Lander lunare, Boeing propone alla NASA il suo progetto

08 Novembre 2019 19

Dopo le pressioni dell'amministrazione Trump, la NASA ha spinto sugli sviluppi di un piano di allunaggio da mettere in pratica entro il 2024 (missione Artemis). Sebbene il rischio di eventuali ritardi e slittamenti sia del tutto contemplato. Il primo allunaggio rappresenterà solamente la fase iniziale di un progetto a lungo termine, per il quale la NASA ha da tempo sollecitato le aziende private alla collaborazione.

Ad oggi, le principali realtà private impegnate a rendere possibile una presenza a lungo termine dell'uomo sulla Luna sono SpaceX, Northrop Grumman, Blue Origin e Lockheed Martin, le ultime due particolarmente concentrate nella realizzazione di un modulo di atterraggio lunare (lander) in grado di trasportare esseri umani sul nostro satellite naturale.

I mezzi e le tecnologie da realizzare sono innumerevoli e al momento alcune fasi del progetto risultano in forte ritardo, lo stesso sistema di lancio orbitale che la NASA sta realizzando, lo Space Launch System, è ancora lontano dall'essere portato a termine, pertanto c'è ancora spazio per le proposte. In questo contesto, l'azienda Boeing ha recentemente presentato il suo progetto di lander, pensato proprio per integrarsi con le tecnologie NASA in sviluppo.

Il progetto prevede la realizzazione di un lander in grado di essere trasportato in orbita dal vettore NASA, naturalmente la buona riuscita del progetto risulta legata a doppio filo alla realizzazione del SLS Block 1B (una versione di SLS che utilizzerà due ripetitori di missili solidi a cinque segmenti), che è attualmente in fase di sviluppo presso il Michoud Assembly Facility della NASA.

Il concept prevede l'invio del modulo con un solo lancio, il lander integrato (HLS) incontrerà gli astronauti in attesa in orbita, che potranno poi completare la fase di discesa sulla superficie lunare.

Concept del lander HLS trasportato dal SLS

Anche SpaceX starebbe lavorando a soluzioni simili, ma non sono noti dettagli specifici sul progetto. A quanto pare, la soluzione di Boeing è stata progettata esclusivamente per il razzo della NASA: alla domanda inerente il possibile utilizzo di un Falcon Heavy per il trasporto in orbita, Boeing ha commentato che il vettore di SpaceX non risulterebbe abbastanza potente per il trasporto in un'unica soluzione. Boeing afferma che per questioni di sicurezza non ha preso in considerazione la possibilità di separare il lander in più elementi per renderlo compatibile con vettori più piccoli, va però ricordato che SpaceX sta lavorando alacremente al suo Starship, prevedendo inoltre di utilizzarlo per il trasporto di materiale per le missioni lunari, già dal 2022. A questo punto, una collaborazione tra le aziende potrebbe essere una soluzione auspicabile per accelerare sugli sviluppi e coadiuvare la NASA nel raggiungimento degli obiettivi.

Il piano di Boeing potrebbe anche aggiungere una certa flessibilità alla missione Artemis, per non parlare del potenziale risparmio sui costi, in quanto gli astronauti saranno in grado di partire verso la superficie lunare sia dal Lunar Gateway (che è il piano attuale) che dal veicolo spaziale Orion. Un altro vantaggio chiave della strategia di Boeing, è che la fase di discesa non richiederebbe un terzo stadio aggiuntivo, vale a dire un rimorchiatore spaziale.

Per sviluppare il sistema HLS, Boeing si affiderà alle tecnologie sviluppate per il suo veicolo spaziale CST-100 Starliner, inclusi motori, materiali, sistema di atterraggio e attracco automatizzato (Starliner è simile al veicolo spaziale Orion della NASA e sarà in grado di trasportare equipaggi fino a sette persone). Il primo lander Boeing userebbe il propellente ipergolico e sarebbe monouso, secondo il portavoce del Boeing, il che significa che l'elemento Discendente rimarrà sulla superficie lunare. Guardando oltre alle future missioni Artemis, in seguito i lander della Boeing useranno altre fonti di carburante e includeranno elementi riutilizzabili, ma su questo punto la società non è scesa nei dettagli.

Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Gaming Pro a 435 euro oppure da ePrice a 485 euro.

19

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
boosook

Come tutti gli aerei hanno una fusoliera e due ali... :) Un Lander è fatto così, punto. Anche quello indiano era uguale (prima di schiantarsi!)

Mark

Dell'inutilità vorrai dire...

Aristarco

beh no, diciamo che l'evoluzione è più nascosta, nel senso che da essere un qualcosa per l'elite come era l'aviazione civile anni fa, ora è alla portata di tutti, con costi nettamente inferiori e qualità superiore, poi space x con il discorso dei razzi riutilizzabili ha fatto fare al settore un ulteriore passo in avanti

L'illuminato

beh le due guerre mondiali ci hanno dato un'evoluzione tecnologica pazzesca, basta vedere l'aviazione ( settore pure quello in stallo da decenni ) di gran lunga superiore a quello che ci ha dato l'esplorazione spaziale, temo che l'evoluzione stia rallentando molto rispetto lo scorso secolo

Aristarco

per una volta ne hai detta una giusta, hanno preferito spendere in guerre piuttosto che in esplorazione spaziale, fortunatamente la ruota sta girando

Aristarco

gomblottoooooo

Margaret Thatcher

È incluso il MCAS?

L'illuminato

beh oddio, diciamo che sono in stallo da decenni come evoluzione, è l'informatica che è scoppiata nel frattempo

MatitaNera

in effetti, a meno che...

Aristarco

direi di no, visto che l'esplorazione spaziale resta il top della tecnologia

Aristarco

beh hanno lo stesso identico scopo e utilizzo...

MatitaNera

ma i lander dei disegni sembrano uguali al LEM

L'illuminato

periodo di magra tecnologica

Aristarco

ma no, è perchè space x, ha vettore e "astronave" riutilizzabile per abbattere i costi, e o boeing fa una cosa simile o è fuori mercato

L'illuminato

Nah, secondo me il sottointeso era per l'eco friendly

Andhaka

Riduzione dei costi in primis...

Cheers

Aristarco

intende per ridurre i costi....

Stefano

HDspazio oggi?

L'illuminato

"includeranno elementi riutilizzabili, ma su questo punto la società non è scesa nei dettagli."
ahahaha ormai bisogna mettere il bollino green ecosostenibile ovunque pena il crollo dell'immagine anche laddove di green non c'è nulla...

Mobile

Recensione Timekettle WT2 Plus: come parlare e comprendere 36 lingue | Video

Android

Motorola Razr 2019: un tuffo nel passato e uno sguardo al futuro | Anteprima Video

Mobile

Il mobile in Africa: nulla è scontato | Storie

Android

Migliori Smartwatch e Smart Band da compare al Black Friday 2019: ecco i top 7