Recensione Realme GT Neo 3: ricarica impressionante, bastano 15 minuti

08 Giugno 2022 77

Realme si conferma sempre di più un player importante sul mercato smartphone e ora che siamo a metà 2022 ha già collezionato una folta schiera di prodotti. La casa cinese è cresciuta moltissimo negli ultimi 2 anni, merito in particolare della serie GT, capace di distinguersi per un ottimo rapporto qualità prezzo, ora arrivano tre nuovi componenti della serie che hanno l'obiettivo di spingere ulteriormente sull'acceleratore.

In particolare nella recensione di oggi ci occupiamo del meglio equipaggiato, Realme GT Neo 3 150W, che si distingue per avere una ricarica incredibilmente veloce da ben 150 Watt. In realtà ogni considerazione sarà valida anche per il Realme GT Neo 3 80W, tra i due cambia la velocità di ricarica e la dimensione della batteria (4500 mAh e 5000 mAh). Gli spunti di interesse però non si fermano qui, il miglioramento rispetto alla precedente generazione è importante, come del resto è significativo l'aumento sul prezzo di listino, mentre la sovrapposizione con gli altri dispositivi della casa comincia a farsi sentire. All'interno della recensione di Realme GT Neo 3 approfondiamo tutti questi aspetti.

INDICE

DESIGN E QUALITA' COSTRUTTIVA

Il design di Realme GT Neo 3 è ispirato al mondo del motorsport, noi abbiamo provato la colorazione Nitro Blue che ricorda la Dodge Viper, esiste poi una versione bianca con strisce nere (Sprint White) perfetta per gli juventini e una più tradizionale nera (Asphalt Black). In tutti i casi la cover posteriore ha una finitura opaca ed è in vetro. Policarbonato invece per il frame, in colorazione blu per la Nitro, nero invece per gli altri due modelli.

La qualità costruttiva percepita è molto buona, gli accoppiamenti sono impeccabili e l'attenzione ad alcuni dettagli come il click dei tasti o la precisione del motore di vibrazione migliorano ulteriormente il primo impatto con il dispositivo. Peccato per l'assenza di una certificazione di resistenza ad acqua e polvere.

75.6 x 163.3 x 8.2 mm
6.7 pollici - 2412x1080 px
75.8 x 162.9 x 8.96 mm
6.62 pollici - 2400x1080 px
74.7 x 163.2 x 8.18 mm
6.7 pollici - 3216x1440 px

L'ergonomia in generale non è affatto male, lo smartphone è un po' scivoloso ma in confezione troverete già una cover piuttosto bella in tpu trasparente fumé, il peso di 188 grammi è un ottimo risultato considerando la batteria da ben 5000 mAh (per il modello 80W). Le dimensioni sono di 163,3 x 75,6 x 8,2 mm, è quindi uno smartphone grande ma ancora gestibile, merito di cornici particolarmente ottimizzate attorno al display da 6,7 pollici in 20:9.

DISPLAY

Il display di Realme GT Neo 3 è OLED da 6,7 pollici e risoluzione FullHD+ in 20:9, il refresh rate arriva a 120 Hz, mentre la protezione è fornita da un vetro Gorilla Glass 5. Di fabbrica troverete preapplicata una pellicola in plastica, in ogni caso rimuovendola il trattamento oleofobico si rivela di buonissima fattura.

Realme ha riservato una certa cura a questo componente, il livello è decisamente superiore rispetto ai precedenti modelli della serie e in generale rispetto a ciò che si trova sulla fascia media del mercato. Basti pensare alla copertura 100% dello spazio colore DCI-P3 all'accuratezza della calibrazione con un valore JNCD di circa 0,4 e una profondità di 10 bit, per oltre i miliardo di colori riprodotti. Non mancano poi diverse funzioni software per personalizzare ulteriormente i colori con 5 diversi profili precaricati e ulteriori possibilità di regolazione del punto di bianco.

La leggibilità all'aperto è buona anche sotto la luce diretta del sole, sottolineiamo che il sensore di luminosità lavora in modo preciso così come il sensore di prossimità.

SOFTWARE

Lo smartphone arriva sul mercato con l'ultima versione dell'interfaccia personalizzata della casa, la Realme UI 3.0, basata su Android 12. Al momento del test le patch di sicurezza sono aggiornate a Marzo 2022. Siamo di fronte ad un software ormai collaudato e molto apprezzato, ricco di funzioni e molto personalizzabile nella grafica, con la caratteristica di garantire sempre una buona stabilità e una convincente rifinitura per quanto riguarda bug e malfunzionamenti. Realme assicura 3 versioni di Android e 4 anni di patch di sicurezza, Realme GT Neo 3 ha dunque davanti diversi aggiornamenti ad attenderlo, bene così.

Per quanto riguarda la sicurezza abbiamo a disposizione un velocissimo sblocco con lettore di impronte digitali integrato nel display, per altro posizionato in modo ergonomico molto in basso rispetto alla gran parte degli smartphone, presente anche lo sblocco con riconoscimento del volto. Rimanendo in ambito sicurezza e privacy sono presenti diverse funzionalità software interessanti: clone di sistema permette di creare uno spazio privato completo all'interno del sistema in cui installare app, salvare file, foto, video ecc, lo spazio privato è raggiungibile con una password di sblocco precedentemente impostata. Senza ricorrere allo spazio clone, è comunque possibile nascondere app dal drawer, bloccarne l'apertura con una password, oppure inserire determinati file in una cassaforte protetta da password.

Infine, nessun problema per quanto riguarda la riproduzione dei file multimediali in streaming che avverrà sempre alla massima risoluzione disponibile, lo smartphone infatti gode della certificazione Widevine di livello 1.

ESPERIENZA D'USO

Uno degli aspetti più interessanti di Realme GT Neo 3 è la presenza del nuovo SoC Mediatek 8100, processore di fascia alta del produttore cinese che sempre più riesce a convincere al cospetto di Qualcomm. Da Realme fanno sapere che la partita si gioca addirittura contro lo Snapdragon 888, rispetto al quale questo Mediatek riesce ad incrementare le performance in multi-core del 44% e l'efficienza della GPU del 35%. L'architettura octa - core è realizzata su processo produttivo a 5 nm da TSMC, le frequenze si spingono fino a 2,85 GHz per i 4 performance core (Cortex A78), la GPU è una Mali-G610 MC6.

Insomma, siamo di fronte ad uno smartphone carrozzato sotto il profilo delle prestazioni, capace di sostenere agevolmente carichi di lavoro impegnativi e sessioni di gioco prolungate. Un po' come abbiamo visto sul Realme GT 2 Pro, è presente un corposo sistema di dissipazione composto da una piastra multistrato che comprende fogli di rame, un gel brevettato da Realme, grafene e acciaio inossidabile. Pensate che rispetto al Realme GT Neo 2 la capacità di dissipazione è più che raddoppiata.

A coadiuvare il processore principale c'è poi un secondo chip che si occupa esclusivamente della gestione del framerate dei contenuti. Questo permette di alleggerire il carico sulla GPU e di ottenere effetti di interpolazione dei frame per i contenuti multimediali e per i giochi.

A completare le caratteristiche tecniche c'è tanta memoria, ben 12 GB RAM LPDDR5 e 256 GB di archiviazione UFS 3.1 nell'unico taglio previsto per il nostro paese.


AUTONOMIA E RICARICA

Arriviamo al pezzo forte del piatto, Realme GT Neo 3 viene proposto in due varianti: 150 Watt e 80 Watt che corrispondono appunto alla velocità con cui possono ricaricarsi grazie al potente alimentatore incluso in confezione. Il modello da 150 Watt si ricarica da 0 al 50% in 5 minuti (cinque!) e raggiunge il 100% in 15 minuti, in questo caso la batteria è da 4500 mAh. Il modello da 80 Watt comunque raggiunge il 100% in 32 minuti e carica un modulo batteria da 5000 mAh.

Prima di entrare nei dettagli della ricarica val la pena sottolineare che l'alimentatore è piuttosto piccolo e che è stato progettato per poter essere utilizzato con tutti i dispositivi Realme, indipendentemente dalla potenza che sono in grado di assorbire.

Realme GT Neo 3 150 Watt ha una batteria divisa in due moduli da 2250 mAh (4500 mAh totali) che si ricaricano contemporaneamente grazie al sistema di ricarica Ultra Dart Charge. Il chipset interno dedicato tiene sotto controllo il processo di ricarica attraverso 38 livelli di sicurezza che consentono di portare a termine la ricarica senza alcun rischio, a tal proposito è presente la certificazione di un ente terzo come TUV Rheinland. Realme inoltre fa sapere che l'efficienza della batteria rimarrà superiore all'80% fino a oltre 1600 cicli di carica e scarica.

Non abbiamo avuto modo di provare la versione 80 Watt con 5000 mAh di batteria, invece sul modello da 150 Watt possiamo ritenerci più che soddisfatti. L'ottimizzazione software e quella energetica del Mediatek 8100 fanno sì che si riesca ad arrivare a sera senza problemi, con circa 6 ore e mezza di display attivo.

AUDIO E MULTIMEDIA

Realme GT Neo 3 si affida ad un doppio speaker di sistema con Dolby Atmos, potente e anche abbastanza profondo. Purtroppo non è presente il jack audio da 3,5 mm, anche se l'esperienza è ben compensata dal Bluetooth in versione 5.3 capace di veicolare audio in alta risolzione. Da segnalare, inoltre, che anche in vivavoce vengono sfruttati entrambi gli speaker.


PARTE TELEFONICA E CONNETTIVITA'

In questo smartphone Realme ha curato con attenzione anche la parte di connettività, oltre al supporto 5G (no mmWave), è presente il WiFi in versione 6 e un chip NFC che godono di una particolare disposizione delle antenne. Per quanto riguarda l'NFC sono state adottate antenne tradizionali per espandere l'area sensibile a 360 gradi su tutta la parte superiore del dispositivo, per un pagamento basterà dunque avvicinare in modo approssimativo il telefono al pos per attivare la lettura.

A proposito di WiFi Realme adotta una tecnologia denominata Wireless Burst che consente di evitare interferenze tra Bluetooth e WiFi, massimizzando la resa di entrambe le connessioni.

A proposito del segnale telefonico non c'è nulla di particolare da segnalare, la ricezione è più che buona anche nelle zone scarsamente coperte, non è disponibile uno slot virtuale per eSIM, mentre il cassettino supporta due schedine in formato nano.

FOTOCAMERE E VIDEO

Sul comparto fotografico andiamo abbastanza bene, rispetto alle precedenti generazioni di Realme GT il passo in avanti c'è stato, ma di certo, considerando il prezzo di listino, Realme GT Neo 3 non brilla. Considerate che la dotazione hardware è la stessa del Realme 9 Pro Plus, un prodotto con un prezzo di partenza sensibilmente inferiore.

La fotocamera principale è una classica Sony IMX766 da 50 MP con stabilizzazione ottica, troviamo poi una ultrawide da 8 MP e una macro da 2 MP.

Un po' come già detto diverse volte, questo pacchetto consente di realizzare ottime fotografie con l'obiettivo da 50 MP, sia di giorno che di notte. Usando solo la fotocamera principale ci si riesce a togliere belle soddisfazioni, ma non è abbastanza perché la qualità cala drasticamente con la fotocamera ultrawide da 8 MP, mentre la macro da 2 MP fa più che altro numero. Per un prodotto da oltre 600 Euro ci aspettiamo ormai qualcosa di più.

Discreti i selfie, la fotocamera è da 16 MP, soffre un po' le alte e le basse luci ma in situazioni favorevoli rende bene.

Video così così, la stabilizzazione non è delle migliori ma si arriva al 4K a 60 fps per accontentare anche gli amanti dell'alta definizione.

IN CONCLUSIONE

Realme GT Neo 3 150 W arriva sul mercato italiano con un prezzo di listino di 699 Euro per l'unico taglio di memoria 12/256 GB, sarà disponibile dal 15 giugno e verrà accompagnato da una promo di lancio fino al 22 giugno, che prevede 50 euro di sconto.

Realme GT Neo 3 80 Watt si attesta sui 599 Euro e anche lui sarà lanciato in promo a 549 Euro fino al 22 giugno.

Andiamo con qualche considerazione conclusiva: sulla qualità del prodotto c'è poco da discutere, è piacevolissimo da utilizzare, velocissimo, dotato di una buonissima autonomia e un software ben realizzato, con il plus della ricarica velocissima. A 699 Euro però la concorrenza è folta, già all'interno della stessa casa, con il Realme GT 2 Pro che si trova sempre più spesso attorno alla stessa cifra e offre una dotazione complessiva migliore. Sempre valido anche il Realme GT 2, con caratteristiche tecniche quasi sovrapponibili ad eccezione dello Snapdragon 888 e della ricarica a 65 Watt, lui si compra stabilmente sui 549 Euro. Realme, sicura che non comincino ad essere troppi e tutti molto simili?

Tra i due GT Neo 3, 80 Watt e 150 Watt vi consigliamo senza dubbio il primo: l'autonomia è ancora migliore, la ricarica resta molto veloce e bisogna sacrificare 4 GB di RAM che non sono un grosso problema visto che ne rimangono a disposizione 8. In compenso ci sono 100 Euro in meno sul listino che fanno sempre comodo.

12.9 Hardware
5.4 Qualità Prezzo

Realme GT Neo 3

Compara Avviso di prezzo
Ricarica velocissimaOttime prestazioniDesign curato
Video solo sufficientiNo ricarica wirelessPrezzo di listino elevato

VOTO FINALE: 7,5

Realme GT Neo 3 è disponibile online da Gomibo a 441 euro oppure da Amazon a 599 euro. Per vedere le altre 32 offerte clicca qui.
(aggiornamento del 01 luglio 2022, ore 16:22)

77

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Manolo

Ho aggiornato anch'io ad Android 12 tramite VPN germania e. Non ho praticamente nessuno. Di questi difetti che hai elencato... Hai provato a fare un reset?

Manolo

Già il gt neo 2 con snapdragon 870 è una spanna sopra al 52s figurati questo

Manolo

Bravo compra lagsung

Valerio

Non sono i mediatek di una volta

al3xb3rg

Ennesima padella cinese con ricarica fulminea (tanto da omaggiarla nel titolone)... Ma ce n'era proprio bisogno?

Roundup
RubenDiaz89

Clack Son...

Marcus

mediatek is good

ZiuZiu

non mi infastidisce per nulla, figurati! Voi siete top sulla tecnologia e state diminuendo i video rispetto a prima. Soprattutto quelli di prodotto che seguivo molto. Ora siete meno juicy! Capisci quello che intendo!!!

Matteo Virgilio

Un BBQ smart è un qualcosa che personalmente non avevo mai visto e lo reputo interessante, ma se ti infastidisce posso capirlo. Proveremo a riconquistarti con altri video super

Riccardo Mineri

700 euro per un realme con mediatek, buon 2022 a tutti!

Comprendo il tuo punto di vista. Anch’io avrei voluto un’autonomia migliore, non è male ma ho avuto di meglio in passato.

Liam McPoyle

No ricarica wireless è un pregio.

Andredory

Troppo poche per me. Abbiamo assistito ad un peggioramento dell'autonomia negli ultimi anni nonostante le batterie siano incrementate di molto in grandezza.
Prima un Huawei od uno Xiaomi con una 4200 mah ti facevano anche 9h di display acceso, adesso telefoni molto più recenti con 5000 mah è già bello se te ne fanno 6 di ore...

6h spalmate su 13h di utilizzo

Andredory

Quante ore fa di schermo? Dubito che un semplice aggiornamento lo faccia passare da 5h di display ad 7/8...

IRNBNN

Perche non prendere un gt neo 2 con metà del suo prezzo?

S22 non dura così poco, con gli aggiornamenti ora va meglio e alla fine arriva a sera

Questo ha senso rispetto a S21 FE solo per autonomia e tecnologia di ricarica e fluidità delle animazioni.
In tutto il resto Samsung fa molto meglio.

Io ho avuto RealMe X2 Pro e con gli aggiornamenti si erano presentati alcuni strani bug, tra cui la suoneria che squillava solo per pochi secondi… Avevo risolto tutto semplicemente con un ripristino delle impostazioni di sistema, un’operazione che non elimina alcun dato e risolve parecchi problemi. Prova a farlo.
Poi sì, gli aggiornamenti non sono sempre stati perfetti, si verificavano alcuni bug in qualche release - ovviamente parlo di bug non risolvibili in questo modo.

Concordo sul consiglio di Neo 2

MikaHakkinen

Gsm arena o Kimovil, sono le migliori per quanto riguarda la scheda tecnica

Shane Falco

medi gamma con dimensioni umane non esistono purtroppo...devi aspettare pixel 6a che però va oltre i 400 euro...

Ray Allen

Praticamente regalato

Castoremmi

Possibile che in una "recensione" non ci sia un riassunto della scheda tecnica?

Da blitz

Moto meglio Motorola Edge 30 Pro già solo per il software stock,poi si arriva in offerta anche a 599 su amazonia

Dark!tetto

Tra la FAC da 25 watt di Samsung e questa Dart da 150w c'è una differenza enorme, te lo dice uno che ha usato quella da 25w di Sammy e una 65w di Realme. La differenza sta nella gestione della corrente e dove e come viene sviluppato il tutto, il frame dei Samsung per dissipare tutto quel calore diventava ustionante (non è una metafora) queste nuove super ricariche invece no.

Magnitudine

3 mani per pagarlo intendi ?

Aster

gigabyte

Tiwi

spendi qualcosa in più e prendi a52s 5g, a meno di 200euro prendi la serie M o se versioni a30 o inferiori che girano malino

Tiwi

passo

Chevlan

Ot: miglior smartphone Samsung con prezzo massimo di 200€?
Non ho esigenze particolari, grazie.

Legend94

Ot:devo comprare un notebook da gaming, come brand e meglio alienware o msi???

Vincenzo

Stai parlando con andredory non so se hai presente il soggetto...Se continui a dargli contro alla fine vieni bloccato perché non la pensi come lui.

untore

Si vabbè 6,7” servono 3 mani per usarlo

Andredory

A me andrebbe benissimo S22 ma se avesse un’autonomia ottima ed un comparto audio valido come quello di iPhone o poco meno, per il comparto fotografico posso chiudere un occhio (dicono che la grandangolare non sia granché) e per le app e funzioni in più che non uso al massimo ci perdo quella mezz’ora per disattivarle o disinstallarle.
O si aspetta S23 ma non penso che cambi di molto la storia o si va di S22+ con cui risolvo il problema dell’audio e dell’autonomia (che diventa comunque buona ma non ottima da 8h di display) ma insorge il problema delle dimensioni e del prezzo molto più alto. A quel punto forse sarebbe meglio andare di S21 FE che costa meno ed è una via di mezzo od aspettare s22 FE dato che lo Snap 888 non è un gran processore a livello di consumi e temperature soprattutto in vista dell’estate.

IFM

Per curiosità dove? C'è un contratto che sottoscrivi e firmi? Chiedo x curiosità eh perché non mi è mai capitato di vedere o leggere questo particolare quando compro uno smartphone

One-Punch Mar

Confermi le mie perplessità. Convivo con chi ha un iphone 12. Apprezzo molte cose dell'iphone e sono stato anche tentato, ma la poca flessibilità del software mi ha fatto cambiare idea. C'è da dire che quel software è anche parte dell'ottimo risultato in termini di autonomia che iphone ha. Purtroppo, al momento, si deve scendere a compromessi. Io, facendo un sunto di tutto ciò che volevo da uno smartphone ,ho preferito una sensoristica completa, fotocamere senza grosse rinuncie, personalizzazione a 360° sulle mie esigenze a discapito di un autonomia solamente sufficiente. A qualcosa dovevo rinunciare. Ma se non si fosse rotto probabilmente sarei ancora con il mate 10.

Andredory

Ti scriverei un listone di roba infinita, non c’è nulla che mi piaccia in questo software e trovo che tutto quello che uso funzioni oggettivamente male od è fatto male. Tastiera, personalizzazione, mancanza di funzioni basilari, alcune app, impostazioni delle app, integrazione con altri dispositivi, iTunes ecc ecc
Lato hardware già lo apprezzo di più perché lato costruttivo è fatto bene, l’audio è spettacolare (il migliore mai avuto su un telefono), l’autonomia è ottima (almeno 7h di display fuori casa me le fa) però lato cam ha anche lui le sue gravissime pecche come soli 12 megapixel che sgrana tantissimo appena zoommi (od in alternativa mancanza dello zoom ottico), modalità manuale inesistente, la grandangolare che è veramente deludente e facevano più bella figura non mettendola proprio… Poi il notch lo sopporto ancora ancora anche se a livello estetico non è bello, ma con il Face ID mi ci trovo male, avrei preferito il sensore di impronte digitali. Poi manca anche la USB Type C, il display a bassa luminosità soffre di effetto scia ed aloni Rossi ecc ecc…
Insomma, non vedo l’ora di tornare ad Android e poter fare quello che voglio con il mio telefono in modo molto migliore e più veloce e non che sono io che mi devo adattare alle limitazioni e mancanze di iOS.

One-Punch Mar

Posso chiederti le tue ragioni per il "no" a iphone 13? per capire se coincidono con le mie

Andredory
One-Punch Mar

C'è della frustrazione nel tuo commento. Che comprendo e condivido a pieno.

eL_JaiK (Ban totali: 1)
The Outlaw Torn

Fatto bene, tanto ormai il panorama smartphone in questo periodo è parecchio stagnante

Jotaro

E' quello che c'è scritto nero su bianco, che poi sia realtà non si sa o io non lo posso sapere.

Andredory

Ovvio che non arriverà mai, ma stanno proprio sbagliando strada ed impazzendo totalmente lato Android ed infatti Apple si sta sfregando le mani in questo periodo e fa record su record. Che non si venissero a lamentare delle scarse vendite i marchi Android poi…
Fanno telefoni pieni di cag4tine tipo fotocamere da 2 megapixel (anziché eliminare quella 8Mega ultrawide che è penosa e metterci una 12 od una 16 o comunque un vero sensore ultrawide), ricariche
da 200W che non servono a nessuno (anziché mettere la ricarica wireless anche nei medi e bassi di gamma) o display a 144hz il tutto condito da aumenti di prezzo a caso, collocamento di fasce di prezzo totalmente errati, meccanismi del tipo “oggi 700€ + cuffie omaggio che non sono in omaggio ma paghi nel prezzo di partenza esagerato, domani 600€ senza cuffie e dopodomani a 400€ perché abbiamo i magazzini pieni”…
Periodo veramente da dimenticare lato Android.
Da quando è andata via Huawei è diventato uno schifo il mercato Android.
Papabili per me sarebbero lo Z Flip 3 (però autonomia pessima, figurati dopo usura), S22 (stessa cosa di Zflip ma un po’ meglio) e Pixel 6A (sovrapprezzato, solo online, dubbi sull’affidabilità, scheda tecnica deludente) e forse Xperia 5 (introvabile, costa una mazzata, supporto ed assistenza sono un grande punto di domanda) ma sostanzialmente sei costretto a guardare al mercato dei 6,4” che non ti fanno piegare la gamba quando cammini.

Matteo Virgilio

Abbiamo deciso di realizzare contenuti video un po' diversi dalla solita recensione. Per cui parleremo di smartphone solo nel caso in cui ci sia veramente qualcosa di interessante da mostrare, magari con un approfondimento o un focus, per il resto saranno video in tema tecnologia ma con uno sguardo più ampio e non legato necessariamente al prodotto

Andredory

Anch’io faccio così però alla fine raramente ti porta ad una serie di commenti utili.
Per esempio, critico Apple (attenzione, io spesso prima di criticare provo le cose che critico, non è roba che ho letto su Facebook. In questo caso ho avuto IPhone 13 ed iPad Air 3) e mi ritrovo sempre i soliti Fanboy che la difendono. Anche se gli spari giù una lista di 40 difetti (che ho veramente ed una volta l’ho anche postata) o iniziano ad insultarti o giustificano i difetti punto per punto. Difficile trovare chi ti dice “Ah ma hai provato a fare così e cosà, a scaricare questa App, ah sì per questi punti hai ragione perché…” ecc ecc.
Anche perché ritirare un prodotto non vuol dire che fa schifo ma che ci sono dei punti che si possono migliorare.
Ma stessa cosa con PlayStation (Ho avuto PS2, PS Vita, PS4 e PS5) e guai se dici “A”, ti scannano…

One-Punch Mar

Si, io uguale a te. Ma quel telefono non esiste. Non ancora. E sembra che non esisterà mai

Si le ore di S22 al max sono quelle. Ha pur sempre una 3700mAh con un soc "alla samsung". Io ho dovuto cambiare perchè il mio huawei ha smesso di funzionare. Tornassi indietro però sarei "costretto" a comprare comunque S22 perchè, come ti dicevo, uno smartphone max 6.2" con sd 778 , 8/128 e cam da 50+10, non esiste Forse Pixel 5 facendosi andare bene l'acquissto fuori italia e il sensore impronte posteriore. Oppure un P40 se si accetta display a 60hz e no google. La batteria per forza di cosa deve essere sottodimensionata, perchè le alternative sono due: uno smartphone "lungo" alla sony ,con cui recuperi qualche mAh (fermo restando che Android consuma il triplo di un iphone a prescindere), oppure si ha un mattoncino spesso e pesante come iphone 13 pro,il che vanifica ogni utilizzo ad una mano (cosa per me fondamentale) e quindi il senso stesso di "telefono compatto".

comatrix

Io ormai mi sono reso conto che l'essere umano non è oggettivo.
A me frega assai del marchio, dico le cose come stanno nella realtà, perchè è l'unica maniera per confrontarsi, poiché la realtà rimane uguale per chiunque, non è una percezione personale e non si possono cambiare le carte in tavola

Andredory

Infatti io difficilmente aggiorno un dispositivo, se non porta nuove funzioni utili chi me lo fa fare di aggiornare con l’enorme rischio che quell’aggiornamento sia uno schifo?

Recensione Realme GT Neo 3T: piccoli passi in avanti

Samsung Galaxy S22 Ultra Snapdragon vs Exynos: il nostro test | VIDEO

Recensione OnePlus Nord CE 2 Lite 5G: provatelo, prima di giudicarlo

In vacanza con tre Oppo Find X5: confronto foto e... il risultato non è scontato