Huawei P40, P40 Pro e P40 Pro Plus ufficiali: prezzo e la nostra prova | Video

26 Marzo 2020 862

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Sarà un anno molto diverso dal precedente, di questo ce ne siamo già accorti, ma il 2020 sarebbe stata comunque una bella scommessa per Huawei che adesso preme sull'acceleratore per affrontare le avversità e presenta la nuova serie P40, ancora più ricca che in passato. Ai due classici modelli attesi, P40 e P40 Pro, se ne aggiunge infatti un terzo chiamato semplicemente P40 Pro+, offerta che diventa tripla come per gli altri principali competitor Apple e Samsung.

Schieramento d'attacco con tre punte, un filo conduttore che passa dall'egregio System-on-Chip Kirin 990 ed un focus ancora più marcato sul comparto multimediale e fotografico. Il cavallo di battaglia resta infatti il medesimo e la casa cinese non sembra mollare di un centimetro nello sviluppo di nuove soluzioni che migliorano foto e video, sempre più centrali nella nostra quotidianità.

Variano naturalmente le dimensioni, con P40 che si conferma uno dei pochi smartphone top di gamma di medie dimensioni e andrà a competere direttamente con Galaxy S20 in questa prima parte dell'anno, in attesa di un possibile Pixel 5 "tascabile" di Google in autunno. Praticamente identici invece i due restanti P40 Pro e P40 Pro+, il primo lo stiamo provando da qualche giorno e per questo motivo partiamo subito da una prima esperienza d'uso.

P40 PRO HA TANTO CARATTERE

Sono stato e sono tutt'ora un grande estimatore del P30 Pro, smartphone estremamente concreto che si è dimostrato senza dubbio tra le migliori soluzioni dello scorso anno; ma per quanto valido ammetto che non mi ha mai entusiasmato nel design (colori a parte). Con il nuovo arrivato ho invece avuto subito una diversa impressione, sarà per la finestrella ellittica anteriore che lascia spazio alle due fotocamere e gli dona un'identità ben precisa, meno anonima di quanto invece facesse il notch centrale.

Le dimensioni restano più che accettabili, si parla infatti di un display in 19,8:9 da 6,58 pollici e risoluzione Full HD+ (2640x1200 pixel) come da tradizione, quindi più compatto del Galaxy S20+ e del Find X2 Pro (entrambi da 6,7") ma non necessariamente più leggero. Si nota subito una differenza importante rispetto alla precedente generazione, sulla mia bilancia per alimenti leggo infatti 209g e a determinare un tale incremento ci sono diversi indiziati: antenne 5G aggiuntive, sensori d'immagine più grandi e relative ottiche.

Iconico il modulo che integra le fotocamere posteriori, ormai una ricorrenza su quasi tutti i top di gamma al debutto nel 2020; soluzioni necessarie perché a questo giro si stanno (fortunatamente) utilizzando sensori d'immagine ancora più ampi. Huawei, ad esempio, infrange ogni record precedente e monta su P40 Pro l'UltraVision (RYYB) da 50MP f/1.9 grande 1/1,28 pollici. Permette di scattare alla massima risoluzione (foto da circa 10MB) tramite l'opzione dedicata all'interno dell'app, altrimenti va in automatico con i canonici 12MP. Vediamo qualche esempio:

Exif - 8192 x 6144 1/320 sec. f/1,9 6,71 mm ISO 160 (10,2MB)

Molto interessante anche la fotocamera grandangolare che monta lo stesso sensore d'immagine da 40MP RYYB già visto lo scorso anno con un'ottica wide da 18mm molto luminosa e apertura f/1.8 che promette bene. Non solo tanta qualità per gli scatti ma è anche quella che poi viene usata per creare Timelapse in 4K (finalmente). Chiude poi il cerchio la fotocamera periscopica (zoom 5x ottico) da 12MP che a questo giro risulta ancora più stabilizzata, al classico OIS si affianca infatti anche l'AIS (Artificial Image Stabilization).

Migliorano poi i video, nella resa, fluidità e messa a fuoco; su P40 Pro si possono girare in 4K fino a 60fps, anche con la fotocamera anteriore da 32MP, ed è la prima volta che avviene su un terminale della casa cinese. Ecco un antipasto in 4K a 30fps:

CARATTERISTICHE TECNICHE

  • Display: curvo, pannello OLED da 6,58 pollici, 2640x1200 pixel e refresh rate 90 Hz, 475ppi
  • Sistema operativo: Android 10 su EMUI 10.1 con HMS (senza Servizi Google)
  • SoC: Kirin 990 CPU OctaCore, 2x Cortex-A76 2,86 Ghz, 2x Cortex-A76 2,36 Ghz, 4x Cortex A55 1,95 Ghz
  • Memoria: 8 GB di RAM, 256 GB di memoria interna espandibili tramite NanoSD di altri 256GB
  • Fotocamere posteriori: UltraVision 23mm da 50 MP e f/1.9 OIS + ultra grandangolare 18mm da 40 MP f/1.8 + teleobiettivo periscopico (5x ottico, 125mm) SuperSensing da 12 MP e f/3.4 + ToF 3D
  • Video: 4K a 60fps sia con cam anteriore sia posteriore, Timelapse 4K, slow motion fino a 7680fps
  • Fotocamera anteriore: 32 megapixel, f/2.2 (sensore principale e di profondità), sensore IR
  • Sblocco: identificazione biometrica tramite impronta digitale posto sotto lo schermo (area +30%)
  • Connettività: GSM, HSPA, LTE, 5G NSA/SA, Bluetooth 5.0, WiFi 6, NFC, GPS, AGPS, Glonass, Galileo, QZSS
  • Porte: USB-C 3.1, Dual-SIM + eSIM (solo due contemporaneamente, solo una in 5G)
  • Batteria: 4200 mAh con ricarica a 40W e ricarica wireless a 40W
  • Audio: Acoustic Display Technology, no jack audio da 3,5mm
  • Dimensioni e peso: 158,2 x 72,6 x 8,95 mm, 203 g
  • Certificazione: rating IP68 (fino a 1,5m di profondità per massimo 30 minuti)
  • Prezzo: 1049 euro

Huawei ci ha sempre abituati bene con autonomia e ricarica, la batteria da 4.200mAh dovrebbe quindi bastare a confermare le prestazioni di P30 Pro ma, a sorprendere, è l'introduzione della ricarica rapida wireless a 40W che proveremo presto. Sblocco che rimane rapidissimo, sia tramite il volto sia con il lettore d'impronte posto sotto al display, secondo la casa ancora più veloce e con un'area sensibile maggiore del 30% rispetto al passato.

Comparto audio di ottimo livello, la particolarità sta nel fatto che P40 Pro non ha la capsula auricolare in alto e sfrutta invece lo stesso pannello anteriore e la tecnologia Acoustic Display. Più che buono il feedback in chiamata, non è la prima volta che Huawei lo impiega. Connettività da vero top di gamma con il modem Balong 5000 che assicura supporto alle reti 5G SA/NSA ma solo sub-6Ghz, manca l'hardware per poter gestire le mmWave che presto dovrebbero arrivare anche dalle nostre parti (si spera per il 2021).

LE APP RIMANGONO L'UNICO VERO LIMITE

L'interfaccia EMUI 10.1 aggiunge poco di nuovo, sostanzialmente identica alla precedente release ma qui castrata dei servizi Google visto che si tratta di un terminale solo HMS (Huawei Mobile Services), questo come gli altri due presentati quest'oggi.

Conosciamo già la storia e i motivi dietro questa proposizione, vediamo quindi cosa comporta al primo avvio. Innanzitutto ho sfruttato il mio P30 Pro per trasferire tutti i dati e le applicazioni, naturalmente con PhoneClone che è preinstallato su entrambi. Pochi minuti per spostare 15GB di roba e via su P40 Pro, spulciando cosa funziona e cosa no, dando per scontato che tutte le applicazioni Google che necessitano delle autorizzazioni dedicate sono già a priori fuori gioco.

Ma altre di proprietà della stessa bigG vanno alla grande, ad esempio Snapseed che sfrutto di continuo per modificare le immagini su smartphone. Per installare ciò che mancava mi sono affidato all'AppGallery, ancora povera di software e TrovApp, di cui vi ho parlato qualche settimana fa perché utile come "ponte" che ci aiuta a scovare in rete e su altri store terzi certi applicativi. Scaricato quello - e poi APK Pure che è lo store più sfruttato da TrovApp - ho trovato e installato correttamente tutte le principali applicazioni social come Facebook, Instagram, WhatsApp, Twitter e Telegram, tutte funzionanti.

Non è questo il momento di fare liste, nella nostra recensione ci soffermeremo di certo su questo aspetto che riteniamo fondamentale, ma è altrettanto importante capire a che velocità Huawei stia procedendo con le softwarehouse più importanti e se gli sviluppatori stanno effettivamente abbracciando l'idea di un terzo polo per le applicazioni. Ogni giorno l'AppGallery ne aggiunge di nuove, ma saranno quelle di peso, le più usate al mondo, che sposteranno poi le opinioni dei consumatori.

PER CHI VUOLE QUALCOSA IN PIU C'È P40 PRO PLUS

Praticamente identico dal punto di vista estetico, almeno frontalmente (stesso display OLED da 6,58"), perché sul retro cambiano le finiture e al vetro fa posto la ceramica (in bianco e nero) con un touch and feel certamente differente. Non lo abbiamo ancora visto direttamente e ci dobbiamo quindi affidare alle parole della casa produttrice, certamente più ricercato e con ben 512GB di memoria interna affiancati ai canonici 8GB di RAM.

Ma a cambiare davvero sono le fotocamere, o meglio, la configurazione posteriore ancora più ricca rispetto al P40 Pro e così composta:

  • Ultra Vision 23mm da 50 MP e f/1.9 OIS RYYB
  • ultra grandangolare Cine Lens 18mm da 40 MP f/1.8
  • 8MP Tele 3x 125mm f/2.4 OIS
  • 8MP Tele 10x 125mm f/4,4 OIS
  • ToF
P40 SFIDA I PICCOLINI, SI FA PER DIRE

Sarà interessante vedere anche il più compatto della casa, ben felice che Huawei stia continuando a perseguire questa strada visto l'apprezzamento raccolto dal P30 lo scorso anno. Display che conferma la diagonale da 6,1 pollici ma nel nuovo form factor di 19,8:9 più stretto, bordi risicati che lo rendono quindi leggermente più piccolo con soli 148,9 mm di altezza, quasi un record di questi tempi.

Aumenta anche su P40 il peso fino a 175g, esattamente 10g in più se guardiamo al suo predecessore, restano gli stessi indiziati di prima per l'aumento e anche una batteria leggermente più capiente con 3.800mAh. Velocità di ricarica dimezzata rispetto ai fratelli maggiori con adattatore da 22,5W e autonomia che immaginiamo sempre ai vertici della categoria (degli smartphone più piccini).

Cambiano infine le fotocamere posteriori, con la sola Ultra Vision da 50MP che viene confermata: cambia invece la grandangolare da 16MP e le Tele con zoom ottico 3x classico, senza quindi un sistema periscopico.


CARATTERISTICHE TECNICHE

  • Display: curvo, pannello OLED da 6,1 pollici, 2340x1200 pixel e refresh rate 60 Hz, 431ppi
  • Sistema operativo: Android 10 con HMS (senza Servizi Google)
  • SoC: Kirin 990 CPU OctaCore, 2x Cortex-A76 2,86 Ghz, 2x Cortex-A76 2,36 Ghz, 4x Cortex A55 1,95 Ghz
  • Memoria: 8 GB di RAM, 128 GB di memoria interna espandibili tramite NanoSD di altri 256GB
  • Fotocamere posteriori: UltraVision 23mm da 50 MP e f/1.9 OIS + ultra grandangolare 17mm da 16 MP f/2.2 + teleobiettivo 3x ottico 80mm da 8 MP f/2.4
  • Video: 4K a 60fps sia con cam anteriore sia posteriore
  • Fotocamera anteriore: 32 megapixel, f/2.2 (sensore principale e di profondità), sensore IR
  • Sblocco: identificazione biometrica tramite impronta digitale posto sotto lo schermo (area +30%)
  • Connettività: GSM, HSPA, LTE, 5G NSA/SA, Bluetooth 5.0, WiFi 6, NFC, GPS, AGPS, Glonass, Galileo, QZSS
  • Porte: USB-C 3.1, Dual-SIM + eSIM (solo due contemporaneamente, solo una in 5G)
  • Batteria: 3.800 mAh con ricarica a 22,5W
  • Audio: Acoustic Display Technology, no jack audio da 3,5mm
  • Dimensioni e peso: 148,9 x 71,06 x 8,5 mm; 175 g
  • Certificazione: rating IP53
  • Prezzo: da 799,9 euro
PREZZI E DISPONIBILITA'

La nuova serie punta ovviamente in alto e parte immediatamente con i preordini da oggi 26 marzo, con un bundle che includerà con l'acquisto di un P40 o P40 Pro il Watch GT2 che già ben conosciamo, ma solo fino al 4 maggio. Certamente più economico il P40 che parte da 799,90 euro con 8GB di memoria RAM e 128GB di storage, più esigente invece il P40 Pro per cui serviranno 1049,90 euro in versione 8/256GB. Entrambi verranno venduti ufficialmente a partire dal 7 aprile.

Bisognerà aspettare di più per P40 Pro Plus, certamente più esclusivo a 1399 euro in vendita da giugno nella configurazione 8/512GB di memoria, al di sopra avrà in casa solo il Mate Xs che sta in tutt'altra categoria.

VIDEO ANTEPRIMA

Live terminato! Grazie per averci seguito.

Huawei P40 è disponibile online da Euronics a 799 euro. Per vedere le altre 3 offerte clicca qui.
(aggiornamento del 01 aprile 2020, ore 14:17)

862

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
anddrea

Rinunciare alle googleapps su un Android è come rinunciare all'ecosistema IOS su Iphone. Si perde tutta la possibilta delle sincronizzzazioni con altri dispositivi, rubrica, calendari, foto ecc ecc e abbiamo tutte le info sparse e ogni volta che cambiamo terminale è un dramma. Ormai non sono le caratteristiche hw che fanno un terminale, ma la bontà del software. IOS e Pixel docet per me huaewei senza google è out e lo dico da ex possessore di p20pro e p30 i migliori telefoni mai avuti

Claudio Biesuz

Ma ma ma...
Scherzi vero?

Lasciamo perdere va...

Mako

non hai dato alcuna risposta alle mie legittime domande, io porto argomentazioni, tu non porti nulla alla discussione, mi metti pure parole in bocca su fotocamera ed estetica. Impossibile discutere con te, è davvero inutile discutere

Claudio Biesuz
Mako

elencamele, per favore, comunque manca la risposta alle mie 3 domande, era quello il succo del discorso

Claudio Biesuz

Ok dai, lasciamo perdere...
Se mi fai questa lista come innovazioni huawei, si capisce proprio che odi il marchio, non sei affatto onesto!

Facevi prima a dire "huawei cacca pupù" avrei evitato di perder tempo a discutere con chi vuol essere ottuso!
Senza offesa eh! Non è mia intenzione...

Mako

Io prendo "a simpatia" un brand rispetto ad un altro per quello che produce e per quello che porta alla "comunità".
Ecco una lista esaustiva di innovazioni portate da Huawei da quando fa telefoni: la ricarica wireless inversa e un formato proprietario per le microSD, non retrocompatibile.
Forse la camera tripla? Ma sinceramente non so neanche se sono loro.
Invece ogni altro brand ha introdotto qualcosa di davvero interessante che altri utilizzano, Sony, Samsung, LG, pure Xiaomi qualcosa.
Per non parlare della EMUI, che era ed è una cosa ignobile (per quanto la situazione sia migliorata), ci sono voluti anni per far funzionare le notifiche di Whatsapp, ha messo i bastoni tra le ruote a tantissimi sviluppatori bloccando di default le notifiche a tutte le applicazioni installate, e tuttora continua a bloccare l'esecuzione in background di molte app. In più ti bloccano pure il bootloader per accorciare la vita del telefono, credo unico brand tra i big a farlo al momento.
Per non parlare di benchmark truccati e spot sulla fotocamera truccati, ma in questo non sono gli unici, quindi non lo metto nell'equazione.

Dimmi secondo te:
1) Quale sarà la qualità media degli strumenti di sviluppo vedendo la qualità della EMUI.
2) Cosa spingerà uno sviluppatore a lavorare per Huawei quando il sistema che già fornisce non è dei migliori. Il mercato in Cina? Quello di Huawei non è neanche lo store più grande in Cina, ce ne sono altri 2-3 che hanno molti più clienti. A quel punto pubblico lì.
3) Cosa mi spinge a comprare un telefono huawei se a parità di prezzo (se non molto meno) posso prendermi un telefono col play store, quindi compatibile con tutte le app

Logico che più concorrenza c'è, meglio è per tutti, ma come già detto, la concorrenza c'è quando si prova ad offrire un servizio migliore, non uno alla pari se non peggiore. Non c'è alcun presupposto che Huawei possa fornire un servizio migliore di quelli già esistenti. Né adesso né tra 2-3 anni. Però comunque chiedono più di mille euro

Claudio Biesuz
Mako

ma secondo te le app che sono interessate da questo ban avrebbero vita in asia? fai un semplice ragionamento: app delle banche, servizi vari ecc ecc. Devi regolamentarti e tanto altro.
Poi a me di huawei non ne può fregare di meno, a te invece interessa un po' troppo

GianniB

a parte che hanno rimosso il mio commento (per la parola), Job era uno che non aveva rispetto per nessuno, vivo o morto. Poi è lui che ha creato il successo di android..

stefanoagro96

Ma secondo voi come mai non si trova la versione del Pro white?
Si trovano solamente la gold, black e silver disponibili............

Lupo1

Ti faccio una previsione, la gente non spenderà tutti quei soldi per complicarsi la vita, anche perché ci sono ottime alternative!

Fra Lzz
Lupo1
Lupo1
Lupo1

Non facciamo disinformazione

AcommonAlien
Claudio Biesuz

Perdonami eh, ma riscrivere da zero le app, o modificarle, non è proprio la stessa cosa, o credi che costruire un la strada, rispetto a modificarla creando che so, una bretella sia uguale? Serve lo stesso lavoro? Servono gli stessi investimenti?

"- che valga la pena riscrivere le app (in parte) per supportare una fetta di mercato che andrà scemando"
Qui è che tu sottovaluti tutto, innanzitutto definire il mercato orientale "fetta di mercato che andrà scemando" fa davvero ridere, poi potrebbero aggregarsi altri brand cinesi, quindi direi una gran bella fetta di mercato, e come già ti ho detto (ma tu ovviamente non l'hai minimamente considerato), gli sviluppatori porterebbero le loro app nel mercato cinese,ddi conseguenza molta ma molta più gente che scaricherà le loro app, di conseguenza molto ma molto più guadagno, credi che non sia incentivante? Credi che agli sviluppatori non interessi guadagnare?

Ripeto, io sono sicuro che riusciranno, lo spero anche perché mi interessa la tecnologia, quindi più competività non può far che bene per noi consumatori, e non tifo per "partito preso", ne contro ne per, tu invece sembri che al sol pensiero di "huawei fallita" hai un orgasmo, è ciò non è proprio normale...

Filippo

Sì ma nel frattempo si paga a prezzo pieno il device. Lasciamo stare dai

Vanni Rossi

Solo questione di tempo e ci sarà tutto...
è naturale, poveracci, si sono trovati da un giorno all'altro in questa situazioncina

Vanni Rossi

Boh, secondo me una volta che avranno riempito AppGallery, e secondo me è questione di pochissimo, dati gli incentivi che stanno dando ai developers e considerando che il sistema operativo resta android, è fatta!

EricRock

Ma non è vero! Ce ne sono diverse sullo store Huawei, molte stanno arrivando! Quelle che per ora mancano si possono trasferire dal vecchio smartphone con phone clone! Funziona tutto

EricRock

è vero, alcune app devono ancora essere integrate, ma io credo che sia questione di poco poco tempo.
Io uso il Mate 30 pro con HMS da qualche mese ormai e le app di banca che mi servono le ho trovate tutte, magari ho avuto fortuna. Anche per quanto riguarda le app di meteo sono soddisfatto, io ho sempre usato LAMMa ad esempio, e continuo a usarla anche sul mate!

Daniele Scarpa

Trovapp? Ma di che stiamo parlando? Sarà la sagra del malware... Io non spenderei mai tutti quei soldi per dovermi poi scervellare per fare le cose più banali.
Su Trovapp ci sono app per l'internet banking? Tu ti fideresti?

AcommonAlien

Se apri gli account di tutti gli utenti pro Cina/Huawei, vedrai che sono tutti account recenti...
E nessuno dice niente, da nessuna parte...

TITANO

NON si potrà mettere nulla che sia di Google o che abbia a che fare con Google.

TITANO

Se lo devi usare solo per fare foto compra meglio una macchina fotografica..

Mako

ok quindi sono tutte rose e fiori, stai supponendo che:
- le api e la documentazione fornita da huawei sia di livello
- che qualsiasi cosa si possa fare con le api di google si può fare anche con quelle huawei
- che valga la pena riscrivere le app (in parte) per supportare una fetta di mercato che andrà scemando

posso pensare che aziende grosse che se lo possano permettere magari faranno il "porting" ma non ti aspettare che sia così semplice. Si tratta di avere una versione aggiuntiva della propria app solo per huawei, quindi devi avere uno sviluppatore dedicato, o togliere ore di lavoro dall'attività principale.
Certo, nessuno sta dicendo che si tratta di windows phone 2, ma più o meno siamo lì, con la differenza che windows phone aveva un bel numero di produttori dietro. Questi invece sono da soli, e in più hanno il ban per il software americano, se si continua così è questione di tempo che verranno pure rimossi instagram, facebook, whatsapp e così via.
Non è questione di buttare m3rd4, è questione di ragionarci dietro un po'

Claudio Biesuz

Ma wm, era un OS completamente diverso! Le app, gli sviluppatori dovevano ruscruverkw da zero! Il loro OS, è basato su Android, ergo non serve riscrivere da zero...
Inoltre, oltre agli enormi incentivi che danno agli sviluppatori (soldi, molti più soldi di Google), avranno la possibilità di dare le loro app al mercato cinese, visto che ora come ora Google in Cina è vietato, di conseguenza guadagni per gli sviluppatori...

Cioè, siete davvero tanto ciechi, solo poi erche vi sta sulle balle un marchio? Non riuscite nemmeno per un attimo a ragionare invece di buttare m€rd@ giusto per il proprio gusto personale? Poi, se sei qui, dovresti "tifare" la tecnologia, ma vedo che non ti interessa affatto la tecnologia, purtroppo...

Mako

windows phone non ti ricorda niente?

Patrick

Mmm, ero mooolto interessato all'acquisto del mate 30, ma se mi dici che non funziona nulla, purtroppo dovrò metterci una croce sopra...

Patrick

Scusa ma, non ho capito di quale fotocamera parli, la frontale o il modulo posteriore?
Se la posteriore, forse intendevi quella del mate 20, che effettivamente è poi stata copiata da Apple e Google...
Purtroppo certe app non vengono installate o aperte poiché c'è un problema con Safety Net (non so se è stato risolto), e sono online diverse recensioni dove è palese che ci sono app che non vengono aperte per la mancanza di Gms, sulla sicurezza poi, già il Play Store ha problemi a trovare le app pericolose in tempi rapidi (e molte criticità le trovano hacker esterni che poi avvisano Google...), figuriamoci gli Store non ufficiali!
L'ultima porticina libera è stata bloccata da Google, sicché sui mate 30 molte App bigG non hanno più lo stesso funzionamento ottimale.
Di conseguenza, la situazione non è per ora così rosea come ci vogliono far credere, e te lo dice uno che vorrebbe acquistare il Mate 30 pro da tempo, ma vista la difficoltà per poterlo vedere fisicamente, e la situazione Gms, oltre ai competitor di quest'anno in rimonta, ci sta pensando bene.
E sinceramente, mi dispiace che Huawei abbia tale situazione per un ipocrita col gatto morto in testa, poiché fa device ottimi (mia madre ha un Honor, e va benissimo già da qualche anno).

Claudio Biesuz

Data la tua convinzione, suppongo tu abbia una palla di vetro, tu hai mai visto nascere un progetto, che sul nascere sia superiore ai progetti esistenti da anni? Credo proprio di no, poi tu sei qui a darli per falliti, loro sono lì che in pochi anni hanno raggiunto il vertice, perdonami ma do più fiducia a loro che hanno già dimostrato di cosa sono capaci, rispetto a uno qualunque che prevede il loro fallimento sulla base di cosa? Sei a capo di una azienda internazionale? Non credo proprio...

Mirko9367

Scusate ma l'utilità di postare foto scattate dai nuovi Top di gamma dalle dimensioni di 10MB, che una volta scaricate pesano 72KB? Ma un collegamento ad un archivio Google Drive no?

Claudio Biesuz
Marcello
Shmooze

Pure questo c'ha 12 commenti tutti per giustificare la mancanza di servizi google e lodare i nuovi huawei. Buon lavoro anche a te.

Shmooze

Che bello pagare un botto uno smartphone per avere problemi e perdere ore a risolverli, cosa che con qualsiasi altro non avrei. Very furby

Shmooze

fenomeni, lavorano non solo con le redazioni, ma anche nei forum.

Claudio Biesuz
Filippo d'oria

app ebay non funziona e tantissimo altro ma stiamo scherzando.

Filippo d'oria

MA STATE scherzando non funzionano le app di base delle Banche non funzionano le app importanti come viasat ed altro , app meteo non funzionano. Mate 30 pro preso e cestinato.

fabrynet

Pelle d'oca...

La Palisse

Per non parlare delle app bancarie che invece di usare meccanismi di sicurezza open e standard per connessioni sicure p2p si appoggiano ai "google services" per funzionare.

Marcello

Casomai è il contrario... chi si compra un P40pro sa benissimo come ovviare al problema. L'utente medio non si compra uno smartphone del genere, ma un medio gamma.
Forse non lo consiglierei a mio padre 80enne, ma ad un mio amico appassionato di smartphone come me si, saprebbe benissimo come e cosa fare senza servizi google.

La Palisse

Bello perchè ve la prendete con Huawei e non con chi ha imposto un assurdo embargo basato sul NULLA più assoluto, se non sul voler azzoppare un concorrente commerciale in nome del "libero mercato".

La Palisse

Io lo prenderei proprio per la mancanza di Playstore e Play apps. Appena scende di prezzo.
Quello in ceramica bellissimo.

Shmooze

La loro logica è pagare un botto per incasinarsi la vita. LOL

Shmooze

Ma di cosa parliamo, lo capite senza playservice comunque non funzionerà una mare di roba, niente back up gdrive, google foto, aggiornamenti e patch non curati da google, app che si installano e poi non vanno perchè manca un componente google, servizi bancari non funzionanti, archivio whatsapp non importabile, tranne smanettamenti impossibile per l'utente medio, ecc

Recensione Xiaomi Mi 10 Pro 5G, audio super e video 8K ma il prezzo sale

#HDonAir faccia a faccia con Samsung: le nostre e le vostre domande

Migliori smartphone fino a 200 euro: ecco i top 5 da comprare | Marzo 2020

Recensione Samsung Galaxy S20+: quel che serviva, senza strafare