OPPO e Qualcomm collaborano per portare il ray tracing su smartphone

16 Novembre 2022 20

OPPO è una delle prime aziende a portare il Ray Tracing anche su smartphone. In un comunicato stampa condiviso, la società cinese ha annunciato una partnership con Qualcomm che permetterà di sfruttare la potenza del nuovo Snapdragon 8 Gen 2, annunciato nelle scorse ore, per offrire questa funzionalità anche su smartphone basati su Android per offrire una grafica di gioco ancora più realistica.

Il Ray Tracing, funzionalità che consente un rendering più accurato ed effetti visivi per ombre, luci e riflessi, richiede molta potenza di calcolo e sfrutta l'accelerazione hardware, generalmente possibile su PC e console. La soluzione sviluppata da OPPO per dispositivi mobili utilizza una versione modificata della sua SDK PhysRay proprietaria che ha iniziato a sviluppare nel 2020 e di cui aveva mostrato i primi progressi lo scorso anno.


OPPO ha dimostrato nel corso dello Snapdragon Summit 2022 le capacità offerte dalla sua tecnologia utilizzando un gioco chiamato "Camp Guard" realizzato con oltre 2000 modelli fisici, 800.000 triangoli e quasi 100 texture. Nella demo interattiva vengono mostrate ombre, luci e riflessi che reagiscono realisticamente al movimento e all'angolo di visione del giocatore. Stando a quanto affermato da OPPO, la demo può funzionare ad una risoluzione massima di 720p a 60 fotogrammi al secondo per circa 30 minuti a temperatura ambiente utilizzando la piattaforma mobile Snapdragon 8 Gen 2.


Il lavoro di OPPO con Qualcomm si è incentrato sui test dei driver, sull'ottimizzazione dello shader e sullo sviluppo dello strumento di compilazione della scena di gioco. Le due aziende hanno anche ottimizzato i driver PhysRay Engine 2.0 in modo che il nuovo Snapdragon 8 Gen 2 possa eseguire il rendering fluido di diversi effetti e texture di ray tracing.

La soluzione di OPPO, prosegue la nota, supporta anche la tecnologia Variable Rate Shading (VRS) di Qualcomm, che garantisce che il PhysRay Engine 2.0 possa funzionare in modo efficiente sullo Snapdragon 8 Gen 2, migliorarando la grafica e mantenendo bassi i consumi energetici.

Sebbene il PhysRay Engine 2.0 di OPPO utilizzi il suo PhysRay SDK proprietario, la soluzione di Ray Tracing è completamente open source, quindi aperta e disponibile per tutti gli sviluppatori che vorranno utilizzarla. OPPO ritiene che siano diversi i motivi per cui questa soluzione sia la migliore per gli sviluppatori che vogliono implementare il ray tracing nei loro giochi:

  • Aperta: il PhysRay Engine di OPPO è una soluzione Ray Tracing completamente open source.
  • Conveniente: PhysRay Engine supporta il rendering ibrido di ray tracing e rasterizzazione. Gli sviluppatori possono aggiungere direttamente i comandi relativi al ray tracing mobile di OPPO senza apportare modifiche drastiche alle varie fasi di rendering.
  • Adattiva: PhysRay Engine non solo è in grado di regolare dinamicamente la complessità e l'efficienza dell'algoritmo di Ray Tracing in base a diversi scenari, ma adotta anche una porta standard. È integrato con l'intelligenza artificiale, supporta sensori fisici ed è scalabile in modo da ottenere altri effetti in futuro.
  • Equilibrata: la collaborazione di OPPO con Qualcomm Technologies ha reso PhysRay Engine più bilanciato in termini di prestazioni e consumo energetico. Il PhysRay Engine di OPPO ha aumentato l'efficienza di rendering del Ray Tracing di un fattore pari a 5, ridotto il carico di lavoro della CPU a un decimo e abilitato tutte le texture PBR.

OPPO non è la prima azienda a promuovere l'utilizzo del Ray Tracing anche su dispositivi mobile. A inizio anno, Samsung ha lanciato il suo Exynos 2200 con integrata la prima GPU basata su AMD RDNA 2, la Xclipse 920, in grado di consente il Ray Tracing ed offrire una grafica di alta qualità nei giochi. Lo scorso giugno, invece, Arm ha annunciato la GPU Immortalis-G715.


20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
AcommonAlien

D'accordissimo su ciò. Anche perché su display di queste dimensioni nemmeno te lo godi rt

Andrea Vela

Ok grazie! spero che si diano una mossa a supportare il ray tracing su smartphone altrimenti fare lo smartphone con il ray tracing diventa una perdita di tempo e farà inutilmente alzare i prezzi degli smartphone che lo supportano... il processore in teoria c'è già

Bestme1

Ciao,
riesci a vedere l'opzione Ray Tracing anche sullo smartphone perchè Minecraft Bedrock è una versione compatibile sia con PC sia con, appunto, gli smartphone. Il Ray Tracing su Minecraft al momento funziona con le NVidia RTX e le ultime AMD.

Alessandro Scarozza

è esattamente la stessa cosa che intendevo io

Riccardo

Su pc sta per diventare fenomenale, te lo dice un tech artist di videogiochi. Aspetta ancora un po'

Marcomanni

Assolutamente no. Rf può ridurre di parecchio le dimensioni di un gioco, basti pensare che non serve effettuare il baking dell’illuminazione e quindi occupare spazio con le lightmaps.

hassunnuttixe

Utile come la forchetta per la pastina in brodo

Giorgionne

L'app che scarichi ha un limite di peso, ma una volta lanciata è libera di scaricare asset dall'esterno, come avviene per la stragrande maggioranza dei giochi ormai.

Riccardo sacchetti

Credo che il limite sia per le app/giochi che scarichi direttamente. Molti ti fanno scaricare l'installer e poi scaricano loro. In ogni caso sono d'accordo. Abbiamo dispositivi con potenza da vendere e ci limitiamo ai soliti 4 titoli tristi.

opt3ron

Intendevo che non siamo ancora a livello ps3-gta v , l'rt è l'ultima spiaggia non la prima scelta.

opt3ron

Ah , hanno aumentato?
Non ci gioco con lo Smartphone e non è uscita la notizia che aumentavano la grandezza , comunque siamo ancora lontani dai giochi ps3 come gta v , l'rt può aspettare.

Giacomo
Giacomo

Non c'era il discorso della GPU proprietaria e quindi gli sviluppatori non si sbattevano per due modelli in croce?

Andrea Vela

Il problema sono gli sviluppatori dei giochi perché ad esempio io ho minecraft... li c'è l'opzione ray tracing ma non me lo fa attivare su galaxy s22 ultra con exynos... ho contattato l'assistenza di minecraft e mi hanno detto che galaxy s22 ultra non lo supporta... poi per curiosità ho contattato l'assistenza di samsung per vedere se supportava il ray tracing e loro mi hanno detto di si... non ho parole... anche su internet dice che il galaxy s22 ultra supporta il ray tracing... è inutile fare smartphone con supporto al ray tracing se poi gli sviluppatori non gli sfruttano... sprecano solo soldi e basta

AcommonAlien

Quindi su CoD Mobile da 10GB come ci gioco ?
O anche diablo immortals ?
O genshin impact

Alessandro Scarozza

guarda che è esattamente il contrario. il RT come tutti gli altri effetti computazionali aumentano la qualità grafica senza aumentare il size dell'app. (o comunque minimamente)

quindi se hai dei size limit è propro la cosa migliore da fare per aumentare la qualità grafica senza aumentare la size.

il problema è capire se le GPU dei device mobili riusciranno a gestire il RT visto che finora servono gpu dedicate ed anche di fascia alta

rsMkII

Domanda: se si scarica l'installer, non è possibile poi scaricare tutti i GB che vuoi?

Brogli

Gimmick esattamente come su pc

opt3ron

Inutile , sugli smartphone siamo ancora fermi alla ps2 per via dei giochi da 2GB imposti dagli store , il rt su pc è stato introdotto quando si è raggiunto il limite del vertice per pixel in 4k vista l'inutilità del 8k , c'è ancora tanto margine di miglioramento prima di pensare al rt, gta v ancora non l'hanno convertito per via del poco spazio.

asd555

Se c'è di mezzo AMD c'è di mezzo anche il FSR.
Anche perché a risoluzione nativa si scioglierebbe tutto.

Riprova Vivo X80 Pro con Android 13: una Vivo sempre più intrigante | Video

Confrontone tra i quasi top 2022, 9 smartphone uno contro l'altro | Video

Rog vs Rog vs Batman: Mediatek 9000 o Snapdragon 8+ gen.1 | Video

Recensione Motorola Razr 2022: finalmente moderno, non per nostalgici