Google, accordo con iFixit per i ricambi originali dei Pixel!

08 Aprile 2022 11

Qualcosa di concreto sul diritto alla riparazione, finalmente, si muove. Sulla scia di Samsung, che nei giorni scorsi aveva annunciato l'accordo con iFixit per i ricambi dei Galaxy, c'è Google, che fa persino meglio del rivale di Seul. Il programma di Samsung che partirà in estate riguarderà inizialmente i Galaxy più recenti da Galaxy S20 in poi, mentre Google renderà disponibili entro fine anno ricambi e kit di riparazione da Pixel 2 e 2 XL in poi "negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Canada, in Australia e nei paesi dell'UE in cui i Pixel sono disponibili", dunque a rigore anche in Italia.

Anche se Samsung ha promesso di ampliare nel tempo il novero dei prodotti facenti parte dell'iniziativa, la differenza insomma, almeno in partenza, sarà notevole, tanto che si fatica ed elencare tutti i prodotti per i quali saranno disponibili i ricambi. Con il debutto di Pixel 6 e 6 Pro - entrambi, neanche a dirlo, inclusi nell'iniziativa - Google si è impegnata a offrire fino a tre anni di aggiornamenti Android e fino a cinque anni di patch di sicurezza, per cui sostanzialmente i Pixel 6 saranno assistiti dal supporto Google fino al 2026.

75.9 x 163.9 x 8.9 mm
6.7 pollici - 3120x1440 px
77.9 x 163.3 x 8.9 mm
6.8 pollici - 3080x1440 px

È un'ottima notizia quella del via alla vendita libera dei ricambi originali per chi ha acquistato uno dei nuovi Pixel e intende tenerlo fino a "scadenza", perché al di là dei danni accidentali è probabile che nell'arco di cinque anni sopravvenga l'esigenza di sostituire almeno la batteria per usura: fare in autonomia un'operazione del genere, resa più semplice dall'aiuto di un kit di riparazione e delle guide di iFixit, potrebbe essere divertente per un appassionato e con ogni probabilità anche più economico rispetto all'ipotesi in cui ci si affidi ai laboratori Google o certificati da Google.

Migliorare la riparabilità è un passo importante per prolungare la vita e l'utilità del telefono. Ed è solo uno dei tanti passi che stiamo facendo per aiutarti a fare scelte più sostenibili. Per raggiungere i nostri obiettivi di sostenibilità dell'hardware ci stiamo assicurando fin dalla progettazione che i nostri prodotti possano essere sostenibili.

Ad esempio, a partire dal 2022, il 100% dei prodotti hardware di Google includerà materiali riciclati con l'obiettivo, per quanto possibile, di massimizzare i contenuti riciclati. Inoltre, ci stiamo impegnando affinché il 100% delle spedizioni dei prodotti da e verso i nostri clienti siano a emissioni zero, e poi siamo al lavoro per ottenere la certificazione Zero Waste nelle discariche nel 2022 e per avere imballaggi privi di plastica entro il 2025 - ha spiegato Google a margine della comunicazione.

(aggiornamento del 22 giugno 2022, ore 22:02)

11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Undertaker

Nessuno qui ti può dire se entra nei limiti dell’accettabile, devi rivolgerti ad un centro assistenza, loro hanno i parametri della casa produttrice per quello che riguarda le specifiche.

Callea

Un modo per lavarsi le mani quando non si dispone e non si vuole investire in centri di assistenza diretta.

vale

Salve vorrei un vostro parere.
Secondo voi questo display rientra nei limiti dell'accettabile o meglio farselo sostituire?
Si nota un alone verdastro nel centro del display
https://uploads.disquscdn.c...

Michael Rhaab

Buffi che si parano il sederino con questa trovata, quando in realtà essendo tutti telefoni sigillati o incollati, il 99% delle operazioni eseguite da un utente comune si concluderanno con un telefono rovinato. Fateli apribili come il fairphone e poi ne riparliamo

matteventu

Sisì, con questo concordo assolutamente!

Alex........

Che poi banalmente potrebbero risolvere il tutto con facilità, mettendo la backcover apribile per dare al cliente la possibilità di cambiare almeno la batteria. Ricordo il mio s5 che aveva la backcover rimovibile pur mantenendo la resistenza agli schizzi o immersione fino a tot metri.

T. P.

concordo con te però almeno questo agevola i riparatori di mestiere, quelli onesti almeno...
diciamo che questo a me sembra un passo verso la giusta direzione di un percorso ancora lungo, ecco! :)

GianlucaA

Finché non rimettono le batterie removibili è tutta un'immensa supercazzola

Ergi Cela

Beh a me non sembra tanto complicato smontare uno smartphone e rimontarlo com’era prima,bisogna giusto fare un po’ tutto con la giusta delicatezza

L0RE15

Esattamente. Se le due cose non vanno di pari passo, è solo fuffa pubblicitaria per farsi belli a parole e monetizzare ulteriormente con pezzi di ricambio che, 5 su 10, potrebbero non riuscire a montare e/o rovinare il dispositivo durante il tentativo.

matteventu

Ottima notizia, ma la vedo alquanto difficile sostituire le cose da sé quando i telefoni sono progettati per non essere aperti se non con determinati strumenti che di certo non compri su iFixit a 30€.

Okay rendere disponibili i ricambi, ma anche progettare i dispositivi in modo che siano *effettivamente* riparabili in relativa facilità, grazie.

Samsung Galaxy S22 Ultra Snapdragon vs Exynos: il nostro test | VIDEO

Recensione OnePlus Nord CE 2 Lite 5G: provatelo, prima di giudicarlo

In vacanza con tre Oppo Find X5: confronto foto e... il risultato non è scontato

Recensione Black Shark 5 Pro: ottimo gaming phone, ma quanto costa!