Gli Anelli del Potere, il cast della seconda stagione cresce! Ecco i nuovi attori

07 Dicembre 2022 182

Prime Video ha importanti novità per coloro che attendono i primi dettagli sulla seconda stagione della serie TV, Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere, poiché ha annunciato sette nuovi componenti del cast per la seconda stagione, attualmente in produzione nel Regno Unito. Ma non è tutto, di recente altri 8 nomi si aggiungono alla lista dei nuovi attori, a seguire tutti i dettagli.

Per l'occasione, Vernon Sanders, Head of Global Television, Amazon Studios, ha voluto rimarcare il grande successo che la prima stagione ha avuto.

“Sin dalla sua uscita, Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere ha riunito il pubblico per vivere la magia e la meraviglia della maestosa Terra di Mezzo di J.R.R. Tolkien. Ad oggi, la prima stagione è la prima serie Original di Prime Video in ogni territorio ed è stata vista da oltre 100 milioni di persone in tutto il mondo, un vero successo globale che si rivolge alla natura universale di una narrazione potente. Diamo il benvenuto nella nostra ‘compagnia’ a questi meravigliosi attori e non vediamo l'ora di raccontare altre incredibili storie della Seconda Era nella seconda stagione”

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFO SU AMAZON PRIME

Naturalmente a fronte di un grande successo non sono mancate le critiche e piccoli episodi di polemica, come quello intercorso tra Elon Musk e Neil Gaiman. Lo scrittore fumettista, giornalista e sceneggiatore televisivo britannico, particolarmente noto negli ultimi tempi la sceneggiatura della serie TV di Netflix, The Sandman, si è prima intromesso nella polemica riguardante la scelta di alcuni attori, ricordando che le descrizioni che lo stesso Tolkien ha scritto di suo pugno non si distanziavano da quelle evidenziate nella serie. Ma il colpo di grazia lo ha inflitto successivamente a Elon Musk, che si è sbilanciato scrivendo cose del tipo "Tolkien si sta rivoltando nella tomba" in seguito all'arrivo della serie TV, per poi lanciarsi in critiche dirette e spietate verso gli attori maschi della serie. Il CEO di Tesla sostiene che quasi tutti i personaggi maschili dello show si riducono a tre categorie "un codardo, un cretino o entrambi". Musk elogia solamente la caratterizzazione di Galadriel e la definisce "coraggiosa, intelligente e gentile". A Gaiman tali affermazioni non sono piaciute per niente, e in tutta risposta a una richiesta di commento ha così tuonato :

Elon Musk non viene da me per chiedere consigli su come fallire nell'acquisto di Twitter, e io non vado da lui per criticare film, TV oppure opere letterarie

Ma non perdiamo tempo e passiamo ai dettagli succosi, ossia i nomi dei nuovi attori coinvolti nella produzione. I componenti inediti del cast sono: Gabriel Akuwudike, Yasen ‘Zates’ Atour, Ben Daniels, Amelia Kenworthy, Nia Towle, e Nicholas Woodeson. Il ruolo del leader degli orchi “Adar” è stato riassegnato per la seconda stagione, e sarà interpretato da Sam Hazeldine.

Di seguito le biografie dei sette nuovi componenti del cast.

GABRIEL AKUWUDIKE

Gabriel Akuwudike è un attore anglo-nigeriano che è apparso nell'acclamata serie Hanna (Prime Video). Altri crediti televisivi includono Ridley Road (BBC) e War of the Worlds (FX)

YASEN ‘ZATES’ ATOUR

Yasen "Zates" Atour è noto soprattutto per il suo ruolo di "Coen" nella seconda stagione di The Witcher (Netflix). È stato anche una serie regolare in Young Wallander (Netflix), nel ruolo di "Reza Al-Rahman". Ha diretto il film Good Intentions ed è stato produttore esecutivo e protagonista del film When the Screaming Starts.

BEN DANIELS

Ben Daniels ha avuto ruoli ricorrenti in televisione, tra cui Jupiter's Legacy (Netflix) come "Walter Sampson", The Crown (Netflix) come "Lord Snowdon", The Exorcist (Hulu) come "Father Marcus Keane", House of Cards (Netflix) come "Adam Galloway" e Law & Order: UK (ITV) come "James Steel". I crediti cinematografici includono ruoli in Benediction, Captive State, Rogue One: A Star Wars Story e The Exception. Ben è un pluripremiato attore teatrale che è apparso in numerose produzioni tra cui The Normal Heart (National Theatre – Olivier Award Nomination-Best Actor, Critics' Circle Theatre Award – Best Actor), All My Sons (National Theatre - Olivier Award – Best attore non protagonista) e Les Liaisons Dangereuses (Broadway - Candidature ai Tony e ai Drama Desk - Miglior attore). Ben si è formato alla London Academy of Music and Dramatic Arts.

SAM HAZELDINE

I crediti di Sam Hazeldine includono Peaky Blinders (BBC), Slow Horses (Apple TV), The Huntsman: Winter's War, Mechanic: Resurrection e The Last Duel di Ridley Scott. Attualmente appare in The Sandman (Netflix) e The Playlist (Netflix), e sarà presto visto nel prossimo sequel di Band of Brothers Masters of The Air (AppleTV) al fianco di Austin Butler e Callum Turner, e al fianco di Jonah Hauer-King e Dar Zuzovsky nel film drammatico di Casanova, A Beautiful Imperfection.

AMELIA KENWORTHY

Amelia Kenworthy si è laureata alla Royal Academy of Dramatic Arts. Durante la RADA, si è esibita in numerose produzioni teatrali tra cui Spring Awakening come "Anna", A Midsummer Night's Dream come "Puck", Two Gentlemen of Verona come "Julia", Pomona come "Ollie" e Against come "Shiela". È apparsa anche in cortometraggi IRL e Messenger. Farà il suo debutto televisivo in Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere.

NIA TOWLE

Nia Towle è stata recentemente vista nel film di Netflix Persuasione. Sul palco, Nia ha debuttato con The Ocean at the End of the Lane di Neil Gaiman sia al National Theatre che al Duke of York Theatre. Durante i suoi studi alla Guildhall School of Drama, da cui si è diplomata nel 2021, Nia ha interpretato ruoli da protagonista in spettacoli come Yerma, A Streetcar Named Desire e Medea.

NICHOLAS WOODESON

Nia Towle è stata recentemente vista nel film di Netflix, Persuasione. Sul palco, Nia ha debuttato con The Ocean at the End of the Lane di Neil Gaiman sia al National Theatre che al Duke of York Theatre. Durante i suoi studi alla Guildhall School of Drama, da cui si è diplomata nel 2021, Nia ha interpretato ruoli da protagonista in spettacoli come Yerma, A Streetcar Named Desire e Medea.

Ricordiamo in chiusura che la seconda stagione del Signore degli Anelli richiederà del tempo per essere sviluppata e, nonostante gli sforzi messi in campo da Amazon, molto difficilmente potremo vedere qualcosa prima del 2024.Le riprese sono attualmente in corso nel Regno Unito e Jennifer Salke, capo degli Amazon Studios, ha affermato che il team di produzione sta lavorando rapidamente per finire la stagione 2 il più velocemente possibile.

Nel frattempo, chi avesse piacere potrà guardarsi il recentemente annunciato Making of de Gli Anelli del Potere” – una serie di speciali con contenuti inediti dietro le quinte degli otto episodi della prima stagione – disponibile in esclusiva su X-Ray, attraverso un’esperienza a tutto schermo che può essere attivata in qualsiasi momento guardando la serie. Maggiori dettagli nella notizia originale a questo link.

AGGIORNAMENTO: 8 NUOVI ATTORI SI UNISCONO AL CAST

Dopo la prima tranche di nomi emersi, il cast della seconda stagione de Il Signore degli Anelli: gli Anelli del Potere si arricchisce con otto attori inediti, che appariranno in ruoli ricorrenti. Si tratta di Oliver Alvin-Wilson (Murder in Provence), Stuart Bowman (Bodyguard), Gavi Singh Chera (The Undeclared War), William Chubb (Vampire Academy), Kevin Eldon (The Last Kingdom), Will Keen (Ridley Road), Selina Lo (Boss Level) e Calam Lynch (Bridgerton).

Al momento non si conosce nel dettaglio il ruolo ricoperto da ognuno, ma con l'arrivo delle prime immagini potremo saperne di più. Non si sono date o altro ovviamente, poiché i lavori sono in corso e non saranno così brevi. Il debutto televisivo della seconda stagione potrebbe avvenire nel 2024, secondo le ultime stime.

Vantaggi Amazon Prime:


182

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
caribba

Appunto, non è difficile capire che a me non è sembrato

Kamgusta

la definizione di "lenta" è quando la storia non si dipana per ore e non succede praticamente nulla in termini di azione o sviluppo dei personaggi, non è difficile da comprendere eh...

vegeta nexus 5X
vegeta nexus 5X

Magari lo facessero. Almeno verrebbe rispettata la storia originale (con annessi personaggi senza stravolgimenti del piffero).

Gianluca Scuzzarello

Il punto è che secondo me i personaggi, bianchi e non, sono tutti piatti e quello è un problema di scrittura. Poi sul trattamento positivo delle minoranze sono d'accordo e l'ho notato in molte produzioni, ma qui mi pare che il problema di fondo sia un altro

gianni polini

Ah beh, cine cinepanettone Marvel ci sta.
How I met your mother in salsa Tolkien…povero Tolkien

gianni polini

Ah si? Mi citi gli elfi africani e le nane nere e senza barba in Tolkien?

French

Io sono un appassionato Tolkieniano da 35 anni e oltre e posso dirti che, la serie è tolkieniana alla grande, alcune atmosfere sono grandiose. Se leggi la history, vedrai che i personaggi sono caratterizzati alla grande

French

Serie bellissima. Traslaterò Arondir e Disa sono stati tra i migliori personaggi

French

Veramente e’ stata un successone, oltretutto ha ottenuto giudizi lusinghieri da tolkieniani di provata preparazione. Chiaramente mi riferisco agli studiosi, non ai vari you tubers improvvisati

French

Atari un bel lgbt, che problemi avresti?

French

Serie a mio parere bellissima

realist@

Non gli andrebbe bene comunque.

sucaloro

Hanno fatto anche il rotolo per incartare i pacchi con il logo della serie, quello è stato un vero successone

sucaloro

Potrebbero inventare un film animato che si basa sulla lettura del libro vero, per i "libristi"

sucaloro

In Giappone pagano di più

Sono Giapponese!

Sperando sia l’ultima stagione

Rispondigli con questa gif https://uploads.disquscdn.c...

Meandmyself

Peccato…

Aster

Tranquillo è finita la pacchia!

riccardik
realist@

Per me gli anni del potere è un bel film è un film fatto bene Io non sono lettore non leggo 3.000 pagine di libri però seguendo un film posso garantirvi che sia signore degli anelli che lo Hobbit gli anelli del potere è una serie bellissima dunque non leggete questi commenti da saputelli di libri. chi legge libri è meglio che stia bene a continuare a leggere libri e non venire qui a commentare

Meandmyself

Davvero…ho anche preso novanight pubblicizzata dal baffetto

caribba

Non ci dormi la notte eh?

caribba

A me è proprio piaciuta, e sinceramente non capisco le critiche di chi dice che è "lenta"

Meandmyself

Dopo gli elfi “scuri” cosa introdurranno di politically correct questa volta? Dei re trans? O dei draghi asessuati?

Meandmyself

In teoria doveva già finire perché è stata un flop…Bo,forse era quasi pronta e la mandano in onda poi chiudono baracca

ErCipolla

Si si, era chiaro quello che volevi dire, io stavo contestando che secondo me no, non è che "il loro obiettivo primario è essere inclusivi". Il loro obiettivo primario è far soldi, l'inclusività altro non è che uno strumento per combattere (in maniera disonesta) le critiche.

gianni polini

Guardi..neanche ho parlato della sceneggiatura dei personaggi bidimensionali ecc..non sti a fare lo "sfoggio" se permette.
Per quanto mi riguarda e'immondizia in salsa inclusiva.
Un prodotto che nulla a che vedere con Tolkien e nessuna delle sue opere.
Un elogio delle peggiore becera globalizzazione, inclusiva e quindi razzista, che forza invece di insegnare..
Poi va bene tutto, possiamo metterci qui a parlare della fotografia, e della regia di questo "robo", ma a che pro.
Quando vedi l'elfo nero,la"nana"nera e senza barba ecc ecc..puoi tranquillamente spegnere e tornare su quegli splendidi libri che dipingevano un mondo
dove etnia e colore della pelle non erano presi neanche in considerazione, perche' l'arte non lo deve fare, non e' tenuta.
Lo fanno questi scempi commerciali...fascisti come il mondo che dipingono.

Ikaro

Ma non penso, avresti ragione se ci fossero buchi di trama per forzare l'inclusività, ma i buchi li ha a prescindere quindi il problema non è l'inclusività il problema è che hanno messo gli sceneggiatori di Boris a farla

Sergios

forse mi sono espresso male e non è passato quello che intendevo
non ho mai detto che la serie è brutta per l'elfo nero, ci mancherebbe, come potrebbe mai essere :D

intendevo dire che secondo me il loro obiettivo primario era questa
forzata inclusività a tutti i costi che ormai li caratterizza da un po
di tempo, dimenticandosi che al primo posto va messo tutt'altro
se poi usano questa cosa come dici tu come scudo in caso faccia c4g4re quello non lo so proprio, ma probabilmente hai ragione, ormai se anche si osa criticare qualcosa che contenga qualsiasi minoranza, si viene additati come razzisti, sessisti ecc... :/

Sergios

certamente questo senza alcun dubbio, intendevo dire che secondo me il loro obiettivo primario era questa forzata inclusività a tutti i costi che ormai li caratterizza da un po di tempo, dimenticandosi che al primo posto va messo tutt'altro

Ikaro

Ma che vuol dire? A parte che casting e sceneggiatura la fanno proprio due reparti diversi, ma se la storia non regge non regge anche con tutti maschi bianchi biondi e occhi azzurri

IDGAF

in effetti dopo galdalf il grigio e gandalf il bianco ci sarebbe stato bene un galdalf nigeriano

Simplyme

Cosa consigli di francese o orientale?

Simplyme

Il problema secondo me non è neanche il colore della pelle o del genere sessuale (anche se lì tendono a caratterizzare più positivamente le minoranze), ma la trama sconclusionata.

E lì il problema nasce dal trattamento poi positivo verso le minoranze, dato che se devi caratterizzarli in maniera smielatamente positiva, rischi di eliminare profondità al personaggio.

realist@
ErCipolla

Stai mettendo il carro davanti ai buoi.

Non è che se metti un nero in una serie allora automaticamente è scritta male.

Qua il problema è l'opposto: la serie è scritta male di suo e i produttori di oggi hanno capito che se la tua serie è scritta col cu*o puoi riempirla di "inclusività" e usarla come scudo per deflettere ogni critica.

Eh si, perché se poi qualcuno ne parla male loro possono dire "eh, è solo un razzista/sessista/ecc.". Addirittura bloccano i voti negativi degli utenti sulle piattaforme di aggregazione perché "sono tutti voti dati per ripicca dagli anti-woke". In pratica è un modo per zittire le critiche legittime annegandole nella caciara della culture war.

Alla il giochetto funziona perché poi appunto è pieno di gente da entrambe le parti che non mettono a fuoco il problema e alimentano il tutto:
-Gli anti-woke si lamentano che c'è il nero nella serie (invece di lamentarsi che è scritta male)
-I pro-woke elogiano qualsiasi cosa sia inclusiva (anche se è scritta male) per partito preso.

La soluzione sarebbe tornare a fare CRITICA cinematografica, ovvero tornare ai tempi in cui se una cosa era scritta male la si stroncava. Oramai invece i critici o elogiano perché la serie è inclusiva o stroncano perché è inclusiva, a seconda della loro parte politica. Della sceneggiatura chi ne parla più?

Jotaro

Anche a me non è dispiaciuta.

Jotaro

Se parli di st*rco colpa dei pelopiedi, hanno l'abitudine di non lavarsrli.

ErCipolla

Magari, se non sbaglio hanno ordinato direttamente 5 stagioni

Guido D'Amore

Vado controcorrente.
A me non è dispiaciuta la prima stagione.

Jotaro

Non puoi togliere di mezzo la terra di mezzo.

Rieducational Channel

Dite che alla fine della seconda la tolgono da mezzo?

Guarda, per una volta dico che l'inclusività forzata è l'ultimo dei problemi.
I problemi sono totali nella scrittura e nelle idee, non si salva niente e non scherzo, niente.

I primi 4 secondo me sono belli.
Poi sì, scivolano verso il fango.

Guarda, criticai anche Avatar ai suoi tempi per una trama con svolgimento un po' banale.
L'ho rivisto in sti giorni, penso che se fosse uscito nel 2022 avrei gridato al capolavoro.
Vedi te quanto ALTO era il cinema la prima decade 2000 e quanto BASSO è poi diventato.
E no, le serie non hanno sostituito assolutamente niente, sono altra roba e nettamente più scarsa.
Sono 10 anni dominati dai cine fumetti che vabbè, vanno bene per bambini e ragazzini va', fine, poi solo piccole perle isolate.
E penso che i social network abbiano influito pesantemente in questo.
Cioè sta generazione Z non ha avuto alcun "mito" che la rappresentasse, se non Iron Man che ok caruccio, ma non fa mica gridare al miracolo.
Cioè in dieci anni abbiamo avuto Titanic, il Gladiatore, Harry Potter, il Signore degli Anelli, Star Wars (discutibile ok, ma rispetto ad oggi io lo rivaluto bene), Avatar, Batman, Spider-Man e potrei continuare.
Dopo che hanno presentato, Twilight che fa ridere, conosco ragazze che l'hanno adorato all'epoca che a riguardarlo si vergognano, 50 sfumature che neanche sto qui a parlarne, pura immondizia, il MCU che siamo sinceri, non lascia NIENTE, Star Wars che insomma, si poteva fare di più.
E non è un discorso nostalgia, ci sono film moderni stupendi, ultimamente The Last Duel favoloso, ma anche la Fiera delle Illusioni di Del Toro, però capiamoci, è nicchia.
I grandi miti collettivi al cinema sono spariti, fagocitati da un politicamente corretto oppressivo e da una paura dei produttori immensa. Non rischia più nessuno e si producono cose sempre più sciatte.
Questo parlando dei grandissimi film ad altissimo budget.
Il cinema in senso generale ha tenuto botta ancora per qualche altro anno fino al Covid, ma negli ultimissimi due, tre anni la subcultura woke è sinceramente diventata un delirio, il peso dei social è ancora più insopportabile e siamo nel VUOTO ASSOLUTO.
Almeno a Hollywood.
Lo ripeto, ciò mi rende triste.
P.S. il cinema italiano neanche lo nomino che vabbè, dico solo che è infimo a livello proprio di idee e la chiudo così.

Jotaro

Colpa dei pelopiedi che oltre a non lavarseli l'hanno pure pestata per strada.

Andhaka

Non è che non se ne accorgono... è che se ne fregano proprio. Tanto hanno messo il check al box per le razze, per il sesso, per le minoranze.

Sanno benissimo di essere incompetenti, ma si convincono che l'aver "salvato" il mondo con la loro retorica sia molto meglio che una buona storia.

Cheers

Andhaka

Ah, ironia.. sto invecchiando. :D

Cheers

Windows

Recensione Medion Erazer Major X10: sfida alla RTX 3060 con Intel ARC A730M | VIDEO

Tecnologia

Samsung con gli S23 chiude il cerchio, caos Netflix sulle password | HDrewind 5

Alta definizione

Recensione TV Sony OLED A95K: il mix perfetto di QD-OLED ed elettronica al top!

Android

Galaxy S23 Ultra vs S22 Ultra: le differenze da sapere e le prime impressioni