ROG Phone 5s Pro, la recensione: una questione di dettagli

17 Novembre 2021 10

Il ROG Phone 5s (Pro) nasce dall'idea di mantenere un primato: l’azienda leader nel mercato dei gaming phone non può esimersi dal proporre l’ultimo processore sul mercato, il touch sampling rate più alto, le performance potenzialmente più elevate. Ciò detto e premesso l’ovvio, ovvero che se avete un ROG Phone 5 c’è ben poco qui che possa giustificare un possibile upgrade, non è necessariamente detto che qualcosa che non risponde a un’esigenza reale ma a una questione d’immagine non sia anche un valido prodotto.

Per fare un po’ di chiarezza sulla line up di smartphone targati ROG, partiamo comunque dalle basi: i nuovi ROG Phone 5s verranno venduti nei tagli 12 / 512 GB e 16 / 512 GB rispettivamente a 999 euro e 1.099 euro, nelle due colorazioni Storm White e Phantom Black, mentre il ROG Phone 5s Pro è disponibile solo nella configurazione 18 / 512 GB a 1.299 euro e solo in nero. Sono pensati per sostituire la linea di prodotti uscita la scorsa primavera, quindi terminate le scorte di quest’ultima, i tre sopra citati saranno gli unici reperibili nei negozi e online.

Rispetto a sei mesi or sono, le differenze sono da ricercarsi principalmente nella presenza dello Snapdragon 888 Plus al posto dell’888, nello schermo dotato di un touch sampling rate che arriva a 360 Hz dai 300 Hz precedenti e, nel caso del 5S Pro, in un paio di pulsanti a sfioramento extra e nello schermo posteriore a colori. Queste ultime due caratteristiche sono riprese dal 5 Ultimate, che aveva anch’esso uno schermo, in bianco e nero in quel caso, ed è stato venduto in pochissime unità, risultando per molti introvabile: i fan del brand ROG delusi al tempo del rilascio potranno ora rifarsi.

Per il resto, fatta eccezione per questa manciata di caratteristiche e per le configurazioni di RAM e storage, non ci sono differenze davvero rilevanti quindi in questa sede ci limiteremo a ripassare i punti più importanti e rimandarvi alla recensione originale per una panoramica più approfondita.

ROG PHONE 5s PRO - SCHEDA TECNICA
  • Piattaforma mobile: Qualcomm Snapdragon 888 Plus
  • Display:
    • AMOLED da 6,78", refresh rate 144 Hz, frequenza campionamento al tocco 360 Hz, risposta 1 ms, Corning Gorilla Glass Victus
  • Sensore impronte digitali: integrato nel display
  • Memoria:
    • 18 GB di RAM LPDDR5
    • 512 GB interna UFS 3.1
  • Connettività: 5G dual SIM, WiFi, Bluetooth 5.2, NFC, GPS, Glonass, Galileo, Beidou, QZSS, NavIC
  • Batteria: 6.000 mAh con ricarica HyperCharge 65 W (60% ricarica in 18 minuti)
  • Fotocamere:
    • anteriore: 24 MP, 27 mm eq.
    • posteriori:
      • 64 MP principale Sony IMX686, 1/1,73", pixel da 0,8 µm, f/1.8
      • 13 MP ultra grandangolare, FOV 125°, 11 mm eq., f/2,4
      • 5 MP macro, f/2.0
  • Sistema Operativo: Android 11
  • Dimensioni e peso: 173 x 77 x 9,90 mm per 238 g
  • Colore: Phantom Black
  • Altro: tecnologia audio Dirac HD Sound, sensori ultrasonici AirTrigger, AeroActive Cooler 5, Pulsanti Cooler, ROG Vision

SNAPDRAGON 888 PLUS: PICCOLE DIFFERENZE

Quest’anno Qualcomm non ha strafatto e la versione migliorata del suo SoC è sostanzialmente identica a quella originale. La differenza principale è che il core basato su Cortex-X1 del Kryo 680 sale da 2,84 GHz fino a 3,0 GHz mentre gli altri restano praticamente invariati, con tre core che si spingono fino a 2,42 GHz e quattro che arrivano invece a 1,8 GHz. Ci sono una manciata di altre modifiche che non influiscono però sulle performance gaming e che non portano benefici tangibili.

Lanciando Geekbench 5 con X Mode attivato, ovvero scegliendo la modalità performance, il risultato su singolo core di questo ROG Phone 5s Pro è stato di 1.162 contro i 973 del ROG 5 (16 / 512 GB) che abbiamo usato come termine di paragone, sempre scegliendo l’X Mode. Nel test multi core la differenza è stata, come prevedibile, meno marcata: 3.673 per il 5s Pro e 3.502 per la versione di sei mesi or sono.


Con Antutu, che considera diversi aspetti dalla CPU alla GPU, passando per la memoria, i risultati sono sempre piuttosto vicini: 837.636 per il ROG 5s Pro contro 808.713 del ROG 5, con numeri equiparabili per CPU e GPU e una differenza leggermente maggiore guardando alla memoria, un gap dovuto ai 2GB di RAM in più di questo nuovo modello rispetto a quello precedente che avevamo in prova.


Infine abbiamo utilizzato il test Wild Life Extreme Stress Test di 3D Mark per verificare le prestazioni nell’elaborazione 3D per un tempo prolungato - il benchmark viene ripetuto per 20 volte - e la stabilità nel corso di tutto il tempo di riproduzione. Nel caso del 5s Pro il miglior loop ha segnato 1.528 punti e quello peggiore 1.472, con una stabilità del 96,3%, mentre il ROG Phone 5 è passato da 1.512 a 1.336 con una stabilità dell’88,4%.


I benchmark restano comunque indicativi solo in parte: nell’uso quotidiano, giocando a titoli come PUBG, Pokémon Unite e Call of Duty Mobile è pressoché impossibile notare differenze apprezzabili tra i due dispositivi. Entrambi sono ottime soluzioni per chi cerca un gaming phone con eccellenti prestazioni, forse addirittura un po’ sovradimensionati rispetto a quelle che sono le reali esigenze dettate dall’attuale panorama dei titoli mobile, ad esempio nel caso della memoria.

CONTROLLO TOTALE

A livello di controllo, il ROG Phone 5s Pro offre la varietà di opzioni del passato e anche qualcosa in più. Il touch sampling rate salito a 360 Hz è difficile da giudicare, di fatto avrete la solita ottima risposta al tocco sullo schermo, mentre è interessante l’aggiunta dei due sensori posteriori a sfioramento, detti Pulsanti Cooler, prima prerogativa della versione Ultimate.

Come per tutto il resto, le funzioni dei Pulsanti Cooler possono essere customizzate a piacimento attraverso l’apposita console e danno ulteriore libertà di scegliere come interagire con i comandi virtuali dei giochi. Nel caso di titoli dotati di sistemi di controllo articolati, come possono essere Pokémon Unite o PUBG New State, tornano utili anche se non sono certo indispensabili: l’idea dietro a un gaming phone in fondo è proprio questa, aggiungere qualcosa che per molti è superfluo ma che per i gamer incalliti può regalare un margine di custimizzazione extra.


Nella scatola è ora inclusa anche la ventola Aero Cooler 5, venduta a parte nel caso del ROG Phone 5, che non ha subìto alcuna miglioria e resta un extra divertente anche in funzione dei due pulsanti, questa volta fisici, che sono stati aggiunti e che danno un’ulteriore possibilità di scelta. Potenzialmente è ora possibile interagire con il gioco di turno sfruttando tutte le dita: pollici sullo schermo, indici sugli Air Trigger, quindi medio e anulare che si dividono in base all’impugnatura sui tasti dell’Aero Cooler 5 e su quelli a sfioramento.

ROG VISION

Asus ha inserito nel modello Pro anche il ROG Vision, schermo PMOLED posteriore che mescola un ulteriore elemento di customizzazione ad una manciata di funzioni un po’ più pratiche. Se da una parte può infatti mostrare notifiche in caso di chiamate in arrivo o qualora si collegasse un accessorio, dall’altra ha un mini editor integrato per far mostrare quello che si desidera.

Si può caricare un’immagine, inserire un testo o far scorrere una piccola animazione. Scegliere i colori e il font tra una discreta varietà di opzioni. Possono anche essere scaricati e importati i lavori altrui, basta cercarli online e metterli nella cartella Download, quindi qualora non abbiate grandissima fantasia o capacità artistiche potete affidarvi al lavoro fatto dal resto della community.

CONCLUSIONI

Ad eccezione di quanto evidenziato sopra, il ROG Phone 5s (Pro) non presenta differenze rispetto al modello di inizio 2021. Nella versione Pro lo schermo posteriore aggiunge un po’ di grinta al design del prodotto - ma per qualcuno lo renderà semplicemente un po’ più tamarro - mentre le altre modifiche sono più che altro delle rifiniture volte a dare la miglior esperienza di gioco possibile.

Resta un telefono dotato di prestazioni eccellenti, con una batteria generosissima da 6.000 mAh totali e un comparto fotografico così così che, nel frattempo, è invecchiato di altri sei mesi. Lo schermo a 144 Hz vi permette di avere la massima fluidità nei giochi che supportano frame rate più spinti mentre l’audio fa sempre una gran bella figura, facendo di questo smartphone una soluzione eccellente anche per guardare film e serie TV.

Se avete un ROG Phone 5, lo ribadiamo, non ha molto senso pensare all’upgrade perché le migliorie sono minime. Qualora invece abbiate aspettato o non siate riusciti a comprare il ROG Phone 5 Ultimate, la versione Pro rappresenta un’ottima alternativa, tra l’altro dotato di uno schermo posteriore a colori anziché in bianco e nero. Resta, insomma, la miglior opzione sul mercato per chi è in cerca di un gaming phone.

Ottime performance garantite dallo Snapdragon 888 Plus...Ogni aspetto del telefono è pensato per il gaming e la multimedialitàROG Vision divertente da utilizzareGrande autonomiaUn telefono versatile a cui non manca nulla
... che però aggiunge ben poco alla versione Comparto fotografico sempre così cosìHa poco da aggiungere per chi ha il ROG Phone 5

VOTO 8.8

Asus Rog Phone 5s Pro è disponibile online da Unieuro a 1,299 euro. Il rapporto qualità prezzo è discreto ma è il miglior dispositivo in questa fascia di prezzo.
(aggiornamento del 06 dicembre 2021, ore 16:22)

10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
LuiD

Troppo grosso e pesante.

HanselTTP

non so forse è un mio limite ma non capisco il senso di un gaming phone quando poi i giochi su android non sono ottimizzati per quel telefono e fondamentalmente girano su un medio gamma low cost.

WED0

Te lo dico da felice possessore di vari prodotti Apple, hai rotto il c***o.

efremis

Toglie esclusività al precedente, mosse che non capisco

Pistacchio
R4nd0mH3r0

Anche questo si spezza in 2 stila cracker come il precedente o si spezza in 3 stile tuc come faceva il suo rivale con la ignobile gobba centrale che ospita la ventola di raffreddamento? Il rog phone 2 mi manca ogni giorno x la batteria da 6000mAh e i doppi speaker frontali realmente stereo, ma Asus lato aggiornamenti è davvero un cancro che ha fatto metastasi. Peccato davvero, un buonissimo pezzo di hardware (se non fanno stronxate strutturali come il rog 5) rovinato da aggiornamenti quasi inesistenti.

Zeronegativo

niente video recensione?

oneu

di 5S ce ne era uno solo..... e nel 2021 si è aggiornato ancora con il vecchio iOS 12.5.5, ma si è aggiornato x la sicurezza. Supporta il true tone e tante altre cose che quando uscì non c'erano. 8 Anni e foto ancora buone, migliori di tutti i bassa gamma attuali e soprattutto mette a fuoco velocemente. Slow motion a 120FPS e 1080 a 60Fps, si è del 2013! Sta roba si aggiornerà x 1 anno, e al massimo per 2. Poi arrivederci al prossimo telefono

Mick&LOzzo

"un comparto fotografico così così che, nel frattempo, è invecchiato di altri sei mesi"

Ok, è un gaming phone, tuttavia - come notava anche un celebre youtuber inglese - piuttosto che esasperare ulteriormente aspetti tecnici già sufficientemente estremizzati, se si voleva realmente offrire qualcosa in più rispetto al modello precedente, forse avrebbe avuto senso concentrarsi sull'unico comparto davvero carente del dispositivo. Sono 1299 €, mica bruscolini.

skylineeeeeeful

e come insegna Zack, si spezza in due molto facilmente

La famiglia Motorola Edge 20 al gran completo, ecco quale scegliere e perché

Ecco quando un tablet può diventare un'ottima soluzione | Video

Recensione Honor 50: solido, bello e concreto, l'esperienza si sente tutta

Pixel 6 e 6 Pro ufficiali: Google punta al top | Prezzi e VIDEO