Google Pixel 4a con firmware modificato: così l'FBI combatte il crimine

09 Luglio 2021 24

Fuori è indistinguibile dallo smartphone di Google, dentro nasconde un firmware modificato per combattere il crimine. Si parla del Pixel 4a che l'FBI è riuscito a distribuire tra esponenti della criminalità organizzata per far sì che utilizzassero l'app "Anom": l'app prometteva comunicazioni sicure, in realtà i messaggi venivano intercettati dalla forze dell'ordine.

Dopo aver parlato della nascita del progetto, si può esaminare il dispositivo in cui era installata l'app: i colleghi di Motherboard sono riusciti ad entrare in possesso di un'unità, precisando che altri "Anom Phone" - vale a dire smartphone con l'app di Anom preinstallata - sono reperibili nel mercato dell'usato. Il Pixel 4a in questione è stato acquistato tramite un sito simile a Graigslist da un utente australiano - si ricorda l'Australia è stata il primo paese in cui l'FBI ha immesso gli smartphone modificati. L'acquirente, dopo aver contattato le forze dell'ordine locali, senza avere avuto risposta, ha deciso di venderlo a Motherboard.

UNA PERSONALIZZAZIONE SOFTWARE PENETRANTE

Le particolarità del software partono dalla schermata di inserimento del PIN: ad ogni sblocco la disposizione dei numeri del tastierino è riorganizzata per impedire a occhi indiscreti di individuare la sequenza. Ma c'è di più: inserendo un PIN si accede alla schermata principale contenente le icone di note app (Tinder, Instagram, Facebook, Netflix, Candy Crush, etc.), apparentemente tutto sembra normale, ma nessuna delle app funziona. Riavviando lo smartphone e inserendo un altro PIN svela invece l'esatta natura del dispositivo: lo sfondo cambia e appaiono altre app - si trovano solo l'orologio, la calcolatrice e l'icona delle impostazioni. Avviando la calcolatrice appare Anom.



La schermata di Anom chiede l'inserimento ID e password, una volta fatto l'utente crede di avere accesso ad un'app di messaggistica che metteva a disposizione un canale di comunicazione crittografato. Anom invece era la trappola tesa dall'FBI per monitorare le comunicazioni dei criminali, e si è rivelata decisamente efficace per combattere il crimine, basti ricordare il bilancio dell'operazione comunicato il mese scorso:

  • 12.000 dispositivi monitorati tramite Anom (non solo Pixel 4a, c'è un caso documentato di Pixel 3a per esempio)
  • 300 organizzazioni criminali coinvolte operanti in 100 paesi Italia compresa
  • 800 arresti e 700 perquisizioni
  • Sequestri: 8 tonnellate di cocaina, 22 di cannabis, 6 di precursori di droghe sintetiche, 2 di anfetamine e metanfetamine, 250 armi da fuoco, 55 veicoli di lusso, 48 milioni di dollari
ARCANEOS: IL SOFTWARE MISTERIOSO

In realtà che lo smartphone nasconda qualcosa di strano si intuisce ancora prima di arrivare alla schermata di inserimento del pin: in fase di avvio appare infatti il logo di ArcaneOS, una piattaforma software di cui si conosce poco. Le informazioni pubbliche su ArcaneOS derivano principalmente da utenti che hanno inconsapevolmente acquistato un Anom Phone pensando che si trattasse di un comune smartphone e che chiedono chiarimenti sul software.

In maniera empirica si desumono altre caratteristiche della piattaforma, per esempio: a differenza degli altri smartphone Android mancano le impostazioni per disattivare o attivare il rilevamento della posizione - verosimilmente è disattivata per default o sono state apportate modifiche più profonde per rendere irrintracciabile lo smartphone; sono inoltre presenti opzioni per la formattazione rapida dello smartphone, anche una modalità automatica che elimina il contenuto dopo un certo periodo di inattività.

La flessibilità di Android consente di apportare modifiche anche molto penetranti al sistema operativo: ArcaneOS potrebbe essere un fork di Android realizzato per dare ai criminali tutti gli strumenti per (credere di) agire impunemente. La genesi di ArcaneOS non è comunque chiara: potrebbe essere nato contestualmente all'app Anom o aver seguito un percorso diverso.

Il meglio di OnePlus? OnePlus 9 Pro, in offerta oggi da Mister Shop King a 758 euro oppure da Amazon a 799 euro.

24

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
L0RE15

Ma lo anche io che non sono i delinquenti che leggono i blog il problema. Rimane il fatto che, a mio parere, rendere pubbliche tecniche presenti o passate per la lotta alla malavita è empre controproducente nella lotta alla delinquenza (che sia spiccia o associativa di stampo mafioso).

Ikaro

Guarda che non sono gli spaccini di quartiere ad utilizzare questi dispositivi ma le grosse organizzazioni che non hanno bisogno di hdblog per sapere di queste cose, se nell'ambiente gira voce che quel metodo è controllato quel metodo è bruciato...

L0RE15

E allora? Non é un modus operandi creato ad hoc per una indagine.

L0RE15

É pur sempre un modo per rendere pubbliche certe tattiche: chissà quanti non l'avrebbero conosciuta se i media non l'avessero "pubblicizzata" e quanto sarebbe potuta tornare ancora utile. La lotta alla malavita non é mai semplice.

Ikaro

Se le pubblicano è perché la malavita se ne è accorta e sono passati ad altro, che dici... non è che hdblog ha hackerato l'FBI per scoprirlo

Ray Allen

Se qualcuno crede veramente che l'Fbi non riesca a sbloccare un iPhone 5, francamente, sono problemi suoi mica miei eh

uncletoma

così nesci?

Max Fremps

Dovevi scriverlo che eri ironico, se no arrivano apple fan a spammarti cuoricini e a crederci seriamente

Geel

Cellebrite non è d’accordo, così come per altri smartphone android

Mako

Ormai gli arresti li hanno fatti

Ray Allen

Apple no, Apple è inviolabile ovviamente

Ray Allen
L0RE15

Queste sono notizie che, forse, non andrebbero rese pubbliche per non giocarsi preziose armi nella lotta alla malavita.

virtual

Per spezzarli in due una volta usati dopo una telefonata!

zdnko

la criminalità usa ancora i prepagati a conchiglia

Kamehame

Bastava dare un colpo di telefono a Zuckerberg.

Max Fremps

ricordati ogni tecnologia è hackerabile, nessuna è inviolabile

Deathstroke

Paghi per sbloccare forse un vecchio iPhone 5c che ha il pin a 4
I nuovi te li scordi

Max Fremps

Appunto paghi e hai tutto, dove sta il problema? molto più facile appunto per l'FBI manco devono lavorare basta che pagano qualcuno LOL

Deathstroke

Talmente facili che l’FBI non è riuscita neanche ad aprire dei miseri iphone5 c da sola e ha dovuto pagare una società di sicurezza israeliana milioni di dollari.

pietro passarini

Quale Concorrenza? Apple? li le cose sono ancora più facili per FBI e co...

Fuori è indistinguibile dallo smartphone di Google, dentro nasconde un firmware modificato per combattere il crimine.

https://media3.giphy.com/me...

FULL HDblog

passano a Signal

Daniel

Si ma come faranno adesso che tutti i criminali useranno la concorrenza che sappiamo bene essere un sistema inviolabile immodificabile

Recensione OnePlus Nord 2: sarà lo smartphone giusto per molti

Xiaomi Mi 11 Lite come non l'avete mai visto | Video

Recensione Sony Xperia 1 III: super fotocamere e spirito bollente

Recensione vivo X60 Pro: cosa offre lo smartphone ufficiale degli Europei