Twitter reintegra Trump. Torna anche Kanye West ma va via Schiller di Apple

21 Novembre 2022 91

"Non tornerei, è un posto noioso". Queste erano state le parole di Donald Trump a chi gli aveva chiesto cosa avrebbe fatto in caso gli fosse stato riattivato il suo tanto discusso account su Twitter. E così è stato. L'ex presidente degli Stati Uniti ha infatti deciso di non tornare a twittare nonostante il suo @realDonaldTrump sia stato nuovamente attivato come "deciso" dalla risicata maggioranza (il 51,8%) dei 134 milioni di account che hanno risposto ad un sondaggio indetto dal CEO di Twitter, Elon Musk:

Trump ha dichiarato che le sue intenzioni sono quelle di rimanere su Truth Social, la piattaforma che ha contribuito a lanciare all'inizio di quest'anno che ha un funzionamento molto simile a quello di Twitter. Non si pubblicano "tweet" ma "verità", gli utenti possono scegliere chi seguire, c'è un feed con i post degli utenti che si seguono, notizie stile RSS e una sezione di messaggistica diretta.

La decisione di estromettere per sempre Trump da Twitter risale al gennaio dello scorso anno ed era stata adottata dopo l'assalto al Campidoglio da parte dei sostenitori dell'ex Presidente. All'epoca Twitter motivò la decisione citando il rischio di ulteriore incitamento alla violenza.

Le intenzioni di reintegrare account "bannati", quello di Trump in particolare, era già stata espressa da Elon Musk lo scorso maggio, quando l'acquisizione del social network era in una fase ancora embrionale, come parte di un approccio più ampio alla riduzione della moderazione dei contenuti su Twitter.

RIATTIVATO ANCHE L'ACCOUNT DI KANYE WEST

L'account di Trump non è stato l'unico ad essere stato riattivato. Nelle scorse ore, infatti, è tornato a twittare dal suo account anche Kanye West: "Sto testando per capire se il mio Twitter è sbloccato" sono state le prime parole scritte da West ai suoi 32 milioni di follower. Musk, tuttavia, ha dichiarato di non essere stato lui il responsabile di questa decisione ma si tratterebbe di uno sblocco automatico arrivato dopo un predeterminato lasso di tempo.

L'account @Ye, questo lo pseudonimo scelto dal rapper e produttore discografico americano, era stato bloccato lo scorso ottobre per aver pubblicato una frase antisemita. In quel caso, Twitter non aveva cancellato l'account del rapper, ma lo aveva bloccato cancellando tutti i tweet incriminati: "L'account è stato bloccato per aver violato le politiche di Twitter", affermò all'epoca un portavoce dell'azienda.

Dopo essere stato bloccato anche su Instagram e Facebook, West aveva deciso di acquisire Parler, la tanto discussa piattaforma social diventata popolare sempre durante l'attacco al Campidoglio del gennaio 2021 per aver accolto gli utenti che erano stati bannati da Twitter, garantendo loro la massima libertà di espressione.

PHIL SCHILLER INVECE DISATTIVA IL SUO ACCOUNT

Se da un lato ci sono personaggi che stanno tornando su Twitter, dall'altro ce ne sono altri che hanno deciso di abbandonarla insieme ad alcune aziende che hanno iniziato a cancellare le loro campagne di sponsorizzazione vista l'attuale incertezza sul futuro di Twitter come piattaforma pubblicitaria.

Tra gli addii (o arrivederci) eccellenti c'è quello di Phil Schiller, responsabile degli eventi ed dell'App Store di Apple, che lo scorso 4 novembre ha deciso di disattivare il suo account con oltre 200.000 follower presente sulla piattaforma dal 2008. L'account di Shiller non era particolarmente attivo ma veniva comunque utilizzato per promuovere prodotti, servizi, iniziative di Apple e, ogni tanto, anche per interagire con gli utenti.

Anche se questa decisione non dovrebbe essere figlia di problemi tra Twitter ed Apple, potrebbe comunque essere intesa come un segnale di insoddisfazione. In una recente intervista, il CEO di Apple, Tim Cook, aveva espresso la sua fiducia sulla possibilità che Twitter avrebbe comunque mantenuto il suo standard di moderazione anche sotto la nuova proprietà. Gli sviluppi delle ultime settimane, che hanno visto anche il taglio di molti dipendenti e l'abbandono volontario da parte di altri, pare che stia invece facendo prendere a Twitter una strada diversa.


91

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
opt3ron

L' importanza dei social ormai è accertata , sarebbe ora di legiferare perché sia lo stato a decidere chi bannare tra i politici e non una società privata.

dando

si...puoi trovare i matti in giro, ma prima se passavi nei manicomi eri sicuro di trovarne una concentrazione..

Superdio

si che poi hanno lo stesso atteggiamento anche nei confronti di musk.

HeySiri

Non è più corretto usare simp per definire i trumpiani?

sw3ntrax

non ci lavorerei nemmeno se pagato a peso d'oro.. magari il giorno dopo sarei licenziato, non è normale

HeySiri

Usa Nitter. Ti permette di usare tranquillamente Twitter su browser senza registrazione

HeySiri

Dai, gente così la trovi ovunque se vai a cercarli

Dr. Freudstein

La libertà di espressione torna su Twitter, che non sarà più una bolla della sinistra.
Le zecche scappano.

RectorSith

Macché santi, è che proprio non c'è nessuno di sinistra che abbia il ben che minimo peso politico, o ideologico, o insomma esistente LOL

J0k3r_IT

questo lo dici tu! Pure da santi volete passare...XD

RectorSith

Perché non c'è nessuno di rilievo da bannare a sinistra. Se c'è, non ha twitter.

Ennio

Twitter è destinato a sparire se quel matto da legare continua su questa strada..

Pino Lino

Vota La Qualunque! No De Santis!

ErCipolla

Appunto per quello rido quando la gente grida alla "censura" se viene moderata su twitter. La censura è ben altra cosa, è divieto di espressione sancito dallo stato, che non è ciò di cui parla chi solitamente si lamenta.

"hanno la libertà"

bravo.
La libertà.
Ma finchè non interviene lo stato, NON hanno anche l'obbligo.
Tutto il resto sono rosikoni che battono i ditini sulle tastierine.

ErCipolla
ErCipolla
Ikaro

Un social non può sostituirsi allo stato, finché puoi andare in piazza ad urlare i tuoi pensieri non è censura... forse non hai capito cos'è la censura ;)

J0k3r_IT

ECCO: perché non mi risulta ci siano esempi di censura eclatanti per sinistri per motivi POLITICI e ideologici da parte di piattaforme di qualsiasi natura esse siano, mentre i casi non mancano per l'altra parte. Ecco la differenza.

JakoDel

nono hai frainteso, non è che non me ne importa di quello che fanno nelle piccole piattaforme, semplicemente è la prima volta che sento di truth che censura, e prima volta che leggo una "notizia" su parler in generale (oltre a "kanye west compra parler omg") :)

JakoDel
dando

basta che vai a vedere come rispondevano le persone dei suoi comizi alle domande...per capire CHE gente ama Trump....
Ti do un indizio...per loro pesa di più un kg di piombo che uno di kg di paglia...e non hanno idea di che colore sia il cavallo bianco di Napoleone...ma se gli metti in tavola un pezzo di carne in più (non chiedendosi/gli neanche se sia un pezzo di animale o persona) sparerebbero anche ai figli

"c'è un'ipocrisia di fondo nel sostenere che la censura va bene solo se colpisce da una parte."

Assolutamente d'accordo.
Ma tu sei sicuro che se tutti si lamentassero della censura di Parler, per dirne uno, saresti soddisfatto così? ;)
Perchè sembrerebbe di sì leggendo il tuo primo messaggio.

IN sostanza, mi pare che ti accontenti di poco: ilfatto che la gente batta forte i ditini sulla tastiera piangendo alla censura, non cambia di una virgola nulla nel mondo reale.

dando

Posso chiederti una cosa? estremizzando ma giusto per capire...

Una persona ogni giorno si presenta nella piazza principale della tua città e mostra foto di bambini squartati...non per lanciare un messaggio contro qualche macellaio...solo per macabro piacere personale. Come la bolliamo? libertà di espressione?

ErCipolla

No sei tu che non stai seguendo il discorso, incaponendoti su un esempio specifico. Io parlo in generale, il punto è che c'è un'ipocrisia di fondo nel sostenere che la censura va bene solo se colpisce da una parte. Puoi tirare fuori tutte le scuse accessorie che vuoi ma la questione di fondo non cambia. E non me ne frega niente se si tratta di Trump o di Tizio Caio con 4 follower, le regole devono valere per tutti, sennò è inutile lamentarsi: o va bene moderare indiscriminatamente o tutti devono attenersi alle stesse regole.
Infine: ma cosa c'entra la legge e l'arresto? Si sta parlando di moderazione dei contenuti non di arrestare gente...

io ti ho spiegato la differenza tra i social che hai citato è il caso di Twitter, che evidentemente non avevi capito.

Poi fai tu ;)

un sociual in cui vanno solo quelli che già lo vogliono votare non gli serve a nulla per la campagna...

bravo.
E può riammetterlo, facendo rosikare tutti ;)

Ziggy

può bannare chi viola le condizioni contrattuali che chiunque si impegna a rispettare al momento dell'iscrizione

ErCipolla

No, la mia accusa è generica non ho scritto "il tizio famoso X è stato censurato dal tizio famoso Y". Se vuoi esempi cerca "banner from Parler/truth/ecc" ci sono screenshot a migliaia...

J0k3r_IT

io ti ho fatto una domanda specifica a una tua accusa. Dimmi quali sarebbero questi sinistri discriminati e censurati. Su fammi questa lista...

ErCipolla

Eh ma appunto, questo atteggiamento "se la piattaforma è piccola non conta" non lo approvo, perché come ho scritto sotto: dimostra che il problema non è la censura, il problema è "voglio stare sulla piattaforma grossa anche se violo le regole di tale piattaforma". Per me non importa la dimensione, o le piattaforme online possono moderare come vogliono oppure no, ma non ha senso lamentarsi della cosa solo da una parte.

JakoDel

Beh, nessuno usa ne Truth ne Parler :) (o almeno, io no quindi non posso parlarne)
Non va bene in nessun caso, io che passo abbastanza tempo in lidi prettamente americani noto semplicemente come in alcuni casi non si punti più a cercare di parlarne e magari riuscire a far cambiare idea, ma semplicemente.. tiè ban/ignore, solo perché hai un'idea diversa dalla mia (sarò un po' "biased" e per questo quando lo fanno loro lo noto di più, ma questo atteggiamento detto sincero l'ho visto con più frequenza dai blu).
A me è capitato di essere bannato in una community tech del tutto estranea alla politica perché avevo come immagine di profilo una ragazzina volpe anime con un cappellino make america great again, dandomi del mostro nazista.

Superdio

eccolo il mio incel che è caduto nella provocazione! "sinistroidi di bassa lega proprio come mi sembri tu". Come ho tirato in mezzo gli incel ti sei sentito chiamato in causa, vero? :)

ErCipolla
ErCipolla
Perchè non seli cag*a nessuno, sono nicchie di irrilevanza

Quindi vedi che il problema non è e non è mai stato la "libertà di parola"? Il problema è che questi personaggi vorrebbero l'esposizione che gli danno piattaforme grosse ma senza stare alle regole di tali piattaforme, classico paradigma della botte piena e moglie ubriaca. Troppo facile così...

J0k3r_IT

mi elenchi eventi eclatanti di censura o richiesta di censura da parte di esponenti classe dirigente (non sparute frange estreme) di "destra" verso la "sinistra".

Esempi concreti non illazioni.

J0k3r_IT

meno estremisti woke ovvero ipocriti su Twitter è solo positivo.

jacksp

Talpa tornatene sotto terra va'!

momentarybliss

Forse dimentichi che Trump ha già un suo social

stai dicendo che pensi che prima di scrivere su un social, un politico deve essere il preferito del proprietario?
poche idee, molto confuse.

momentarybliss

Musk ci ha provato a far tornare Trump ed i suoi 90 milioni di follower (accumulati durante la gestione censoria-comunista-woke-radicalchic di Twitter, strano no? Ma non perdiamoci in dettagli), ma Musk ha twittato che alle presidenziali 2024 sosterrà DeSantis. Ergo, Trump non ci pensa nemmeno a farsi vedere su Twitter

https://uploads.disquscdn.c...

Felix

Ottima notizia, Twitter è sulla buona strada per tornare un posto democratico.

"Truth, Parler, i vari subreddit"

Perchè non seli cag*a nessuno, sono nicchie di irrilevanza.
L'account di Trump di Twitter era seguito da tutti i giornalisti del mondo.
Se tu non vedi la differenza, boh....

dragatoresullaluna

sia questo che quello della signora Griffin mi hanno strappato una risata!

"ma è un azienda privata, può bannare chi vuole!!!!!"
cit.

dragatoresullaluna

e fatti un account lol... comunque se schiacci ACCEDI ti da la X e la possibilità di continuare a scrollare.

dragatoresullaluna

Musk ha incasinato le cose con il badge blu ma sta andando alla grande dal lato mediatico, per un motivo o l'altro Twitter è sempre in hype da giorni. Più hype = nuovi utenti

Quando Trump twitterà di nuovo (succederà molto presto) Twitter espoloderà, con buona pace dei sinistrorsi finti perbenisti pluribucati.

Marco Revello

Letto Huxley di recente?

Android

Riprova Vivo X80 Pro con Android 13: una Vivo sempre più intrigante | Video

Amazon

Cyber Monday 2022: tutte le offerte, sconti e promozioni in diretta da non perdere

Offerte

Yeppon Cyber Monday: migliori offerte su smart TV, elettrodomestici, PC e altro

HDMotori.it

Mild Hybrid, Full Hybrid e Plug-in Hybrid: le differenze spiegate bene!