Google Pixel 6 Pro dopo tanto tempo è tutto un altro smartphone | Video

24 Maggio 2022 300

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Per oggi abbandono il classico schema delle recensioni per parlarvi in modo più informale di come sta andando con Google Pixel 6 Pro, uno smartphone che fin dal lancio in cui l'Italia era stata esclusa, al debutto con pochissime scorte nel nostro Paese, non ha avuto una vita semplicissima.

Più di ogni altro aspetto, però, ciò per cui i Pixel 6 hanno fatto parlare sono stati i bug e i difetti hardware che non hanno tardato ad emergere. Tanto che anche io, nel mio piccolo, avevo convinto i miei colleghi ad evitare di scrivere una recensione sul Pixel 6 Pro, in attesa di tempi migliori, sperando di poterlo rivalutare in modo più serio.

A distanza di 7 mesi dal lancio è arrivato quel momento e ho pensato di fare il punto, perché ogni promessa è debito e perché mi sembra corretto rendere giustizia ad un prodotto che si è caricato di fin troppi pregiudizi, alcuni dei quali fondati, altri invece eccessivamente severi.

I PUNTI CHIAVE DELLA TRASFORMAZIONE

Nel video ho esposto in modo più esaustivo i concetti, quando avete 10 minuti dategli uno sguardo, qui riassumo brevemente i punti chiave della trasformazione di Pixel 6 Pro.

Innanzi tutto partiamo dal presupposto che chiunque abbia avuto modo di provare Google Pixel 6 Pro in autunno 2021 si è trovato con in mano uno smartphone al limite del disastroso. I bug e i malfunzionamenti erano talmente evidenti da rendere il dispositivo quasi inutilizzabile, ed erano spalmati su tutti i comparti tecnici. Ovviamente parlo di problemi software, perché su quelli hardware (come i display di scarsa qualità) non c'è stato modo di intervenire. Per capirci meglio, di cosa parlo?​

  1. grossi problemi di surriscaldamento e un'autonomia sotto le attese
  2. banali bug grafici, come la tendina delle notifiche che diventava trasparente, oppure schermate nere improvvise
  3. qualità delle foto molto inferiore rispetto alle potenzialità
  4. qualità video al limite della sufficienza
  5. grossi problemi di gestione con il sensore di luminosità
  6. incompatibilità completa o parziale delle funzioni fotografiche con app di terze parti
  7. incertezze importanti sulla parte telefonica con segnale ballerino
  8. malfunzionamenti notevoli di Android Auto
  9. pessima stabilità della connessione Bluetooth
  10. sensore di impronte digitali lento e inaffidabile

Ecco, a distanza di 7 mesi, tutti questi punti, nessuno escluso, sono finalmente stati risolti. Non ci è voluto poco tempo e la reattività di Google è stata davvero poco tollerabile, ma lasciatemi dire che avevo ragione nel dire che, "con ragionevole certezza", testuali parole, Google Pixel 6 e 6 Pro si sarebbero trasformati.

Già nel mese di gennaio le cose andavano meglio, ma il vero cambiamento c'è stato con il feature drop di marzo, anticipato dalla prima beta del canale per sviluppatori ancora dedicato ad Android 12. Esatto, Android 12, mentre veniva rilasciata la prima Developer Preview di Android 13, una parte del personale di Google stava ricomponendo i cocci di Pixel 6 e Pixel 6 Pro.

Per chi non lo sapesse, da qualche mese Google ha inaugurato un canale beta per le Quarterly Platform Releases (QPRs), ovvero corposi aggiornamenti di Android che sono previsti nel mese di dicembre, marzo e giugno. Con i Pixel è possibile provare in anteprima queste release, che molto spesso includono anche in anticipo le novità dei feature drop, cioè quegli update che sui Google Pixel non portano solo patch di sicurezza ma anche novità tangibili per l'utente.

In questi giorni infine sto provando la beta del QPR3, che contiene già gli ultimi aggiustamenti e qualche funzionalità che verrà rilasciata a giugno con il feature drop per i Pixel. Ecco, finalmente posso dire che è praticamente tutto a posto, ora Pixel 6 Pro esprime le sue potenzialità.

MEGLIO TARDI CHE MAI

Chi aveva acquistato un Pixel 6 Pro ora potrà dormire sonni tranquilli, proprio ora, ironia della sorte, che Google ha appena spoilerato al mondo intero il nuovo Pixel 7 Pro, in arrivo ad ottobre insieme ad Android 13.

Lasciando da parte la discutibilissima idea di mostrare un prodotto che giungerà sul mercato non prima che siano trascorsi 5 mesi, e di come questa cosa suoni un po' strana agli occhi di chi ha avuto per le mani un Pixel malfunzionante per mesi, vorrei soffermarmi sul lavoro che a Mountain View è stato eseguito, trasformando realmente Pixel 6 Pro in un signor smartphone, per altro ora piuttosto conveniente rispetto a molti altri dispositivi top di gamma.

UNO SMARTPHONE FACILE

L'aspetto che più mi piace del Pixel 6 Pro è che non ho mai la sensazione di dover modificare il mio stile di utilizzo in base alle sue caratteristiche. Mi viene in mente un parallelismo con la Moto GP, quando si dice che i centauri devono adattare lo stile di guida ad una o più caratteristiche della moto, ecco con gli smartphone spesso è la stessa cosa: ci sono compromessi, piccole lacune, meccanismi contorti che dopo un po' si conoscono e ci si impara a convivere; con questo Pixel invece non è così, è lineare e semplice nel funzionamento, estremamente immediato; non è povero, ma ordinato, non è invasivo ma al contempo ti guida spesso nell'imparare a sfruttare le sue possibilità.

Non sono molti gli smartphone dotati di una buona suite di funzioni e di tale completezza hardware che riescono a mantenere questa intuitività, me ne viene in mente uno: iPhone, che però non ha la stessa flessibilità di Android.

FOTO SEMI-TOP MA AFFIDABILISSIME

Non era un mostro all'inizio e non è un mostro adesso, per lo meno in termini di qualità pura dell'immagine. Rimango un po' dell'idea che l'Algoritmo, quello con la "A" di Google, funzioni meglio con sensori a risoluzione inferiore. Probabilmente il rumore di tutti quei pixel spiaccicati come sardine crea più problemi che vantaggi in una fotografia che all'80% è computazionale. L'alternativa sarebbe stata adottare un sensore più grande e a dir la verità i sensori da quasi 1 pollice ci sarebbero, ma sappiamo che Google ragiona in modi spesso incomprensibili, per cui sono andati a pescarne uno già sorpassato.

Venendo alle foto non posso che ritenermi soddisfatto, la pasta delle immagini Pixel c'è e negli ultimi aggiornamenti c'è stato un grosso salto di qualità specialmente nelle foto in notturna e nei video. Quel che però colpisce è l'affidabilità impeccabile che ha questo smartphone, non ne sbaglia più una ed insieme ad un software con funzioni veramente utili riesce a darti una tranquillità impareggiabile. Personalmente, con un bimbo piccolo in casa che riceve foto di continuo, il Pixel è lo strumento che scelgo per andare sul sicuro.

AUTOMATISMI CHE AIUTANO

Un'altra caratteristica importante dei nuovi Pixel è la capacità di automatizzare una serie di funzioni. Vi faccio qualche esempio: categorizza le notifiche e non vi stressa inutilmente per cose di poco conto; risponde da solo alle telefonate di spam o vi assiste quando non potete parlare; chiama i soccorsi in caso di incidente in auto; potete chiedergli di tenervi sotto controllo (posizione, check salute, chiamate emergenza, batteria) per un determinato periodo di tempo, magari mentre state facendo un'escursione in solitaria; regola la velocità di ricarica in base allo stile di utilizzo (ricarica molto, anzi, troppo lenta); imposta regole per stato della suoneria, modalità non disturbare e molto altro in base alla posizione o al collegamento con reti WiFi; aggiusta le foto in automatico e vi propone modifiche sensate; trascrive le conversazioni anche in italiano con una precisione impressionante; mi propone le app più utilizzate in prima battuta; mi avverte se una telefonata è di spam; recupera il nome dell'attività che sta chiamando dal database di Google Maps; mi propone azioni per liberare spazio con criterio ecc. ecc.

Quasi tutte queste cose si possono fare con un qualunque smartphone Android, ma il Pixel le fa fin da subito, senza dover installare nulla e senza dover andare a scovare le funzioni nei menù.


IL PIACERE DI UTILIZZARLO

Infine c'è il piacere di utilizzo, cioè tutti quegli aspetti che sommati creano la user experience. Innanzi tutto la grafica, che dopo qualche mese finalmente è diventata coerente e consistente, curata nelle animazioni e nei vari elementi, ora avvalorata dall'adozione sempre più frequente del Material You anche nelle app di Google e non solo. Su questo Pixel 6 Pro c'è poi il feedback aptico che è davvero super, via via con gli aggiornamenti Google ha affinato il modo in cui viene sfruttato il grosso motore di vibrazione integrato. Ad ogni tocco, swipe, doppio tocco, sblocco, corrisponde un feedback diverso e "fisico". E' come se l'esperienza di interazione acquistasse una dimensione, quella della fisicità. Uno swipe sembra uno spostamento vero di quella scheda, il tap sulla tastiera corrisponde alla sensazione di pressione su tasti, le animazioni sono sempre sottolineate da un leggerissimo trascinamento. E' una cosa da provare.

Aggiungiamoci anche i suoni di sistema che son tutti piacevoli e il meccanismo dei temi che da qualche tempo viene applicato a sempre più app di terze parti, donando una coerenza grafica a tutto il sistema che, onestamente, su Android non c'era mai stata.

Non scordiamo anche le prestazioni, che son sempre solide grazie al Tensor, tutto sommato un SoC che si è dimostrato all'altezza delle aspettative e che non teme confronti rispetto alle alternative di Qualcomm, Samsung e Apple, per lo meno a livello di usabilità quotidiana. Tensor che si lega anche al discorso sicurezza, su cui Google si è prodigata per assicurare all'utente la serenità necessaria per l'uso di app bancarie, gestione di portafogli crypto o banalmente per i pagamenti.

PREZZO NON MALE MA PUO' VALER LA PENA ASPETTARE

Attualmente Google Pixel 6 Pro si trova a circa 800-850 euro come miglior prezzo e presumibilmente potrà vedersi più stabilmente attorno ai 750 euro durante l'estate, un prezzo che non è niente male considerando il valore generale del prodotto.

Dopo tutti gli aggiornamenti Pixel 6 Pro non ha nulla da invidiare ad alcuni competitor blasonati, iPhone 13 Pro su tutti, ma anche Galaxy S22 Ultra, OPPO Find X5 Pro o Xiaomi 12 Pro, che costano tutti un po' di più.

Nel caso lo aveste già puntato, un pensiero in più potrebbe darvelo Pixel 7 Pro, che di fatto Google ha già mostrato e annunciato per il mese di ottobre anche in Italia. Sarà uno smartphone molto simile al 6 Pro, una sorta di versione riveduta e corretta con piccoli aggiustamenti e un software che si spera sia più pronto, specialmente grazie all'esperienza accumulata da Big G in questi mesi. Non credo che Google alzerà i prezzi, per cui, sempre che il budget lo permetta, potrebbe valer la pena aspettare il nuovo modello, o anche, perché no, aspettarlo per poi prendere il 6 Pro che a quel punto subirà certamente un calo di prezzo.

VIDEO

Google Pixel 6 Pro è disponibile su a 750 euro.
(aggiornamento del 06 luglio 2022, ore 18:27)

300

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Portobello

intanto chi ha il 4a aspetta che il sensore ritorni veloce com'era, ormai da 4 mesi fa schifo dc

Haeretik

Per un decimo di questi BUG, a suo tempo, un telefono bellissimo come l'Essential Phone, al suo esordio, venne stroncato da tutto il "sistema" tanto da decreterne la morte "prematura"...

LutherBlissett

Risparmi trecento euro, non vedo quale sia il problema. Polemiche stucchevoli. Non siamo in Russia: possiamo scegliere.

Dario Perotti

Esatto! :D
Ci scommetto.

Andrearocca
Andrearocca
max76

Ma perché?

Harry

attivare il toggle WiFi

max76

Ma che è sto link?

max76

Applausi!

Harry
Harry
Harry

github. com/rostopira/wifi_qs/releases

Paolo

Chiedo: posso andare incontro a problemi con app, se mi iscrivo al programma beta di android 12, oppure sono più i vantaggi?

max76

A me aggancia alla grandissima 4g LTE di iliad

TheBoss

Hai una pazienza da santo veramente…

Con i Pixel paghi 900€, hai problemi i primi mesi e poi anni di utilizzo soddisfacente.
Con Samsung per dirne una paghi 1200€ al day one, ti avvicini alle cifre dei Pixel solo di street price dopo mesi, hai un buon telefono da subito che rimarrà tale per i primi 2 anni se va bene.
Con iPhone paghi di più, punto, e hai un software in linea di massima buono dall'inizio alla fine del ciclo di vita del prodotto.
Siamo d'accordo che tra tutti l'iPhone sia il più affidabile, ma lo paghi anche di più in linea di massima, ma come seconda scelta risparmiando anche dei soldi vado su Google senza pensarci

C'è anche da dire che la versione Pro del Pixel viene paragonata all'iPhone Pro Max, S21/22 Ultra ecc ma costa come le relative versioni "non Pro", mentre il Pixel 5/6 costano come un iPhone di 3 anni prima quasi.
Non giustifica il comportamento di Google comunque secondo me, ma se avesse i pregi che effettivamente ha e nessun difetto di questo tipo forse costerebbero 2/300€ in più entrambe le varianti

Dario Perotti

Intendevo rispetto al mio Ciaomi.

max76

Vai con fiducia, ti renderai conto cosa vuol dire avere una UI stock

Roberto

Appena preso in attesa di riceverlo. Vengo da samsung e temo il passaggio da One UI a Pixel experience.

daniele

No, costa meno di iphone

boosook

Sì beh, sono d'accordo ovviamente (come si potrebbe non esserlo?), però è una conseguenza del fatto che la tecnologia oggi permette, su questi prodotti, update semplici e automatici. Chiaramente i produttori (tutti!) sanno bene che non è necessario garantire la perfezione all'uscita, ma il minimo affinché il cliente sia comunque soddisfatto e poi migliorare nei mesi successivi. Anche perché correggere nel testing tutti i problemi che escono fuori quando lo dai in mano agli utenti è praticamente impossibile o richiederebbe tempi e costi enormi.
Vero è che Google è andata un po' sotto il minimo sindacale stavolta. ;)
In ogni caso, questa è ormai una cosa nota, basta non comprare al day one se uno vuole il prodotto perfetto già all'uscita. I consumatori si adattano.

Simone

Non c'è nessuna polemica ma una considerazione sul rispetto verso un consumatore che ti paga.
Intanto che sia uscito in Italia o meno non è che giustifica Google, non ne facevo un discorso legato solo al nostro paese.
Seconda cosa, nel momento che lo immetti nel mercato dai la possibilità ai consumatori di acquistarlo e dovresti, (uso il condizionale perché oramai lo fanno veramente poche aziende) tutelarli.
Ci hanno talmente abituati con ste politiche commerciali che oramai giustifichiamo che ci siano prodotti in vendita che hanno dei difetti importanti, tanto poi aggiornano e li sistemano.
Se io spendo dei soldi ora, IL PRODOTTO LO VOGLIO AL MASSIMO DELLE SUE FUNZIONI ORA, non dopo un mese.
La favoletta del prodotto con piccoli difetti che viene sistemato nel corso degli aggiornamenti è una pratica degli anni settanta ad esempio di Fiat che per ridurre i costi di sviluppo faceva uscire le auto con mille problemi che poi venivano sistemati sui modelli successivi, (Fiat 132 docet).
Ripeto, siamo talmente abituati che oramai ci sembra normale.

paoloffo

ridato indietro dopo 1 giorno...non agganciava la rete telefonica...un bug dietro l'altro...il samsung s21fe che ho adesso molto meglio (e 4 anni di aggiornamenti!)

eidolon

pretendo che funzioni visto che lo pago

max76

Sono il Top

max76

Ragazzi, il problema è stato il mix fra il nuovo Tensor e Android 12.
Se facciamo la lista dei bug che hanno avuto gli iPhone e i samsung negli anni, per non parlare dei cinesini, stiamo qui fino a domani

max76

Possessore da una settimana di Pixel 6
Telefono fantastico!
Sensore di impronte perfetto, ricezione perfetta, display perfetto, etc...
Unico bug che ho notato è che se modifico una foto, dopo mi resta la notifica in alto con scritto "aggiornamento dell' editor foto..." E non se ne va da sola e devo arrestare l' app anche se il salvataggio è avvenuto correttamente.

Per quanto riguarda la Pixel experience -arrivando da Nokia con Android One- posso finalmente dire:
La pixel experience & Android One sono la stessa cosa!!!
I comandi, i menù, tutto uguale...arrivando da Nokia ho trovato tutto nello stesso posto!!

Due cose:
Mi manca tantissimo il lettore di impronte sul retro per fare scendere la tendina notifiche ad una mano e sbloccare lo smartphone dal retro.
Per la prima delle due cose, ho attivato la gesture (configurabile) del doppio tap sul retro.
Gli screenshot non si fanno più con il tasto volume+accensione, ma dalla barra sotto (quella dei 3 bottoni o delle gesture per intendersi)

La cosa che mi piace di meno di Android 12 è che hanno accorpato rete dati + wifi nella stessa notifica, quindi per disabilitare il wifi bisogna entrare nella "bolla" delle connessioni e scegliere cosa fare, quindi un tocco in più al posto dello spegnimento diretto

xantarmob

Dopo più di un semestre fa piacere vedere che finalmente è stato migliorato.... Ma allo stesso tempo fa veramente inorridire che per il prezzo richiesto ci sia voluto così tanto "non" per migliorarlo, ma per renderlo semplicemente quello che doveva essere fin dal principio.

Per come la vedo io... Scaffale. Solo per far capire che i soldi hanno un loro valore.

boosook

Mica tutti comprano un telefono nei primi 6 mesi... soprattutto se è supportato per 5 anni. Dopo che sarà uscito il Pixel 7 sarà un'alternativa a prezzo inferiore con ancora 4 anni di supporto. Poi polemica veramente ancora più sterile se si conta che in Italia è uscito tipo un mese prima dell'aggiornamento con cui Google ha fixato la maggior parte della roba.

boosook

Sì, ho la sensazione che molti qui avrebbero preferito che Google lo lasciasse buggato così avrebbero potuto continuare a lamentarsi fino al Pixel 7 :D

Club25

Mi dispiace ma dimentichi che in questo blog di tecnologia molti hanno lo spirito del tifoso nelle vene. Amore ed odio per partito preso senza dare spazio a confronti costrittivi.

lorenzo68

Continuerà a rimanere a scaffale.

Davide

Per quanto riguarda il product management sì. Poi c'è l'agile in software development ma i concetti sono praticamente gli stessi

comatrix

Come darti torto

ADM90

Speriamo in un lancio migliore con la serie pixel 7. Pagare tanto per avere uno smartphone con ottimo potenziale ma con tanti bug non è il massimo

Mick&LOzzo

Io direi che ormai con cicli di rilascio a volte meno che annuali, e con la competitività assurda che caratterizza questo mercato, è in una certa misura inevitabile.
Google poi non ha la mentalità di Apple o Samsung, loro ti vendono il loro sistema operativo e secondariamente il terminale fisico, ed in cambio gli fai da beta tester. Hanno iniziato solo recentemente ad investire un po' in marketing sul Pixel, e a crederci per davvero.

Mick&LOzzo

Io non ho capito di cosa si stiano lamentando più o meno tutti, qua sotto.

Quando è uscito, il Pixel 6 Pro è stato stroncato in modo esplicito: "è super buggato, non comprate, aspettate un attimo". Pi1u di così.
Poi hanno corretto molti bug e, mesi dopo, HD Blog ci sta informando di questo fatto: "adesso va meglio, fateci pure un pensierino, ma magari aspettate un attimo di vedere come sarà il 7 visto che ormai siamo vicini a ottobre." Più di così (2).

Quale sarebbe il problema? Che Google lo ha lanciato quando non era pronto? Sì, però hanno corretto molte cose, no? Preferivate lo lasciassero buggato? Ok, non è simpatico come atteggiamento, comunque mi pare che le altre case non facciano troppo meglio. Sarà che ormai il ciclo di vita dei prodotti richiede tempistiche difficili da rispettare e gli smartphone sono sempre più complessi. Io sarei già contento del fatto che adesso è finalmente diventato un terminale decente.

klau1987

orami tutti i telefoni escono in beta ed effettivamente è una cosa vergognosa. salvo alcune eccezioni cominciano ad andare bene quando è già stato annunciato il loro successore. assurdo

Aristarco

È uscito dal bar

Quei toggle continuano a fare schifo

Tra l'altro Mi 8 funziona splendidamente ancora oggi

RubenDiaz89

Spendi di piu'.

RubenDiaz89

Funziona, avvedi il pappagallo.

RubenDiaz89

Solo sui pixel.

RubenDiaz89

Ahahahah :D

RubenDiaz89

Apple Iphone.

RubenDiaz89

Hanno tutti i polpastrelli strani.

RubenDiaz89

Think a different...

Recensione Realme GT Neo 3T: piccoli passi in avanti

Samsung Galaxy S22 Ultra Snapdragon vs Exynos: il nostro test | VIDEO

Recensione OnePlus Nord CE 2 Lite 5G: provatelo, prima di giudicarlo

In vacanza con tre Oppo Find X5: confronto foto e... il risultato non è scontato