Space Launch System, NASA mostra al pubblico il razzo della missione Artemis

10 Dicembre 2019 24

Solamente un mese fa vi riportammo che il montaggio dei 4 motori dello Space Launch System era stato portato a compimento, così durante la scorsa giornata la NASA ha voluto introdurre pubblicamente il razzo durante un evento al Michoud Assembly Facility della NASA a New Orleans.

La presentazione del razzo SLS con core stage completamente montato è avvenuta ad opera di Jim Bridenstine, l'attuale amministratore NASA. Per vederlo completamente assemblato dall'alto dei suoi 64 metri di altezza dovremo attendere ancora un po', ciò avverrà in occasione dei test finali allo Stennis Space Center vicino a Bay St. Louis, Mississipi, a bordo della chiatta Pegasus.


Si tratta della più grande realizzazione NASA dai tempi del programma Apollo, il primo passo verso la realizzazione del programma Artemis, come affermato da Bridenstine sul palco.

Con un design caratterizzato dall'hardware più sofisticato mai costruito per il volo spaziale, il core stage è il cuore del razzo SLS. Le strutture principali, compresi i serbatoi di ossigeno liquido e idrogeno liquido, sono state prodotte e assemblate presso la Michoud Assembly Facility della NASA.

Il primo impiego come test avverrà nella missione Artemis I, dove si procederà con l'invio di un veicolo spaziale Orion (recentemente ne abbiamo visto gli interni) spinto dallo SLS per un giro attorno alla Luna. Il volo servirà da banco di prova per ll'intero core stage SLS, compresi i sistemi software di propulsione e l'avionica, si prevede possa avvenire nel 2020.


24

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
csharpino

Era sarcastico il mio commento, è ovvio che le nuove tecnologie vanno testate.

psimo24

Con questo non nego quello che tu dici, dico che per risparmiare sul carburante adesso la richiesta di precisione è massima, e i calcoli che si fanno “a mano” per le traiettorie orbitali sono validi si ma hanno un grado di errore che più vai distante e più si propaga e diventa difficile (costoso, in termini di carburante) da correggere

psimo24

Ti assicuro che il calcolo corretto della spinta di un qualsiasi endoreattore a priori, a partire dalle condizioni di serbatoio, e della traiettoria risultante è complesso, se vuoi un certo grado di precisione... il resto è roba che già si fa e si sa bene come fare

scopp

Leggi il mio post poco sopra. 50 anni fa l'obiettivo era portare l'uomo sulla luna. Oggi l'obiettivo è arraffare quanto più possibile dal budget federale. Capisci che le tempistiche e i risultati non possono essere gli stessi.

scopp

"Con un design caratterizzato dall'hardware più sofisticato mai costruito per il volo spaziale"

Meaning: il serbatoio dello space shuttle allungato con sotto i motori dello space shuttle riciclati che erano già belli che pronti per le missioni che non sono mai state fatte. A questo ci aggiorniamo i booster laterali, riciclati anch'essi dallo space shuttle, giusto allungati un po' (ma il progetto c'era già perché erano previsti per una versione migliorata dello shuttle). Costo: 20 miliardi di dollari and counting.

Juanito82

il calcolo delle traettorie sanno farlo anche a mano tutti quelli a bordo di qualunque mezzo spaziale, credo sia uno dei requisiti minimi conoscere i fondamentali ela fisica newtoniana, la potenza serve per mantenere perfettamente in funzione tutti i sistemi vitali per l'equipaggio, cosa molto difficile lontano dalla terra.
per le sonde si usano processori da calcolatrice, tanto non processano roba troppo complessa

Juanito82

primo e fondamentale motivo è la questione sicurezza che è notevolmente evoluta dal "sono ammessi eroici sacrifici per la gloria della patria" negli anni della guerra fredda
secondo e strettamente collegato al primo è la questione potenza di calolo.
è proprio il vero limite nell'allontanarsi dalla terra, mandare qualcuno nello spazio profondo con la sicurezza necessaria (la ISS è praticamente sulla terra, in caso di emergenza tornano giù in pochissimi minuti) è necessaria davvero tanta potenza di calcolo, che probabilmente è inferiore a quella disponibile nei nostri telefonini figurati un bel PC, ma credi che nello spazio venga usato il 9900KS tanto nel freddo dello spazio il sistema di dissipazione è inutile?
viene usata roba che paragoneresti alla potenza di un 486 o poco più, il fantastico ed incredibile 9900KS avrebbe problemi dopo pochi giorni, la nanometria spinta che permette tanta potenza è il maggiore limite in presenza di raggi cosmici, quando vengono distrutti i transistor (grandi poco più di un gruppo di atomi) il fail arriva rapido e qualunque schermatura non ferma proprio tutto, il rischio rimane elevatissimo, per questo si utilizzano processori su processo produttivo che probabilmnte non si avvicina nemmeno ai nanometri.
ragiomento valido nello spazio profondo dove serve potenza locale perchè ad un certo punto le comunicazioni hanno un lag più che sensibile che può arrivare a ore, anni, secoli (dipende da quanto ti vuoi allontanare).
per missioni in orbita invece si usa il calcolo da terra, si presta per lo più attenzione ad evitare problemi sui sistemi di comunicazione

Davide

L'allunaggio del '69 è stato condotto manualmente nella fase finale. C'è una bella differenza rispetto ad un mezzo completamente automatico (più economico)

psimo24

Basta pensare al fatto che allora, anche avessero voluto, non avrebbero potuto fare test di allunaggio automatizzati, non avevano i mezzi tecnologici... per questo è stata un’impresa e oggi sarà (quasi) una passeggiata: oggi possono fare test e simulazioni, allora era una gara a chi faceva prima, con tutti i rischi annessi e connessi di andare sulla luna su una lattina propulsa con dei sistemi di controllo che oggi farebbero accapponare la pelle! Armstrong e compagni erano dei veri mostri, oggi non ci si vuole permettere quel livello di rischio, altrimenti (penso io) staremmo già girando intorno a Marte

psimo24
Cave Johnson

Per i calcoli che dovevano fare, la potenza di calcolo del computer di bordo era più che adeguata. Gli astronauti era anche stati addestrati a fare quei calcoli carta e penna nel caso il computer avesse avuto un guasto.

Luca Bonora

ma che c'entra la potenza di calcolo, mica devono avere ombreggiature alle
icone e trasparenze...?? si tratta solo di calcoli. Basta una
calcolatrice. Quello che è cambiato è l'accettazione del rischio ed il
budget.

Luca Bonora

La Soyuz ha avuto continuità tecnologico... lato Usa no. Guarda solo il disastroso STS con ben 14 morti.. quindi ovvio che tutto va stra testato...la vita mica è la tua...

Luca Bonora

che c'entra la potenza di calcolo, mica devono avere ombreggiature alle icone e trasparenze...?? si tratta solo di calcoli. Basta una calcolatrice. Quello che è cambiato è l'accettazione del rischio ed il budget.

Repox Ray

Han cambiato tutto, dal design ai materiali. E tu vorresti sparare degli esseri umani in giro attorno alla Luna senza mai aver provato prima se la baracca funziona senza intoppi?

Ma se tu prima di comprare un auto magari ci vuoi fare un test drive, loro non possono fare una prova del genere?

Non è che se si accende una spia possono accostare in corsia d'emergenza e aspettare Zio Elon in sella ad un Falcon Heavy che vada a recuperarli...

Andre

Alla missione Apollo lavorarono fino a mezzo milione di persone con budget che aggiornati ad oggi oscillano tra i 150 e i 250 miliardi di euro...Forse non ci rendiamo conto ma a quei tempi era la priorità per un intero paese..Altro che marce per i diritti lbgdptfgt

SpiritoInquieto

Prima si era in guerra fredda: le morti erano "ammesse", e gli astronauti deceduti sarebbero stati eroi. Oggi un morto porterebbe al blocco di tutto chissà per quanti anni.

L'illuminato

possibile che 50 anni fa gli astronauti siano ripartita dalla luna praticamente alla cieca e con una calcolatrice come computer di bordo? più passano gli anni più tutto questo appare improbabile....

Cave Johnson

Se progetti una nuova auto prima di poterla mettere in strada devi fare innumerevoli test. Adesso immagina cosa comporti la progettazione di un vettore spaziale completamente nuovo che deve essere in grado di andare e tornare dalla luna.

csharpino

Allora perchè provare i nuovi aerei visto che sono tecnologicamente avanti anni luce rispetto a quelli degli anni 60 no??
Stessa cosa per qualunque altro oggetto prodotto oggi.. perchè testarli??

Andrej Peribar

https://it.wikipedia.org/wiki/Lista_delle_missioni_Apollo

50 anni fa ci sono andati a tentativi con budget illimitato. Ad oggi vorrebbero non far esplodere qualche sonda prima di farne atterrate 1

T. P.

il mondo è cambiato da allora...
se tieni conto di questo, capirai perchè oggi non si può fare come allora...

una motivazione su tutte?
all'epoca eravamo in piena guerra fredda è la supremazia spaziale era un obiettivo pari o superiore a molti altri!

Micheeele

Comunque al di là delle teorie complottiste, mi chiedo come mai oggi debbano fare "prove" di allunaggio con mezzi tecnologicamente anni luce avanti a quelli che avevano 50 anni fa.
Credo che il più scarso dei SOC mobile odierno sia milioni di volte piu potente, cosi come i materiali, le tecnologie dei motori e le tecnologie di rilevamento per l'atterraggio e il calcolo dei parametri di discesa e risalita che possono essere fatti in tempo reale.

Possibile che i mezzi fatti oggi vadano testati cosi tanto per fare qualcosa che è già stato fatto 50 anni fa?

Eventi

HDblog presenta in anteprima italiana gli SSD Touch T7 | Milano, 28 gennaio

Android

Recensione Samsung Galaxy A51: pronto a conquistare la fascia media

Android

MIUI 11 Launcher: l'app drawer arriva sui dispositivi Global con l'ultima alpha | APK

HDMotori.it

Porsche è sempre più Experience