Pulp Fiction NFT, Quentin Tarantino denunciato da Miramax

18 Novembre 2021 0

Miramax ha denunciato Quentin Tarantino per la questione degli NFT relativi a Pulp Fiction: la casa di produzione sostiene che l'NFT sia un tipo di contenuto che non rientra nei diritti riservati al regista, e che quindi l'iniziativa costituisca una violazione di copyright e marchio registrato; a prescindere dal caso specifico, Miramax ci tiene a risolvere la questione NFT sul nascere e scoraggiare i registi di altri suoi film dall'intraprendere iniziative analoghe.

Come spesso accade quando esce qualcosa di nuovo non espressamente previsto dalla legge, finisce che ognuno l'interpreti un po' come gli fa comodo ed emergono in ultimo diatribe di questo tipo. Miramax dice per esempio che gli utenti potrebbero scambiare i contenuti di Tarantino come prodotti ufficiali del merchandising Pulp Fiction autorizzati, e invece non lo sono. Secondo contratto i diritti riservati da Tarantino per il film, che includono "giochi interattivi, esibizioni dal vivo e altri media ausiliari", continua Miramax, Tarantino ha il diritto di pubblicare online alcune pagine della sua sceneggiatura originale, ma un NFT è una transazione univoca, e Tarantino stesso enfatizza il fatto che l'acquirente può decidere di tenere il contenuto per sé e non mostrarlo mai a nessuno. Quindi non rientra nel concetto di pubblicazione.

Tarantino naturalmente non concorda, e dice che con la sua iniziativa sta essenzialmente pubblicando parti di una sceneggiatura con qualche abbellimento aggiuntivo, come disegni. Miramax tuttavia, nella sua denuncia, sottolinea anche che il contratto firmato con Tarantino all'epoca garantisce al regista una serie di diritti molto ampia, ma include una serie di eccezioni relative a formati multimediali che al momento non erano ancora noti.

Non è la prima volta che produttori/etichette e artisti litigano sugli NFT: all'inizio di quest'estate RAF Records, co-fondata da Jay-Z e Damon Dash, aveva denunciato proprio Damon Dash in relazione a un NFT sul primo album di Jay-Z, Reasonable Doubt uscito nel 1996. In altre situazioni, quando i produttori sono coinvolti, o meglio ancora al timone, fin da subito, le cose filano più lisce - pensiamo per esempio a quanto successo in occasione del reboot di Space Jam.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mobile

Huawei P50 Pro e Pocket, le nostre prime impressioni

Domotica

Reti Fibra 2/5/10Gb/s: solo Marketing o sono davvero sfruttabili in casa?

Recensione

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3050: il ray-tracing arriva anche nella fascia bassa

Articolo

Netflix, le novità in arrivo a febbraio 2022