Cometa interstellare 2l/Borisov in una spettacolare immagine ravvicinata

27 Novembre 2019 28

L'astronomo dilettante Gennadiy Borisov fece alla fine di agosto una scoperta di portata mondiale, identificando il secondo corpo di origine interstellare entrato nel nostro sistema solare. Un fenomeno sicuramente avvenuto altre volte in passato, ma che mai eravamo stati in grado di osservare distintamente prima di Oumuamua, sulle cui origini ancora ci si interroga.

Arriviamo dunque al secondo corpo interstellare, la cui natura è decisamente più chiara: sappiamo trattarsi di una cometa, battezzata 2l/Borisov in onore del suo scopritore. Una squadra di astronomi dell'Università di Yale nel Connecticut è riuscita a fotografare la cometa la scorsa domenica (24 novembre) usando l'Osservatorio Keck alle Hawaii, rivelando così che la coda dell'oggetto è lunga circa 160.000 chilometri. Una misura impressionante, per avere un riferimento vi basti pensare che è equivalente a 14 volte il diametro della Terra. A seguire vi proponiamo l'immagine, con a destra il rapporto dimensionale della cometa con il nostro pianeta.


Per quanto ne sappiamo, il nucleo solido della cometa dovrebbe essere largo solamente 1,6 km circa, la particolare luminescenza è causata dall'effetto di riscaldamento del Sole, come tipicamente avviene per corpi celesti di questo genere.

Secondo il parere di diversi astronomi, Oumuamua e Borisov sono quasi sicuramente solo la punta dell'iceberg. Probabilmente ci sono molti visitatori di questa natura nel sistema solare, ma quasi tutti passano indisturbati nello spazio senza essere rilevati dall'uomo. Le cose potrebbero migliorare con l'entrata in funzione di grandi osservatori come il Large Synoptic Survey Telescope, un vero e proprio cacciatore di piccoli corpi celesti.


28

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
antonio_ant

Tu ti attacchi ad un commento scritto di fretta, poi parli ad emoji. Ma falla finita. Vuoi far polemica gratuita...lo vedo benissimo.

Babi
antonio_ant

Hahaha, ma che c@44o ne sai tu? Con quell'atteggiamento, proprio di chi si sente superiore e 'vuole aiutare'.
SENTIMI BENE. Il correttore già non conosce il congiuntivo di suo, ma se non ti è chiaro quello che c'è scritto...puoi semplicemente chiedere. Io di tempo da perdere appresso a voi non ne ho.
SECONDO: Io scrivo come mi pare...chiaro? Invece di fare affermazioni azzardate su gente che non conosci...esci e prendi un po di aria. Fa meglio. Ne ho incontrati di gente che va a puntualizzare queste cose...e non hanno MAI portato nulla di utile a qualunque discussione.

Ngamer

qui in pianura padana con l inquinamento luminoso che abbiamo si vedono a fatica stelle di magnitudine 3-4 :P

Babi

Antonio perdonami ma il fatto che tu abbia scritto dal cell non regge anzi...la tua, è proprio una questione di carenza di scuola/studio.

Stefano Turolo

dipende dalla distanza.
Considera che fai fatica avedere Andromeda che è una galassia...

Ngamer

io mi ricordo la halley si vedeva a occhio nudo

antonio_ant

Hmmmm fammi pensare...scrivo dal telefono...quindi non è che mi metta a rileggere frasi intere

IgliD

nuuuu... a che ti serve a occhio nudo quando la pappa te lo preparano ed è gia pronta al tavolo. tu devi solo mandare giu...
la foto spettacolare che non sa di un niente hahaha....

Babi
antonio_ant

infatti non sappiamo nulla, ma del resto gli oggetti extra-solari li abbiamo visti solo indirettamente. La follia su omuamua è stata quella storiella del vascello solare, che l'ho vista pubblicata anche su veri giornali...

Juanito82

omuamua non era niente di misterioso e particolarmente strano, un asteroide come tanti (un miliardo di miliardi moltiplicato per un miliardo di miliardi miliardi e resta un numero comunque piccolo) che ce ne sono nell'universo, è stato solo il primo osservato

antonio_ant

oddio, una persona alta 10 metri si farebbe notare...un po come è successo per omuamua...appunto insolito. Se un uomo alto 10 metri andrebbe in america lo leggeresti. Però hai ragione

Juanito82

ha avuto più risalto perchè è stato il primo ad essere rilevato, ma ora che riusciamo a intravederne qualcuno siamo a 2 in 2 anni, chissà che traffico interstellare c'è in giro e non ne sappiamo niente, ora che "si sa" non fa più tutta sta notizia mediatica.
mica si festeggia ogni persona che arriva in america come uno scopritore :D

saetta

di la si parla del pixel 4 e la sua astrofotografia, quale soggetto migliore per testare questa nuova feature

danieleg1

Durano in eterno solo finché sono lontane dal sole, appena la loro orbita viene perturbata e si avvicinano al sole molte si disintegrano, quelle più grandi invece riescono a sopravvivere per diversi passaggi (ad esempio la cometa di Halley è grande una decina di km).

Nico Ds

Una cometa in teoria può avere un periodo orbitale anche di milioni se non miliardi di anni ovviamente non le conosciamo, pensa a un oggetto di pochi chilometri (se non centinaia di metri) che si trova più lontano dal sole di centinaia di volte rispetto a Plutone e che si avvicinerà tra 10 milioni di anni: non lo scopriremo mai, comunque i passaggi sono poco frequenti e possonodurare miliardi di anni; quelle periodiche famose sono comete di corto periodo, come quella di Halley, solitamente sono oggetti della nube di Oort che vengono perturbati nell'orbita in cui erano da miliardi di anni e passando più vicine al sole per un po', con la loro coda, per poi spegnersi, ma la nube di oort è un serbatoio praticamente infinito di oggetti che potrebbero diventare comete di corto periodo con un nonnulla.

PS: gli oggetti della nube di oort non sono sempre piccoli, verosimilmente ci sono anche pianeti nani, forse anche oggetti più grossi della Terra, che hanno orbite molto eccentriche che li portano fino a frazioni di anno luce dal Sole, migliai di volte la distanza di Plutone, orbite che durano decine o centinaia di milioni di anni, che non potremo mai vedere, è il motivo per cui questi oggetti non vengono considerati pianeti, quasi certamente noi conosciamo solo una parte di quelli più grandi che in quest'epoca storica sono abbastanza vicini al Sole, ad esempio Sedna, uno dei più grandi, in questo momento è relativamente vicino al Sole, ma arriva fino a diversi giorni luce dal Sole, lo abbiamo beccato praticamente per caso, è in quell'uno per mille della sua orbita in cui è visibile dai più grandi telescopi, se ne abbiamo beccato già uno immagina quanti ce ne devono essere, con orbite anche più strane.

antonio_ant

Omuamua è stato di gran lunga l'oggetto più interessante, non ho mai visto tanto interesse a livello mediatico. Un peccato che borisov come molte comete siano osservabili solo in foto per molti

Jon Knows

Tradotto, non raccolgono un cacchio ci perdono solo.
Le comete sono delle perdenti nate.
Però meglio avere un impattoplanetario con un meteorite solido invece che con una comenta.
La cometa fa molti più danni.
Esplode letteralmente.

Ngamer

coda lunghissima e non si vede a occhio nudo?

T. P.

vabbeh ma così non c'è gusto...
io mi diverto a rispondere senza aiuti... :)

asd555

Meraviglioso!
Alla redazione: più notizie del genere per favore!

The Evil Queen

È l’S11 plus che arrivah !!

LaVeraVerità

"Le comete hanno vita relativamente breve. I ripetuti passaggi vicino al Sole le spogliano progressivamente degli elementi volatili, fino a che la coda non si può più formare, e rimane solo il materiale roccioso. Se questo non è abbastanza legato, la cometa può semplicemente svanire in una nuvola di polveri. Se invece il nucleo roccioso è consistente, la cometa è adesso diventata un asteroide inerte, che non subirà più cambiamenti.

La frammentazione delle comete può essere attribuita essenzialmente a tre effetti: all'urto con un meteorite, a effetti mareali di un corpo maggiore, quale conseguenza dello shock termico derivante da un repentino riscaldamento del nucleo cometario. Spesso episodi di frantumazione seguono fasi di intensa attività della cometa, indicate col termine inglese "outburst". La frammentazione può comportare un aumento della superficie esposta al Sole e può risolversi in un rapido processo di disgregazione della cometa. L'osservazione della frammentazione del nucleo della cometa periodica Schwassmann-Wachmann 3 ha permesso di raccogliere nuovi dati su questo fenomeno" cit. Wikipedia

TheDukeMB

Le comete hanno vita relativamente breve infatti, la coda fatta di gas, gas ionizzati e polveri si forma solo in prossimità del vento solare e radiazione diretta: in base alla composizione più esterna dopo un certo numero di passaggi attorno al sole arrivano a "perdere" la coda, quando rimane solo il nucleo roccioso (se presente) può disgregarsi a sua volta in polveri (non visibili) oppure diventare asteroide inerte con la possibilità di schiantarsi nel Sole o addirittura nei pianeti (anche Terra, tipo a Tunguska

Gas_T_one
T. P.

non sono un esperto ma penso che come lasciano, raccolgono anche quello che trovano sulla loro strada...
inoltre quando si allontano dal sole la massa di ghiacco potrebbe aumentare...

ma lasciamo la parola agli esperti! :)

Pip

Ho bisogno di qualcuno esperto per togliermi un dubbio:

Com'è che le comete, anche se sono così piccole, durano praticamente in eterno?
Voglio dire, la scia viene dalla cometa stessa, quindi deve rilasciare delle particelle, di conseguenza, in teoria, un corpo di soli uno o due km di diametro dovrebbe svanire molto velocemente a causa delle particelle che si lascia dietro

HDMotori.it

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?

Mobile

Truffati con i servizi mobili a pagamento, il fallimento dell'autoregolamentazione

Mobile

Recensione Google Pixel Buds 2: le vere rivali delle AirPods Pro per Android

Android

Recensione Samsung Galaxy A31: fa numero ma non graffia