Operai Foxconn in rivolta nella fabbrica iPhone da 200mila persone

23 Novembre 2022 225

Centinaia di lavoratori in rivolta nello stabilimento Foxconn di Zhengzhou, in Cina. E se in un Paese in cui esprimere dissenso in pubblico è assai rischioso si verificano scene come quelle finite sul web, con annesse distruzioni di finestre o videocamere di sorveglianza, significa che il malessere aveva raggiunto livelli insostenibili. La piattaforma cinese Kuaishou è stata riempita di video sulle manifestazioni, prima di essere oscurata.

Lo stabilimento di Zhengzhou è già noto alle cronache. Di recente ne abbiamo parlato in diverse occasioni: è uno dei più grandi che Foxconn possiede in Cina (impiega circa 200mila persone, più o meno quanto gli abitanti di Brescia) ed è il "principale impianto di assemblaggio di iPhone 14 Pro e iPhone 14 Pro Max", ha detto a inizio mese Apple spiegando che le restrizioni Covid stavano rallentando la produzione e quindi che di iPhone ce ne sarebbero stati pochi in giro.

La fabbrica è grande una volta e mezzo Central Park, e segnali di malessere da parte di chi ci lavora erano emersi subito dopo l'inconsueta uscita di Apple. Adesso il malessere si è trasformato in rabbia, qualche ora fa è partita la rivolta per sedare la quale sono intervenute le forze dell'ordine in tenuta antisommossa, utilizzando - si dice - le maniere forti. Pare che a fare da miccia sia stato il mancato pagamento di alcuni bonus, ma dietro c'è altro. I cinesi sembrano essere al limite della sopportazione nei confronti della strategia zero Covid decisa a Pechino, con cui ogni focolaio viene represso con pesanti lockdown alle fabbriche, alle città, a tutto.

'FOXCONN NON CI CONSIDERA ESSERI UMANI'

Solo che la produzione non può essere fermata, quindi a Zhengzhou come altrove i dipendenti sono costretti a isolarsi nello stabilimento, dove si lavora, si mangia e si dorme, e a sottoporsi a uno screening quotidiano per scongiurare un focolaio di Covid che avrebbe conseguenze devastanti, in una cittadella blindata da 200mila anime.

Questa è la teoria, la pratica alla base di malcontento e frustrazione sarebbe diversa: regole tante, rigide e inefficaci per contenere il virus, e cibo scarso e di scarsa qualità. I dipendenti positivi dormirebbero isolati dagli altri salvo poi incontrarsi in catena di montaggio, e i pasti sarebbero quasi sempre uguali, patate e cavoli.

Molti, migliaia si dice, sarebbero fuggiti, chi è rimasto adesso è saturo e protesta animatamente. "Foxconn non ci tratta da esseri umani", avrebbe detto un dipendente. "È evidente che la produzione a ciclo chiuso in Foxconn aiuta solo a prevenire la diffusione del Covid in città, ma tra i lavoratori della fabbrica per i quali le condizioni sono peggiorate", ha detto a Reuters Aiden Chau, di uno studio legale di Hong Kong.


225

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Eagle03

Non ho affatto sostenuto che può funzionare, semplicemente non mi sembra che il capitalismo funzioni meglio

salvatore esposito
Eagle03

Tutti i paesi in cui si è provato ad attuare il comunismo erano paesi del terzo mondo, non mi sembra però che i paesi del terzo mondo capitalisti se la cavino meglio.

salvatore esposito

come già detto, non esiste un paese dove ci sia il comunismo e vive bene.
la gente scappa dal comunismo, negare questo è follia

Eagle03

Cos'avrebbe mai distrutto il comunismo visto che è sempre partito da una situazione in cui il capitalismo aveva già distrutto il paese?

salvatore esposito

il comunismo ha sempre distrutto e portato a dittature

Francesco Renato

Devi considerare le condizioni di partenza, il comunismo ha sempre riguardato paesi poveri, mai paesi ricchi.

salvatore esposito

e la gente li vive bene e piene di diritti eh?
il comunismo devasta qualsiasi cosa tocca

Francesco Renato

Cuba si può considerare l'ultimo paese comunista grazie alle nazionalizzazioni delle imprese straniere degli anni 60, ma per il resto l'economia è in mano ai privati, le nazionalizzazioni infatti non hanno mai riguardato le imprese cubane.

salvatore esposito

Cuba non è comunista?
nell'Unione sovietica la gente viveva bene?
tu neghi l'evidenza arrivando a dire che la Cina sia fascista e che non esistono paesi comunisti.
poi se per te il comunismo è quanto scritto nel famoso libro, quelle sono chiacchiere inapplicabili come sostenuto dallo stesso autore

Danny "Wolf" Godhouse

Lavorassero invece di lamentarsi sempre.

Francesco Renato

La storia non è sui libri ma nei fatti, una dittatura è comunista quando i mezzi di produzione sono dello stato, è fascista quando i mezzi di produzione sono dei privati, sic et simpliciter, tutto il resto è noia!

Francesco Renato

Quali paesi comunisti? Non esistono paesi comunisti dopo la caduta dell'Unione sovietica, la Russia attuale non è comunista ma fascista, i mezzi di produzione sono stati infatti privatizzati arricchendo gli oligarchi.

salvatore esposito

ti consiglio di vedere le condizioni in cui vivono i paesi comunisti e forse ti renderai conto che sono della stessa pasta

Paolo Cocci

Se parli di dipendenza…

Pur non avendo vantaggi di nessun tipo? Dimmi che sei riuscito a scriverlo senza ridere e ti nomino capotroll.

Finché gli iPhone arrivano puntuali fottesega a nessuno, è naturale.

comatrix

Non è perché non la usi tu che i discorso cambia eh, manco io li uso eppure il concetto rimane

Paolo Cocci

Correttore automatico che corregge sbagliato...

SmallSize

Grazie per l'appunto correggo subito "a lavorare" maledetto correttore automatico.

Paolo Cocci

caschi male con me visto che non uso Apple. Saluti.

chester999

meno male che ci hai chiarito le idee

chester999

potevano scrivere che è grande due volte la Casa Bianca

chester999

fatti sentire col customer care

comatrix

Ma non è quello il punto in questione però da me descritto...
Leggi bene il mio commento, io non critico il fattore terzi, io critico il fattore frottole

FactCheckoIlDisagio

Il problema è che non esistono altri produttori.

FabioS

Sarebbero 126 (mi ero scordato di fare il 150%), ma come hai capito era giusto per dire che, anche quando si traducono le notizie, un po' di attenzione in più da parte dei redattori non guasterebbe.

Alessandro De Filippo

In effetti..

Marco Revello

Capisco che volevi essere sarcastico, ma la misura giusta è 159 furlong quadrati.

GianlucaA

A parte l'Europa direi che c'è anche il resto del mondo che si sta muovendo diversamente.

Trixter

Grazie che mi hai fatto vomitare con la tua scrittura facebook

R4nd0mH3r0

che vissero tutti felici e contenti ovviamente

Stefano Bortoletto

Dico che chiunque capisca qualcosa sa benissimo che non è il cliente a decidere le condizioni di lavoro dal fornitore, il cliente si limita a firmare dei contratti col fornitore e il fornitore deve rispettare questi contratti, quando la finirete di dare la colpa ad Apple per cose che succedono in aziende non di Apple? Poi se non ci sono alternative credibili non è colpa di Apple, è facile dire possono farsi produrre gli iPhone da qualcun’altro, ma da chi?

Rocco Volpe

Sarei curioso di vedere le condizioni degli operai nelle fabbriche dove vengono assemblati gli Xiaomi, oppo..........

Ciccillo73

E poi come finisce la favola?

Nathaniel

E ci stanno riuscendo

Francesco Renato

Si, a sua insaputa, la poverina crede di essere comunista, l'aspetta quindi un futuro grandioso!

Ciccillo73

Si svegliano tutte le Martine a testa bassa andando avanti per inerzia senza un briciolo di amor proprio e poi un giorno, grazie a qualcun'altro pero', alla pecora nera, capiscono che la loro vita non ha senso vissuta cosi'...beee...beee...

Ciccillo73

Schiavi in rivolta?

ErCipolla

L'hai detto anche tu: GP e identità digitale. C'è già tutta l'infrastruttura per tracciare i cittadini europei tramite la carta d'identità che ora è elettronica. Non serve inventarsi il GP come "gomblotto oscuro".

Dark!tetto

Certo che ce ne vuole ad essere così "singolari" da non capire che questa situazione è frutto della strategia ZeroCovid imposta dal governo cinese in mancanza di vaccini efficaci. Avete il cul0 seduto bene e non ne siete nemmeno consapevoli PD

Paolo Cocci

Dovresti boicottare il 90% dei prodotti sulla faccia della terra se vuoi essere coerente su tutto, dal tech al fashion, ecc…

General Zod

Questi ancora stanno appresso al ginovirus...andiamo bene

R4nd0mH3r0

quindi eppol che da sempre è attenta alle condizioni degli operai delle aziende che lavorano per lei deciderà di abbandonare foxcon in favore di altri produttori?

BlackLagoon

La democrazia E' uno degli ingredienti di una società più equa e giusta. Di certo non sponsorizza il narcotraffico o la corruzione, sebbene tu lo voglia sottointendere.

Roundup

Ma a chi interessa come vengono trattati, anzi credevo che venissero già frustati per farli andare più svelti, cmq l'importante è che che mi consegnino il mio iphone in tempo per farmelo regalare a natale

BlackLagoon

sono notizie tradotte, che ti aspettavi?

"Foxconn non ci tratta da esseri umani"

L'importante è aver compreso la propria posizione di schiavi sotto dittatura, ora mandate avanti la produzione che siamo sotto natale, grazie.

Andreoid

Il motivo dichiarato dallo stato cinese è che non possono fare come in Europa, perché loro non hanno abbastanza medici per curare le inevitabili decine/centinaia di milioni di malati al mese.
Da crederci o meno...

Recensione iPhone 14 Plus, autonomia da vendere

Recensione iPad Pro (2022) con Apple Silicon M2, gioca proprio un'altra partita

iPad di Decima Generazione: dall'A14 alla USB-C, provate tutte le novità | Anteprima

Smartphone top di gamma 2022 a confronto: quale sarà il migliore?