Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città

09 Novembre 2021 223

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Chi si ricorda del 5G? La domanda può suonare pretestuosa, ma la questione è attuale: delle reti di quinta generazione si parla ormai da diverso tempo, ma il picco di interesse è stato un paio di anni fa, quando la nuova tecnologia aveva fatto capolino anche nel nostro Paese con le prime antenne.

Era il 2019 quando anche noi, muniti di uno dei piani tariffari e dei dispositivi compatibili, eravamo andati in giro per Milano, una delle prime città coperte dal servizio, a cercare il 5G come dei rabdomanti. Oggi la situazione è molto cambiata: la copertura 5G ha raggiunto, secondo i dati di una recente ricerca EY, oltre il 95% della popolazione italiana e 7.500 comuni, ma deve fare i conti con un'infrastruttura di rete non standalone, che dunque preclude alcune delle applicazioni più avveniristiche della tecnologia.

Quello che stiamo attraversando è un momento di passaggio: ma come incide in pratica sull'esperienza degli utenti finali? Armati di un Oppo Reno 6 Pro 5G siamo tornati in città per scattare un'istantanea della situazione attuale, pur con tutte le peculiarità del caso specifico, dal tempo al luogo, dall'operatore al dispositivo. È stata un'avventura non priva di colpi di scena: ecco com'è andata!

INDICE

UNA COPERTURA 'LIGHT'

A due anni dal lancio delle prime reti, in Italia la diffusione del 5G sta progressivamente avanzando, anche se le prestazioni sono ancora limitate rispetto a quelle effettive che si registreranno a completamento della rete.

Nel silenzio in cui questo tema è progressivamente caduto anche per via del sopraggiungere di notizie più fresche - come spesso avviene nel mondo della tecnologia, tra gli annunci e la messa in pratica trascorre qualche tempo - sono avvenute due cose: da un lato gli smartphone compatibili con le reti di nuova generazione sono diventati sempre più accessibili dal punto di vista del prezzo, e dall’altro la copertura si è progressivamente estesa.

Gli operatori che si stanno impegnando su questo fronte in Italia sono Tim, Vodafone, Wind3, Iliad e Fastweb: i primi due sono partiti con più slancio e sono presenti soprattutto nelle città, ma anche gli altri stanno recuperando terreno, a partire da Wind3 che al momento afferma di aver raggiunto il 95,4% della popolazione col 5G. A questo risultato è arrivata sovrapponendo le coperture in modalità 5G FDD DSS e e 5G TDD.

E in queste sigle sta la chiave di volta per comprendere lo stato dell'arte: la copertura 5G attualmente disponibile in Italia è una versione “light” della tecnologia, frutto da un lato del potenziamento delle attuali reti 4G (è questo il DSS, Dynamic spectrum sharing) che integrano in parte la tecnologia 5G e permettono quindi di aumentare la performance, e dall’altro dell’uso delle frequenze midband della banda 3,6 GHz (le TDD).

Tuttavia siamo ancora lontani dalla “rivoluzione” promessa dalla tecnologia 5G, quella arriverà solo con le reti standalone (cioè autonome) e in particolare con l'uso delle onde millimetriche, che sono le uniche a poter garantire una latenza bassissima e una velocità di navigazione altissima: solo allora si potrà parlare di guida assistita, comunicazioni tra veicoli e interventi chirurgici a distanza. A parte questo, a regime il nuovo standard 5G permetterà di veicolare su rete mobile gran parte del traffico che attualmente transita sulle linee terrestri, come ADSL o fibra ottica.

In questo momento ci troviamo nella fase precedente, quella delle reti 5G non autonome che si appoggiano in tutto e per tutto alla rete sottostante 4G. Per ora, l'infrastruttura di rete non permette di collegarsi direttamente alle reti di quinta generazione: un dispositivo 5G deve sempre e comunque essere collegato alla rete 4G, e ciò comporta anche un maggior dispendio di batteria nonché, in prospettiva, una congestione della rete.

Per verificare la copertura allo stato attuale basta consultare gli strumenti messi a disposizione dagli stessi operatori:

  • TIM: sito ufficiale con elenco delle città | LINK
  • VODAFONE: sito ufficiale con mappa | LINK
  • WIND3: sito ufficiale con mappa | LINK
  • ILIAD: sito ufficiale con elenco città | LINK
  • FASTWEB: sito ufficiale con ricerca per provincia | LINK

OPERATORI E OFFERTE

Di pari passo con l'estensione della copertura, gli operatori stanno proponendo alcune offerte dedicate al 5G, le cui tariffe stanno generalmente scendendo rispetto ai primi tempi in cui i prezzi erano decisamente elevati. Una situazione in evoluzione, che tuttavia deve fare ancora qualche passo per diventare più conveniente del 4G: o almeno è questa la tesi sostenuta in una ricerca appena pubblicata da SOStariffe.

Secondo il report, i pacchetti proposti dagli operatori tradizionali offrono una ricca dotazione di Giga a prezzi ancora piuttosto elevati; va meglio con gli operatori virtuali, ma al momento le offerte basate sul 4G rimangono un buon compromesso dal punto di vista del prezzo, pur essendo meno performanti in termini di velocità. Non dovrebbe essere lontano però il momento in cui potremo dare per scontata la navigazione in 5G, così come ora avviene per il 4G.

TIM

Le offerte della gamma 5G di Tim comprendono una TIM Super 5G con 100 Giga, Minuti e SMS illimitati, multisim per condividere internet e Google One 100 GB incluso a 19,99 euro al mese, oppure una TIM Super Unlimited 5G con Giga illimitati a 39,99 euro al mese o una TIM Super Young 5G da 50 Giga più traffico illimitato per i social a 11,99 euro al mese (riservata per gli under 30).

VODAFONE

Tra le principali offerte di Vodafone c'è la RED Max, che offre 100 Giga, minuti e SMS illimitati e altri benefit come un abbonamento gratuito a Buddyfit per 12 mesi al prezzo di 19,99 euro al mese (più 6,99 euro di attivazione); oppure versione la Shake it easy, dedicata ai giovani under 30, che offre 100 Giga (illimitati per i social), minuti e SMS illimitati, attivazione gratuita a 14,99 euro al mese; oppure la Infinito, pensata per traffici più sostenuti e per guardare film in streaming HD, che garantisce Giga, minuti e SMS illimitati, 1000 minuti verso paesi extraeuropei, 1 Giga di roaming extra UE e Buddyfit a 24,99 euro al mese.

WIND3

Anche WindTre ha una sua offerta dedicata agli under 30, si chiama Young 5G e garantisce 80 Giga (illimitati per alcune app), minuti e SMS illimitati a 11,99 euro al mese. Per gli altri c'è la Di Più Lite 5G, che offre 50 Giga, minuti illimitati e smartphone incluso a 12,99 euro al mese, oppure la Call Your Country Premium, che promette 150 Giga, 300 minuti di chiamate verso l'estero e minuti nazionali illimitati a 13,99 euro al mese; o lo Smart Pack 100 5G, che offre 100 Giga, uno smartphone 5G anche con rate in 24 mesi a 14,99 euro al mese.

ILIAD

L'offerta dedicata di Iliad si chiama Giga 120, e offre 120 Giga, minuti e SMS illimitati anche verso fissi e mobili internazionali a 9,99 euro al mese, a cui bisogna aggiungere il costo della sim di 9,99 euro una tantum.

FASTWEB

Una l'offerta di Fastweb: promette 90 Giga, chiamate illimitate verso numeri fissi e mobili nazionali e 100 SMS a 7,95 euro al mese, con costi di attivazione azzerati per chi richiede la sim online.

LA NOSTRA ESPERIENZA

Per navigare in 5G ci vuole uno smartphone adatto, e noi abbiamo usato, come anticipato in apertura, un Oppo Reno 6 Pro 5G (qui la recensione). Si è dimostrato un buon compagno di viaggio, garantendo ottime prestazioni grazie allo Snapdragon 870. Il system-on-chip a 7 nm, con GPU Adreno 650 e soprattutto modem X55 5G non ha mai avuto problemi di aggancio celle, segnale e stabilità della rete, offrendo anche una connettività completa con WiFi 6, Bluetooth 5.2 e NFC.

Fortunatamente, negli ultimi anni la compatibilità con il 5G non è più appannaggio di dispositivi di fascia alta, visto che è arrivato sulla maggior parte degli smartphone di fascia media e anche su alcuni di fascia bassa. Quello che molti, magari in procinto di cambiare smartphone, si staranno chiedendo è se al momento valga la pena investire su un dispositivo 5G.

Considerato che l'orizzonte temporale per passare a una qualità della rete veramente utile è sempre più breve, e comunque più breve della vita media di uno smartphone, la risposta è sì, anche perché i dispositivi di ultima generazione portano con sé i vantaggi legati alla modernità del processore, insomma un hardware pensato per stare al passo con i tempi per la connettività a tutto tondo.

Per i nostri speedtest con l'app di Ookla abbiamo usato una sim TIM, data l'ottima copertura annunciata su Milano, e ci siamo posizionati in diversi punti della città: il risultato migliore in download l'abbiamo registrato nel quartiere di Isola, nella parte settentrionale di Milano, con 1,3 Gbps (a fronte di 70 Mbps in upload), mentre a sud-est, vicino all'Università Bocconi, i valori si attestavano sui 500 Mbps in download e 130 Mbps in upload.

Niente da fare per CityLife, che avevamo selezionato perché vicina al centro città, dove siamo rimasti in 4G, mentre la situazione è migliorata lungo la tangenziale est e a Sesto San Giovanni, presa come esempio per l'area a nord della città, dove abbiamo misurato 605 Mbps in download e 107 Mbps in upload.

In generale, la copertura del 5G si è dimostrata decisamente a macchia di leopardo: in molti casi bastava spostarsi di 500 metri per ritrovarsi nuovamente in 4G. Ancora troppo poco per sperare di connettersi direttamente alle reti di quinta generazione, ma sicuramente nel corso dell'ultimo anno sono stati fatti passi da gigante: la connessione ha una qualità diversa, sia in termini di velocità che di latenza. Insomma, bisognerà pazientare ancora un po' - sempre meno ormai - ma la strada è tracciata.

SVILUPPI E POTENZIALITÀ

In conclusione, il futuro cosa ci riserva? L'orizzonte temporale più vicino è legato alle possibilità aperte dallo switch-off delle frequenze fino a ieri erano occupate dal digitale terrestre, che entro il 2022 ospiteranno invece le reti di quinta generazione, permettendo agli operatori di iniziare a pensare allo standalone.

In Europa, la prima rete 5G standalone è arrivata in in Germania - in una manciata di città tedesche tra cui Dusseldorf e Lipsia - grazie allo sforzo congiunto di Qualcomm, Vodafone, Ericsson e OPPO. In Italia, prima di un anno sarà difficile parlare di giro di boa; tra gli operatori quella più prossima a questo traguardo è TIM.

In Italia infatti il 5G si basa su tre bande di frequenza: quella compresa tra i 694 e i 790 MHz, definita per convenzione Banda 700, è la più efficace nella penetrazione del segnale all’interno degli edifici ed era stata assegnata alle emittenti televisive che trasmettono sul digitale terrestre. Per liberarla è stato necessario trovare un accordo a livello UE, e nel nostro Paese il processo è in corso (triennio 2020-2022).

Le altre due bande sono quella intermedia da 3,7 GHz (compresa tra i 3,6 e i 3,8 GHz) e quella da 26 GHz (tra i 26,5 e i 27,5 GHz). In quest’ultima banda dello spettro iniziano le onde millimetriche, caratterizzate dalla possibilità di garantire una maggiore velocità di trasferimento, superiore anche alla fibra ottica.

Non sono ancora utilizzate e non si sa quando entreranno in funzione, ma sarebbero proprio queste a permettere di accedere a servizi a distanza che sarebbero improponibili con le tecnologie precedenti, dalla guida autonoma agli interventi chirurgici a distanza, passando per l'automatizzazione del processi industriali.

In generale, una delle applicazioni che vedremo diffondersi sempre più sarà quella del 5G per il Fixed Wireless Access, tecnologia che fornisce accesso ai servizi a banda larga fissa a case o uffici attraverso la rete wireless con un'esperienza simile a quella della banda larga tradizionale su cavo che, come si sa, in certe località proprio non arriva.

Questo ci porta a una postilla che va necessariamente considerata nelle nostre conclusioni: abbiamo deciso di fare le prove sul campo a Milano perché, oltre alla comodità della redazione, ci è sembrato il luogo ideale per verificare lo stato dell'arte del 5G in Italia. Tuttavia, si tratta probabilmente di una situazione assimilabile solo alle altre grandi città italiane - in cima alla classifica dello speedtest Ookla di qualche mese fa c'era Napoli, seguita da Torino e Bologna - ma non è detto che valga per tutto il resto della penisola. Da voi com'è? Fatecelo sapere nel commenti.

VIDEO

Un Computer dentro uno Smartphone? Motorola Moto G100, in offerta oggi da Techberry a 352 euro oppure da Euronics a 599 euro.

223

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Leo Minerva
Paolo Floriani

TIM in Abruzzo il suo 5G c'è solo un antenna abilitata a Pescara e stranamente non è compatibile con l S20FE 5G..mi andava solo se andavo a Roma..perché li usa le reti ericcson mentre per l'Abruzzo ha scelto le Nokia non compatibili con Snapdragon 865 ..poi appena esci dalla città grandi trovi 4G monobande sature e poche doppie bande...sembra una rete del 2017..
Vodafone per il 5G ha già abilitato 14 antenne a Pescara ..anche alcune a Teramo e l'Aquila e poi un paesino di 3000 abitanti vicino a me in N78 del tipo wow non posso crederci.

Simone

Con tutti i vaccini che hanno fatto la copertura dovrebbe essere praticamente perfetta! Qui qualcuno ci nasconde qualcosa!

Ennio

Se passo con Iliad alla giga 120…c’è bisogno pure di cambiare la sim?

Marco

Roma con iliad solo 4g+ a roma Prati

LungaPace& Prosperità

Grazie per la spiegazione :)

Andrea M.

In italia il 4G arriva anche a 700Mbps:
https://uploads.disquscdn.c...

All'estero anche 1Gbps tranquillamente:
https://uploads.disquscdn.c...

Però limitare il 5G al mero aumento delle prestazioni di picco è riduttivo, anche perché non tutto il 5G ha velocità di picco migliori rispetto al 4G. Per capirci una N3 4x4 in DSS su 20MHz di spettro non è più veloce (come picco) in downlink della corrispondente parte LTE, come una N28 (700MHz) 2x2 da 10MHz non è più veloce di una B7 4x4 da 20MHz o una N78 20MHz (TDD) 4x4 non è più veloce (sempre come picco) di una B3 4x4 da 20MHz. Il 5G non fa "magie".
Per fare un esempio che magari è più comprensibile, 20MHz di Wifi 6 non sono più veloci di 80MHz di Wifi 5

Chabuje99

Purtroppo TIM in quelle zone (ossia: dove usa nokia, nord est e gran parte dell'italia affacciata all'adriatico) installa ancora ad oggi delle AAU di prima generazione nokia....
Le quali sono orrende e rendono poco in velocità, oltre ad avere un po' di problemi

Si spera che le sostituiscano al più presto con quelle più recenti di seconda generazione o addirittura di terza generazione (anche se quest'ultime non sono ancora "pronte al commercio")

LungaPace& Prosperità

Tim

Chabuje99

qualche spunto lo trovi sotto, col nome di mattexx

Chabuje99

Con che operatore?

Chabuje99

NSA (non standalone) è una delle due macro modalità con cui è possibile diffondere il 5G.
In questa modalità, il 5G viene agganciato come un "canale" aggiuntivo, il cui controllo è sottoposto dal "canale" primario agganciati in 4G; su questo "canale" viaggiano tutti i messaggi di rete, come la mobilità, il controllo, le misurazioni... tutti messaggi utili per far funzionare correttamente la comunicazione tra utente (UE) e sito 4G/5G (network).
Nella pratica, un 5G esclusivamente NSA non è agganciabile da solo, ma serve per forza che venga aggiunto (e mantenuto) da una connessione 4G già esistente. Se si perde la comunicazione col canale 4G, verrà persa anche col canale 5G, pur se quest'ultima è ancora presente

Con l'altra modalità, ossia 5G SA (standalone), è possibile agganciare il canale 5G in modo autonomo, senza l'ausilio del 4G.

Le due modalità, NSA e SA, possono coesistere sullo stesso sito; sta al dispositivo scegliere quale usare (con l'aiuto dei messaggi di rete scambiati con la rete)

Frederik

Cos è nsa?

LungaPace& Prosperità

Ferrara città sembra coperta per la maggior parte. Lo dico perché appare 5G sul mio pixel5, ma non vedo differenze mirabolanti..

SteDS

Ok però adesso mi avete incuriosito, quali perle di saggezza alternativa aveva scritto?

Danylo

in citta' le celle sono sature, nei paesini non ci sono le antenne

Rettore Università di Disqus

Che tempo vuoi dargli, le prestazioni in 4g sono degenerate al punto da fare schifo...
Milano è imbarazzante sul 4G.

L'unica spiegazione che mi sono dato è che non vogliono entrare in concorrenza con la Fibra dato che ormai i pacchetti di GB sono talmente abbondanti che la gente inizierebbe a disdire...

Federico Dolce

Io con Fastweb rete windtre quasi sempre in 5g in Toscana ed Umbria

LuFranco78

No, probabilmente no, ma la situazione nei piccoli capoluoghi di provincia del centro e del Sud Italia non è minimamente paragonabile a dei test fatti a Milano e nel suo Hinterland!
P.s: Ciao!!! Ben ritrovato.

sailand

Pure quello fastweb non è compatibile con tutti i modelli 5g.

Callea

A Terni solo Wind3 dovrebbe avere 5 antenne vere 5G (altre solo in dss).
Iliad ha 2 antenne 5G.
Questo secondo LTE Italy, ma non avendo un piano 5G non ho potuto verificare.
Comunque non dovremmo essere messi male per essere una provincia.

Porcellone

Per vedere 5G scritto sul mio smartphone sono dovuto andare fino a Barcelona, lì 5G fisso, in qualunque punto della città (e con operatore italiano in roaming eh!).
Qui in Italia, in una cittadina di provincia, probabilmente comincerò a vederlo quando sarà pronto il 6G

sailand

Al link per tim non ho trovato la mappa ma chiacchiere, al link vodafone c’è la mappa ma non come interpretarla (non bastano generici pallini), il sito wind è chiaro e ahimè c’è un buco proprio a centinaia di metri da casa mia.
Vero che li ci sono anche binari ferroviari ma a fianco ci sono pure abitazioni.
Fastweb e illiad proprio niente mappe e dare genericamente indicazioni su città o peggio province è inutile. Dire ad esempio Roma non dice niente senza un dettaglio maggiore.

Infine per alcuni operatori le tariffe abilitate al 5g sono più di quelle elencate nell’articolo ma ad oggi si può ancora fare a meno del 5g penso per i prossimi anni continuerà a non essere indispensabile.

Luca_87

Si è abbastanza ridicolo, contando che hanno usato solo Tim

Chabuje99

solitamente la lista fastweb segna solo i siti con N78 attiva, non quelli solo 5G FDD
su LTEitaly vedi meglio quali siti son dotati di AAU

AlphAtomix

si fastweb, effettivamente dal sito ufficiale segna che praticamente tutto l'hinterland è coperto dal 5g, probabilmente quindi è proprio come dici tu

Chabuje99

Se si tratta di Wind/Fastweb, si può trattare di 5G FDD (in modalità DSS) ossia il 5G sulle "vecchie bande 4G"
Ovviamente non ha le stesse prestazioni del 5G tanto marketizzato (poca larghezza di spettro, in modo simile alla N28) ma aiuterà tanto per 5G SA a non "saltellare" tra 4G e 5G di continuo

Uso "si può trattare" perchè comunque, ad oggi, Wind ha la più larga diffusione di siti N78 in italia, quasi 2,5k siti con AAU N78 (su quasi 19,6k siti macro)

Puoi vedere il tutto digitando sul dialer *#0011# e da lì vedi la banda 5G che agganci

AlphAtomix

Il mio s21 prende il 5g anche in provincia, dove il 5g neanche dovrebbe esistere. Lo ha sempre fatto ma non capisco perché e nel caso cosa aspetti samsung a correggere questo "bug" (?)

Lupo1

E già qualche anno che non vado

ASM77
TheBoss

con l'ultimo aggiornamento solo con la quarta dose, con la terza al massimo puoi fare da hotspot nel raggio di qualche metro

PaoloB

Certo ! Come accade nei telefoni 4G con 3G e 2G.
Il 5G NSA = 4G + 5G
5G SA = 5G
Che sia SA o NSA , naturalmente le "vecchie reti" sono sempre supportate .

Davide

Ora, io capisco che fare un articolo in giro per l'italia costerebbe molto più del potenziale introito generato dalle visual, ma così mi sembra un tantino ridicolo.

Il vostro titolo è: "Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città"

Avete girato 3 quartieri di una, seppur principale, città; non è "come siamo davvero".

Detto poi che per amor di precisione, pur non essendo operatore mobile, linkem è la prima in italia ad avere rete 5g standalone..che il 5g di ilad è compatibile solo con pochi telefoni..

Insomma anche senza girare potevate fare più informazione

LuFranco78

Appunto, i vostri test sono sempre fatti (ovviamente) su Milano e zone limitrofe.
Considerate che Milano in fatto di tecnologia (5g, auto elettriche ecc..) è il punto massimo di partenza. Ma MILANO NON E' L'ITALIA.
Se per Milano il giro di Boa per il 5G è fra un anno due, nel resto d'Italia dove vive l'altro 95% della popolazione, il giro di Boa sarà tra 3-4 anni MINIMO.

Rick Deckard®

Con la terza dose TU sei l'antenna, ricordalo

Tsaeb

Se hai fatto anche il covid ti regalano 50GB al mese.

Tsaeb

Quando la copertura del 5G arriverà al 80% a tutti i novax esploderà la testa, vaccinatevi prima che sia tardi!

Armandorace04

Io ho il mix, 0 5g...

Chabuje99

Ovviamente devi avere un'offerta apposita
Tra l'altro è impossibile vederlo dalla "ricerca reti" visto che con NSA è obbligatorio l'uso contemporaneo di LTE per poter usufruire del 5G. Con 5G SA invece sarà possibile vederlo dalla ricerca reti

Laevus

Ciao Paolo, scusami ma nell'SA non rimane la possibilità per il dispositivo di allacciarsi alla rete 4G, in mancanza di 5G? Dovrebbe comunque rimanere "retrocompatibile" come tecnologia.

Pasta dentifricia. :P

TheBoss

Solo se vivi in una zona coperta dal 5G… altrimenti è sprecata, col 4G bastano 2 dosi

Vash( 5G version )3rr0r

Anche io, stavo per segnalare la stessa cosa!!

TheBoss

Siamo al punto che dove vivo manca anche il 4G di Vodafone da 2 giorni !

Vash( 5G version )3rr0r

Perforza

musodatopo

Con la terza dose migliorerà

Aristarco

Il grafene viene messo anche nella pasta, sveglia!!!!

Rick Deckard®

Terza dose subitooo

Alessandro87

infatti al 99,5% della popolazione basterebbe aver una ftth 100/100 simmetrica o 200/200 e staremmo apposto per i prossimi 30 anni.

cio che ci frega è l upload. se tra utenti uno uppa 100 l laltro scarica a 100 è tutto grasso che cola. come banda 100/100 con ping tra 5/15ms sarebbe il santo graal.

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo

Amazon Prime Day 2021 le date e le offerte già attive: 21 e 22 giugno ufficiale