Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

PlayStation 2 compie 20 anni: (ri)scopriamo 10 serie nate su PS2

04 Marzo 2020 33

PlayStation 2 oggi compie 20 anni! Lanciata in Giappone il 4 marzo del 2000, la console di casa Sony aprì il nuovo millennio videoludico con un importante compito sulle spalle: raccogliere l'eredità della prima PlayStation, migliorarne ogni aspetto e consacrare definitivamente la leadership di Sony all'interno di un settore nel quale era entrata quasi per caso appena 9 anni prima (ne abbiamo parlato in occasione dei 25 anni di PlayStation!).

Guardando al tutto in retrospettiva, possiamo dire che PlayStation 2 abbia centrato in pieno il bersaglio: con oltre 155 milioni di unità vendute sin dal lancio, la seconda console di Sony è ancora oggi imbattuta nelle classifiche di vendita del settore, contando sia le console fisse sia quelle portatili. Per trovare la seconda home-console più venduta dobbiamo arrivare sino ai tempi nostri: PlayStation 4, con circa 109 milioni di unità vendute, si candida ad essere l'erede spirituale di PS2 in tutto e per tutto, ma difficilmente riuscirà ad eguagliarne i numeri prima della fine del suo ciclo vitale


Ma oggi non vogliamo festeggiare questa ricorrenza citando esclusivamente dati e cifre sterili come quelle puramente economiche, tanto meno ripercorrere la storia della console (ce lo riserviamo per i 25 anni!). C'è un altro aspetto interessante da scoprire; andare a caccia di tutte quelle serie che hanno visto i propri natali su PlayStation 2, senza la quale oggi non ci sarebbe possibile giocare a nessun capitolo di queste celebri saghe.

Noi ve ne proponiamo 10 tra quelle di maggior successo (ma ce ne sono tante altre, possiamo nominare Zone of the Enders, JAk and Dexter o la serie .hack//) e vogliamo sapere da voi - nei commenti - quali altre serie sono nate su PS2 che non abbiamo citato e il valore emotivo che hanno avuto per voi. Ma bando alle ciance ed ecco la lista delle serie, in ordine cronologico:

DEVIL MAY CRY (2001)

Devil May Cry è la prima grande serie di successo ad essere nata su PlayStation 2. Il primo capitolo, come molti sapranno, venne concepito come un Resident Evil di nuova generazione, tuttavia la svolta molto action e la ridotta componente survival horror che erano emerse dal primo prototipo indussero Capcom a dare vita ad una nuova IP.

Molte delle idee nate durante lo sviluppo di DMC arriveranno comunque in Resident Evil 4, a partire dall'ambientazione più rurale e gotica. Su PlayStation 2 troviamo ben 3 dei 5 Devil May Cry, segno che il successo della serie indusse Capcom a lavorare in tempi rapidi a dei nuovi capitoli che potessero approfondire le vicende di Dante, il protagonista.

Curiosamente, il secondo episodio non venne affidato al team originale. Il risultato fu un titolo meno impegnativo del primo e una modifica del personaggio stesso di Dante, reso molto più taciturno e meno irriverente rispetto alla sua precedente versione. Fortunatamente, a partire dal terzo episodio la serie è tornata sui suoi binari originali - se escludiamo un reboot poco apprezzato dai fan - e il quinto capitolo ha riportato DMC in vetta al genere hack and slash.

BURNOUT (2001)

Le serie automobilistiche in casa Sony hanno dovuto sempre fare i conti con la presenza dell'ingombrante nome di Gran Turismo, ma il team di Criterion Games non ha scelto di sfidare il mostro sacro di Yamaguchi, quando nel 2001 ha portato su PlayStation 2 il primo capitolo della serie Burnout.

Al posto del realismo e della simulazione maniacale, Burnout ha offerto sin da subito un'impostazione di guida completamente arcade, caratterizzata da velocità e divertimento in grandissime dosi: erano gli anni in cui il cinema aveva appena dato il via al fenomeno di Fast & Furious con il primo The Fast and the Furious, quindi quale miglior momento per portare sul mercato una serie di giochi di corse altamente adrenalinici?

Attualmente i Criterion stanno lavorando al prossimo Need for Speed e non sembrano esserci movimenti per quanto riguarda la serie Burnout, la quale è ancora disponibile sulle console di attuale generazione attraverso la remastered dell'indimenticabile Paradise.

KINGDOM HEARTS (2002)

I viaggi mentali a cui Tetsuya Nomura ha costretto i fan della saga Square Enix-Disney nascono su PlayStation 2, con il primo Kingdom Hearts. Con Final Fantasy X ormai alle spalle e l'XI fresco di lancio, l'annuncio di un titolo che vedeva assieme i principali protagonisti di molti precedenti Final Fantasy e i più famosi personaggi Disney, colse tutti di sorpresa.

Nessuno, sino ad allora, aveva mai pensato di accostare in maniera così marcata il frutto della cultura pop giapponese con i mostri sacri dell'animazione occidentale. Il risultato di questo final mix è stato esplosivo: una serie da oltre 30 milioni di copie, articolata su qualsiasi piattaforma esistente e ancora oggi sulla cresta dell'onda grazie al recente Kingdom Hearts III del 2019 e al DLC Re Mind del 2020.

Il futuro per Kingdom Hearts è sicuramente radioso; la conclusione delle avventure di Sora e della Dark Seeker Saga, infatti, non mettono in alcun modo a rischio la possibilità che arrivi un prossimo capitolo della serie principale. D'altronde il prossimo protagonista è già sulla bocca di tutti, ma conoscendo i tempi biblici di sviluppo di Square Enix, non sappiamo quando potrà concretizzarsi. Got it memorized?

RATCHET & CLANK (2002)

Insomniac Games sbarcò su PlayStation 2 con una IP del tutto nuova; messo momentaneamente da parte Spyro the Dragon, era giunto il momento di Ratchet & Clank.

Un aneddoto interessante relativo allo sviluppo del primo titolo riguarda la collaborazione tra Insomniac e Naughty Dog: questi ultimi offrirono ai colleghi la possibilità di accedere al motore di gioco sviluppato per il loro Jak and Dexter e in cambio chiesero solo che venissero comunicati e condivisi tutti i miglioramenti apportati all'engine. Ciò permise a Insomniac di usare un motore grafico molto solido e, allo stesso tempo, di poterlo ottimizzare a piacimento in base alle proprie esigenze, al punto di renderlo completamente diverso da quello che era stato offerto inizialmente dai ND.

Ratchet & Clank sono sbarcati anche su PlayStation 4 grazie ad una reinterpretazione del primo capitolo uscita nel 2016, in occasione del debutto cinematografico della coppia di protagonisti.

MONSTER HUNTER (2004)

La serie Monster Hunter nasce su PlayStation 2 con un titolo che non conquistò la critica del tempo, ma che introdusse delle solide fondamenta ancora alla base dei titoli moderni. Il gioco, infatti, è stato sviluppato da Capcom come parte di un progetto volto a portare su PlayStation 2 dei titoli con una forte componente online, al tempo un elemento innovativo e praticamente sconosciuto alla maggior parte dei giocatori su console. Uno degli altri giochi in sviluppo - come parte del progetto - era Resident Evil: Outbreak.

Nel corso degli anni la serie ha abbracciato diverse piattaforme, spostandosi per un periodo principalmente su quelle mobile, ma è con il Monster Hunter: World del 2018 che Capcom ritrova la vera via del successo internazionale, realizzando il miglior capitolo della serie, che per la prima volta sbarca in maniera ufficiale - con un titolo della serie principale - su PC (escludendo un MMORPG presente solo in Asia).

SINGSTAR (2004)

Singstar è uno dei primi titoli ad aver esplorato le potenzialità del mondo musicale, proponendo un party game interamente incentrato sul canto, più precisamente sul karaoke. I celebri microfoni a tema Singstar - indispensabili per giocare - sbarcarono su PlayStation 2 a metà 2004 e nel giro di 5 anni escono oltre 20 edizioni del titolo, ognuna dedicata ad un genere musicale diverso o a raccolte di brani specifiche.

La serie ha avuto successo per molti anni, anche se recentemente ha sofferto la concorrenza di Let's Sing. Con il passare delle generazioni, il fenomeno dei DLC hanno reso possibile rilasciare nuove canzoni senza dover pubblicare una nuova versione del gioco dedicata ad un determinato genere, come accadeva su PlayStation 2.

KILLZONE (2004)

Prima che i Guerrilla Games stupissero tutti con Horizon Zero Dawn su PS4, il team era già noto per la serie Killzone, nata proprio su PlayStation 2 con lo scopo di rappresentare la mossa di Sony volta a contrastare la popolarità di Halo.

Anche Killzone, infatti, è un FPS con ambientazione futuristica, che ci porta nel 2357 nel bel mezzo dello scontro tra due fazioni di umani che hanno cominciato a colonizzare Alpha Centauri, per scappare da una Terra resa inospitale a causa di una guerra nucleare. Le vicende dello scontro tra gli abitanti dei pianeti Vekta e Helghan vengono narrate nell'arco di 4 titoli principali, di cui solo il primo è disponibile su PS2. L'ultimo, Killzone Shadow Fall, è stato uno dei titoli di lancio di PlayStation 4 nel 2013.

La serie ha visto il suo apice con il secondo capitolo, un vero e proprio capolavoro sotto ogni aspetto, e ancora oggi attende di essere rilanciata, visto l'andamento altalenante dei singoli episodi.

GOD OF WAR (2005)

La lunga odissea di Kratos comincia nel 2005 su PlayStation 2 con un successo clamoroso: una pioggia di voti altissimi portano il titolo sull'Olimpo del Metacritic con un punteggio di 94/100, grazie al mix di azione e quick time event spettacolari, che hanno contribuito a ridefinire lo standard per i generi action-adventure e hack and slash.

L'ultimo capitolo della serie - semplicemente God of War - è stato in grado di rivoluzionare la serie introducendo nuove meccaniche e una narrazione di stampo ancor più cinematografico, accompagnata da un gameplay eccellente e da un comparto grafico di altissimo livello, tanto da valergli il titolo di Gioco dell'Anno sia ai Game Awards del 2018 che alla GDC 2019. Le aspettative per ciò che i Santa Monica porteranno su PlayStation 5 sono alle stelle.

GUITAR HERO (2005)

Guitar Hero è senza dubbio la serie che più ha rappresentato una fetta della scena videoludica durante gli ultimi anni del primo decennio del 2000. In quel periodo i party game musicali erano sulla bocca di tutti ed era impossibile non trovare una coda di giocatori davanti alla postazione demo del Game Stop di turno, dove si potevano mettere le mani sulla chitarra-controller e (per la gioia dei commessi, che sentivano le stesse solite 3-4 canzoni in loop per tutta la durata del loro turno) provare un qualcosa di completamente nuovo.

Prima che la serie raggiungesse il livello di vero e proprio fenomeno culturale all'apice della sua popolarità - ottenuta con il terzo capitolo -, è bene ricordare che il tutto nacque proprio su PlayStation 2, con il primo titolo della serie uscito nel 2005, che già aveva tutti gli elementi cardine della serie: una chitarra-controller con sensori di movimento (per attivare lo Star Power), i 5 tasti colorati per suonare le note, la leva del vibrato e la barra plastica mobile per simulare il plettro.

Purtroppo la popolarità della serie è andata calando con il tempo e l'ultimo capitolo risale al 2015. Ma chi ha vissuto il cuore della propria adolescenza a cavallo tra il 2005 e il 2010 non potrà certo dimenticare questo fenomeno.

YAKUZA (2005)

Concludiamo con Yakuza, la SEGA che in molti considerano essere il vero erede spirituale di Shenmue. Le vicende di Kazuma Kiryu si svolgono infatti all'interno di una Tokyo incredibilmente viva e realistica, pregna di tutti quegli elementi tipici della cultura giapponese che hanno reso la serie un vero e proprio cult per gli amanti della cultura dell'isola di Yamato.

Il nome originale non fa alcun riferimento al termine comunemente utilizzato per indicare la malavita; se chiedete ad un giocatore giapponese di raccontarvi qualcosa su Yakuza, probabilmente vi dirà di stare alla larga da certi quartieri per evitare problemi. Dovete invece chiedergli di Ryu ga Gotoku (letteralmente: come un drago), il vero nome della serie.

Il successo di Yakuza continua ancora oggi: il sesto capitolo ha ricevuto un'accoglienza calorosissima in occidente, mentre il settimo - con il suo sistema di combattimento a turni - attende ancora di varcare la soglia del Giappone.

Questi sono le 10 saghe nate su PS2 che vi abbiamo voluto raccontare: ora la palla passa a voi nei commenti. Intanto ci limitiamo a dire: Buon Compleanno PlayStation 2!


33

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Facorzep

Fanno bene

Serton Lopodeck

Che bella la CENSURA fascista del moderatore femministo ipocrita perbenista SJW. Non si può dire la verità. Se avessi scritto qualcosa contro gli uomini e il patriarcato, il commento sarebbe ancora lì.
Viva Trump.

https://uploads.disquscdn.c...

Matteo Fringuelli

E il sensore di pressione dei tasti :-D

Sono Giapponese!

Quanto bei ricordi, avevo vent’anni....

0oITRo0

Lo danno tutti che ps2 ha avuto successo solo perché era piratabile con uno stuzzicadenti. E i CD a 5 euro masterizzati si trovavano sulle bancarelle dei marocchini. Una cosa pietosa e sony non ha fatto niente per evitarlo. Che azienda imbarazzante!

0oITRo0

Esatto, hai dipinto il sonaro medio. Che parlano tanto di esclusive, e poi giocano a fifa, cod e Fortnite tutto il giorno come tanti lobotomizzati.

0oITRo0
Arturo Smeraldo

Il Nintendo 64 è 10 spanne sopra la Playstation

e.Mac

La PS2 ha letteralmente consegnato la PlayStation all’immaginario comune come LA console videoludica, con il controller (che rispetto alla PS1 aggiungeva i due stick analogici) che è a sua volta diventato IL controller. La miglior console di sempre, simbolo di un’epoca in cui la trama contava più della grafica. Dietro di lei, XBOX 360 e Nintendo Wii per l’impatto avuto.

Mattia Valsecchi

Torna a fare vittorie reali su fortnite che è meglio!

Marco

proprio perché ora c'è la versione digitale, tra qualche anno quando smetteranno di produrre quella fisica il gioco su supporto diventerà da collezione.
Ci sono alcune prime edizioni di KH I e KH II per Ps2 che ora vengono vendute a prezzi decisamente alti.

Andredory

Un gioco venduto a milioni da collezione? Soprattutto quando c'è la versione digitale? La vedo dura.

Hateware2

Potevano fare un tema ps4 in stile ps2, non si stanno proprio sprecando...

BLOW

Ps2 e ps4 icone Sony

Simone

Davvero non avete messo Jak & Dexter?

Marco

È sempre così, fino a che i giochi sono ufficialmente in produzione e vendita. Quando smetteranno di produrlo e in giro rimarrà solo più un quantitativo limitato di copie è probabile che il prezzo tornerà a salire, in quanto potrebbe divenire un pezzo da collezione.

Yuri1192

Sta per uscire anche una ALL-IN-ONE su disco. Prenderò quello, soprattutto da conservarmelo

Clavicola
Clavicola

La PlayStation 4 se la mangia la 2.

Andredory

Speriamo. Shadowfall dal punto di vista grafico si mangia tutt'oggi gran parte dei videogiochi su console. La storia probabilmente è una delle migliori per quanto riguarda gli FPS di questa gen così come il gameplay single player non era male e così facile. Il multiplayer è stata un po' una delusione. È stato il primo gioco che ho acquistato ed ho preso PS4 anche per lui (mi era piaciuto un sacco mercenary per PS Vita, ero diventato un Pro di quel gioco). Speriamo che il seguito sia migliorato dal punto di vista del multiplayer.

Andredory

Ma come mai Kingdom Hearts 3 lo stanno svendendo? La remix costa ancora un occhio della testa ed è uscita da anni mentre il terzo capitolo da relativamente poco. Ha venduto poco? Mi piacerebbe prenderlo, a questo prezzo poi...

Abel

Se faceste una rubrica sul retrogaming PS2 avreste un trillione di commenti ad articolo :D

sardanus

gran turismo 3, 4 e tekken 4...

lore_rock

La belva! Magari non per potenza, ma quello che ha dato al pubblico é stato magnifico!

Salvatore Provino

Sono vecchio, *****!

Bibbidibobbidibu

La mia console avviava gran turismo 3 e gta senza nemmeno il cd da quanto li ho giocati..

Biso22

Tra tutti Bornout è quello che vorrei tanto risorgesse dalle ceneri con un nuovo ignorantissimo capitolo

Aristarco

io ho strausato gta vice city e i vari wrc e gt

Burnout 3 takedown! consumato

Edoardo Motta

Migliore console di sempre.

momentarybliss

Spero che per Killzone sia previsto un ritorno in grande stile su PS5

NaXter24R

Io ho fatto uguale quando ho preso KH3. Ho messo dentro Final Mix per rigiocare al volo i primi capitoli prima di affrontare il 3, parte la musica e mi son commosso come un p1rla solo con la musica del menu

Felk

https://uploads.disquscdn.c...

Acer Predator, nuovi laptop in arrivo. C'è anche un monopattino! |VIDEO

Recensione Lenovo Legion Go, sfida ROG Ally a viso aperto

Recensione Starfield, parte 2: inizia bene, poi si perde un po'

Giocare su TV senza console: la nostra prova del Samsung Gaming Hub | Video