Stranger Things 4, l'abbiamo vista in anteprima | Recensione

23 Maggio 2022 116

Come anticipato da teaser e trailer, la 4° stagione di Stranger Things non delude le aspettative e quel gruppetto di ormai ex ragazzini che imparammo a conoscere ben 6 anni fa sta diventando grande, ma non ha perso il piglio alla Goonies e quel nostalgico richiamo agli anni '80 (pettinature improbabili incluse) che hanno decretato il successo della fortunatissima serie TV, la quale si avvia a diventare un franchise vero e proprio.

L'attesa si è fatta ancora più snervante poiché tra tutte le produzioni, questa è probabilmente una delle più colpite dalle difficoltà emerse durante la pandemia, tanto che i primi teaser risalgono all'ormai lontano 2019, anno dopo il quale i ritardi si sono accumulati fino ad arrivare al 2022. Ma finalmente il tempo di Stranger Things 4 è arrivato e ho avuto la fortuna di poter visionare in anteprima la prima parte, quella composta da 7 episodi, di cui l'ultimo, come ampiamente annunciato, dura circa 1h e 40', tanto da risultare assimilabile a un film vero e proprio. Saranno riusciti i Duffer Brothers a mantenere le promesse dopo una terza stagione che non ha convinto quanto le due precedenti? Scopriamolo insieme!

UN PO' DI CONTESTO

Dopo soli sei mesi dalla Battaglia di Starcourt i protagonisti si ritrovano divisi per la prima volta, come intuibile già alla fine della terza serie: Joyce, Jonathan, Will e Undici si sono trasferiti a Lenora Hills, in California. Qui, così come a Hawkins, tutti sperimentano una forma di lontananza e nostalgia: Joyce da Hopper, Jonathan da Nancy, Will e Undici da Mike, mentre Max si è isolata in seguito alla perdita del fratello e allontanata in particolare da Lucas (per cui provava un affetto), così come Dustin dall’amata Suzie, con la quale ha condiviso uno dei momenti più emozionali della terza stagione (lo ricordate il duetto sulle note di Never Ending Story di Limahl?). Contemporaneamente, nuove dinamiche vengono create con l’inserimento di alcuni inediti personaggi, uno fra tutti Eddie Munson, l’eccentrico leader dei nerd dell’Hellfire Club, ben interpretato da Joseph Quinn, e Argyle, l’amico di Jonathan con il quale condivide la passione per la marijuana, impersonato dall’attore comico Eduardo Franco.

Anche stavolta la minaccia proviene dal Sottosopra ma, sorpresa delle sorprese... è più potente e più oscura delle precedenti. Come facilmente prevedibile, la comunità di adulti segue una traccia falsata dal buon senso e dalla razionalità, identificando responsabili fin troppo terreni e scontati. Ancora una volta, dunque, tocca al noto gruppo di adolescenti risolvere la situazione quando - in un ennesimo parallelo tra la loro realtà e il gioco di ruolo fantasy Dungeons & Dragons - delle orribili uccisioni scuotono la comunità. Le modalità degli omicidi, apparentemente inedite, sembrano tuttavia rievocare le caratteristiche atmosfere alla Nightmare, pellicola alla quale rimandano anche alcune esplicite citazioni e, non in ultimo, la presenza di Robert Englund, una vera e propria ciliegina sulla torta. In un susseguirsi di interviste, ricerche, fughe e salti nel Sottosopra, non privi di qualche cliché umoristico, i ragazzi di Hawkins tenteranno ancora una volta di sconfiggere un pericoloso potere oscuro... e ci fermiamo qui per non svelare troppo.


Contestualmente, in California, Undici (Jane Hopper per i non amici) è sovrastata dai problemi adolescenziali, acuiti ulteriormente dai difficili rapporti con i suoi coetanei, che sfociano pericolosamente in dinamiche di bullismo dai risvolti inaspettati. Ad aggravare il tutto si aggiunge la lontanaza da Mike e da Hopper e, non ultima, la perdita dei suoi poteri. Come se non bastasse, è angosciata da una serie di orribili flashback del suo passato, che finiranno per attirare su di lei attenzioni non gradite, dalle quali cercheranno di salvarla i fratelli Will e Jonathan, aiutati da Argyle e Mike. Stavolta però i ragazzi non potranno contare sull’aiuto di Joyce, la quale è impegnata assieme a Murray in un’impresa altrettanto importante: salvare Jim Hopper che, come abbiamo avuto modo di capire dai teaser e dal trailer, è vivo ma "bloccato" in Russia.

Alla fine, i vari gruppi di amici, apparentemente distanti, si riveleranno sempre più interconnessi man mano che la storia evolverà, tracciando dei percorsi che sembrerebbero condurre a una possibile risoluzione della vicenda e, forse, alla fine degli orribili eventi che hanno colpito la città “maledetta” di Hawkins.

IN CONCLUSIONE

I protagonisti, evidentemente troppo cresciuti rispetto alla stagione precedente (sarebbero passati solo 6 mesi dalla battaglia di Starcourt), riescono comunque a risultare ben caratterizzati e, rispetto alla precedenti stagioni, si ritrovano maggiormente impegnati ad affrontare ciascuno i propri problemi personali oltre che quelli collettivi, segno di una crescente maturità.

In Stranger Things 4 le atmosfere dark predominano e le tinte horror anni '80 sono accompagante da ritmi ansiogeni durante ogni singolo episodio della stagione. Nonostante non manchino varie sequenze forse un po’ troppo diluite e alcune prevedibili scenette umoristiche, per ora la serie sembra orientarsi verso un nuovo successo dei Duffer Brothers. Come accennato non mancano inoltre frequenti citazioni alla cultura pop anni '80, sia musicali sia cinematografiche, finanche citazioni anacronistiche e non troppo velate di capolavori come Il Gladiatore di Ridley Scott.

Vi ricordiamo che la prima parte della quarta stagione di Stranger Things sarà disponibile a partire dal 27 maggio su Netflix, quando i primi 7 episodi potranno essere visti da tutti gli abbonati al servizio streaming. Gli ultimi due episodi, l'8 e il 9, arriveranno dal 1° luglio sulla piattaforma e similmente al settimo, l'utimo sarà lungo quanto un film.

Attendiamo dunque l’evoluzione della vicenda e non mancheremo di farvi conoscere le nostre impressioni, ma come già ampiamente anticipato, la quarta stagione non segnerà la fine delle vicende di Hawkins, poiché è già stata confermata una quinta stagione conclusiva. Nell'attesa, vi lasciamo al trailer ufficiale, ma se proprio non riuscite ad aspettare, lo sapevate che i primi 8 minuti della puntata numero 1 sono disponibili su Youtube?.

TRAILER UFFICIALE

Il TOP di gamma più piccolo? Samsung Galaxy S21 è in offerta oggi su a 565 euro.

116

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Sirius Bau

Gli studenti di Hogwarts terminano i loro studi a 17 anni.
Anche se l'attore che interpretava Draco era piú vecchio (aveva 23 anni durante le riprese dell'ultimo film) non vedo quale sia il problema.
Penso che sia normale che qualche adolescente dimostri piú anni di quelli che ha in realtà.

Sirius Bau

Quale sarebbe il problema con Harry Potter?

MatitaNera

Io benissimo

I.love.Alessandra.Ambrosio

Io no. Quindi? Devo guardarle/apprezzarle per forza perché il gregge le adora?
Secondo me non aveva altro da dire, punto.
Altre serie invece avrebbero meritato uno sviluppo maggiore (qualcuno ha detto Santa Clarita's Diet..?!?)

I.love.Alessandra.Ambrosio

Io no. Tu?

I.love.Alessandra.Ambrosio

Apprezzo le stagioni che si chiudono senza dilungarsi e mi consigli Beautiful? Tutto bene?

Bob Malo

quinta stagione? ricordavo che la quarta sarebbe stata la stagione conclusiva.

Dome Nico

Da subito è stata pensata per essere sviluppata su più stagioni

Dome Nico

Veramente una bella stagione, sicuramente migliore delle serie meme cinematic universe viste su Disney+ o quelle targato guerre stallari!
Difetto enorme è dividere in due parti una stagione che non è stata pensata per questo. Avrei preferito facessero 1-2 episodi a settimana

Dome Nico

Lol infatti qualche Emmy lo ha vinto The Crown

Aristarco

Harry potter ne hanno girato uno all'anno

Aristarco

Eh meno male

Marco

Ci sarà una quinta e ultima stagione!

xan

perfettamente d'accordo, personalmente ho trovato le prime 3 stagioni un po "allungate" avrei preferito averle condensate in una stagione.

in ogni caso comunque, qualità altissima

LaVeraVerità

BCS per alcuni versi è anche migliore di BB. Personaggi molto complessi e fotografia che fa sembrare tutte le altre serie delle telenovelas sudamericane.

ale

sta scadendo... speriamo la concludano qui perchè sta scadendo.. erano bambini, ormai sono tutti adulti e la storia è "tirata"...

Gold

Lo so, era solo un esempio per dire che quando passano anni da una stagione all'altra è normale rimuovere dalla mente tutto ciò che si era visto in precedenza

vincenzo francesco

Anche io faccio così, almeno me la godo meglio.
Sennò va a finire che per vedere ogni nuova stagione, mi tocca riguardare le precedenti.
Se la serie mi piace tanto tanto (tipo The Walking Dead) lo faccio con piacere, ma per queste serie qui che guardo più per curiosità che per passione, anche no!

MatitaNera

No, effettivamente

MatitaNera

E invece ti anticipo che...

Alessandro Cavalieri

Infatti se io fossi l’imperatore di Netflix (o altra piattaforma) farei un episodio intero dove si riassume tutta la stagione precedente. Diversamente mi capita di non raccapezzarmi per niente… tanto per dire, ho guardato per due volte le prime 2 stagioni di Expanse e mi accingo a riguardarle per la terza volta sperando che sia la volta buona per finirla

xan

considera che non avevo scritto il quasi, poi ho pensato a BCS e sono tornato indietro :D

ErmenegildoBranduardi

Fosse a metà.... E' che ci lasceranno sicuramente con un cliffhanger, e sapere che mancan solo due puntate è ancora più fastidioso.

fire_RS

Allungano il brodo a più non posso, anche perché sanno che appena finisce questa, peaky blinders e Better call Saul ci saranno tantissimi che scapperanno

ErCipolla

Ormai ho visto che NF ha adottato questa tattica per molte serie: spezza a metà così rimani abbonato per un altro tot di mesi finché non esce il finale... pratica odiosa a mio avviso.

LaVeraVerità

Serve a permetterti di metabolizzarla, troppa bellezza può essere insostenibile per una mente non abituata.

Luigi Melis

nessuna serie sarà come bh90210

ErmenegildoBranduardi

Certo che dividerla in due parti, la prima da 7 episodi e la seconda da 2, è proprio da bastardi!

ErmenegildoBranduardi

E che p4lle con sti discorsi, guardati Beautiful, che ti devo dire.

tommaso

non ti perdi nulla...

LaVeraVerità
ma quasi niente è come breaking bad

Better Call Saul

Beppy the Pilgrim

Non leggerò né l'articolo né i commenti per timore di spoiler.

LaVeraVerità

Non è bello ciò che è bello ma che bello che bello che bello. cit.

Loris Piasit Sambinelli

beh che la casa di carta la prima stagione sia stata bellissima bisogna parlarne.
Livelli di recitazione e storia pari a una soap opera argentina degli anni 90.
Però resta il fatto che gusti son gusti

LaVeraVerità

Se un mese ti basta a dimenticare significa solo che:

1) Non meritava di essere ricordato

oppure

2) Hai seri problemi di memoria

LaVeraVerità

che si aveva era iniziato.

FIXED

LaVeraVerità

Se non ti ricordi nulla è perchè non ne vale la pena.

LaVeraVerità

Basta riguardarla tutta dall'inizio come faccio io. Così godi due volte.

Sepp0

Purtroppo in queste serie è sempre così. O le giri di anno in anno accompagnando la crescita degli attori oppure arriva un certo punto dove solo palesemente fuori quota e si vede. Mia moglie sta guardando Pretty Little Liars, già era poco credibile che le ragazze avessero 16 anni in stagione 1, mo è alla 4 e dovrebbero essere all'ultimo anno di liceo... seee, come no.

Anche nell'ultima stagione di 13 non sono più minimamente credibili come studenti.

E guarda anche Harry Potter...

LaVeraVerità

Si vede che sono delle zucche vuote e li bocciano a manetta.

eberg93

Cosa c'entra Better Call Saul con Netflix? Netflix lo sta semplicemente distribuendo in Italia, ma lo produce AMC.

Roberto

Vederli ancora a scuola nonostante l'evidente maturità fa un po' tristezza

Giorgio

"nostalgico richiamo agli anni '80 (pettinature improbabili incluse)"

Ma vogliamo parlare della marmotta sulla fronte che hanno i bimbim1nkia oggi? :D

Gianni Campione

Condivido, la terza è stata inguardabile

Antonio63333

Giusto il tempo di dimenticare questi primi 7 episodi.

Felix

È normale visto la pochezza delle trame delle produzioni Netflix, è lo stesso motivo per cui non rilasciano gli episodi sentimentalmente come il resto del mondo, non sono in grado di produrre roba di qualità che riesca a mantenere alto l’interesse e vivo il ricordo per più di qualche ora, figuriamoci una settimana o anni… sono serie facilmente dimenticabili.

Gold

Mi succede ogni volta, in questo periodo sto guardando "Better Call Saul" senza ricordarmi praticamente niente e mi dispiace perché non mi sto godendo affatto una serie che mi piaceva molto.
Ormai infatti tranne rari casi inizio solo serie con tante stagioni e già terminate da un bel pezzo.

Egidiangelo

Io non mi ricordo proprio nulla soprattutto dell’ultima stagione. Ma è anche normale, ne fanno una ogni 3 anni

berserksgangr

Nessuno è unico

vincenzo francesco

Son l'unico che nel frattempo ha completamente rimosso ogni cosa relativa a trama e personaggi?!

Scienza

Perseverance, il rover messo a dura prova da rocce friabili | Aggiornamenti da Marte

Tecnologia

Il deepfake audio tra genio, follia e... Alexa che guarda all'aldilà

Economia e mercato

Criptovalute e Web3 spiegati a gesti: Binance si affida al re social Khaby Lame

Articolo

Netflix, tutte le novità in arrivo a luglio 2022