Recensione OnePlus 10 Pro: funziona bene, ma si perde nel mucchio

22 Aprile 2022 162

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

OnePlus 10 Pro è l'ultimo nato della casa cinese, arrivato in Italia dopo un debutto tiepido al culmine di un periodo non facile, concretizzatosi con la fusione ufficializzata con OPPO. Per il momento è l'unico flagship della casa e prosegue con alcuni spunti tecnici inaugurati lo scorso anno come la collaborazione con Hasselblad per il reparto fotocamere, mentre tenta strenuamente di conservare un po' di quella personalità che aveva reso popolari gli smartphone "flagship killer".

OnePlus 10 Pro è uno smartphone al quale mi sono approcciato, in tutta franchezza, senza il solito entusiasmo curioso che da sempre mi accompagnava durante gli unboxing delle curatissime confezioni rosse never settle, perché nel corso degli anni ho seguito tutto il percorso, dal mitologico OnePlus One fino agli elevati standard di OnePlus 9 Pro, e ora non posso che constatare come la poesia si sia persa e l'ultimo nato sia più che altro uno tra i tanti, che probabilmente non ricorderemo a lungo.

INDICE

DESIGN: SI SA FAR NOTARE

A primo impatto OnePlus 10 Pro è uno smartphone quantomeno interessante, che prova a distinguersi dagli altri con una serie di caratteristiche fisiche ben pensate. In particolare la parte posteriore è caratterizzata da un ampio modulo fotografico che ospita tre obiettivi e un doppio flash LED, la "mattonella" in ceramica si lega senza soluzione di continuità al frame laterale metallico, un po' in stile Galaxy S21 Ultra.

La back cover è in vetro (Gorilla Glass Victus) satinato, per entrambe le colorazioni nera (Volcanic Black) e verde (Emerald Forest) la finitura è satinata e non trattine le impronte. Si crea quindi un bel gioco di riflessi e materiali tra frame metallico lucido, camera bump in ceramica e cover posteriore in vetro opaco.

Il secondo aspetto degno di nota è lo spessore, ridotto ad appena 8,55 mm che immediatamente in mano trasmette una bella sensazione di raffinatezza, per quanto esponga a qualche problema di stabilità strutturale, per il quale in verità non siamo un granché preoccupati considerando l'uso che si fa di uno smartphone. Si sente invece, e contribuisce nel restituire un feedback premium, la vibrazione, affidata ad un motore lineare che si muove sull'asse X, preciso nei feedback aptici ma potente quando deve farsi sentire in tasca.


Le dimensioni sono importanti, il peso supera appena i 200 grammi ma non risulta mai eccessivo visto che è ben distribuito sul corpo del dispositivo.

La parte frontale è invece rimasta la stessa dello scorso anno, con foro in alto a sinistra, cornici abbastanza sottili e bordi leggermente curvi. Gradevole nel complesso ma ormai vista e rivista su moltissimi prodotti. Conferma, infine, per lo slider fisico per impostare la modalità silenziosa e non disturbare, un elemento comodissimo e utilizzato inspiegabilmente solo da OnePlus.

73.9 x 163 x 8.55 mm
6.7 pollici - 3216x1440 px
75.9 x 163.9 x 8.9 mm
6.7 pollici - 3120x1440 px
69.9 x 152.7 x 8.16 mm
6.28 pollici - 2400x1080 px
75.8 x 157.4 x 7.6 mm
6.6 pollici - 2340x1080 px
71.5 x 146.7 x 7.65 mm
6.1 pollici - 2532x1170 px

Grande assente la certificazione IP68 contro acqua e polvere. Da anni OnePlus la sacrifica per mantenere basso(?) il prezzo, di fatto lo smartphone resiste senza problemi alle brevi immersioni, solo non è certificato come tale, con buona pace dei mugugni di addetti ai lavori e fan.

DISPLAY

Lo schermo è un Fluid AMOLED E4 di Samsung Display da 6,7 pollici con risoluzione QHD, si tratta di un LTPO di seconda generazione che arriva a 120 Hz. Nulla di diverso rispetto allo scorso anno, quando già risultava tra i migliori in circolazione, la luminosità di picco è di 1300 nits, il sensore di prossimità e luminosità lavorano bene e nelle impostazioni è possibile regolare con grande precisione la taratura cromatica, arrivando addirittura a personalizzare il tono in base ad un test di visione dei colori.


Tra le particolarità di questo display c'è una doppia calibrazione cromatica realizzata a 100 e 500 nit, quando solitamente gli smartphone ricevono una sola taratura a media luminosità. Ciò permette di conservare una buona visualizzazione dell'immagine non solo a medie illuminazioni ma anche in condizioni di buio, con luminosità su valori minimi.

Il refresh rate è ben gestito e si muove da 10 a 120 Hz in modo intelligente, adattandosi anche al framerate dei contenuti multimediali visualizzati.

SPECIFICHE TECNICHE: AL TOP

La scheda tecnica di OnePlus 10 Pro non tradisce, mostrandosi capace di reggere il confronto con smartphone ben più costosi senza sbavature rilevanti (peccato per barometro e jack audio).

  • display: AMOLED LTPO 2.0 da 6,7" QHD+ curvo 3D, 525ppi, 20,1:9, contrasto 5.000.000:1, schermo-scocca 92,7%, refresh rate 1-120Hz, 1300nit, supporto AOD (1Hz), Corning Gorilla Victus, doppia calibrazione del colore
  • piattaforma mobile: Qualcomm Snapdragon 8 Gen 1
  • memoria:
    • 8/12GB di RAM LPDDR5
    • 128/256GB interna UFS 3.1
  • connettività: 5G, WiFi 6, Bluetooth 5.2, NFC, USB-C 3.1, GPS dual band, Glonass, Beidou, Galileo dual band
  • altro: HyperBoost Gaming Engine con GPA Frame Stabilizer e O-Sync, 3D Passive Cooling System, Alert slider
  • dual SIM:
  • audio: 2x speaker, supporto Dolby Atmos, 2x mic, supporto cancellazione rumore
  • OS: OxygenOS 12.1 basato su Android 12
  • sensore impronte digitali: integrato nel display
  • fotocamere:
    • anteriore: 32MP Sony IMX615, f/2,4, EIS, video fino 1080p a 30fps
    • posteriori:
      • 48MP principale, Sony IMX789, 1/1,43", pixel da 1,12um, f/1,8, OIS, 23mm eq.
      • 50MP ultra grandangolare, Samsung ISOCELL JN1, 1/2,76", pixel da 0,64um, f/2,2, FOV 150°
      • 8MP tele, f/2,4, OIS, pixel da 1um, 77mm eq., zoom ottico 3,3x
      • doppio flash LED, PDAF, video fino 8K a 24fps, modalità Hasselblad Pro per scatti in RAW a 12 bit, modalità Movie
  • batteria: 5.000mAh con ricarica rapida cablata SUPERVOOC a 80W, wireless AIRVOOC a 50W (da 1 a 100% in 32 minuti)
  • colori: Foresta di smeraldo (12/256GB), Nero vulcano (8/128GB e 12/256GB)
  • dimensioni e peso: 163x73,9x8,55mm per 200,5g

Le prestazioni non temono confronti, sono ottime sotto tutti i punti di vista. Lo Snapdragon 8 gen 1 viene ben gestito a livello di temperature, senza mai rinunciare alla reattività proverbiale degli smartphone OnePlus. Riesce a dissipare il calore grazie ad una piastra di grandi dimensioni molto simile (uguale?) a quella di Realme GT 2 Pro, che abbiamo visto riuscire a spingere al limite il SoC. Il sistema di dissipazione passivo è realizzato con strati di rame, carbonio, grafene e una camera di vapore in acciaio.

Chiaramente il gaming è un terreno fertile, ma è anche nell'utilizzo quotidiano che OnePlus 10 Pro si sa far apprezzare per la costanza di rendimento e la fluidità generale con cui si muove tra le app e nel sistema.

Rimanendo ancora per un attimo nel contesto ludico, ricordo un paio di funzionalità dedicate GPA Frame Stabilizer si occupa di analizzare dinamicamente il frame rate del gioco e veicolare risorse a GPU e CPU per evitare drastici cali di frame, privilegiando un downgrade graduale. O-Sync invece aumenta il sampling rate del display quando si sta giocando, diminuendo il tempo di risposta fino a 30 millisecondi.


AUTONOMIA

Merita un paragrafo a parte l'autonomia: all'interno della scocca si trovano ben 5000 mAh di batteria, divisi in due moduli per massimizzare le performance in ricarica, numeri notevoli considerando che le dimensioni non sono variate rispetto al predecessore, che però aveva una batteria da 4500 mAh.

Dopo gli ultimi aggiornamenti OnePlus 10 Pro non fatica ad arrivare a sera anche nelle giornate più stressanti, mediamente son riuscito a coprire 7 ore abbondanti di display attivo, un dato notevole rispetto alla concorrenza sulla fascia alta, che, tolto iPhone 13 e 13 Pro, non è mai riuscita a darmi totali garanzie.

Ricarica da 0 a 100% in poco più di 30 minuti grazie all'alimentatore (fornito in confezione) da 80 Watt, ottima anche quella wireless che arriva fino a 50 Watt (0-100 in 50 min), un bel valore aggiunto.

USO DI TUTTI I GIORNI: AFFIDABILE

Il vero punto forte di OnePlus 10 Pro è il daily use, ovvero una folta schiera di caratteristiche di comportamento che incidono in modo importante nell'usabilità quotidiana. Nel tempo mi son trovato tra le mani smartphone con specifiche mirabolanti che però si perdevano in aspetti relativamente marginali e altri prodotti, tra cui proprio il OnePlus 10 Pro, che pur senza guizzi, riescono sempre a cavarsela bene.

Innanzi tutto ha un'ottima ricezione e gestisce perfettamente l'aggregazione di banda, supporta due nano-SIM, mentre manca la possibilità di usare e-SIM (eddai, ndr). Anche l'audio in chiamata riesce a dare soddisfazioni, è chiaro e forte, sfrattando i due altoparlanti anche in vivavoce.

Per la riproduzione multimediale OnePlus 10 Pro si appoggia proprio ai due speaker, di cui uno principale sbilanciato sui bassi e la capsula auricolare che ricrea un suono stereofonico, seppur non proprio equilibrato. Il volume è elevato, la qualità è ok, nella media senza eccellere.


Discorso a parte lo merita la Oxygen OS 12.1, basata su Android 12 che arriva nativamente su questo smartphone e riceverà almeno 3 major update e 4 anni di supporto per le patch di sicurezza. Dell'originale Oxygen rimane ben poco, non tanto in termini di funzionalità che bene o male son state mantenute, quanto più nell'essenzialità e semplicità che derivava dalla Cyanogen MOD su cui era basata.

Sappiamo che Oxygen OS e Color OS sono destinate a diventare una cosa sola, per il momento rimaniamo in una sorta di Frankestein con il cuore del software che è quello di OPPO e il corollario OnePlus, con elementi come la storica schermata Shelf che si attiva con uno swipe down dall'angolo in alto a destra, la ZenMode che aiuta a posare lo smartphone per un po' durante la giornata o la funzionalità Work Balance Life che permette di impostare due profili in cui personalizzare l'arrivo delle notifiche. A ciò si aggiunge anche un buon tool per migliorare ulteriormente l'esperienza d'uso in gaming.

Complessivamente possiamo dire che non manca niente e anzi, con la fusione insieme alla ColorOS è migliorata ulteriormente la cura per l'aspetto grafico e le animazioni, ora un po' più vistose e appaganti rispetto a quelle fulminee a cui eravamo abituati con la Oxygen.

COMPARTO FOTO: NIENTE MIRACOLI

Il comparto fotografico di OnePlus 10 Pro è stato leggermente impoverito rispetto al predecessore, in particolare si è persa una fotocamera monocromatica e la ultrawide ha cambiato sensore adottandone uno più piccolo, abbinato ad un'ottica con FOV di 150 gradi.

Il sensore principale è l'ottimo IMX789 con dimensioni di 1/1.43 pollici, con risoluzione di 48 MP, è un pacchetto di buona qualità, capace di restituire generalmente foto ben dettagliate e pulite. Il software però sembra essere peggiorato enfatizzando ulteriormente una tonalità magenta sulle ombre e un po' di rumore appena la luce non è ottimale, in compenso risulta leggermente meno contrastato.

Lasciatemi dire che è un po' un peccato che nonostante la collaborazione con Hasselblad in un anno non siano ancora riusciti a trovare la quadra, pur partendo da un'ottima base tecnica. Avevo visto belle potenzialità su OnePlus 9 Pro, ma qui sono rimasto deluso.

Nulla di particolare da segnalare sul teleobiettivo 3.3, la risoluzione è bassa ma la qualità è in linea con i principali competitor, che sul tele non combinano un granché.

La ultrawide invece adotta il Samsung ISOCELL JN1, sensore che spesso troviamo sugli smartphone di fascia bassa come fotocamera principale. La qualità è mediocre ma almeno si può scattare con FOV di 150 gradi per un effetto fisheye divertente. Lo abbiamo visto all'opera su Realme GT2 Pro ma ho avuto l'impressione che lì avesse una resa leggermente migliore. I problemi sono quelli tipici di un ultra grandangolare, poca nitidezza e aberrazioni cromatiche ai bordi.

Abbastanza bene i selfie, da 32 MP, purché ci sia buona luce, però l'immagine non è mai pulitissima dal rumore, specialmente sullo sfondo. Di solito succede quando il software interviene aggiungendo nitidezza senza un adeguato denoiser.

I video arrivano fino alla risoluzione 8K a 24 fps, oppure 4K fino a 120 fps (senza stabilizzazione digitale), hanno una qualità davvero elevata, in proporzione molto migliore rispetto alle foto. Mi sono piaciuti i colori, la gestione dell'esposizione e il fuoco, sempre preciso.

Male invece i video realizzati con la cam anteriore, sembra che la stabilizzazione digitale non sia attiva, probabilmente per un bug.

IN CONCLUSIONE

OnePlus 10 Pro viene proposto a partire da 919 Euro nella versione 8/128 GB e 999 Euro nella variante 12/256 GB. Prezzi identici allo scorso (e all'anno precedente), bisogna quindi riconoscere il merito a OP di non aver alzato ulteriormente i listini, come invece stanno facendo tutti nel 2022.

Non bisogna fare l'errore di paragonare questo dispositivo ai prodotti "ultra", come S22 Ultra, Xiaomi 12 Pro, OPPO Find X5 Pro, iPhone 12 Pro, che costano di più e offrono di più, bensì alla fascia alta, nella quale trova alcuni diretti competitor con i quali riesce a giocarsela avendo molto da dire.

Da buon smartphone di fascia alta offre una solida esperienza d'uso, senza brillare per qualche aspetto in particolare, è però completo e senza quelle sbavature (IP68 a parte) su cui tutti alla fine cadono. Le principali alternative sono dunque:

  • Samsung Galaxy S22 Plus: costa almeno 100 Euro di più, è impermeabile, ha un software migliore, ma ha qualcosa in meno lato batteria e ricarica, con qualche problemino con le prestazioni della GPU
  • OPPO Find X5: stesso prezzo ma processore di una generazione precedente e schermo inferiore, fotocamere migliori e dimensioni più compatte
  • Xiaomi 12: costa 100 euro di meno a parità di memoria, non ha il teleobiettivo ma ha una macro, per il resto si equivalgono, dimensioni a parte.
  • Google Pixel 6 Pro: è un osso duro per tutti ora che è stato aggiornato come si deve, si fa fatica a trovare ma è completo a 360 gradi
  • Realme GT 2 Pro: molto meno curato nel design ma prezzo sensibilmente più basso a fronte di un hardware quasi uguale
  • Motorola Edge 30 Pro: idem come sopra, leggermente più debole sul comparto foto ma permette di risparmiare un bel po'

A questi si aggiungono chiaramente i top di gamma dello scorso anno ormai scesi di prezzo, OPPO Find X3 Pro, Samsung Galaxy S21 Plus e i soliti iPhone, insomma la competizione non manca, i tempi sono cambiati e OnePlus dovrà fare qualcosa in più per riuscire a rimanere a galla, per lo meno se i prezzi rimarranno attorno ai 1000 Euro.

Prestazioni e temperatureAutonomia e ricarica veloceDisplay gestito sapientemente
Fotocamere migliorabiliManca certificazione IPAudio stereo un po' debole

VOTO: 8.5

VIDEO


162

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
fire_RS

non so dirti, con il pro era così anche subito dopo l' uscita, ed era il loro top di gamma, poi non so se per altri modelli hanno altre politiche. Ma in generale oppo mi sembra decisamente superiore come aggiornamenti, su find x2 neo dopo 1 anno e mezzo ricevo ancora le patch ogni mese.

nonècosì

Io ho il 7 ed ho le patch ogni 2 mesi, le scorse erano quelle di marzo e settimana scorsa ho ricevuto quelle di aprile

fire_RS

Ho avuto op7pro e le patch arrivavano SEMPRE ogni tre mesi.

nonècosì

ma quando mai, almeno informarsi? sulla serie princiaple per i primi due anni le patch sono mensili dal terzo diventano bimestrali non arriveranno il primo del mese ma arrivano e comunque garantisce tre major. I problemi sono sulla serie nord dove gli aggiornamenti sono bimestrali

fire_RS

op le patch di sicurezza le manda quando gli pare, non arrivano ogni mese, e con i major fa sempre casini

fire_RS

Dipende dal brand. Ho un oppo pagato 399€ e mai visto un lag.

fire_RS

io l'ho tenuto 1 anno e mi sono trovato bene...avevo problemi solo con i vocali whatsapp a causa del sensore fasullo.

Da Sold.out a knock.out è un attimo

FlowersPowerz

Il primo costava 269€, che tracollo.

lorenzo68

Ormai si perdono nei numeri di massa.

Alessandro M.

Oneplus doveva continuare con la sua solita oxygen, e ad aggiornare in stile pixel puntualmente e invece ora si trova anonima e con un os senza identità...a sto punto che facciano come in Cina direttamente con la color os a bordo e fine.

Fabrizio

Già , però è la stessa evoluzione che vediamo praticamente su tutti i top gamma, ormai design a parte ci si limita a piccolissimi miglioramenti di anno in anno, almeno OP ha tenuto i prezzi stabili (anche se sempre alti).
Sicuramente si sarebbero potuti impegnare di più, così come tutti gli altri produttori android.
Il bello di questa staticità è poter prendere i telefoni degli anni precendenti a prezzi d'occasione senza perdere chissà quali benefici

S22 superiore sotto ogni aspetto, dalla completezza hardware al supporto di 4 anni ecc non c’è storia con OnePlus.. solo un pazzo potrebbe preferirlo

Francesco

Mah, io vado avanti da oltre 3 anni con 1+ 6T. A parte il calo della batteria (che cambierò con 15€), il resto è perfetto. Va come il primo giorno. Niente lag, 0 crash. E chi me lo fa fare di cambiarlo? Soprattutto, perché?

Nicola

Imho il peggiore di tutti. Sensore luminosità imbarazzante, qjello di prossimità praticamente fallato, e dopo 3 mesi era polvere ovunque dentro alle fotocamere per colpa di quella pop up.del cavolo

Nicola

Dipende cosa vuoi e cosa ti aspetti. Per me un medio gamma lagga già da nuovo, non riuscirei ad usarlo 6 mesi. Già su samsung a volte laggano i top. Se prendi op allora si, anche un nord va che è una scheggia

Nicola

Stessa cosa per me, dal.primo al 9 pro cambiati tutti, il 10 lo salto

Nicola

Apple ok li siamo al top su tutto se ti piace, samsung.... Ni. Fra un s22 e op10 io scelgo op10

LastSnake

Si si ma si intravedeva già la fine con il foro invece della pop up. Poi vabbè con la serie 9 addio

MisterB
Alessandro De Filippo

Se spendo tanto esigo tanto e bene.. altrimenti sta sullo scaffale.

Alessandro De Filippo

Scusate.. parlavano di mancanza di Chip..e sfornano millemila modelli? Ma dai ..

AlterEgo

Esattamente

X Wave
sailand

Samsung è appena stata beccata a rallentare le app sin da nuovi, chissà quante volte lo hanno già fatto in tanti.
Non raccontiamoci balle sulla longevità che senza aggiornamenti di sicurezza oggi si rischia di brutto.
Certo se lo usi solo per i social non rischi come chi usa app bancarie, di pagamento, sanitarie, autenticazione a due fattori, sanitarie….
Quanto al discorso batterie gli iPhone fanno cose incredibili con batterie ridicole, segno di un software talmente superiore da necessitare di molta meno potenza.

X Wave

Dopo che hanno pizzicato la Apple a rallentare i telefoni con gli aggiornamenti trovo che molti cellulari siano più longevi almeno a livello di software.
Io ho un S10 che va ancora una bomba, l'unica cosa che secondo me ci fregano ancora è la batteria, l'ho fatta sostituire con l'originale e dura ancora mezza giornata....lo Xiaomi che avevo prima stessa cosa....gatta ci cova!

MacheteKowalski

E OnePlus 2 quando tutto ebbe fine. Io continuo a vedere gli stessi pregi ma anche gli stessi difetti anno dopo anno, con l'aggravante che il prezzo è praticamente triplicato.

Mr. Robot

Su quelle cifre, tolte le preferenze personali, c'è solo Samsung e Apple.
Purtroppo One Plus ha abbandonato la sua filosofia e si butta in competizione con chi la sa più lunga, a mio avviso.

Rimane comunque un ottimo smartphone ma lo davo per scontato, vista la cifra.

Stef76

Vero, alcuni brand arrivano a 3anni ma se confronto un oneplus9 e un s21, continuo a preferire s21 a quasi parità di prezzo. Ho attualmente un note20 che viaggia in modo spettacolare ed è la prima volta che, in quasi 2anni di utilizzo, non ho mai fatto un reset. Forse, sarebbe il caso ma non ne sento minimamente il bisogno.

Antonio F.

e anche di ogni marchio

Antonio F.

alla fine e' nera solo per chi compra il nuovo appena uscito.
chi pazienta un anno o meglio ancora compra, come me, l'usato, ha la possibilita' di avere dei buoni telefoni a un prezzo decente

nonècosì

gli aggiornamenti non sono peggiorati, semplicemnte samsung ha cominciato a fare meglio. OP garantisce ancora 3 major sui top

fire_RS

Nothing non mi ispira più di tanto sarà qualcosa in stile OnePlus

fire_RS

7pro all'epoca era un mostro, bellissimo e il primo con la pop up camera...e lo pagai 550€...adesso con quella cifra te lo sogni un OnePlus.

fire_RS

Nel mercato android attualmente basta che prendi un medio di gamma sui 400-500 e sei a posto per anni. Se i top di gamma non sono nulla di che non vuol dire mica che bisogna passare a iPhone per forza.

fire_RS

Il problema di OnePlus è che hanno le stesse mancanze che avevano con i primi modelli (cam non al top, no certificazione ip, e per giunta con gli aggiornamenti sono peggiorati notevolmente), per giunta non hanno più la oxygen ma la color os (ottima ma a questo punto prendo un realme che costa meno o un Oppo che è superiore).....ma di contro i prezzi sono spropositati per un top di gamma monco...

lorenzo68

OnePlus One quando tutto ebbe inizio. Peccato.

Gold

Io ho 8 Pro e non solo non sento il bisogno di cambiarlo, ma mi sembra addirittura migliore di molti top di gamma usciti quest'anno.

Gold

8 e 8 Pro con l'ottimo Snapdragon 865 erano ancora dei buoni smartphone.
Dopo è iniziato il declino con decine di modelli spazzatura e top di gamma decisamente mediocri

IlMaggioreCet

Purtroppo non è più l'azienda che fino a 3/4 anni fa proponeva device dall'alto rapporto prezzo/prestazioni.
E' proprio un problema di management aziendale, si è passati da una gamma molto ridotta(2/3 modelli) a una gamma che ricalca i vari oppo/xiami/realme ecc.. che però hanno molta più presenza sul mercato.

Se continuano così, one plus fa il botto e sparisce dal mercato.

niccolò

non mi fa impazziiiiiiiiireeeeeeee non mi fa impazziiiiirrrreeee

niccolò
niccolò
Vran

Ma con quella piastra lì dietro quanto ci mette l'acqua a bollire?

nonècosì

il problema è che i cinesi metto "pro, ultra, max, plus" ect ect a caso, questo 10 pro va a competere con il 9, e l'ultra che deve uscire competerà con il 9 pro

Tins

Ok capito... Però non trovo una versione che funzioni perfettamente

Federico

Si esatto il nord 2 è un ottimo telefono, senza dubbio l'unico che si salva, però appunto viene surclassato dai vari realme GT, il master edition, i neo ecc...

Big G

Mediamente perché? Oneplus e Oppo offrono 3 major per i loro top gamma e 4 anni di patch! Certo Samsung fa ancora meglio così come Apple ma già 3 anni di versione Android e relativa skin e 4 anni di patch sono più che ottimi

IlMaggioreCet

Ennesimo brand che si è perso nell'anonimato della concorrenza cinese.

Siamo passati da slogan come "flagship killer" a "1000 euro e qualche compromesso", e anche i medi gamma non li vedo così competitivi nel mercato attuale.

La vedo gnara...

Bumba

Ho scritto per sfizio, ma uso molto il cellulare anche per lavoro.
L'8pro va ancora una meraviglia.

Google Pixel 6 Pro dopo tanto tempo è tutto un altro smartphone | Video

Recensione OPPO Reno7: bel design e cuore da fascia bassa

La politica dei prezzi barrati non ci fa bene | Video

Stai acquistando uno smartphone economico? Ecco gli errori da non fare