Apple vuole accelerare la produzione degli iPhone al di fuori della Cina

05 Dicembre 2022 21

Nel corso delle ultime settimane, Apple avrebbe deciso di accelerare lo spostamento di parte della sua catena produttiva al di fuori della Cina. Le intenzioni, stando a quanto riportato dal Wall Street Journal, sarebbero quelle di aumentare la produzione dei suoi prodotti in altri Paesi asiatici, in modo particolare in India e in Vietnam dove Foxconn ha pianificato la realizzazione di un nuovo stabilimento.

A spingere la società di Cupertino a questa decisione, a cui sta comunque pensando già da tempo, sarebbero state in modo particolare le crescenti proteste nel principale stabilimento della Foxconn a Zhengzhou, in Cina, dove lavorano 200.000 persone e dove sono stati assemblati circa l'85% dei modelli "Pro" di iPhone. Ad oggi, stando a quanto riportato dalla Reuters, la situazione si sarebbe comunque stabilizzata e tra la fine di dicembre e l'inizio di gennaio la produzione dovrebbe tornare alla nornalità.

Da diversi anni a questa parte ci sono stati una serie di eventi, pandemia in primis, che hanno decisamente indebolito lo status della Cina come centro di produzione per Apple, ma non solo. Nelle ultime settimane, la politica zero-COVID messa in pratica dal governo cinese ha portato ad una serie di violente proteste nel Paese che potrebbero anche trasformarsi in un movimento più ampio contro il presidente Xi Jinping.

Questi ultimi accadimenti vanno ad aggiungersi alle tensioni militari ed economiche tra Stati Uniti e Cina che sono cresciute sotto l'amministrazione Trump e stanno continuando anche sotto quella di Biden.


Nonostante Apple abbia già avviato la produzione di alcuni dei suoi prodotti sia in India che in Vietnam, lo spostamento al di fuori della Cina non potrà essere particolarmente rapido. Secondo un rapporto di Bloomberg Intelligence, la società di Cupertino potrebbe impiegare 8 anni per spostare appena il 10% della produzione al di fuori delle Cina. Un primo passo è stato comunque fatto con AirPods, Apple Watch e parte della gamma MacBook che vengono assemblati in Vietnam.

Uno dei principali ostacoli allo spostamento della produzione è sicuramente quello che viene definito "NPI", ossia il processo che vede lavorare a stretto contatto gli ingegneri Apple con gli appaltatori per trasformare progetti e prototipi in un piano di produzione completo. In Cina, al momento, tutto è più facile in quanto c'è una grande presenza di fornitori e ingegneri.

Per riuscire a realizzare un modello simile anche in altri paesi, Apple dovrebbe espandere questo processo NPI, cosa che in questo periodo storico non sarebbe particolarmente agevole a causa di un rallentamento dell'economia globale e delle assunzioni che renderebbe più problematica per Apple l'allocazione di risorse in nuovi paesi.

Tutta questa situazione, al momento, si sta traducendo in un'offerta che non riesce più a tenere il passo della domanda. Apple ha già avvisato nelle scorse settimane i consumatori che dovranno far fronte e tempi di attesa più lunghi per poter acquistare un iPhone di fascia alta nel corso del periodo natalizio. Questi ritardi si estenderanno anche al primo trimestre del prossimo anno.


21

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Daniele Davide

è una copia, un lascito dell'Inghilterra

Edgardo Da Basketball

Tutto vero anche che è una democrazia. Ma non pensiamola come una democrazia occidentale.

Marco Revello

Non ricordi male, solo che hanno dei problemi a spostare tutta la produzione: in Vietnam non riescono a trovare abbastanza personale mentre in India ci sono le leggo locali da rispettare.

Daniele Davide

sicuramente l'India è un concorrente molto forte, ha manodopera, ha ingegneri, parlano inglese, ecc, e soprattutto è una democrazia, cosa gradita agli USA. Nei prossimi anni al contrario la dittatura comunista in Cina diventerà sempre più autoritaria e pericolosa per la stabilità del pianeta e dell'economia globale in asse con i regimi di mosca e Theran

Maxatar

C'è uno studio di poco tempo fa, ma non ricordo bene i particolari sorry, in cui si ipotizza che, a differenza di quanto vaticinato da tutte le sirene degli ultimi anni, la Cina non avrebbe avuto il tempo materiale per arrivare ad essere la prima potenza mondiale, tra le altre cause per l'invecchiamento notevole della popolazione a breve medio termine e l'insorgenza di altri grandi competitori nel sud est asiatico e dell'India.

Maxatar

È inevitabile.

un eternauta

Troppe tutele in Cina ormai, tempo di sfruttare qualche altro paese.

Ratchet

In cerca di altri schiavi..

Maurizio

Meglio pagare di più che finanziare la dittatura

vegeta nexus 5X

La vogliono portare in India(anzi alcuni modelli già li assemblano li se non ricordo male).

vegeta nexus 5X

No! E da un po’ di anni ormai(anzi credo parecchi). Almeno da noi. Poi negli usa o altrove non saprei.

Dentista

Non lo sapevo. Comunque strano, era ottima pubblicità gratuita.

Davide

È Apple stessa a non permetterlo più

Marco Revello

Non spostano la produzione in occidente, per ora vanno in Vietnam. Poi cercheranno posti dove pagate gli assemblatori ancora meno. Che poi hai Iphone saliranno di prezzo è fuori di discussione ma non dipenderà da un aumento del costo vivo del terminale.

Dentista

C'è ancora la gente che si fa la fila notturna per prendersi un iphone?

Daniele Davide

sono gli anni del declino della Cina come seconda potenza commerciale

R4nd0mH3r0

https://uploads.disquscdn.c...

Avalon

Io avrei usato un titolo più accattivante : Apple vuole salvare il Natale !

NULL

Beh... attualmente la produzione in Cina pare essere un vero e proprio collo di bottiglia. Giusto diversificare.

Patrocinante in Cassazione

male

Evanshion
Apple ha già avvisato nelle scorse settimane i consumatori che dovranno far fronte e tempi di attesa più lunghi per poter acquistare un iPhone di fascia alta nel corso del periodo natalizio.


Oh, poveri noi.
Come faremo?
Come?

Macbook Pro M1 Max 15 mesi dopo: durata e consigli alla luce dei nuovi M2 | Video

100 Giorni con iPhone 14 Pro: cos'è cambiato? | Recensione

Recensione iPhone 14 Plus, autonomia da vendere

Recensione iPad Pro (2022) con Apple Silicon M2, gioca proprio un'altra partita