Recensione Redmi Note 9T: il migliore della famiglia e ha il 5G

08 Gennaio 2021 232

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Sarà un 2021 difficile da decifrare dal punto di vista mobile, con tutti i trend che sembrano ormai esser arrivati al capolinea (vedi notch/foro o display in 18 o 20:9) e il 5G che impazza anche nella fascia media e medio bassa del mercato. A rimarcare che ormai è possibile offrire uno smartphone credibile, completo e al passo con i tempi ad un prezzo accessibile ci pensa Redmi con il suo Note 9T, forte del nuovo chip MediaTek Dimensity 800U.

Non è la prima volta che abbiamo a che fare con questo SoC, lo abbiamo già messo alla prova con soddisfazione con il Realme 7 5G, diretto avversario con cui condivide gran parte della scheda tecnica. D'altronde le due case si guardano ormai molto da vicino perché sono tra le poche capaci di garantire certe soluzioni a bassissimo costo, al di sotto di altri brand più blasonati.

Possiamo considerare il nuovo arrivato come un semi clone del Redmi Note 9, conta infatti sulle medesime dimensioni e display LCD da 6,53 pollici. Cambia di certo la back cover - sempre in policarbonato - grazie ad una fitta texture a griglia che facilita il grip e tiene soprattutto molto lontane le ditate. Si tratta tuttavia di una variante con un'anima diversa, probabilmente la migliore tra le tante essendo tecnologicamente anche la più aggiornata.

INDICE

LE DIFFERENZE CON NOTE 9, 9S E 9 PRO

Per capire cosa cambia davvero rispetto al suo fratello appena citato bisogna andare un po' sul tecnico, ammesso che il retro di questi due terminali è molto diverso, soprattutto nella parte superiore. Il gruppo delle tre fotocamere è stato chiuso all'interno di un anello cromato ed ottiche leggermente sporgenti, una soluzione che trovo piacevole esteticamente e più ricercata rispetto al modulo dei "vecchi" Note 9/9S/9 Pro.

Cambia anche il lettore d'impronte, esattamente in linea con Note 9S e 9 Pro e quindi posizionato lateralmente, cliccabile e integrato sul tasto di accensione/spegnimento; scelta prudente ma sempre azzeccata, oltretutto è affidabile e preciso come prevedibile e la cosa non dispiace affatto. Piccolo dettaglio che non mi ha fatto impazzire riguarda invece la parte inferiore del retro, con la scritta "Redmi" e la certificazione "CE" che si sente lievemente al tatto.

Non cambia di una virgola neanche il display IPS LCD con forellino in alto a sinistra, con un leggero alone - che caratterizza questi pannelli più economici - e bordi piuttosto accentuati. Aggiungo che è un peccato non aver alzato l'asticella con un refresh rate più alto del normale visto che la piattaforma adesso lo concede, siamo rimasti infatti ancorati sui 60Hz.

77.25 x 161.96 x 9.05 mm
6.53 pollici - 2340x1080 px
77.2 x 162.3 x 8.9 mm
6.53 pollici - 2340x1080 px
76.68 x 165.75 x 8.8 mm
6.67 pollici - 2400x1080 px
76.68 x 165.75 x 8.8 mm
6.67 pollici - 2400x1080 px

Le vere differenze stanno quindi tutte nel chip MediaTek Dimensity 800U che rappresenta un bel salto in avanti rispetto all'Helio G85 montato sul vecchio Redmi Note 9. Riassumo brevemente le specifiche:

  • Helio G85 (12nm) - CPU 2x Cortex-A75 @2GHz + 6x Cortex-A55@1,8GHz / GPU Arm Mali-G52 MC2 sino a 1GHz / LTE + BT 5.0 / Video 2K @30fps
  • MediaTek Dimensity 800U (7nm) - CPU 2x Cortex-A76 @2,4GHz + 6x Cortrex-A55 @2GHz / GPU Mali-G57 MC3 / 5G + BT 5.1 / Video 4K @30fps

COME GIRA IN TUTTE LE CONDIZIONI

Ad incidere il processo produttivo che passa a 7nm aumentando efficienza e diminuendo i consumi, ma anche maggior capacità di calcolo grazie ai nuovi core che girano a frequenze maggiori. Il gap è quindi notevole e su Redmi Note 9T si nota una maggior rapidità di esecuzione di tutte le operazioni, dalla semplice navigazione all'interno del launcher alle varie animazioni.

Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalle capacità del Dimensity 800U e dell'ottimizzazione software, seppur ho notato ancora qualche piccola sbavatura nella MIUI 12 che Xiaomi dovrà sistemare affinché l'esperienza finale sia davvero esaustiva. Penso ad esempio al testo delle icone sulle homescreen giustificato in maniera del tutto creativa, a seconda delle dimensioni e layout scelto: nel mio caso, come potete vedere da questa immagine a seguire, la "i" finale di "Impostazioni" viene messa a capo, sola soletta. Un pugno in un occhio a livello estetico.


SPECIFICHE TECNICHE

  • Display: LCD 1080p da 6,53" in 19,5:9 e protezione Gorilla Glass 3
  • SoC: MediaTek Dimensity 800U (2x Cortex-A75 @2GHz + 6x Cortex-A55@1,8GHz) + GPU Mali-G57 MC3
  • Connettività: Dual SIM + Dual 5G standby / WiFi dual-band / Type-C / NFC
  • Memoria RAM: 4GB LPDDR4X
  • Storage: 64GB UFS 2.1 o 128GB UFS 2.2 (espandibile via microSD)
  • Fotocamera frontale da 13 MP
  • Fotocamera posteriore tripla: (principale 48 MP + profondità 2 MP + macro 2 MP)
  • Batteria da 5.000 mAh, velocità massima di ricarica 18 W
  • Audio: jack da 3,5 mm, altoparlanti stereo
  • Dimensioni e peso: 161.96mm × 77.25mm × 9.05mm / 199g

Mi sono davvero divertito a giocare su questo Redmi Note 9T, mi sembrava quasi di esser al cospetto di un modello ben più costoso, sia per la fluidità garantita al massimo dettaglio consentito su un titolo come Cod Mobile sia per l'audio stereo che coinvolge maggiormente. La pressione sonora non è altissima ma comunque adeguata, sono ben felice che ormai questa configurazione sia sempre più diffusa anche nelle fasce più basse.

La GPU Mali-G57 riesce ad offrire quello spunto in più che a mio avviso manca su tutti e tre i cugini della serie visti nel 2020, anche nel rendering delle pagine e nei passaggi più rapidi dove entra in gioco questo importante componente.

CONNETTIVITA' COMPLETA

Uno dei suoi punti forti è certamente il modem 5G Multi-Mode SA/NSA che permette di raggiungere velocità teoriche di download fino a 2,3Gbps, ben oltre le capacità delle nostre reti odierne di quinta generazione. Il supporto ad ogni modo c'è e questo è anche uno dei pochi smartphone dual-SIM dual 5G standby (DSDS). Non manca poi il chip NFC e il WiFi dual-band con tecnologia MIMO 4x4, sotto il profilo della connettività è infatti il Redmi Note 9 più completo e aggiornato, solo per questo sarebbe già consigliabile.

AUTONOMIA E RICARICA

Possibile che le batterie capienti saranno ormai uno standard per gran parte degli smartphone, i produttori sono infatti più che consapevoli dell'importanza dell'autonomia e della ricarica rapida. Se da un lato Redmi ha confermato la tendenza montando un'unità da 5.000mAh, che mi ha permesso di chiudere anche le 48 ore consecutive nei giorni più tranquilli, dall'altra paga invece pegno rispetto alla concorrenza a causa di una ricarica che non va oltre i 18W.

Si può certamente fare di meglio e Realme lo ha dimostrato con lo stesso "7 5G" già citato sopra (Dart Charge a 30W), d'altronde il SoC MediaTek in questione lo permetterebbe.

FOTO E VIDEO

Al centro di tutto c'è il solito sensore d'immagine da 48MP con apertura f/1,79 e dimensioni contenute, parliamo infatti di una diagonale da 1/2" che non permette di sognare moltissimo, come d'altronde preventivabile visto il posizionamento. Svolge comunque bene il suo lavoro in tutte le condizioni, riesce tuttavia a dare il meglio di giorno e in condizioni di scarsa luminosità preferisco mantenere lo scatto classico invece della modalità notte, che riduce molto la qualità e resa.

Il resto della configurazione si appoggia su due fotocamere accessorie da 2MP, una per la funzione Macro ed una che raccoglie informazioni sulla profondità di campo. Poco da dire su entrambe.

La fotocamera anteriore è invece da 13MP (f/2.25) ed offre buoni scatti di giorno, non altera particolarmente il colore della pelle ed offre delle tonalità gradevoli. Teme come come sempre le luci forti e le differenze importanti di esposizione, come del resto anche le condizioni di scarsa luminosità.

A chiudere il cerchio i video, sempre più centrali nella nostra vita quotidiana e qui possibili in 4K a 30fps con un sufficiente livello di stabilizzazione e autofocus veloce quanto basta, rispetto ai suoi cugini noto infatti un passo in avanti. Il gap rispetto alle fasce superiori si riduce ma le dimensioni del sensore d'immagine contano e i limiti fisici non si superano, nessuno si aspetti quindi un livello di dettaglio altissimo.

CONCLUSIONI

Se dovessi scegliere un aggettivo per questo dispositivo sarebbe "reattivo", da subito ho infatti avuto l'impressione di avere tra le mani uno smartphone pronto a rispondere senza andare troppo in crisi. La casa cinese ha già festeggiato a novembre gli oltre 140 milioni di Redmi Note venduti dal 2014 ad oggi e, di certo, l'ultima generazione ha contribuito in maniera importante, con il 9 Pro campione di incassi e terza posizione ancora salda nella classifica dei Bestseller Amazon (il Redmi 9 si trova invece nella settima piazza).

Al di là dei risultati oggettivi, la famiglia ha centrato le necessità degli utenti e proposto un buon mix di elementi, giocando su piccole differenze che hanno poi portato molti a puntare sul più ricercato dei tre, ovvero il Redmi 9 Pro. Ma è adesso, a distanza di oltre 9 mesi che un simile aggiornamento hardware cambia le carte in tavola e permette serenamente di affermare che il Redmi Note 9T è il migliore di questa serie ed è quello che consiglierei per un acquisto, al netto di un prezzo di lancio che lo pone chiaramente un po' più in alto.

Sarà acquistabile in Italia a partire dal 25 gennaio ad un prezzo di 269,90€ nella configurazione base che offre 4GB di RAM e 64GB di storage, ma chi sarà interessato potrà godere di uno sconto immediato di 30€ che Redmi ha previsto su mi.com per le prime 48 ore. La versione con più memoria (4/128GB), quella che avete visto in questa prova, sarà invece disponibile a 299.90€. Un posizionamento leggermente alto se guardiamo la diretta concorrenza, viste le differenze hardware (a sue spese) sarebbe stato opportuno un prezzo più aggressivo rispetto al Realme 7 5G.

PRO E CONTRO
SOC MEDIATEK DIMENSITY 800U AUTONOMIA E BATTERIA PRESTAZIONI GENERALI SUPPORTO RETI 5G
DISPLAY SOLO 60HZ PREZZO LEGGERMENTE ALTO

VOTO 8.2

VIDEO

Redmi 9T è disponibile online da Amazon Marketplace a 194 euro. Il rapporto qualità prezzo è buono. Ci sono 16 modelli migliori.
(aggiornamento del 26 gennaio 2021, ore 18:28)

232

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ritornoalfuturo

Ho avuto a2 lite e mi a3 e sono rimasto deluso .
Ho voluto dare un'occasione a poco x3 , rimandato indietro il giorno stesso . Alla fine ho preso un a51.

Dexter

Anch'io avevo il redmi note 9 pro, dopo 2 mesi si riavviava da solo senza motivo. il terzo giorno ho preso e l'ho venduto e ho comprato huawei che anche se è senza servizi Google va meglio e non si riavvia da solo.

Roberto Giuffrè

Io di loro ho sempre apprezzato quelli con Android One, ho un Mi A2 che non batte ciglio.

Ero però attratto da qualcosa di nuovo con batteria più capiente per avere più autonomia come compagno di navigazione del mio Chromebook.
Ma non vorrei avere problemi software.

Giulk since 71' Reload

Non posso che confermare, ho un mi 10T 5g lite, per carità per quello che l'ho pagato uno non si potrebbe lamentare ma la MIUI secondo me è abbastanza "indecente", dovrebbero seriamente lavorare maggiormente alla parte SW

piervittorio

Hai ragione, non mi aspettavo di trovare l'espandibilità della memoria sotto "reti e connettività". E del resto anche A.G., che normalmente è molto affidabile, nella sua recensione lo definisce "non espandibile", forse per lo stesso motivo.
Quanto al prezzo Unieuro, ora confermo i 299 euro, ma erano 429 quando scrissi il mio primo messaggio, ed erano 349 ieri notte (posto che ho copiaincollato l'offerta).
Ma questo non cambia di una virgola il punto (che continui a non capire, ed è lì che sta tutta la brutta figura, e solo da parte tua).
Ovvero che continui a confrontare prodotti che hanno prezzi di listino totalmente diversi, prendendo in un caso i prezzi delle offerte, e nell'altro il solo listino, posto che non essendo ancora sul mercato non sai a quanto lo venderanno con le offerte.
E sulla base di tale errore marchiano, sei convinto tu di stroncare il posizionamento commerciale di un prodotto, con l'abituale sicumera di chi, dall'alto della sua terza media alle serali, è convinto di poter insegnare ai reparti commerciali delle multinazionali come fare il loro lavoro.

Ciccio Pasticcio

Hai la fibra di topo gigio?

Io ho 3ms su linea fissa neanche per sbaglio i video partirebbero prima su rete mobile.

Ciccio Pasticcio

https://uploads.disquscdn.c...

Utile il fuffa G

Ciccio Pasticcio

utile il fuffaG

Ciccio Pasticcio

il gap lo senti se passi a qualcosa con UFS 3

TITANO

S10e fantastico uno dei migliori telefoni usciti negli ultimi anni, pecca un po’ in autonomia ma per il resto è perfetto in tutto tienilo stretto

n96

Il problema più grande è quello schifo di MIUI, brutta graficamente e piena di robaccia. Son buoni tutti a sfornare hardware...

berserksgangr

ma anche sopra i 300, tranquillo (ho un pò tutte le fasce)

Yosemite Sam

sono strapieni di bug questi xiaomi da 200 euro. 5 mesi fa la mia ragazza prese uno xiaomi mi note 9 pro, che a sentire le recensioni era il telefono migliore del mondo a quel prezzo. morale ? dopo 4 mesi ha iniziato a riavviarsi da solo a caso 3-4 volte a giorno e tutte le notti con qualasiasi app aperta (dava una schermata bianca e si riavviava). rimandato indietro e allo stesso prezzo gli ho fatto prendere un p30 lite new edition con 256 gb di memoria. questi devono solo ringraziare il ban di google a huawei perche' a parer mio sono qualitativamente sono piu' scarsi.

Pistacchio
Magnitudine

anche a Malpensa all'epoca stavano provando ma con risultati ben diversi. La latenza ok però ... proprio in questi giorni mi sono reso conto che con la fibra 1000 di casa i video YouTube mi partono più lenti che non con la 4g ... boh forse ancora non si sa a cosa serva questo passaggio 4g/5g per questo dicevo che ad occhio ci vogliono ancora un paio d'anni

massimo musella

Credo si appoggi ancora al 4G e stiano provando...vedo anche la latenza molto alta...non è tanto la velocità impirtantr

Magnitudine

A conferma di quanto avevo recepito in rete , grazie.
Ma aggiungo una mia esperienza con il passaggio 3g - 4g : parecchi anni fa era appena uscita la tecnologia 4g , in un viaggio per lavoro mi trovai a Milano Malpensa, avevo un Cell 4g (mi pare fosse un LG3) e quando (per caso) mi resi conto che il telefono aveva agganciato il segnale 4g feci uno speedtest con un risultato di ben oltre 100 Mbps ! quando invece con il 3g andavo a 6 Mbps ! Ecco questo è stato un passo importante ma da quel che vedo dal 4g al 5g per ora ancora non se ne capisce il senso. O non è stato spiegato bene.

GilgameshJR

Certo che killa anche il kernel Android una volta superata la soglia del minfree

Marco Sartori

vero

DeeoK

No, vedi, non è che non ho scelta, è che ho abbastanza capacità congnitive da rendermi conto che gli esseri umani non siano entità completamente misurabili, inoltre non baso la mia vita sociale su parametrizzazioni, come farei per prodotti di consumo (e pure lì sarebbe da discuterne, ma tanto non ci arriveresti).

Detto questo, dal momento che sei arrivato a paragonare la scelta di una compagna di vita a quella di uno smartphone direi che ho perso anche fin troppo tempo. Solo, mi dispiace sia per te, sia per chi ha a che fare con te.

DeeoK

Che la compressione impatti sulle prestazioni siamo d'accordo, che la quantità della RAM necessaria sia proporzionale alla velocità della CPU no. Anzi: con elevate quantità di RAM non è nemmeno necessario comprimerla.

Ernesto Staccolanana

Per fortuna che qualche novità l'ha portata il 5G altrimenti erano fregati

Matteo Calori
Matteo Calori

Volevano portare nel mercato globale il Redmi Note 9 5G e questo era l'unico modo per piazzarlo nel listino attuale senza dar noia più di tanto ai prodotti già presenti...certo, col prezzo di listino non è concorrenziale rispetto ai 2 Mi 10 Lite già con ribassi stabili

Matteo Calori

Finché questo nuovo non ribassa stabilmente non è concorrenziale con i fratelli maggiori MI 10T Lite/10 Lite che nella versione 128 GB ormai si trovano molto spesso entro i 300€

Matteo Calori

Tutti i MI 10 (T o non T) hanno il 5G

massimo musella

4G+ Milano

massimo musella

5G Milano

massimo musella

https://uploads.disquscdn.c...

massimo musella

https://uploads.disquscdn.c...

massimo musella

Pagato 1 settimana fa 299€, anche troppo...

Patafrosti

Ciao mi faresti sapere come ti trovi?

opt3ron

Guarda puoi fare una cosa ,anche in Windows di nascosto hanno attivato la compressione della RAM ,lí si può disattivare e riattivare facilmente seguendo qualche guida online , roba di 10 minuti , puoi fare il test geekbench con compressione attivata e disattivata e vedere come cambia il punteggio con i tuoi occhi .

piervittorio

Non mi serve Excel: quando decido di puntare una piuttosto che un'altra o un'altra ancora, è perché ho già fatto una serie di valutazioni che mi hanno portato ad una scelta, specialmente se l'obbiettivo non è "una botta e via".
Se sei messo così male da non avere scelta, peggio di Adamo, e prendere quello che ti capita se per caso ti capita, è un problema tuo, non certo mio.

Riccardo

ovviamente confrontare prezzi di listino con prezzi ribassati crea sempre disparità

DeeoK

Peccato che l'uso di zram non sia legato alla CPU ma alla configurazione del sistema.

DeeoK

No, davvero, te stai male.
Cos'è, a casa ti fai l'Excel con i parametri delle ragazze che ci stanno? Ma qualcuna che te la dia la trovi anche o parli per sentito dire?

Chicco Bentivoglio

Il Mac con iPhone non c'entra proprio nulla come gestione delle app in background a prescindere dal processore

Frazzngarth

penso ci sia il Moto G

G M

Speriamo che il 25 non ce ne siano solo 10 a prezzo scontato.

chicco

Anche il kirn 960 ha 8 core.. quattro core ARM Cortex A53 da 1,8 GHz, quattro nuovi ARM Cortex A73 da 2,4 GHz.

Più che la velocità del processore a me sembrano rallentate un po' sulle momorie.. È anche vero che in 3 anni non lo ho mai resettato :)

piervittorio

Il Mi10T Lite non è espandibile, come puoi verificare sul sito ufficiale e su tutte le recensioni, compresa Androidworld e A.G., ed il listino del 6/128 continua ad essere 399 euro (sulla scheda tecnica di HD Blog invece risulta espandibile, ma è un refuso).
Esattamente come non è espandibile il Mi 10 Lite.
Non so quale sia la "nota catena" che lo vende a 300 euro in tutte le colorazioni, però su Unieuro sta a 429....
Ma anche se fosse, paragonare prezzi di listino a offerte extra-listino che trovi in giro, non ha alcun senso, posto che non sai quali saranno le offerte extra-listino sul Redmi Note 9T.
Quindi se ti bastano 64Gb, il Mi10T Lite è senza dubbio una opzione migliore, a questo prezzo.
Se invece vuoi i 128Gb, comunque non espandibili , devi sborsare molto di più rispetto a questo Redmi Note 9T, che invece è pure espandibile.
Quindi, sperando di averti chiarino le idee, soprattutto sul fatto che le multinazionale sanno perfettamente quello che fanno e non gli devi certo insegnare tu il posizionamento commerciale di un prodotto, rimane il fatto che questo Redmi Note 9T a moltissimi potrebbe convenire eccome.

Tiwi

beh insomma, diciamo che per essre un dual 5g il prezzo quasi ci sta

certo, ci stai, mettimi almeno 6gb di ram, visto che ormai sui 200euro li hanno quasi tutti, poi vabbe, ci stava anche un amoled, ma poi il prezzo avrebbe sfiorato i 300euro, facendo
concorrenza ai vari mi10
insomma, buon prodotto x chi vuole provare il 5g, per tutto il resto, c'è di meglio

katana

Continui a scrivere inesattezze. Può darsi che sei un pò confuso dalla marea di telefoni della xiaomi che hanno denominazioni molto simili. E questo lo posso capire. Ti invito a "investire" un pò del tuo tempo sul sito ufficiale della xiaomi italia per studiare le specifiche tecniche dei vari modelli. Come già scritto il mi 10T lite 5G è attualmente in offerta sullo store xiaomi italia a 250 euro (versione 6+64), ma sono settimane che si aggira sempre più o meno a quel prezzo sullo store. Mentre il mi 10T lite 5G in versione 6+128 era in offerta flash solo per il giorno 8/1/2021 sullo store xiaomi italia a 290 euro, ma da un bel pò di giorni lo puoi comprare presso una nota catena di elettronica italiana a 300 euro in varie colorazioni. Il mi 10T lite 5G ha la memoria espandibile, quindi se prendi la versione da 64 gb di ram la puoi espandere inserendo una micro sd. Invece il mi 10 lite 5G non ha la memoria espandibile, ed è attualmente in offerta sullo store xiaomi italia a 280 euro, però questo ha il display amoled (che alcuni preferiscono). Spero di averti chiarito un pò le idee. Rimane il fatto che questo redmi note 9T ai prezzi attuali non conviene.

piervittorio

Anche io mi chiedo come mai taluni insistano a scrivere inesattezze.
Ieri sera, quando ho scritto il commento, la versione 64Gb del Mi 10T Lite era a 249 solo a seguito dello sconto del 30% sul prezzo di listino, promozione che valeva dalle 22 alle 24.
La versione da 128Gb rimaneva (e rimane ancora, ho appena controllato) a 399 euro, mentre la 64 risulta ora a 249, anche senza promozione.
Ti invito a verificare (altrimenti posso pubblicare io lo screenshot).
Ti ricordo che la memoria del 10T non è espandibile, e dunque se prendi il 64Gb, rimani con quelli.
Ipotizzo che con l'arrivo di questo nuovo modello, Xiaomi intenda terminare gli stock del 10T a 64Gb, che in effetti aveva poco senso prima, e ne ha ancor meno ora.

fire_RS

Shhhh la miui non ha bug.....!!

katana

probabilmente, nel giro di pochi mesi questo redmi note 9t nella versione 4+64 verrà scontato intorno ai 200 euro.

katana

sembra pure a me.

katana

Sono 5G (come specificato sul sito ufficiale xiaomi italia). Sinceramente non riesco proprio a comprendere il motivo che spinge certe persone a scrivere pubblicamente inesattezze.

The Doom Slayer
Games

PlayStation 5 e Xbox Series X: la next gen due mesi dopo | Video

Android

Samsung Galaxy S21 (4000mAh): live batteria | Fine ore 23.10

Windows

Recensione Asus ZenBook Duo 14 UX482, ora sì che ci siamo

Articolo

I robot compiono 100 anni: come si sono evoluti dal 1921 ad oggi