babbei

michi17

e che c'entrano le eccellenze italiane (finanziatissime) con la media degli ospedali e ambulatori territoriali? Non sono certo uno di quelli che pensa che all'estero sia tutto migliore, quindi hai proprio toppato, sorry

michi17

c'entra che nel tempo che ci metti ad aprire un browser o un client mail il paziente fa in tempo a morire e rinascere

Serendipity

No la Sora lella

JustATiredMan

Io e Caterina di Alberto Sordi ?

JustATiredMan

Quando hai mafia, ndrangheta, massoneria e amici degli amici, seduti frà i banchi della camera e del senato, ed in moltissime regioni e amministrazione pubbliche, è difficile che resti qualcosa da finanziare per la sanità.

Serendipity

Sì giusto

e3...

Forse ti riferisci a Ex Machina del 2014?

Serendipity

Già! C'era un film ma non ricordo il nome

Serendipity

Perché la mamma dei c o g l i o n i è sempre incinta!

Chirurgo Plastico

Io farei Radiologo + AI

Ansem The Seeker Of Darkness

Considerando le eccellenze italiane in ambito medico e scientifico forse sarebbe il caso di finanziarle invece che continuare a ripetere il mantra "in italia fa schifo, all'estero è tutto molto troppiù incredibilmente più superbellissimo (e non ci sono le buche per strada)"

Qualche hanno fa hanno inventato internet. Basta l'upload di un file e riceverne un altro con il risultato, cosa c'entra l'os del client?

e3...

Io invece vorrei un robot a casa che facesse qualcos'altro.

e3...

Allora potrebbero farla girare sui telefoni dei medici.

e3...

Pur di farsi plubblicita' vale tutto.

michi17

Considerando che nei nostri ospedali in genere si vede ancora Windows XP forse è meglio che continuiamo a farle valutare ai medici

Dongiovanni82
Jon Knows

Oppure lui... https://media3.giphy.com/me...

Jon Knows

Seee...

JustATiredMan

l'importante non arrivi un giorno a lanciare icbm con testate nucleari, o che riduca l'umanità in batterie :-)

https://uploads.disquscdn.c...

boosook

AI che è stata sviluppata grazie ai guadagni che Google fa con la pubblicità. Quindi senza Skynet ti sogni anche queste applicazioni.

Capitan Barbossa

Ben venga l' intelligenza artificiale così applicata! Spero che nei prossimi anni sia tutto molto più prevedibile e risolvibile.

asd555

Ecco, l'AI che ci piace.

Non Skynet.

Android

Recensione Samsung Galaxy A51: pronto a conquistare la fascia media

Eventi

HDblog e Samsung vi invitano all'anteprima italiana degli SSD Touch T7 | Milano, 28 gennaio

Android

MIUI 11 Launcher: l'app drawer arriva sui dispositivi Global con l'ultima alpha | APK

HDMotori.it

Porsche è sempre più Experience