Guida Completa all'uso dei prodotti Huawei con HMS: tutto ciò che dovete sapere

16 Aprile 2020 426

Alcuni smartphone Huawei arrivati sul mercato negli ultimi mesi, sono caratterizzati dalll'assenza dei servizi Google o, per dirla in modo corretto, si basano su HMS e non su GMS. Cosa significa tutto ciò? Vediamo insieme più dettagliatamente cosa sta succedendo ai prodotti del marchio cinese, quali sono le cose da sapere e alcuni consigli per poterli sfruttare al meglio.

INDICE

QUALI PRODOTTI RIGUARDA?

La conseguenza di cui vi abbiamo parlato riguarda solo gli ultimi smartphone Huawei e Honor arrivati sul mercato, cioè commercializzati a fine 2019 e nei primi mesi del 2020. Tali smartphone hanno un software diverso su cui andremo ad approfondire il discorso, tutto ciò invece non riguarda i dispositivi usciti prima del ban USA.

  • Huawei Mate 30 e Mate 30 Pro: con HMS
  • Huawei P40 Series: con HMS
  • Honor 9X Pro: con HMS
  • Huawei Mate Xs

È bene precisare che tutti questi prodotti potrebbero essere aggiornati ripristinando app e servizi di Google qualora l'azienda di Mountain View venisse nuovamente autorizzata a collaborare con Huawei (la richiesta è stata già presentata al governo USA).

Se avete in casa o pensate di acquistare altri dispositivi dell'ecosistema Huawei e Honor potete star tranquilli, le limitazioni riguardano solo il software di Google. Tutto come prima dunque per speaker, cuffiette, smartband, orologi, router, modem portatili e quant'altro.

COSA SIGNIFICA A LIVELLO PRATICO

Gli smatphone Huawei e Honor oggetto del nostro approfondimento hanno due differenze rispetto a tutti gli altri dispositivi Android: non hanno le applicazioni di Google preinstallate e non hanno i Google Mobile Service (GMS), sostituiti dai Huawei Mobile Service (HMS).

Per quanto riguarda l'assenza delle app di Google preinstallate di per sé non sarebbe un grande problema, come tutte le altre si possono scaricare. Ci sono però due aspetti che complicano le cose, prima di tutto manca il PlayStore, secondo punto mancano i GMS, codice preinstallato sui cui si appoggiano molte delle app di Big G per poter funzionare correttamente una volta installate sullo smartphone.

LE SOLUZIONI DI HUAWEI

Huawei sta lavorando bene per fornire agli utenti soluzioni rapide e alternative, è stato intrapreso un percorso lungo ma già oggi i segnali positivi non mancano.

Principalmente ci si sta muovendo su due fronti: App Gallery come store alternativo al PlayStore da cui scaricare e aggiornare le applicazioni e gli HMS, l'equivalente dei GMS per smartphone Huawei. L'obiettivo a lungo termine è quello di creare un ecosistema parallelo a quello di Google in cui l'utente può muoversi entro riferimenti già famigliari, può trovare tutte le applicazioni a cui è abituato su App Gallery e queste dovrebberro funzionare regolarmente appoggiandosi agli HMS anzichè ai GMS.

E' chiaro che non si tratta di un processo semplice e breve, ma Huawei ha messo sul piatto ingenti investimenti e le acque si stanno già muovendo.

CONFIGURAZIONE INIZIALE

La prima accensione dello smartphone vi proporrà una configurazione iniziale e il ripristino dei dati dal precedente smartphone. Con gli ultimi smartphone Huawei non potrete utilizzare il sistema Google ma potrete semplicemente inserire il vostro account Huawei se lo possedete, crearne uno o diversamente potrete saltare il passaggio e inserirlo successivamente o crearne uno dal PC recandovi a questo link: CREA ACCOUNT


TIPS: se in passato avete fatto l'accesso all'account Huawei con le credenziali Gmail, vi basterà inserire la mail e la password del vostro account Google.

Dopo aver inserito l'account potrete scegliere di ripristinare i dati eventualmente salvati nel vostro spazio cloud. Successivamente vi verrà richiesto di accettare le condizioni di utilizzo.

RIPRISTINO DEI DATI

Il prossimo passaggio è molto importante, anche se eventualmente potrete eseguirlo anche al termine della configurazione, è in ogni caso opzionale.

Huawei mette a disposizione un tool chiamato Phone Clone, consente di copiare tutti i dati di un precedente smartphone sul nuovo modello che state configurando. Funziona da iPhone a Huawei, da un generico Android a Huawei e chiaramente anche tra due smartphone Huawei.

Se desiderate saltare il passaggio vi basterà toccare su "Imposta come nuovo dispositivo" e la configurazione proseguirà.

Selezionando Sposta i dati da un altro dispositivo vi verrà richiesto di selezionare il tipo di smartphone da clonare.


Procedendo con la guida dovrete scaricare gratuitamente l'app Phone Clone dal PlayStore sul vecchio smartphone, se invece siete già in possesso di un device Huawei l'app sarà già preinstallata.

Nella successiva schermata dovrete accoppiare i due dispositivi facendo leggere al vecchio smartphone il codice QR comparso sul nuovo Huawei. I prodotti saranno ora connessi via WiFi (generato direttamente dallo smartphone) e potranno cominciare a scambiare i dati.

Non vi resta che selezionare i dati da clonare, ci raccomandiamo di mettere la spunta su "App e Dati" in modo da trasferire sul nuovo smartphone anche le applicazioni precedenti.

Al termine della procedura, che potrà durare anche alcuni minuti in base alla mole di dati che volete trasferire, potrete proseguire con la configurazione portando a termine un tutorial per le gesture di navigazione.


Avete concluso la configurazione iniziale, sul vostro smartphone Huawei troverete tutte le app e i dati del vostro precedente dispositivo.

GLI STORE PER LE APPLICAZIONI

Arrivati a questo punto il vostro dispositivo sarà apparentemente pronto all'uso, ma ci sono alcune operazioni da effettuare per poter continuare senza intoppi. Vi accorgerete infatti che alcune app non funzionano correttamente. Provate ad aprirle e nel caso in cui dovessero manifestare dei problemi disinstallatele, le andremo a ripristinare con un metodo differente.

APP GALLERY

Potete cominciare a familiarizzare con il nuovo smartphone, lo store da cui scaricare le applicazioni è App Gallery, lo trovate preinstallato. Scoprirete presto che la disponibilità di app non copre tutte le vostre esigenze, per questo motivo vi suggeriamo un semplice metodo.

TROVAAPP

TrovApp è uno strumento utile che vi permette di rintracciare le applicazioni che desiderate e suggerivi il metodo migliore per installarle a bordo del nuovo smartphone Huawei.

TIPS: l'installazione di APKPure non è "opzionale" ma necessaria per far funzionare TrovaApp e l'installazione dei relativi applicativi.

Alla prima configurazione vi suggerirà di installare sul vostro smartphone lo store di App Amazon e APKPure, uno store alternativo da cui scaricare programmi in formato apk.

Sia Amazon App Store, sia ApkPure funzioneranno come il PlayStore a cui siamo abituati, tenendo sotto controllo gli aggiornamenti delle app e proponendovene l'installazione.

Attraverso TrovApp potrete a questo punto fare una ricerca delle applicazioni che desiderate e seguire le istruzioni per l'installazione. In alcuni casi verrete invitati a scaricare le app direttamente da App Gallery, in altri dovrete installare manualmente passando da ApkPure, altre volte ancora verrete rediretti sul sito ufficiale del servizio (è il caso di Facebook) per scaricare l'app in formato apk, non preoccupatevi perché sarà sempre un'operazione piuttosto semplice da eseguire.

TIPS: ricordatevi sempre che, per qualunque applicazione o login, se aveste usato in precedenza Google e il bottone per connettervi con Google. vi basterà adesso inserire le vostre credenziali gmail: utente e password.

LE APP DA USARE FIN DA SUBITO

Abbiamo detto che per alcune applicazioni dovrete ricorrere ad alcuni stratagemmi, per lo meno finché non saranno disponibili all'interno di App Gallery. per tante altre invece fin da subito il funzionamento sarà lo stesso a cui siamo già abituati. Partiamo con i principali social network.

FACEBOOK

Se non avete fatto il passaggio dal vecchio smartphone vi basterà recarvi su TrovApp e cercare Facebook nell'apposito campo. Vi verrà suggerito di utilizzare App Gallery, toccando sull'icona verrete rediretti sul sito ufficiale da cui scaricare l'app in formato apk. Premete su "Scarica" e poi su "ok" nella finestra di conferma per il download. Al termine del download toccate sulla notifica relativa e procedete con l'installazione. In pochi secondi l'applicazione sarà installata e pronta per il login.

Con lo stesso procedimento potete scaricare anche Facebook Messenger. Per essere sicuri di ricevere le notifiche push potete entrare nelle impostazioni - batteria - avvio app e deselezionare Facebook e Messenger dall'elenco di app gestite automaticamente. In questo modo verranno escluse dalle funzioni di risparmio energetico.

Gli aggiornamenti verranno segnalati sempre da App Gallery, per ogni aggiornamento dovrete ripetere le operazioni della prima installazione.


INSTAGRAM

E' un buon esempio perché cercandola su TrovApp vi verrà richiesto di installare Amazon Appstore (si scrive proprio così). Potrete quindi usarla normalmente senza alcun impedimento e con la tranquillità degli aggiornamenti automatici, l'unico inghippo risidede nella procedura di installazione, un po' più laboriosa del solito se non avete ancora installato lo store di Amazon.

Passate da TrovApp e cercate Instagram, la prima soluzione proposta è il download da Amazon Appstore, selezinandolo verrete diretti al sito di Amazon in cui poter scaricare Instagram. Premendo sul bottone download verrete nuovamente diretti sulla pagina d cui poter scaricare e installare il negozio virtuale di Amazon. Seguite quindi le istruzioni, download, toccate sulla notifica quando è terminato per installare. Poi aprite lo store Amazon e immediatamente partirà anche il download e installazione di Instagram.

Questa operazione è da fare solo la prima volta che scaricate un'app da Amazon, nelle successive tutto sarà più immediato.

TWITTER

Il social che cinguetta ci porta ad esplorare un terzo metodo per l'installazione di app (così li abbiamo coperti tutti), cercandolo da TrovApp la soluzione proposta sarà quella di scaricare il file apk passando da ApkPure. Tocchiamo l'icona dell'app e ci troveremo nella pagina dedicata all'interno dello store alternativo ApkPure, qui tocchiamo su Installa. Al termine del download verrà eseguita la procedura di installazione, non dovrete far altro che consentire le autorizzazioni quando richieste, toccate ancora una volta su installa e il gioco è fatto.

LINKEDIN

Per quest'app il procedimento è lo stesso utilizzato per Twitter, passando cioè da TrovApp e ApkPure. Effettuate dunque la ricerca all'interno di TrovApp, verrete reindirizzati su ApkPure per il download e l'installazione.


TELEGRAM

Nulla di più semplice, potete scaricare e tenere aggiornata l'app direttamente da App Gallery. Qui muovetevi come se foste sul PlayStore: ricerca su App Gallery, download e installazione. Quando ci saranno aggiornamenti potrete accorgervene direttamente da App Gallery.


SNAPCHAT e TIKTOK

Così come Telegram anche Snapchat è già disponibile su App Gallery, potete semplicemente cercarla all'interno dello store Huawei, scaricarla e installarla. Nulla di particolare rispetto a quanto siamo già abituati a fare sugli smartphone Android. Lo stesso discorso vale per TIKTOK che è già pronta per essere installata da App Gallery.


WHATSAPP E RIPRISTINO BACKUP

Il download e l'installazione della più famosa app di messaggistica è semplice, risulta invece meno immediato il passaggio delle chat dal precedente smartphone. Vediamo come fare.

Ricercate WhatsApp da App Gallery, verrete poi diretti sul sito ufficiale da cui poter scaricare semplicemente il file apk e successivamente installarlo toccando sulla notifica del download completato. Confermate le autorizzazioni richieste e attendete il termine del processo di installazione, saranno sufficienti pochi secondi. A questo punto potete già cominciare a utilizzare WhatApp senza ripristinare le vecchie conversazioni, se però volete mantenere tali dati non aprite l'app e procedete con le prossime indicazioni.

Ora, come si possono ripristinare i dati di backup? Prima di aprire l'app di WhatsApp appena installata tornate per un attimo sul vecchio smartphone, reinserite la SIM nel caso l'aveste già spostata. Qui entrate nell'app di WhatsApp ed eseguite il backup delle chat.

A questo punto potete entrare nel file manager del vostro vecchio smartphone e attivare la visualizzazione della memoria interna. Poi entrate in WhatsApp - Database e trovate un file "msgstore.db.crypt" si tratta di un pacchetto compresso in cui sono presenti le chat del vostro account WhatsApp.

Ora dovete passare questo file sul nuovo smartphone Huawei, avete diverse possibilità per farlo. Tra dispositivi Huawei potete sfruttare Huawei Share, potete usare il Bluetooth (ma il processo potrebbe essere molto lungo). inviarvelo via mail, spostarlo attraverso Telegram (il modo migliore), o anche caricarlo su Google Drive o altri servizi cloud per poi scaricarlo sul nuovo smartphone Huawei.


E' il momento di spostare nuovamente la SIM sul nuovo dispositivo Huawei, entrate poi nel file manager e trovate il file di backup che avete spostato dal precedente smartphone. Noi l'abbiamo passato attraverso Telegram, perciò andiamo nella cartella dei download di Telegram per rintracciarlo. Se lo avete caricato in cloud potete passare dal browser e recarvi sul servizio cloud per scaricare il file. Dovete ora spostarlo nella cartella WhatsApp - Databases, se non sono presenti in memoria createle.

Dopo aver copiato il file di backup all'interno della cartella potete procedere con la configurazione di WhatsApp, verificate quindi il vostro numero di telefono e ripristinate il backup delle chat quando richiesto.

APK PURE E ALTRE APPLICAZIONI

Il procedimento vale per tutte le applicazioni scaricate con ApkPure ed è piuttosto semplice. Entrate su ApkPure, toccate il menù in alto a destra per entrare nella sezione "App Management", qui troverete quattro sezioni: aggiornamenti, download, gestione app, gestione apk. Ci interessano le prime due.

Nella sezione "aggiornamenti" vedrete l'elenco delle app di cui è disponibile un aggiornamento, potete toccare sul tasto aggiorna per avviare il processo di download e installazione. Se per qualche motivo decideste solo di scaricare l'app ma di non proseguire con la procedura di installazione, potrete poi in un secondo momento tenere sotto controllo quello che avete già scaricato e installarlo dalla sezione "download".

ApkPure terrà sotto controllo gli aggiornamenti e ve li proporrà quando disponibili, proprio come fa il PlayStore. E' importante sottolineare che aggiornando le app non perderete i dati precedentemente salvati, per esempio l'accesso con account o salvataggi di gioco.


QUICK APP E WEB APPLICATION

Uno stratagemma utile per poter sfruttare alcune app è quello di ricorrere alle web application, oppure Quick App. Alcuni servizi infatti si possono utilizzare in modo simile alle applicazioni passando dal sito web in versione mobile. Una possibilità offerta da App Gallery è quella di creare collegamenti rapidi ai servizi web application tramite le cosiddette Quick App.

E' sufficiente fare una ricerca all'interno di App Gallery, se l'app è disponibile come Quick App, potrete aprila molto rapidamente e creare una cartella nella home screen con tutti i collegamenti rapidi. Siamo in questo modo riusciti ad utilizzare comodamente questi servizi:

  • Airbnb
  • Mediaset Play
  • Justeat
  • Glovo
  • RaiPlay
  • Uber

Per quanto riguarda le Web Application non presenti sotto forma di Quick App, ovvero non raggiungibili tramite App Gallery, potete seguire una semplice procedura.

Recatevi sul sito web del servizio che volete utilizzare, facciamo l'esempio di Trip Advisor. Effettuate il login nel vostro spazio personale. Potete raggiungere il sito con il browser di Huawei ma anche con altri come Google Chrome o Microsoft Edge. In tutti i casi cercate il menù e selezionate "aggiungi a schermata Home" (vi mostriamo la procedura con Edge. Confermate nella schermata successiva e immediatamente in Home avrete un collegamento rapido per entrare sul sito di Trip Advisor, con tanto di icona. Tutto sommato non sarà molto diverso dall'utilizzare l'applicazione ufficiale.

Gmail (email Google)

Utilizzare il vostro account Gmail non è complicato, potete ricorrere a due metodi. Il primo è visitare il servizio web di Gmail visitando il sito: Gmail.com. Vi consigliamo però il secondo metodo, che consiste nel configurare il client mail preinstallato di Huawei, funziona molto bene e permette di gestire senza alcun sacrificio diversi account mail contemporaneamente.

Per la configurazione è aprire l'app "Mail" e configurare il proprio account Gmail inserendo mail e password di Google e il gioco è fatto. Tenete presente che è possibile usare la stessa app anche per la gestione di altri client mail (hotmail, live, libero, outloock ecc).


SERVIZI DI STREAMING

Una delle implicazioni del ban USA verso Huawei è l'impossibilità per quest'ultima di usufruire della certificazione digitale WideVine, fornita da Google. La conseguenza diretta e che alcune app di straming video avranno alcune limitazioni.

Youtube

Si può usare la versione Web oppure applicazioni alternative a YouTube per Android. Tra le due strade vi consigliamo maggiormente la prima, più veloce e pratica dal momento che il sito mobile di YouTube assomiglia ogni giorno di più ad una vera e propria web application, gestibile senza particolari limitazioni. Da App Gallery cercate "Youtube", la prima voce proposta riguarda la versione web del social network dedicato ai video, toccate su "ottieni" e si aprirà il browser web. toccate in alto a destra i tre pallini del menù e selezionate la voce "aggiungi a schermata Home", poi "Home del telefono". Sulla vostra home screen verrà creato un collegamento rapido a YouTube e a quel punto potrete godervi tutti i vostri video.

Potete svolgere la stessa operazione anche con Chrome, Microsoft Edge e altri browser.

Netflix

Dovrete usare una versione specifica dell'app e i video verranno in ogni caso visualizzati in qualità SD a causa dell'assenza di certificazione digitale WideVine superiore a L3.

Più precisamente dovrete procurarvi la versione 7.49.0 build 19 di Netflix. Per farlo è sufficiente fare una ricerca di Netflix da Apk Pure. Selezionate il primo risultato (icona con sfondo nero). Sulla pagina dell'applicazione scorrete verso il basso fino alla voce Version Histroy e toccatela, verrà ora visualizzato l'elenco storico delle versioni dell'app Netflix. Premete su installa in corrispondenza della versione 7.49.0 build 19 34761. Con questa versione dell'app non avrete problemi, ricordatevi però di non aggiornarla.

Amazon Prime Video

Si può scaricare Amazon Prime video direttamente da App Gallery e non dovrete seguire particolari procedure per utilizzare il servizio. Ricordatevi solo che la definizione massima rimane la SD.

Disney+

L'applicazione si può scaricare da ApkPure e non necessita di particolari procedure. Al momento l'app funziona correttamente ma i video non vengono eseguiti a causa di un errore di localizzazione, ci aspettiamo che venga risolto nei prossimi aggiornamenti.


ALTRE APP DI GOOGLE

Utilizzare i servizi di Google non è sempre impossibile sui nuovi smartphone Huawei, alcuni si possono scaricare sotto forma di apk, altri funzionano con qualche limitazione, altri ancora sono raggiungibili tramite web application, vediamo più nel dettaglio i singoli casi.

Google Chrome

Il famoso browser di Google si può scaricare come file apk da Apkpure partendo da una semplice ricerca su TrovApp. Tutto fila liscio, c'è però la limitazione di non poter accedere con il proprio account. Una valida alternativa è Microsoft Edge, oppure lo stesso browser preinstallato di Huawei. Se invece non volete abbandonare l'interfaccia di Chrome vi consigliamo Kiwi Browser che vi permette di effettuare il login e ha le stesse funzioni dell'app di Google.

Google Foto

Impossibile usare l'app di Google foto ma con la versione web riuscirete a sfruttare senza sacrifici il servizio di Google, ad eccezione del backup automatico che non potrà essere attivo e dovrà essere avviato manualmente con l'apposito tasto. Potete creare semplicemente un collegamento rapido come già visto per le altre web application, dopodiché avrete accesso a tutte le classiche funzioni di Google Foto.

Google Drive e alternative

Google Drive è accessibile tramite la pagina dedicata, purtroppo però non si possono caricare file se non passando al sito desktop, il ché rende la fruizione un po' complicata. Possiamo però consigliarvi un'alternativa ovvero Amazon Drive, perfettamente funzionante e scaricabile dall'Amazon App Store. Con il cloud di Amazon avrete a disposizione uno spazio illimitato per le foto ad alta risoluzione (se disponete di Amazon Prime) e 5 GB gratuiti per tutti gli altri dati, in ogni caso espandibili con piani a pagamento.


Google Maps

Google Maps funziona per la navigazione e l'esplorazione delle mappe, non si può però accedere con l'account di Google per sincronizzare le preferenze e la cronologia delle visite. Inoltre non funzionano diverse impostazioni all'interno del menu. Viste le limitazioni probabilmente la scelta migliore è ripiegare su alcune validissime alternative come Maps.me e Here We Go.


Here We Go e Maps.me

Entrambi servizi diversi da Google Maps ma estremamente ben realizzati. Here We Go ha una filosofia simile all'app di big G, propone interfaccia facile ed efficace, chiara nella grafica ma ricca nelle possibilità. Rispetto a Maps è meno improntata sull'esplorazione e più attenta alle indicazioni stradali e alla navigazione in auto. Mancano alcuni servizi sui mezzi pubblici ma nel complesso riesce bene a non far rimpiangere Google. Permette di scaricare mappe complete offline, ma non tutti i paesi nel mondo sono disponibili.

Maps.me va molto forte in Cina ed è una delle poche app sempre affidabili in giro per il mondo perché basata completamente sulla navigazione offline. Integrate al suo interno anche alcune guide per visitare i paesi. Quando internet non c'è è una salvezza, ma dovete rinunciare alla maggior parte delle funzioni moderne delle app di navigazione, come la visualizzazione del traffico in real time o la pianificazione minuziosa degli itinerari.

FOOD, VIAGGI e PAGAMENTI

I servizi per il food delivery e consigli culinari sono sempre più in voga e si possono sfruttare anche dagli ultimi smartphone Huawei. In alcuni casi si può scaricare l'applicazione, in altri casi invece è necessario ricorrere a Quick App o Web Application. Il discorso è più complicato per le banche e la gestione di pagamenti e carte, in questo caso le alternative a disposizione dell'utente non sono moltissime ma Huawei sta lavorando affinché sempre più servizi vengano resi disponibili per la piattaforma HMS.

Quick App food e viaggi

  • Justeat
  • Glovo
  • Uber eats
  • Booking

Web Application

  • Deliveroo
  • Airbnb
  • TripAdvisor

Applicazioni

  • The Fork (App Gallery)
  • Italo treno
  • Trenit
  • Vueling
  • Ryanair

Per l'installazione delle Quick App e Web Application leggete il paragrafo dedicato QUI.

Le applicazioni per i pagamenti, carte e banche che abbiamo testato con successo non sono moltissime. ICCREA banca mette a disposizione l'app myCartaBCC e RelaxBanking Mobile che permettono di gestire la carta BCC e i vari prodotti bancari. Già presente su App Gallery anche Bancaperta.

Attraverso le Web Application invece è possibile usufruire di:

  • QuiUbi Banca Ubi
  • Fineco Bank
  • Carta N26

IL BAN USA VERSO HUAWEI

In conclusione chiariamo alcuni termini della questione: dal 19 maggio 2019 il governo degli Stati Uniti d'America ha imposto un cosiddetto ban per una lunga serie di aziende cinesi. Ciò ha obbligato le società americane a sospendere i rapporti di lavoro con le aziende incluse nella "lista nera"., tra cui anche Huawei. Nonostante svariati tentativi di trovare un accordo, il colosso cinese del tech continua a non poter svolgere regolarmente il suo business negli USA e tra le implicazioni della limitazione c'è l'impossibilità di preinstallare sui propri smartphone software di Google, compresi i Google Play Service, le certificazioni digitali Widevine e le applicazioni.

Le motivazioni del ban a Huawei sono tuttora poco chiare, gli USA hanno sollevato implicazioni di sicurezza nazionale legate all'infrastruttura di telecomunicazioni e alle tecnologie Huawei, tra cui smartphone, tablet e PC, molti però sono convinti che alla base di tali drastiche decisioni ci siano temi macroeconomici ben più ampi.

contenuto in collaborazione con Huawei

Huawei P40 Pro è disponibile su a 759 euro.
(aggiornamento del 01 giugno 2020, ore 11:17)

426

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sagitt

c.v.d.

comatrix

Ti ho già detto cosa fare:

- vieni qua o io vengo la e dimostriamo pubblicamente cosa TU sai far e e cosa IO so fare

Altrimenti non r0mp3r3 più i cogI0n1, hai capito!!!

sagitt

continua pure a girarci attorno, dimostri solo di più quanto tu non conosca gli argomenti. comunque mi pare anche qualcun altro ti abbia dato la stessa risposta. coincidenze? gomblotto?

comatrix

Ciao d3ment3, d per uno come te solo l'autosfottimento si può dare, per quello meriti (e la risposta te l'ho data più volte, ma continui, questo fa capire di che livello sei e, se fossi l'unico qua dentro, saremmo io e te ad avere delle discordie, ma siccome MOLTI altri ti considerano allo stesso modo, mi sa che il discorso del d3ment3 si adegui perfettamente alla tua persona).

P.S. Ma perché scrivi ancora? Vuoi delle e risposte? Devi presentarti dal vivo così mettiamo le idee chiare ed a posto, non più tramite tastiera, registriamo il tutto e pubblichiamo il tutto in rete, se vuoi è così altrinenti non comnenttare più sui miei post, HAI CAPITO!!!

sagitt

Questo commento fa capire che non conosci minimamente il sistema che usi e tamte altre cose. Ma d’altronde che ci sì aspetta da uno che ancora non è riuscito a rispondere ad una semplice domanda, girandoci attorno con escamotage, non sapendo dare una risposta che non implicherebbe l’autosfottimento.

GianTT

Sei positivo, non vedo nell'immediato chissà quali grossi cambiamenti per loro. E considerando che sono mercati ad alta obsolescenza, se anche diventassero perfettamente funzionanti fra 6 mesi, rischierebbero di essere già stati superati dai vari iPhone e Note.

UnoQualunque

Grazie per il feedback :D Per il tuo concetto non lo so. Facendo anche help-desk informatico in azienda Io non ho molta fiducia nelle capacità tecnologie delle persone. Già solo cambiargli una virgola vuol dire mandarli completamente nel pallone. Una procedura del genere, per quanto facile, mi sembra troppo macchinosa per chi ora mai è abituato a fare login con il suo account google e trovare tutto quello che conosceva prima. Per poter utilizzare gli huawei con HMS devi essere minimamente sveglio perchè, anche se hanno cercato di limitare i disservizi, qualcosa di certo non funzionerà. Tralasciando il fatto che non troveranno gmail, youtube, maps ecc.. già solo quello per il 90% delle persone è un ostacolo insuperabile. Figurati che in azienda ho dovuto rifare un lotto di PC nuovi perchè non avevo messo Chrome e molti mi chiamavano dicendo che non avevano internet. Google è riuscita a "lobotomizzare" quasi tutti gli utenti. Ma non è solo colpa loro, loro sono stati furbissimi ad imporre con dei trucchetti i loro servizi e renderli degli "standard". La colpa è anche dei dev, gli sviluppatori (molti dei quali credo proprio che piangevano nel periodo wintel dell'impossibilità di lavorare con un ambiente open source) avevano la possibilità di creare applicazioni per il primo OS open source che è riuscito ad imporsi ma hanno preferito ricadere nuovamente in un ambiente closed utilizzando i GSM e la colpa degli utenti è che per pigrizia o per "ignoranza" non hanno saputo cercare alternative e si sono anche loro piegati a Google e ora Google ha chiuso il recinto. Bisogna vedere questi HMS quanto riusciranno a coprire i buchi lasciati dai GMS e quanto gli sviluppatori risponderanno all'appello di huawei. Il problema è sempre stato questo. I dev non sono molto propensi a riprendere mano il codice già scritto, se gli HMS non avranno percentuali decenti, gli sviluppatori di certo non modificheranno le loro app. La soluzione sarebbe potuta essere uno store "alla linux" e app che usavano API di AOSP. Cosi non è stato e quindi è inutile parlare di open source quando sempre più app usano API proprietarie.

Comitato_no_Disqus

Non critico huawei per il suo operato, è ineccepibile, ha risposto più che bene. Ma io mi metto nei panni di un utente medio, che va in crisi se non trova la sua iconcina nel solito posto. Se poi sei un utente legato alle G app, è un calvario

matteventu

No, non é così semplice.
Quello che dici tu sarebbe possibile se fosse lo sviluppatore stesso a gestire la licenza, ma non é così.
La licenza non é associata - per scelta dello sviluppatore - all'utente o all'indirizzo email dell'utente, ma é associata da Google all'account Google dell'utente (nella stragrande maggioranza dei casi).

Claudio Biesuz

Be questo è ovvio, nuovo apk, nuova licenza, che dovrebbe dare a chi ha già acquistato precedentemente, facilmente recuperabile con il proprio indirizzo e-mail

matteventu

Sì, ma anche se lo facesse, non potrebbe trasferire la licenza Play Store a quella AppGallery.

Claudio Biesuz

Si ho capito, le mie sono tutte soltanto supposizioni per il futuro...

Claudio Biesuz

Si, questo lo so, lì deve essere lo sviluppatore eventualmente a "dare" le API sul nuovo OS della versione pro, perché ricreando le app, ricrea le API, sia della versione gratuita che a pagamento

Claudio Biesuz
Gianni Alberto Passante

Ba, non so dove vivi ma qui a milano è una cosa decisamente comune, apple pay è ormai la normalità. In metro si entra poggiando il telefono. È una percentuale alta che aumenterà e basta. Io non so nemmeno il pin delle mie carte perché pago solo da telefono, che è molto più comodo, se lo provi una volta ti assicuro che la carta non la tirerai più fuori.

Gianni Alberto Passante

Non sono garantite, la funzione base di cui parli tu, mio padre, non sa nemmeno cosa sia un apk, ne sa che esistono alternative a google, a maps o cose del genere. Per lui fare una ricerca vuol dire premere dove c'è la g di google, e cercare una cosa vuol dire andare su google maps. È gente che impazzisce se non trova un tasto nello stesso posto figuriamocu a cambiare servizi essenziali, o a scaricare apk. Io credo che la situazione sia decisamente peggiore di quello che fanno credere sui blog. Un mio amico ha preso un p40 lite, gli hi detto che gmail poteva leggerla dall'app email e ha portato il telefono indietro perché era abituato con gmail.

Shmooze

Purtroppo con questi articoli in collaborazione con..., vedi anche AG in collaborazione con honor, spingeranno tanti utenti a comprare dispositivi del marchio Huawei che poi saranno costretti a riportare indietro. Nessun terminale android di QUALSIASI MARCA privo dei Gservice dovrebbe essere raccomandato, non ha senso. Un recensore onesto lo dovrebbe dire, non spingere utenti a invischiarsi in guide cervellotiche, rischi di merket paralleli, problemi continui che sopraggiungeranno con l'uso, limitazioni di ogni genere, cose che non si hanno con qualsiasi altro terminale android. Perchè spingere l'utenza in questo marasma? Huawei ha fatto ottimi cellulari, tra i migliori android, tipo mate 20 pro, p30 pro, ma ora ha un problema e non devono essere gli utenti a pagare il prezzo di questi problemi.

Pippo_Pozzi

é truffa!!! lo volete capire? è truffa! Sono un scontento possessore di p30 che uno schifo di telefono, sensore impronte pessimo, foto sempre sparate, per non parlare poi del bloatware installato a gogo. Uno schifo! mai più. spero proprio che con il ban smettano di vendere.

Antares

io esprimo solo e solamente il mio punto di vista e non quello di altri, ma questo è ovvio, non c'è bisogno di specificarlo, non sono un rappresentante ne del popolo ne di categorie di utenti.
Non ho insultato nessuno, ne violato la netiquette, quindi, forse, a sbagliare sei tu e non io

Zhoth

Speriamo.. Alla fine avete più scelta fa solo bene al mercato. Però in questo momento non ci sono ed avendo un solo telefono è troppo limitante per me.

Adri949
Snapdragon

Chi ci lavora compra una fotocamera professionale, comunque si, p40 scatta davvero bene!

bebitrau

Però, tu come molti altri, sbagliate nella forma e nel modo di porvi.
Se avesti usato le parole magiche "secondo me", sarebbe stata un'altra cosa!

bebitrau

Però converrai che la qualità dei prodotti Huawei è molto buona, specie per chi con le foto ci lavora e ha bisogno di un'ottima fotocamera sul telefono!

bebitrau

Secondo me comunque tu commetti l'errore di pensare che le persone usino il telefono in modo pro come fai tu!
Ti posso assicura che la fetta di gran lunga più grande del mercato è composta da chi lo usa solo per le sue funzioni base, che sono garantite dai nuovi telefoni con HMS già ora, figurati tra qualche mese quando lo store huawei sarà completo, con tanto di app per l'home banking!

bebitrau

Io credo sia una media che considera anche e soprattutto le carte contactless...
Non ci credo MAI che il 30% delle persone usa il telefono per pagare, a dire il vero in vita mia non ho ancora mai visto né tanto meno conosciuto qualcuno che pagasse col telefono

bebitrau

Secondo comunque esagerate tutti un pochino!
Huawei ovviamente si trova in questa situazione da poco, e mi pare che stia cercando le migliori soluzioni per uscirne nel modo migliore... Ci vuole tempo, ma certo non possono fermarsi, devono continuare a far uscire telefoni, e mi sembra che la soluzione che hanno trovato, di far scaricare un'app e uno store, non sia tanto astrusa come dici tu, ma l'unica percorribile, in attesa che lo store ufficiale Huawei sia completo...
A quel punto la situazione sarà risolta, questione di pochi mesi ancora immagino

bebitrau

Dipende dai!
Secondo me per l'utente medio che usa il telefono solo per i social e far le foto, vanno benissimo.
Alla fine scaricarsi un'app dallo store che ti scaria le app non mi pare affatto difficile.
Sicuramente la soluzione migliore per affrontare la situazione inziale.
Come hai detto anche tu, è una situazione che riguarda solo questo periodo, destinata ad andare migliorando notevolmente.

bebitrau

"In questo caso la vedo come un aspettare che il ban sparisca per poi dare il voto eliminando HMS dai contro."
Io la penso come te, ma, diversamente da te, credo sia giusto aspettare a dare un voto ora, perché equivarrebbe ad affossare definitivamente un prodotto che magari tra un mese o due sarà completo... E quando sarà completo non lo considererà nessuno perché due mesi prima è stato affossato

Chevlan

Lato hardware non metto in dubbio che siano ottimi smartphone. Ma mi dispiace, lato software non posso accettare una mancanza così grave nel 2020.

Chevlan

Io sono più pessimista. Huawei potrebbe risolvere la situazione con le sue app solo in Cina, dove la sua posizione per tanti motivi è molto più forte.

bebitrau

Ma non è vero! A un caso, se avete esigenze particolari, non comprateli per ora, aspettate che siano completi!
Sono degli ottimi dispositivi, con caratteristiche tecniche che i concorrenti non hanno.

bebitrau

"Costano quanto la concorrenza ma la qualità dei terminali è nettamente superiore, a mio avviso!!
E poi, a parte che se la menata è scaricarsi uno store terzo come apkpure e mettere qualche app in mod desktop sulla home, non mi pare una gran menata se a uno piace il telefono.
Infine ricordo che questa soluzione è momentanea... e che a breve lo store ufficiale di huawei sarà completo e si potrà fare tutto da lì"

bebitrau

Soprattutto che nessuno la stia prendendo in considerazione per quanto facile da usare e intuitiva sia!!

macosx

Ma obiettivamente chi caxxo acquista un telefono per usare apk...
Huawei deve velocizzarsi col suo sistema operativo se vuole essere ancora considerata... Solo allora potrà competere realmente con apple e google allo stato attuale vende solo hardware ad un prezzo spropositato dati gli elevati limiti e rischi per utente (gli apk bah, non li uso dal 2010 quando ero un ragazzino con tanto tempo a disposizione).

bebitrau

Ma Honor e Huawei sono due cose ben diverse infatti!
Se non sbaglio si sono staccate diverso tempo fa... e comunque non mi sembra molto oggettivo dire che una marca fa pena solo perché tu, una volta tanto tempo fa, ti sei trovato male.

macosx
Esegakusha

E il troubleshooting quando qualcosa non funziona.
Non è il 2014 e non stiamo flashando le alpha di Kit Kat sui Galaxy Nexus.
Ma vedo che siete tutti aspiranti mods di r/sino qua sopra...

giackMO

Un problema temporaneo, perché le stanno pian piano implementando sul loro store ufficiale

giackMO

salti nei cerchi di fuoco = scaricare un'app che poi fa tutto

giackMO

Un giorno mi spiegherete come mai siete tutti così inviperiti...
Ma guardate che le app verranno tutte implementate nel breve periodo, anche e soprattutto quelle delle banche...
Ma poi quelle che ancora mancano sono abbastanza di nicchia, o comunque poco usate da telefono... Io ad esempio, tutto quello che riguarda l'università lo uso trami te pc...
Quindi calmi tutti

giackMO

"oltre al fatto dell’app in sé bisogna mettere in conto la sua manutenzione nel tempo" Ma infatti, sia lo store di Huawei, che gli store terzi che suggerisce garantiscono aggiornamenti e tutto il resto...

giackMO

Ma perché sviolinata...
Non mi pare che si siano sbilanciati in nessun punto...
Ma scusate vi lamentate di questi prodotti, poi qualcuno fa una guida per spiegare come stanno le cose, cosa funziona e cosa no, e ancora una volta, sorpresa sorpresa, tutti vi lamentate!
Non vi va bene nulla...
Nessuno vi costringe a comprare questi prodotti, ma la vostra libertà finisce dove inizia quella degli altri...
Altri, con esigenze diverse dalle vostre, possono tranquillamente essere interessati a conoscere questi prodotti, e non trovo giusto che denigriate un articolo ben fatto e oggettivo, nonché funzionale per chi diversamente da voi vuole conoscere questi prodotti

stefanoc

Va bene così vallo a dire a tua sorella, "genio.

giackMO

Finalmente, una persona sana in questa giungla di pappagalli lamentosi!

Adri949

Si esattamente per quello, hai capito perfettamente il punto. Del resto per dire quel che dici, proprio un'aquila non sei e questo lo dimostra. Dai, va bene cosi, stammi bene genio

giackMO

Tu parli di sbattimenti ma, onestamente, a me scaricare un'app che poi ti fa scaricare tutte le app in modo facilissimo, non sembra uno sbattimento...
Un passaggio in più, capirai!
Mi sebra la soluzione migliore che potessero trovare...
Purtroppo la situazione è questa e qualcosa dovevano farla

stefanoc

Estremismo è dire che se usi android con gapps sei dipendente da google.

giackMO

Tutte le lacune che ci sono al momento sono colmabilissime...
Alcune app di banking già ci sono, per quanto riguarda le app di streaming, ci sono anche quelle, la qualità ad ora non è il massimo, ma perdonatemi, vi guardate i film su un telefonino minuscolo e poi vi lamentate della qualità dell'immagine...
Comunque, huawei ha sicuramente tutte le risorse necessarie a neutralizzare anche questo limite, questione di tempo

giackMO

Secondo me però, una distinzione importante da fare è quella in base all'uso che uno ne fa del telefono.
Io credo che tu faccia bene a non comprare questi telefoni perché non soddisfano le tue esigenze, però non puoi neanche dire che non sono consigliabili a nessuno.
Prendi il p40 lite ad esempio. Lato hardware è un ottimo telefono, specie per il processore e la batteria, e costa una cifra più che onesta per quel che vale, senza considerare i diversi accessori in regalo. Io il p40 lite lo consiglierei a diverse persone ad esempio.
Alle fine è una situazione momentanea, e le alternative non sono poi così male alla fine: insomma scaricarsi un'app, non mi pare una roba che solo gli smanettoni possono fare

Migliori smartphone fino a 600 euro | Ecco i top 5+1 da comprare | Maggio 2020

Recensione e Confronto tra Redmi Note 9, 9 Pro, 9S: quale scegliere? Video

Ricarica rapida e super rapida: i migliori smartphone 2020 a confronto

Recensione Motorola Edge: quando l'autonomia fa la differenza