Sony 'on-chip lens': messa a fuoco più rapida e maggior qualità con i nuovi sensori

12 Dicembre 2019 30

Sony si appresta a immettere sul mercato una nuova tecnologia dedicata ai sensori d'immagine, sviluppata per sfruttare appieno le potenzialità delle soluzioni proposte dalla casa nipponica sugli smartphone, ottimizzando le prestazioni e garantendo nel contempo un'elevata risoluzione.

In attesa di testare dal vivo le potenzialità del sensore IMX686 preannunciato il mese scorso ed utilizzato da Redmi K30 e K30 5G, siamo in grado di analizzare nel dettaglio la tecnologia implementata da Sony: il punto di svolta rispetto a quanto finora proposto sta tutto nella struttura adottata per il sensore, ovvero nell'impiego di una lente condensatrice denominata "on-chip lens" posizionata sui pixel del sensore d'immagine. I risultati - garantisce l'azienda giapponese - sono una elevata qualità d'immagine (sia in termini di risoluzione che di sensitività), una rapida messa a fuoco e un'ampia gamma dinamica.

Il disegno a seguire spiega bene la differenza tra la OCL tradizionale (a sinistra) e quella a matrice 2x2 (a destra): la differenza consiste nel posizionamento delle lenti stesse, che nelle soluzioni convenzionali sono posizionate in corrispondenza di ciascun pixel, mentre in quella sviluppata da Sony la lente viene condivisa da quattro pixel adiacenti.


BENEFICI
Con OCL 2x2 aumentano i pixel che forniscono informazioni per la definizione dell'immagine
  • Innanzitutto la tecnologia OCL 2x2 di Sony permette di sfruttare tutti i pixel dell'immagine come detection pixel per rilevare i contorni e le informazioni dell'immagine stessa, e ciò si traduce in una maggior precisione della messa a fuoco anche sugli oggetti più piccoli. Le soluzioni tradizionali utilizzano invece pixel dedicati che non hanno lo scopo di fornire dati sull'oggetto fotografato: in questo caso, i detection pixel risultano essere inferiori e il livello di accuratezza è più basso.
  • Individuando differenze di fase in ciascun pixel, la tecnologia Sony consente di raccogliere un maggior numero di informazioni anche in condizioni di scarsa illuminazione.
  • On-chip lens 2x2 è capace di mettere a fuoco più rapidamente grazie alla lettura dei dati sia in verticale che in orizzontale degli oggetti uniformi (cioè che non presentano significative variazioni di pattern).
STRUTTURA

La struttura adottata è quella Quad Bayer, con quattro pixel dello stesso colore adiacenti. Tale soluzione trae beneficio dalla tecnologia Sony grazie alla necessità di eseguire un'unica elaborazione del segnale, con effetti su:

  • risoluzione
  • sensitività (elevata luminosità e basso rumore digitale)
  • HDR (con controllo dell'esposizione e unica funzione di elaborazione del segnale)

Sony non ha fornito nessuna indicazione in merito alle tempistiche di commercializzazione.


30

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
rsMkII

I social? Li ho superati, e da anni! :)

ddavv

e quando vedi sui social il finto bokeh sbagliato dal software e fuori contesto..?

max76

In realtà credo che le lenti rimarranno le stesse (come dimensioni intendo), mentre Sony aumentando il numero di pixel, li rimpicciolirà!...il gioco delle 3 carte insomma...ci sarà da vedere se al di là della lente, la OCL 2x2 porterà benefici sulla sensibilità alla luce rispetto ai sensori attuali.

max76

Booooooom

max76

E non vorrei dire ma sui Top 2019 la messa a fuoco mi sembra ormai l' ultimo dei problemi...

Basta che pensi a quelli che si comprano la macchina da 800 € e poi usano il flash automatico con la modalità auto

"Innanzitutto la tecnologia OCL 2x2 di Sony permette di sfruttare tutti i pixel dell'immagine come detection pixel"

Niente di nuovo

una Panasonic GX9 col 14-42 mm invece ci sta eccome in una tasca

GinoGinoPilotino

È quello che in breve chiamavo rumore, perché al dettaglio max, al singolo pixel, è difficile separare noise elettronico, aberrazioni cromatiche da micro lenti, diffrazione

Antonio Mariani

ovviamente la scimmia che preme il pulsante di scatto peggiorerà. Per quello la scimmia vuole sensori e fotocamere quasi autonome.

GinoGinoPilotino

Esatto! È questo che intendevo. Magari aumenta la quantità di luce raccolta ma può creare dell’altro rumore, senza parlare di aberrazioni cromatiche dovute al fatto che la medesima lente serve pixel tarati su colori diversi. Mi son espresso male prima

boosook

Una bella Sony alpha 7 non sta nel taschino della giacca

Gearless

Una Ferrari va comunque più veloce di questi telefoni senza ruote

MikaHakkinen

Prego

J.J. Douglas

Apple usa sensori sony, Apple fuffa sony top

J.J. Douglas

Grazie al c***o.

MikaHakkinen

Una bella Sony Alpha 7 sarà comunque e sempre meglio

Capitan Barbossa

Ben venga ma magari ci mettessero anche tutta questa voglia di innovare nelle batterie..

E K

Su questo ti do ragione, é possibile che la diffrazione venga accentuata e porti ad ulteriori perdite di dettaglio.

Zioe

Sono curioso di sapere come innoverà Huawei sui p40 il comparto fotografico. Comunque, Sony, visto il salto avanti nell'hardware dei sensori avvenuto nel giro di pochi mesi, è arrivato il momento di commercializzare quel dannato sensore curvo che avevo già pronto dal 2014!

GinoGinoPilotino

Intendo che una lente per più pixel non può che mescolare e quindi creare un effetto di ‘media’ tra pixel vicini. Perché inevitabilmente essi riceveranno a gruppi di 4 (seguendo l’esempio) la stessa informazione luminosa.
Questo potrebbe essere fonte di riduzione di nitidezza.

rsMkII

Ma l'ho capito eh, non ci voleva tanto. E infatti è proprio quello che ho detto anche io! :)

LaVeraVerità

La chiave di lettura era (pensavo si capisse): hardware sempre migliore per foto sempre più inutili (cibi, selfie con bocca a "c ulo di gallina", esibizione di ciò che non si è, ecc...).

E K

Il noise é dato dal sensore non dalla lente, pertanto non porterá alcun miglioramento.

rsMkII

La scimmia non migliora, ma la fotocamera sì. Quindi complessivamente la foto risulta migliore. Se invece uno migliora con il tempo perché si applica, allora il miglioramento è duplice!

Alchemist

interessante, finalmente non occorrerà più utilizzare la messa a fuoco laser sui sensori quad bayer

LaVeraVerità

Peccato che non sia migliorata di pari passo la qualità della scimmia che pigia il tasto di scatto, anzi...

Dongiovanni82

Fuffa

Frà

Interessante.
Certo è che la qualità delle foto raggiunga sui dispositivi mobile è davvero sorprendente dati i limiti dimensionali

GinoGinoPilotino

Interessante applicazione, chissà se a livello di dettaglio raw comporterà un ‘noise’ maggiore

Samsung Galaxy S21 (4000mAh): live batteria | Fine ore 23.10

Recensione Samsung Galaxy S21: una bella conferma

Recensione Samsung Galaxy S21 Ultra: convince praticamente su tutto

Samsung Galaxy S21 e S21 Ultra: Live Unboxing e prime impressioni | Replay