Samsung e i leaker, è guerra: basta fuga di notizie

08 Luglio 2021 11

Samsung ha deciso di attivarsi per provare a porre un freno alla proliferazione di anticipazioni sui propri smartphone e prodotti, e a quanto sembra avrebbe cominciato ad adottare una politica aggressiva contro i leaker. Oggi non c'è smartphone senza una scia di leak a precederlo, soprattutto quando si parla dei produttori più grandi e dei modelli più attesi, e qui su HDBlog lo sappiamo bene.

I leak sono fantasmi del futuro, immagini di qualcosa che ancora non c'è, e fanno parte della quotidianità nel mondo tech, al punto che sembra impossibile per le aziende evitarli e riuscire ad arrivare alla presentazione di un prodotto avendo conservato un buon grado di segretezza, senza che siano invece emerse informazioni fondamentali, a cominciare dal design.

Come segnalato dal leaker Max Jambor, il colosso coreano avrebbe cominciato a rivendicare il copyright sui materiali filtrati in rete in maniera non autorizzata, esigendone la rimozione: un esempio dei contenuti che abbiamo già visto un po' ovunque e che presto potrebbero essere colpiti da questa manovra sono i press render relativi ai pieghevoli Galaxy Z Fold3 e Galaxy Z Flip3.

Samsung, ad ogni modo, non ha messo nel mirino le testate che riportano i leak, ma sta agendo cercando di interrompere la fuga di notizia alla fonte, intervenendo in profondità: pensare di poter fermare la marea montante dei leak, dopotutto, è come provare ad arginare il mare con le mani, anche perché i soggetti coinvolti lungo la catena produttiva e di approvvigionamento sono troppi, ed è naturale che qualcosa sfugga alle maglie del controllo. E però esiste comunque un margine d'azione per mandare un messaggio a quei soggetti più informati e con meno inibizioni quando si tratta di rendere pubbliche informazioni riservate.

Quello di Samsung è un tentativo volto a tutelare la possibilità di gestire il lancio dei prodotti in maniera autonoma, creando aspettative e generando sorpresa nel pubblico al momento della presentazione. Una missione forse impossibile, ma sta di fatto che nei prossimi mesi potremmo incontrare maggiore difficoltà nel ricostruire l'identikit dei prodotti Samsung prima dell'annuncio ufficiale: staremo a vedere.


11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
TocToc

stessa scelta che 1 settimana fa prese Apple

Brogli

Cosa

Raphael DeLaghetto

ma ad apple queste cose non succedono, i suoi licker stanno al loro posto

Grogu82

Appunto, cioè ci pensano perché prima ci ha pensato apple? Ridicoli.

TocToc

Mammamia quanto copia Samsung, ma non ce la fanno proprio a ragionare con la propria testuccia? #copiona

optimus81

Samsung si vede che sente sempre un gran bisogno di vedersi accostata ad apple mi sa. Una settimana fa articolo identico con soggetto la mela e ora questo...bene.

Salvatore

Non mi pare ci sia mai così tanto hype sui leak samsung eh...

dario

appunto: vogliono avere il controllo della situazione. ci sono leak pilotati e leak fuori controllo, vogliono fare la guerra a questi ultimi.
mi sembra una mossa poco lungimirante: tra l'effetto wow di qualche dettaglio non trapelato durante una presentazione e il martellamento quotidiano con notizie più o meno fondate, perfino se negative, vince quest'ultima tecnica di marketing a mani basse.

Giuseppe

un po come gli articoli sui pezzotti XD

Giacomo

Un leak sulla battaglia contro i leak lol

Lol ma se sono i primi a foraggiare ”Jimmy is promo” e altri canali monomarca dove vengono provati in anteprima modelli non ancora presentati.

Samsung One UI 4 con Android 12: vi mostriamo la beta per i Galaxy S21 | VIDEO

La street photography con lo smartphone: 5 consigli utili | Video

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia

Recensione Oppo Reno 6 Pro 5G: tanta potenza, piccolo restyling