Meta fa chiarezza sull'uso dei dati degli utenti Facebook per gli annunci politici

24 Maggio 2022 6

Facebook e la politica hanno da sempre un legame molto pericoloso e controverso, specialmente quando si tocca il tema degli annunci pubblicitari legati alle campagne politiche portate avanti dai partiti o dai singoli individui. In questa occasione, infatti, emerge in maniera molto evidente il problema legato al modo in cui l'algoritmo della piattaforma indirizza i singoli annunci pubblicitari, al punto che in diverse occasioni è stato provato che questo strumento può essere utilizzato per polarizzare le opinioni delle masse, andando a veicolare messaggi mirati che hanno lo scopo di alterare i risultati elettorali successivi.

Questo è accaduto, ad esempio, nel caso delle inferenze da parte della Russia in tantissimi appuntamenti elettorali - dalle Presidenziali statunitensi a quelli dei singoli Paesi europei -, e ciò si è ripetuto in moltissime altre occasioni nel corso degli ultimi anni, anche con attori diversi dalla Russia. Al fine di provare a migliorare la sua reputazione su questo tema, Meta ha annunciato una nuova iniziativa che promette di aumentare ulteriormente la trasparenza riguardo la gestione degli annunci pubblicitari politici.

META PUNTA SULLA TRASPARENZA DEI SUOI STRUMENTI

In particolare Meta si offre disponibile a fornire dati più precisi riguardo i sistemi utilizzati per individuare il target di un determinato annuncio pubblicitario politico, fornendo l'accesso a queste informazioni a dei gruppi di ricerca indipendenti dall'azienda. I primi dati saranno accessibili tra pochi giorni attraverso il FORT (Facebook Open Research and Transparency) e questi includeranno informazioni dettagliate su aspetti come le categorie di interesse scelte dagli inserzionisti e così via.

Successivamente, a luglio, i dati verranno presentati al pubblico in maniera più sintetica attraverso il portale Ad Library, dove potranno essere consultati da una platea più ampia. In questa occasione saranno presenti anche dettagli riguardo il numero di annunci riguardanti politica, problemi sociali ed elettorali che sono stati mostrati in una determinata pagina, in modo da avere un quadro più chiaro della situazione. Ad esempio sarà possibile sapere che una pagina ha mostrato un certo numero di annunci nel corso di 30 giorni e che una buona parte di essi sono stati finanziati per essere mostrati ad una precisa categoria di utenti.

Insomma, con questa iniziativa Meta spera che le sua pratiche risultino più comprensibili e accettabili. Non è chiaro se il primo passo sarà sufficiente per diradare tutti i dubbi, ma si tratta comunque di un cambiamento importante per l'azienda.

Il Samsung più equilibrato? Samsung Galaxy A52 5G, in offerta oggi da Gomibo a 321 euro oppure da Amazon a 505 euro.

6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
RubenDiaz89

Quell'uomo e' come la criptonite.

RubenDiaz89

Compresi i politici, basta che sparisse la razza umana!

Dario Perotti

Dato che molti ci fanno i soldoni facili è quasi ovvio che continui così.

L'uomo da solo non conta nulla, più che altro non sembra esserci nessuna volontà politica di porre freno a certe policy.

The Undertaker

Meta fa chiarezza, buona questa.

Dario Perotti

E pensare che basterebbe che un uomo solo sparisse dalla faccia della Terra.
E non parli di Putin questa volta.

Android

Abbiamo provato i nuovi Galaxy Z Fold4 e Z Flip4, ecco le novità! | VIDEO

Android

Ecco i nuovi Galaxy Watch5, Watch5 Pro e Buds2 Pro! Le nostre prime impressioni

Android

Scattare foto alle stelle con lo smartphone, ecco qualche consiglio utile!

Android

Recensione vivo X80 Pro: probabilmente il miglior camera phone Android del 2022