Recensione Xiaomi 12 Pro: tanto stile e pochi compromessi

04 Aprile 2022 221

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Quest'anno più che mai è diventato complicato districarsi tra i migliori smartphone, tutti i principali produttori lavorano infatti di fino per migliorare "quel tanto" la precedente generazione e di sbagli clamorosi non se ne vedono proprio. Cosa che si può dire anche per Xiaomi che ha fatto di sicuro centro con la triade della serie 12 che vede naturalmente il 12 Pro al vertice, forte delle sue fotocamere e ricarica rapidissima.

La sfida vera per Xiaomi non è tanto quella di dimostrare che i suoi top di gamma sono all'altezza della concorrenza - anche perché li abbiamo già messi a confronto e le differenze non sono poi così sostanziali - quanto convincere l'utenza a spender tanto anche per i propri smartphone, sganciandosi dalla fascia media che ne ha fatto le fortune. Concentriamoci adesso sul 12 Pro che ormai ho sempre con me da un paio di settimane, un fedele compagno che ho imparato a considerare e rispettare.

DESIGN E DISPLAY
74.6 x 163.6 x 8.16 mm
6.73 pollici - 3200x1440 px
69.9 x 152.7 x 8.16 mm
6.28 pollici - 2400x1080 px
69.9 x 152.7 x 8.16 mm
6.28 pollici - 2400x1080 px

La parola d'ordine a questa tornata è stata "essenzialità", le linee morbide, curve e precise delineano una ricerca della semplicità nella sua accezione più prestigiosa. Il vetro posteriore satinato offre una sensazione di leggero ruvido piacevole e utile al fine di migliorare il grip e annullare qualsiasi impronta. Riconoscibile e identitario il sistema delle fotocamere posteriori che propone in alto la gigantesca ottica della principale e sotto, in verticale, le altre due (con flash a fianco), il tutto rialzato di qualche millimetro rispetto al resto del corpo. Lo trovo elegante e pulito, soprattutto in questa colorazione scura "Gray".

Capitolo a parte per il display, un fantastico Super Amoled da 6,7 pollici che si è guadagnato già riconoscimenti esterni e vanta le caratteristiche che ad oggi ci si attende da un modello di questa fascia: risoluzione WQHD+, frequenza variabile - compresa tra 10 e 120Hz da quello che vedo - e luminosità altissima fino ai 1.500nit dichiarati. Display leggermente curvo che dona quel tocco di modernità quando lo si guarda frontalmente, non tutti li ameranno ma rendono anche la presa più semplice e di certo non siamo davanti ad un angolo esagerato.

PRESTAZIONI

Cosa dire se non che sotto alla bella scocca batte la migliore piattaforma mobile ad oggi disponibile, memorie velocissime e abbondanti e un software aggiornato. Poche parole che riassumono una soddisfazione generale nell'esperienza d'uso di tutti i giorni, qualsiasi cosa si faccia, dall'operazione più semplice a quella più complessa. Il 12 Pro non batte ciglia anche sotto stress massimo, si mantiene a temperature contenute e continua a fornire sempre quella fluidità che ci si attende dal primo della classe.

Ad aiutare sotto il profilo termico ci pensa un'ampia camera di vapore ultra-sottile e tre strati di lamina di grafite che Xiaomi ha messo insieme per dissipare al meglio. Temperature che restano sotto controllo anche in fase di ricarica, ma su questo punto vi invito a leggere il prossimo capitolo.

SCHEDA TECNICA
  • Display E5 LTPO Super AMOLED da 6,7", risoluzione QHD+ (1.440 x 3.200 pixel), refresh variabile tra 1 e 120 Hz, luminosità di picco 1.500 nit, SGS Eye Care Display Certification
  • SoC: Snapdragon 8 Gen 1 di Qualcomm (4nm) + GPU Adreno 730
  • Memoria: 8+256 GB, 12+256 GB, UFS 3.1 (1917 MB/s in lettura e 1383 MB/s in scrittura) non espandibili. RAM LPDDR5X
  • Fotocamere:
    • principale posteriore: 50 MP f/1.9, lenti 7P, grandangolo, OIS, sensore Sony IMX707 2.44 μm 4-in-1 Super Pixel
    • secondaria posteriore: 50 MP, ultra-grandangolo 115° FOV, f/2.2
    • secondaria posteriore 50 MP, telefoto 2x f/1.9 48mm equivalente
    • anteriore: 32 MP 1.4μm 4-in-1 Super Pixel, f/2.45
  • Batteria: 4.600 mAh
  • Ricarica: 120 W cablata, 50 W wireless, 10 W inversa Xiaomi AdaptiveCharge Pro
  • Connettività: 5G, Dual SIM dual 5G standby, Wi-Fi 6/6E, Bluetooth 5.2, NFC
  • Audio: quattro speaker stereo, no jack
  • Scanner di impronte digitali ottico sotto al display
  • Sistema operativo: MIUI 13 basata su Android 12
  • Dimensioni: 163,60mm x 74,60mm x 8,16mm
  • Peso: 205 grammi

Ho giocato tanto con questo smartphone e goduto del massimo dettaglio possibile, senza nessuna sbavatura e con il piacere di un display di fascia superiore e audio di ottimo livello. La GPU Adreno 730 è la compagna che di certo non pone limiti in ottica multimediale e permette anche di spingere al massimo senza doversi preoccupare di qualche limitazione, anche termica.

Mi piace molto anche Game Turbo, il software nativo che permette di personalizzare l'esperienza di gioco controllando direttamente alcuni parametri come la modalità di gioco (Bilanciato o Prestazioni), monitorare l'uso di CPU, GPU e FPS come fossimo su un desktop gaming. Interessante anche il timer che permette di gestire al meglio le proprie sessioni, senza esagerare. Insomma una piattaforma funzionale, chiara e ben realizzata.

AUTONOMIA E RICARICA

Non sono molti gli smartphone capaci di superare il limite dei 100W di picco in ricarica, la stessa Xiaomi l'ha già proposta in almeno due casi (l'ultimo l'11T Pro) e guarda già avanti con soluzioni che promettono di dimezzare i tempi già brevissimi. Il vantaggio nella vita di tutti giorni è evidente, soprattutto per chi ha una quotidianità un po' frenetica che non prevede uno stazionamento continuo in luoghi ben serviti da prese elettriche.

Insomma, ricaricare a metà le batterie da 4.600mAh del 12 Pro in 10 minuti è un fattore che conta, e conta tanto, soprattutto se pensiamo alle ricariche più conservative della concorrenza. Per preservare le celle, naturalmente, il grosso avviene sul caricabatterie (in confezione) che raggiunge temperature vicine ai 50°C nei momenti di picco, mentre restano sotto controllo su smartphone. L'autonomia è più che buona secondo la mia esperienza d'uso, adeguata per l'hardware spinto a disposizione che comunque non risulta troppo energivoro.

Vediamo lo spaccato del mio test di ricarica da spento:

  • in 0-5 min si raggiunge il 26%
  • in 10 min si raggiunge il 51%
  • in 15 min si raggiunge il 71%
  • in 20 min si raggiunge il 93%
  • in 22 min e 21s si raggiunge il 100%

FOTO E VIDEO

Eccoci ad un altro dei piatti forti di questo 12 Pro, la fotocamera principale. Si tratta del primo smartphone al mondo ad integrare l'enorme sensore d'immagine Sony IMX707 da 50MP: parliamo di un formato 1/1,28" (pixel 4 in 1 da 2,44 μm) con obiettivo a 7 elementi, apertura f/1,9 e stabilizzatore ottico. Tutti numeri da capofila per l'universo mobile, tuttavia sappiamo che l'hardware non basta e bisogna lavorare di fino via software per tirare fuori il meglio.

Credo che Xiaomi abbia già fatto un egregio lavoro, la carrellata di immagini che vi propongo di seguito ne sono una dimostrazione, ma credo che ci sia ancora del margine per miglioramenti futuri. L'ho trovata rapida, precisissima nella messa a fuoco e carica di dettagli. Volete un esempio? Ecco uno scatto complicato, in controluce e ravvicinato: nel confronto con altri top di gamma - in questa stessa foto - si è comportato meglio di tutti, impressionante come tenga nel crop senza che i pixel si perdano in un mare confuso.

Come dicevo c'è del margine per limare certi dettagli, come la sovraesposizione in certi momenti. Di notte, ad esempio, il rischio è di "esagerare" e sfalsare un po' così certe scene.

A fianco l'ultra grandangolare, sempre da 50MP e capace di scattare con ottimi risultati anche di notte. Poca distorsione laterale, risposta da Pro anche in controluce e unico vero limite rappresentato dall'assenza dell'autofocus, elemento prezioso anche su questo componente in ottica "macro". Non a caso il 12 Pro latita rispetto agli altri negli scatti più ravvicinati.


Nella norma invece la tele da 50MP, con un sensore d'immagine certamente più piccolo ma comunque luminoso (f/1.9), capace di portare a casa discreti risultati ma senza sbalordire. Paga pegno, e tanto, se confrontato con iPhone 13 Pro Max e Galaxy S22 Ultra.


Fotocamera frontale da 32MP anch'essa abbastanza standard, riproduce bene le tonalità della pelle ma rischia di entrare in confusione quando le condizioni di luminosità non sono ottimali. Non mi piacciono tutti i filtri che cambiano e "migliorano" il volto, Xiaomi non è certo l'unica che spinge su questi software che trovo in ogni caso fuorvianti. Volete un esempio di quanto si possano spingere in là? Ecco Greta in due scatti: nel primo è un semplice autoscatto, nel secondo abbiamo attivato tutti i filtri al massimo.


Più che ottimi anche i video a qualsiasi risoluzione, ricordo infatti che ci si può spingere fino all'8K a 24fps (max 6 minuti continuativi), seppur il miglior bilanciamento lo si trova sempre in 4K. Buona la stabilizzazione, di notte si notano tuttavia piccoli micromossi a confronto dei migliori.

Autofocus che lavora molto bene, rapidissimo, in certi momenti un pelo troppo rapido ma comunque molto preciso. Belli anche i colori riprodotti, anche qui si tende però a sovraesporre in condizioni più complicate. In generale è uno dei migliori smartphone in circolazione per l'acquisizione dei filmati in alta risoluzione.

AUDIO E RICEZIONE

Su questo modello Xiaomi ha integrato un sistema stereo più complesso del solito - curato da Harman/Kardon - che comprende ben 4 altoparlanti: due tweeter indipendenti e due woofer. Non ci sono altrettante feritoie, ne abbiamo infatti una sulla parte inferiore ed una su quella superiore. Il risultato è comunque molto buono, con un suono piuttosto pieno e caldo, pulito anche al massimo volume, seppure, da mie prove, il limite in alto sia inferiore rispetto a diretti concorrenti come iPhone 13 Pro Max, Galaxy S22 Ultra e Find X5 Pro.

Ricezione eccellente in tutte le condizioni, si tratta di un modello dual-SIM capace di supportare le reti di quinta generazione e tutti i migliori standard attuali: NFC, Bluetooth e WiFi 6. Più che forte la vibrazione su cui si può contare per la ricezione discreta di notifiche e chiamate.

CONCLUSIONI

Difficile davvero chiedere di più, Xiaomi ha davvero messo tutto o quasi all'interno di questo 12 Pro e, soprattutto, lo ha fatto senza lanciarsi in un territorio inesplorato dove campeggiano cifre folli. Non è certo economico, intendiamoci, ma la versione base può essere considerata in linea con la sua esclusività visti i suoi 1.099 euro.

Prezzo barrato, esatto, perché la casa cinese ha il brutto vizio di stabilire un listino che disattende dal primo istante con promo di lancio che abbassano nei primi giorni la soglia. In questo caso lo ha fatto di 150 euro per i primi due giorni, portando la variante da 8/128GB a 949 euro, e la domanda sorge così spontanea: qual è il vero prezzo? A mio avviso quest'ultimo e basterà probabilmente poco affinché si ritrovi su questa soglia.

Rapido, concreto e sempre più funzionale grazie alla MIUI 13, personalizzazione che ormai si può ritenere una delle più mature e interessanti dell'intero panorama Android. Se poi ci metti anche il motore di una Ferrari il mix è servito, ma occhio ai fratelli "minori" 12 e 12X che gli stanno alle calcagna e costano anche molto meno, soprattutto il 12X che con Snapdragon 870 (e il listino di 699€) di certo non sfigura.

PRO E CONTRO
PRESTAZIONI GENERALIRICARICA SUPER RAPIDA (120W) FOTO E VIDEO
PREZZO DI LISTINO GIA' BARRATO ALL'USCITAFOTOCAMERA FRONTALE SOLO SUFFICIENTE

VOTO 9

VIDEO


221

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ray

Può darsi ma il problema io personalmente non lo riscontro.

Ciccillo73

Be adesso invece lo ammettono..Nell articolo migliori smartphone sotto I 400€ dicono meglio lo Snapdragon 878 che il Fornetto 888...

Ray

Io non ho questo problema anche durante il gaming. Il problema grave è android auto. GPS PAZZO!

Ray

Ciao Marcus, io ho problemi gravi con Android Auto. Ogni tanto il GPS va in blocco e non funziona più. Riscontri la stessa cosa?

alberto redolfi

perchè ancora display curvo? ma porc....

Shmooze

Verissimo, il sensore non c'era proprio

pietro

Non è che avessero sensori fallati, non ne avevano proprio. Un algoritmo sfruttando i microfoni cercava di capire quando spegnere lo scherzo, ovviamente ha sempre funzionato a schifo sta roba

Maurizio Frascari

Esiste uno smartphone che non venga fatto in Cina a parte Samsung??

Ivan il Matto

Che bidone incredibile a 1000 piotte...ROTFL!

Shmooze

Flamer un cavolo, la storia dei sensori fallati sui dispositivi xiaomi va avanti da 2/3 anni, con una percentuale di telefonini fallati paurosa.

Shmooze

voglio sperare, questo il primo dispositivo che cambia la politica di show dopo anni di sole rifilata clienti. Me lo auguro anche io che il sensore di prossimità funzioni come si deve soprattutto per un dispositivo che non viene certo regalato

Gieffe22

ma figurati se a qualcuno dei flamers sotto interessa se il sensore funziona bene o meno bene, è semplicemente un appiglio per denigrare quello che tutto sommato è un buon prodotto al netto del listino non troppo concorrenziale.

Se anche avesse avuto un normalissimo sensore di prossimità avrebbero tirato in ballo qualsiasi altro dettaglio anche infinitesimale per attaccare questo brand, e se anche assurdamente fossero riusciti a tirare fuori un telefono perfetto (e sappiamo bene che non esiste per un motivo o per un altro) si sarebbero riversati nel folclore sui miti della miui buggata. Di fatto questa gente non ha interesse a valutare la mera bontà del prodotto,ergo cosa resta a questa gente per attaccare un buon prodotto? o parlare per sentito dire sul sw (tutti i vari commenti miui pessima etc), o impuntarsi su un dettaglio che magari per molta gente sarà anche importante sicuramente, ma che resta pur sempre un dettaglio, soprattutto visto che non funziona cosi' male come vogliono far passare.

Detto da uno che ci ha sbattuto la testa per mesi, fidati, lascia stare, è una causa persa.

Ogni tanto leggendo certe cose mi sale il sangue al cervello e commento un pò, ma nel più dei casi fin quando posso cerco leggere senza nemmeno provare più a rispondere ai vari troll, perchè di quello si tratta ormai.

I commenti oggi sono gli stessi di quelli di anni fa, quando i telefono costavano parecchio meno, e gli stessi commenti sono gli stessi di altri prodotti venduti a prezzo a volte assurdo (vedi lancio di poco f3 per dirne uno) per il valore hw del prodotto. Non è collegato insomma, criticherebbero a priori.

Anathema1976

Io ho anche letto di problemi di audio in chiamata, almeno questo è quanto è venuto fuori dalla review di Notebookcheck

Marcus

andate nel forum di questo sito e vedrete un altro utente, oltre a me, che dice le cose come stanno, provandole con il telefono in mano, non per sentito dire: il sensore di prossimità funziona bene.

Raiden
Lolloso

Perche i cinesi applicano il dumping commerciale. Vendono sottocosto con il governo alle spalle poi quando hanno distrutto la concorrenza slealmente, alzano i prezzi com è più di prima del loro arrivo sul mercato.

Shmooze

Più vedi xiaomi e più ti manca huawei...

Shmooze

L'unico che ha il nuovo sensore goodix è il pro, se anche il nuovo sensore fa le bizze andiamo bene

Shmooze

Questo è il primo Xiaomi con nuovo sensore Goodix, vedremo come va, tutti gli altri cessomì vanno evitati come la peste. Per quanto riguarda i recensori, è vero che tanti ci lavorano con i brand e non possono certo mettersi a fare la guerra con loro, ma è anche vero che Xiaomi manda ai giornalisti telefoni pre testati, quindi, quei 2/3 modelli dove il sensore di prossimità non fa tante bizze, ecco perchè per molti giornalisti il problema sembra non esistere.

Rdl13

Diciamo che se si vuole leggere qualche recensione che non puzzi di mark€tta si deve guardare altrove

Anathema1976

Una parte si, l altra per fortuna no

Rdl13
Rdl13
Aster

A ok,ho confuso i nomi

Joker

Più che altro non stupisce che alcuni molto validi/bravi abbiamo abbandonato la nave fino a quando la dignità era ancora presente.
Adesso io capisco che spalare c@c a su Xiaomi non è il massimo visto che se non ti manda più gli nmila modelli ti costa un rene ma probabilmente se i recensori mettessero i soldi di tasca loro sarebbero più obbiettivi.
Ne sono un esempio i canali più piccoli che guarda casa elencano problemi/difetti che su HDBlog non sono pervenuti.
Capisco che “ma tanto è gratis”, ma qua viene meno il compito del recensore, ossia recensire ed elencare problemi/difetti per far sì che il brand si possa migliorare.
Fino a quando diamo i voti alla cdc (cosa che ultimamente sta succedendo negli ultimi anni) cosa vuoi che i brand si migliorino? Saranno ormai 3/4 anni che il mercato mobile è fermo (escludiamo i foldable).
Dovremmo anche noi smettere di commentare sul blog evidentemente, quando capiranno che perculare la propria community non è intelligente sarà tardi :D

Sembra una lontana parente di Greta della redazione

Aster

Ma chi è?

Marcus

A me si spegne in ogni posizione

Effedi

Ci mancherebbero che non ci siano casi del genere. Quando li ho provati io, ad ogni modo, non ho notato alcuna differenza con i classici, su A52 ed A31. Anche sul gruppo telegram dedicato 0 lamentele.

Mefistofele

Beh magari sono semplici pretese e/o aspettative in relazione a ciò che ci si può permettere. Non si deve essere necessariamente folli come dici tu se si è disposti a spendere

AlterEgo
AlterEgo

Forse non è chiaro ciò che ho detto.
Se ti metti steso sul letto o in spiaggia o in piscina dove vuoi tu e porti il cell all'orecchio, non si spegne il display, mentre con quello fisico, SI.

Pino

E neanche quelli

Ciccillo73

Sembra una bambola di cera.

Anathema1976

In effetti l ha snaturata

Anathema1976

A livello di vendite lo è, ma dipende solo da loro, hanno la forza di fare quel che vogliono, e mi auguro decidano di darsi una sonora mossa, giusto per avere qualche alternativa in più all'invasione incontrollata dei Cinesoni.

è triste dover scendere ai commenti per trovare gli aspetti che contano nella scelta di un top.

Mauro Marano

Sony è un marchio morto da anni, diciamoci la verità. Non discuto i loro prodotti, discuto il brand in sè.

Anathema1976

Se si degnano di tornare nel nostro bel paese ci sono anche i Sony

Gold

Ho capito cosa intendi, ma dato che non è stata dichiarata come recensione sponsorizzata voglio sperare nella loro buona fede

saetta

E solo una constatazione

Superstar never dies

Ormai è il solito compitino. Soc nuova gen, camera nuova gen, schermo nuova gen. Di xiaomi c'è solo il sw e fa schifo. Perciò xiaomi fa schifo

niccolò

a me interessa solo la perte commenti tanto la recensione è la solita marchettata scritta sventolando un pezzo da 500€, quindi vado direttamente alla sezione commenti per colloquiare con altre persone

niccolò

ma poverino, sei una persona crudele

niccolò

"Recensione fin troppo generosa e superficiale per uno smartphone"

ti dico il segreto però prometti di non dirlo a nessuno???

Mauro Marano

Sopra gli 800€ hanno senso solo apple e samsung.

HeiSiri
Andredory

Beh, ma anche le recensioni degli altri telefoni hanno fatto pochi commenti quest’anno…

Gold

Recensione fin troppo generosa e superficiale per uno smartphone pieno di mancanze e dal prezzo decisamente esagerato.
Il voto neanche sarebbe da commentare, se mi dai un 9 mi aspetto qualcosa di vicino alla perfezione, cosa che questo Xiaomi decisamente non è.

Google Pixel 6 Pro dopo tanto tempo è tutto un altro smartphone | Video

Recensione OPPO Reno7: bel design e cuore da fascia bassa

La politica dei prezzi barrati non ci fa bene | Video

Stai acquistando uno smartphone economico? Ecco gli errori da non fare