Samsung Galaxy S22 Ultra vs iPhone 13 Pro: cosa può imparare Apple da Samsung

06 Marzo 2022 620

Galaxy S22 Ultra è ormai disponibile da qualche giorno e abbiamo avuto modo di usarlo a lungo e mettere a confronto l'esperienza offerta dall'ultimo top di gamma Samsung con quella proposta da Apple e dai suoi iPhone 13 Pro e Pro Max.

Questo è il primo pezzo di una serie composta da due speciali, nei quali i top di gamma verranno messi a confronto in una maniera un po' diversa dal solito. Invece che concentrarci su aspetti tecnici, prestazioni e altri elementi facilmente misurabili dalla scheda tecnica, lo scopo è quello di portare alla luce alcune caratteristiche uniche di questi dispositivi, andando a scovare quegli elementi in cui un'azienda è riuscita a fare meglio dell'altra e dai quali potrebbe imparare per migliorare l'esperienza a 360° della sua proposizione.

77.9 x 163.3 x 8.9 mm
6.8 pollici - 3080x1440 px
78.1 x 160.8 x 7.65 mm
6.7 pollici - 2778x1284 px
71.5 x 146.7 x 7.65 mm
6.1 pollici - 2532x1170 px

Nessuno scontro fotografico, di benchmark o altri elementi scontati, ma una vera e propria sfida tra filosofie che potrebbe aiutarvi anche a capire quale prodotto - al netto della classica divisione Android/iOS - si avvicina di più a quello che cercate in uno smartphone. Come anticipato, oggi vedremo gli aspetti in cui è Samsung a convincere maggiormente, mentre nella prossima puntata sarà Apple ad avere la meglio.

In questo caso Galaxy S22 Ultra e iPhone 13 Pro/Max diventano i massimi esponenti di ciò che le due società desiderano esprimere nella loro visione di smartphone estremo. Su questi prodotti troviamo tutte le soluzioni software e hardware più avanzate per poter realizzare questa visione, motivo per cui sono stati scelti questi dispositivi, anche se molte delle cose discusse possono essere applicate anche ad altri iPhone (e anche iPad) e altri Galaxy. Andiamo quindi a vedere i principali punti che tretteremo.

GESTIONE DEI DISPLAY DI GRANDI DIMENSIONI

Partiamo subito dall'elemento che maggiormente incide sull'esperienza d'uso di questi ultra top di gamma: la gestione degli spazi. iOS è un sistema operativo nato per offrire una delle migliori esperienze ad una mano, solo che nel corso degli anni abbiamo assistito ad una forte divergenza tra le idee alla base dell'os e il corpo fisico degli iPhone, divenuto sempre più grande di generazione in generazione.

Sotto questo profilo Samsung ha sempre fatto meglio (ancor prima di Android in generale), andando ad ottimizzare l'utilizzo degli spazi offerti dai display sempre più ampi già con le prime versioni della One UI, la quale sposta verso il basso molti degli elementi dell'interfaccia per renderli facilmente raggiungibili anche ad una mano, ma non solo.


In questo senso Galaxy S22 Ultra rappresenta il terminale che meglio di chiunque altro - incluso il suo predecessore - riesce a dimostrare l'efficacia delle soluzioni adottate da Samsung; il suo display non è solo estremamente ampio in senso assoluto, ma è anche decisamente più largo rispetto a quello che solitamente troviamo in altri smartphone, anche della stessa linea, quindi potenzialmente molto più scomodo.

Ora non vogliamo dire che Samsung è riuscita a rendere comodo uno smartphone enorme come S22 Ultra - sia chiaro, le dimensioni possono risultare proibitive per molti -, ma quello che soddisfa è il modo in cui tutto lo spazio a disposizione viene messo a disposizione dell'utente. Se infatti un iPhone 13 Pro Max presenta un display sostanzialmente più ampio di un 13 Pro e di un 13 mini, l'area a disposizione per i contenuti non è poi così differente. Inoltre su iOS non esistono funzionalità in grado di trarre un reale vantaggio da questi schermi, riducendo il tutto al fatto stesso di vedere più grande lo stesso contenuto.

Perché rinunciare ad un raid su Pokémon GO, mentre si guarda l'ultima recensione di Davide, si recupera qualche messaggio su Telegram e ci si aggiorna sul live batteria? Di fianco la stessa pagina web su S22 Ultra e iPhone 13 Pro Max

S22 Ultra, invece, pesca da tutte le caratteristiche della One UI e dal suo DNA da Galaxy Note per andare ad offrire un'ampia superficie in grado di diventare molto più malleabile tra le mani dell'utente, a partire dal supporto al multi windows - che continua ad essere un punto di riferimento per tutto il mondo Android (tra le coppie di app salvabili, la possibilità di visualizzare più elementi anche in un riquadro piccolo, ecc.) -, sino a tutte le funzioni legate alla S Pen che (al netto dei bordi curvi, ma ne parliamo dopo) risultano utili e in grado di diversificare S22 Ultra rispetto a qualsiasi altro dispositivo.

Nel complesso si ha quindi tra le mani un terminale che è in grado di sfruttare realmente tutti quei 6,8" proposti dal pannello e l'utente ha a disposizione una superficie di lavoro ottimizzata al millimetro, specialmente se sceglie di andare ad aggiustare ulteriormente tutti quei piccoli dettagli che permettono di rendere ancora più personale l'approccio allo smartphone. Ovviamente parliamo di tutti gli strumenti della suite Good Lock (di cui vi abbiamo parlato in passato) che permettono di recuperare ulteriore spazio nell'interfaccia durante l'utilizzo delle app in multi schermo o di ottimizzare le gesture di navigazione per aggiungere ulteriori funzioni che permettono di controllare efficacemente ad una mano anche un peso massimo come S22 Ultra.

Tra soluzioni stock e non (ma comunque legate all'esperienza software Samsung, visto che parliamo di app ufficiali), è chiaro che uno schermo di grosse dimensioni riesce a dare il meglio di sé solo in un contesto del genere.

LA SCELTA DI PUNTARE SULLO ZOOM

Sin da quando è cominciata la moda di integrare più di una fotocamera sul retro degli smartphone, in tanti hanno richiesto a gran voce che il proprio produttore di fiducia aggiungesse un'ottica ultra wide sul proprio top di gamma. Samsung e Apple si sono adeguate alla richiesta con tempi diversi e ora che tutti hanno un'ultra-grandangolare tra le mani è emerso che forse queste ottiche non sono esattamente rivoluzionarie come ci si aspettava.

Tra gli effetti della distorsione da compensare e la scarsa qualità generale degli scatti prodotti dall'ultra wide, spesso ci si trova nella situazione in cui una foto ultra grandangolare è comoda solo per la sua capacità di contenere più elementi del normale, ma in diverse occasioni non si tratta di scatti gradevoli da condividere. Al contrario, la tanto bistrattata fotocamera tele ha cominciato a ricevere sempre più riconoscimenti da quando la qualità di questo componente permette di sfruttare al meglio lo zoom, che ci dona una nuova prospettiva in tanti scenari.

Tutte le fotocamere che servono

Con Galaxy S22 Ultra, Samsung ha raffinato ulteriormente le capacità di zoom del suo top di gamma, andando a migliorare - principalmente lato software - la qualità di tutti gli scatti effettuati a livelli di ingrandimento che richiedono l'applicazione dello zoom digitale su ognuna delle varie ottiche. S22 Ultra diventa quindi uno smartphone che non delude affatto quando si scatta tra i 3x e i 30x, mentre a livelli successivi la perdita di dettagli comincia a diventare comunque problematica. Certo, gli scatti a 100x sono comunque più belli (diciamo meno brutti) rispetto a quelli di S21 Ultra, ma si tratta comunque di immagini largamente inutilizzabili.

In ogni caso, la versatilità in questo campo è nettamente superiore a quella offerta da Apple, la quale non ha ancora deciso di fare sul serio nel campo dello zoom. È vero che qualsiasi confronto tra S22 Ultra e gli iPhone 13 Pro che superi i 15x non ha proprio senso di essere imbastito (se manca la seconda ottica zoom c'è poco da confrontare), ma è altrettanto vero che esiste un merito da parte di Samsung per aver scelto di continuare a puntare su questo aspetto e aver dotato S22 Ultra di un'ottica tele 3x e una 10x.

Un buono zoom permette di ottenere una prospettiva completamente diversa della stessa scena, grazie anche alla profondità di campo molto più evidente negli scatti realizzati con queste ottiche. Oltre a ciò, si tratta anche di uno strumento utile in diverse situazioni; la più banale? Ad esempio, pensate a quando volete scattare una foto a qualcosa che si trova sul vostro tavolo e volete evitare che la vostra ombra o quella dello smartphone rovinino lo scatto. Lo zoom vi permette di non scendere a compromessi con la qualità e, allo stesso tempo, di posizionarvi in maniera più efficace per portare a casa il risultato.

La qualità delle foto zoom è migliorata rispetto al passato, ma non siamo ancora ai livelli della cam principale. Nonostante ciò, la prospettiva offerta è unica e permette di immortalare il soggetto con un livello accettabile di dettaglio per un utilizzo social o per ricordare semplicemente il momento

A ciò aggiungiamo il fatto che l’applicazione Expert RAW - disponibile ufficialmente già da ora su S22 Ultra - permette di utilizzare le cam tele in tutte le le condizioni di luce, bypassando l’automatismo che regola la loro attivazione nell’applicazione stock della fotocamera (possibile anche con la modalità Pro). Questo permette all’utente di avere maggior controllo sul loro utilizzo anche nel caso in cui ci sia poca luce, ovviamente a suo rischio e pericolo.

Naturalmente questo è solo uno su tantissimi casi in cui un buono zoom è sicuramente più utile della solita ultra wide. Per chi riesce a dare la giusta importanza a questo aspetto, la soluzione proposta da Samsung con S22 Ultra è sicuramente tra le più interessanti e ora aspettiamo che anche Apple faccia un passo in avanti con l'implementazione di un'ottica periscopica aggiuntiva.

LA QUALITÀ COSTRUTTIVA

Per molti potrebbe sembrare quasi una bestemmia andare a parlare di qualità costruttiva tra i punti in cui Apple potrebbe imparare qualcosa da un altro produttore, ed effettivamente la casa di Cupertino non ha nulla da invidiare a nessuno sotto questo profilo, o quasi. C'è infatti un piccolo dettaglio per il quale Samsung potrebbe aver trovato una risposta migliore a quella implementata da Apple sui suoi smartphone top di gamma, ovvero l'utilizzo di un frame in alluminio rinforzato che restituisce una sensazione al tatto davvero premium, come nessun altro Galaxy aveva fatto sino ad ora.

Come ben sappiamo, Apple ha raggiunto questo scopo attraverso l'utilizzo di una cornice in acciaio, la quale garantisce un livello di piacevolezza al tatto sino ad ora ineguagliato. Purtroppo questa soluzione ha lo svantaggio di essere particolarmente pesante, fatto che incide in maniera diretta sull'ergonomia di iPhone 13 Pro e Pro Max. Nel prossimo futuro pare che Apple punterà sul titanio per la sua fascia di top di gamma, un metallo con un peso specifico nettamente inferiore a quello dell'acciaio; staremo a vedere quale sarà il risultato.


Fatto sta che Samsung, nel frattempo, sembra aver trovato una soluzione alternativa in grado di conciliare leggerezza e piacevolezza nell'armor aluminum che compone il frame di Galaxy S22 Ultra, raggiungendo risultati eccelsi per quanto riguarda la qualità costruttiva. Nel complesso S22 Ultra è uno smartphone incredibilmente piacevole da maneggiare - al netto delle dimensioni - e si tratta del dispositivo Samsung meglio realizzato degli ultimi anni, senza alcuna ombra di dubbio.

L'INTEGRAZIONE CON LA PENNA

Questo aspetto non riguarda propriamente il confronto tra S22 Ultra e iPhone, quanto quello tra le due filosofie diverse che intercorrono tra Samsung e Apple. La casa sudcoreana ha infatti standardizzato le funzionalità della sua S Pen tra smartphone e tablet, mentre Apple continua a non rendere compatibili i suoi iPhone con una qualsiasi versione di Apple Pencil, che resta ancora riservata esclusivamente a tutti gli iPad.

L'integrazione della S Pen su S22 Ultra si riallaccia anche al primo punto di questo confronto, ovvero come Samsung riesca a sfruttare al meglio la presenza di un ampio display, ma non si limita solo a quello. La S Pen, infatti, smette di essere un semplice dispositivo di puntamento e diventa un vero e proprio accessorio dello smartphone, considerando anche tutte le capacità di cui si è arricchita dai tempi di Note 9 ad oggi.


In tanti potranno ritenere superflua l'integrazione di questo accessorio in uno smartphone della serie Galaxy S, ma quando un top di gamma viene fatto pagare ben oltre 1270 euro, è piacevole trovarsi tra le mani una serie di funzionalità che permettano di fare qualcosa di più con il proprio dispositivo, anche se non era stato pianificato originariamente. Ad esempio, in tanti troveranno un grande valore aggiunto nella capacità di S Pen di agire come controllo remoto per effettuare gli scatti fotografici, o la possibilità di creare GIF al volo e di intervenire in maniera più rapida sull'editing di una foto.

Ovviamente non citiamo le classiche funzioni di appunti e disegno proprie della S Pen; quelli sono già gli elementi che andava a ricercare chi puntava al Note e non ai Galaxy S, mentre tutte queste funzioni accessorie possono essere comode anche a chi non è un fan del pennino.

Apple Pencil è ancora esclusiva di iPad: sembra che Apple non voglia tradire le parole di Jobs alla presentazione del primo iPhone

Da questo punto di vista Samsung ha fatto molto meglio di Apple, non tanto per la qualità dell'esperienza di scrittura, quanto per il non vergognarsi del suo accessorio e aver provato quindi ad inserirlo in più contesti possibili per renderlo utile anche a chi non disegna. Apple, invece, sembra quasi dover fare i conti con le parole di Jobs che nel 2007 sancirono la morte dei touch screen resistivi e dei pennini. Solo negli ultimi tempi la Apple Pencil ha cominciato a diventare più presente anche su iPad, ma siamo ancora lontani dal controllo completo del sistema operativo o dalla sua integrazione su iPhone.

Un difetto di Samsung in questo fronte? Non saper raccontare a sufficienza la sua stessa S Pen e tutte le caratteristiche che la rendono interessante anche per chi non è un fan della serie Note.

SAMSUNG DEX: LO SMARTPHONE È SEMPRE PIÙ VERSATILE

C’è poi un ultimo punto che gioca a vantaggio di Samsung da qualche generazione a questa parte è si tratta della suite DeX. Anche in questo caso il discorso è quello fatto per la S Pen, ovvero rientra nell’ottica di quelle funzioni accessorie che non sono fondamentali per l’utilizzo di tutti i giorni, ma che diventano un valore aggiunto non da poco quando si guarda alla completezza del pacchetto offerto da uno smartphone di questa fascia.

Galaxy S22 Ultra non tradisce le aspettative in questo senso e propone - come era lecito attendersi - la versione più completa e aggiornata della piattaforma desktop introdotta su S8. Lato funzionalità non assistiamo a stravolgimenti rispetto a quanto visto in passato, se non il fatto che la suite è ora accessibile dalla piattaforma hardware più recente e avanzata di Samsung.

DeX non sostituisce un PC, ma è uno strumento che può risultare particolarmente utile nel momento in cui si dispone di uno schermo esterno e si vuole spingere ulteriormente l’acceleratore sul tema della produttività, grazie ad un’interfaccia che permette di usare il proprio smartphone - e tutti i file e le app al suo interno - come un vero e proprio computer. Sotto questo aspetto Apple non fornisce alcuna alternativa su iPhone.

IN ATTESA DELLA PARTE 2

Questi sono i principali aspetti in cui, secondo noi, Samsung è riuscita a proporre qualcosa in più di Apple sotto diversi aspetti. Ovviamente non si tratta degli unici punti in cui la casa di Seoul ha fatto bene, ma di quelli che - al netto del divario tra iOS e Android - riescono a rappresentare meglio cosa distingua le due diverse filosofie alla base delle aziende. In attesa di dirvi quali sono gli aspetti in cui Apple riesce a fare meglio di Samsung, vi invitiamo a raccontarci la vostra esperienza nei commenti!

VIDEO

(aggiornamento del 28 febbraio 2022, ore 09:48)

620

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
FromThisAngleYouSuck

Senti me...avevo un Note 10 plus che a livello di ricezione faceva piangere! Ho un muletto A70 che a livello di ricezione fa piangere...com'è adesso la situzione con S22? Grazie.

Lightwolf

Conveniva a 50€.... Se vai su subito li trovi imballati a 200€

Lightwolf

Che non si surriscaldano? I miei amici quest'estate con iPhone 12 gli si bloccava il telefono dopo 30 secondi

Lightwolf

Io ho riscontrato che tutti i fanboy PlayStation hanno l'iphone

AbstractBit
TheBoss

si "boomer di due soldi"...
nei test di durata eseguendo un'app per volta (quindi NO MULTITASKING) S22U si spegne quando iP13P ha ancora circa il 30% di autonomia...
quindi, caro il mio "cazz4ro di due soldi" prima fatti una cultura... e poi vattenaffa....

Ciroterrone

Boomer di due soldi, illuditi quanto vuoi che i recensori abbiano "prove". IOS non ha un multitasking capace di conservare le task come android E PER QUESTO non consuma come consuma un android, punto.

TheBoss

Sicuro, lo dice un tizio su internet sulla base della SUA "esperienza comprovata" ... perché mai dovrei dare retta a tutti i test che danno tutti gli stessi risultati e tutte le prove dei recensori di ogni testata che riportano tutte gli stessi dati ? C'è Ciroterrone la sua "EsperYenza Kompr0vata"... con la E maiuscola, e anche la K maiuscola... e anche lo 0 maiuscolo...

Ciroterrone

Ovvio ti ripeto, esperienza comprovata, tu continua a m3nartelo leggendo i numerini dal fantastico display del tuo iPhone x.

TheBoss

ma certo, lo sai, lo sai solo tu...

Ciroterrone
TheBoss

peccato che è un test in cui il multitasking non c'entra... ma tu non ci arrivi

TheBoss

infatti nei test di phone buff in cui non entra in gioco il multitasking quando s22U si spegne ip13pm ha ancora un 30% di autonomia

Ciroterrone

Lascia stare le ciance che vi fate, metti un multitasking serio su iPhone poi vieni qui a parlare di autonomia.

Ciroterrone

Bella questa, quali sarebbero le limitazioni?
13 pro max fino a 3 settimane fa ed ora s22 ultra (già ex possessore s21ultra) vogliamo parlare di M O N O T A S K? :)

Ciroterrone

È ovvio che iPhone dura di più visto che è monotask, quando lo capirete? :)

Ciroterrone

Si, se poi tu hai un pixel 2 con monocam e credi di aver il cameraphone perfetto è un altro paio di maniche :)

AbstractBit
TheBoss

samsung deve solo imparare a:

fare dispositivi che assorbano meno corrente di una lavatrice industriale
fare dispositivi ottimizzati
fare dispositivi con la GPU che funziona anche fuori dai benchmark
fare dispositivi che non si surriscaldanano
imparare a supportarli decentemente e per più di due settimane
imparare a fare dispositivi senza un ridicolo schermo curvo (geniale da usare col pennino)
fare dispositivi senza 300 programmi spazzatura
fare un pennino decente per i tablet

cosa vuoi fare la ricarica inversa se la ricarica non gli basta neanche per se... XD

TheBoss

si se è un argomento che non interessa...
se compro uno smartphone per fare quella manciata di foto quando mi sposto anziché una reflex è perché dell'ottica delle impostazione e di tutto il resto non me ne frega un'emerita segaccia... apro l'app fotocamera (o quel che è) e premo sul tasto di scatto.

Del resto frega solo agli appassionati di fotografia

TheBoss

concordo... ma aggiungo che per la firma al volo fatta direttamente da device è molto meglio la firma salvata di Adobe Reader (o altri software di lettura/editing di pdf) dove ci puoi anche aggiungere un timbro...
il DeX mica è brutto ma è uno strumento di fortuna per quando non sono disponibili pc (ma "guarda caso" c'è una postazione pc completa e disponibile) o quando non c'è la disponibilità di un tablet.
Il DeX (su smartphone) è una di quelle cose di cui non ho mai sentito la necessità e che non ho mai visto usare (pur lavorando spesso fuori e facendo trasferte)

TheBoss
CAIO MARIOZ

Le notifiche sono divise per app, e possono anche essere raggruppate per riceverle solo in alcuni momenti della giornata.

tuamadre

"Un conto è il ciarlare della gente, un conto è quando sai di cosa parli" - scusa, non sapevo fossi professorone.
"la fisica che io sappia non l'abbiamo ancora annullata" - LOL significa che hai capito proprio tutto. Ma prima di commentare, cercare di comprendere un testo scritto no?
Nessuno parla di annullare la fisica, ma quello che possiamo fare adesso è limitato ai mezzi, alla tecnologia, alla tecnica e alla conoscenza che abbiamo adesso.
Come puoi dire con certezza che lo sviluppo tecnologico NON porterà mai a qualcosa? Sei Nostradmus oltre che professorone?
"e la fotografia è fisica." - come ogni altra cosa in questo mondo.
"Infatti gli zoom sugli smartphone sono incredibili...ma anche penosi" - però sono un enorme passo avanti rispetto alle camere che avevi su un telefono 5 anni fa. Eppure la fisica non l'abbiamo annullata. Incredibile.

"ma anche penosi" - ma sempre meglio di niente e di quelli di ieri.

Bastia Javi

A me nulla

TheAlabek

Un conto è il ciarlare della gente, un conto è quando sai di cosa parli...la fisica che io sappia non l'abbiamo ancora annullata...e la fotografia è fisica.
Infatti gli zoom sugli smartphone sono incredibili...ma anche penosi

tuamadre

Dicevano così di praticamente ogni cosa.
Questo non si può fare più piccolo.. questo non potrà mai essere meglio di così... ecc ecc

TheAlabek

I limiti sono una cosa, la fisica un altra, lamelle microscopiche per un diaframma regolabile avranno la stessa utilità che aveva sul vecchio galaxy s20...nessuna

TheAlabek

Cambia tutto

tuamadre

Infatti, ma i nostri limiti fisici sono frutto dei limiti della nostra tecnologia.
Chissà che tra qualche anno non riescano ad inventare un meccanismo per sopperire a questi limiti. Guarda anche solo le ottiche periscopiche che si sviluppano in lungo anziché in profondità. Riescono a dare uno zoom che con camere classiche non si riesce ad ottenere, a meno di soluzioni ingombranti come i vecchi Galaxy Zoom.
Per questo ho detto "in futuro".

Bastia Javi

Cambia nulla

GiovanniDB
TheAlabek

Ti scontri con la fisica...

tuamadre

Su Android dovrebbero mettere una modalità "iOS", pialla tutto in background e freeza i servizi dopo un timeout impostabile.

tuamadre

Diaframma variabile, lenti mobili ecc ecc..

Pistacchio
Pistacchio
Francy Ssr Ssr

Si, sicuramente meglio rispetto al ce2

Ciroterrone

"Stanno" chi? Nessuno mai fra recensori seri lamenta mai le 5 camere su s21/22 ultra poiché è l'unico che mette a disposizione un tale range zoom su uno smartphone ad oggi. È oggettività non opinioni

AbstractBit

Guarda che qui stanno dicendo che,secondo loro,ne bastava qualcuna di meno. Era sufficiente attrezzare e gestirle un po' meglio.

Magnitudine

se ai bambini di Apple fai pensare che il loro non è il Top si innervosiscono e cominciano a piangere e lagnarsi.
Si vero avete il miglior telefono del Mondo e siete riconoscibili immediatamente perché siete tutti uguali. Spesso mi basta guardavi per capire che avete un iPhone, siete uno stereotipo.

misano

premetto ho un iphone però:
alcune voci di questa presunto articolo mi sembrano piuttosto tirate e a volte ridicole (la roba sul grand'angolo è una roba puerile che offende l'intelligenza).
Il punto che a mio avviso occorre chiarire cosa si vuole fare di un device da tasca: perché quando sento parlare di "produttività" e andare a scomodare desktop mode e spazio di visualizzazione mi sembra che il concetto di device da tasca si sia un po' perso...
Perché se vogliamo un device da tasca davvero ottimizzato per quell'uso sappiamo tutti chi è in posizione di vantaggio... chi ha bisogno di una roba diversa votata alla produttività da ufficio allora... ma quanta gente usa lo smartphone per scrivere un documento indicizzato di qualche pagina o un file excel con qualche decina di colonne e qualche migliaio di righe ?
Personalmente trovo molto scomodo gestire su un telefono una mail con diversi allegati o con html embeddato, per il semplice fatto che manca una tastiera e lo spazio sullo schermo.
Non parliamo del pennino poi che su uno schermo così piccolo risulta utilizzabile giusto per firmare al volo un documento.

Ciroterrone

E invece no, non è affatto marketing. Lo è un numero di cam fatto 2mpx bokeh e 2mpx b/n se non capite nulla non esprimetevi. Proprio col 21/22 ultra non potete contestare nulla lato cam poiché sono 5 cam che offrono 5 prospettive di zoom diverso, e aggiungici il nuovo expert raw che te le fa usare appieno, non c'è storia per nessuno.

TheAlabek

Boh differenze a livello di sensazione fra ipad mini 5 e 22 ultra non ne sento...certo non è un 13pro...ma la ciccia ci dovrebbe comunque essere

Lupo1

No, però non è questo il posto per parlare di fotografia professionale, o qualcosa che gli vada vicino, del resto come già detto si sta parlando di telefoni, e per quanto il sw lavori bene, gli obiettivi fisici di un telefono sono ben lontani da quelli
che possono montare le reflex

Salvatore

ahahahahahaahahahahahaahahahahahaahahahahahaahahahahahaahahahahahaahahahahahaahahahahahaahahahahahaahahahahaha Apple deve sempre imparare da telefoni presentati prima vs quelli presentati "ora".... ma questo è "giornalismo" o giornalettismo?

Pistacchio

iPhone deve imparare:
Ricarica rapida
Desktop mode
Always on display
Pennino
Design più moderno
Togliere tacca, schermo monco e tagliato
Ricarica inversa
Fotocamera anacronistica 12mpx
Zomm ottico
Sistema operativo castrato e cagoso

Pistacchio
daniele

Esatto, inferirore ai pro, mentre sopra dicevano che c'era in tutti i formati

AbstractBit

Guarda che l'incompetenza non di trova dove credi tu. Da quella parte del mondo è pratica comune esagerare in quel modo in modo da abbagliare tutti i potenziali clienti e fare lor comprare cose oltre le loro necessità.
Tu sei rimasto talmente abbagliato da non capire,per usare una metafora, se sei di giorno o di notte. Aldilà dei pregi e dei difetti di quel comparto fotografico

Google Pixel 6 Pro dopo tanto tempo è tutto un altro smartphone | Video

Recensione OPPO Reno7: bel design e cuore da fascia bassa

La politica dei prezzi barrati non ci fa bene | Video

Stai acquistando uno smartphone economico? Ecco gli errori da non fare