Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Cina, rimosso dagli app store il competitor di Uber in cui ha investito anche Apple

05 Luglio 2021 12

Il governo cinese ha disposto il blocco di Didi Chuxing, un'app che si muove nello stesso business di Uber e che negli anni ha raccolto oltre mezzo miliardo di utenti. La Cyberspace Administration of China, ente regolatore per le questioni legate a internet, ha recentemente disposto che il software venisse rimosso dai vari app store presenti nel Paese, non solo da quello di Apple. La ragione dietro al provvedimento, stando a quanto riportato, è da ricercarsi in una serie di questioni irrisolte che spaziano dalle regole imposte dall'antitrust locale fino alla sicurezza dei dati degli utenti.

Didi Chuxing, di cui abbiamo parlato di recente per una collaborazione con Volvo, deve quindi mettersi in regola con le direttive ma per il momento non è possibile per i nuovi utenti registrarsi e accedere al servizio. Chi già avesse un account e la app sul telefono, invece, potrà continuare ad usarla.

La mossa del governo cinese arriva con un certo tempismo, visto che giusto mercoledì scorso, l'azienda era stata quotata a Wall Street in una delle IPO più grandi di sempre. Con un prezzo iniziale di 14 dollari, Didi ha chiuso la settimana a 15,53 dollari dopo aver toccato un massimo di 16,40 dollari, per una capitalizzazione totale di circa 70 miliardi di dollari. Vedremo che impatto avranno le ultime notizie sul prezzo di scambio.


Interessante come nel 2016 Apple avesse investito 1 miliardo di dollari in Didi Chuxing, una mossa per mettere un piede in Cina in un settore in crescita. Al tempo la valutazione era di circa 15 miliardi di dollari, quindi l'investimento dell'azienda gestita da Tim Cook dovrebbe essere ancora più che profittevole nonostante le novità delle ultime ore. Anche il gigante giapponese SoftBank ha una posizione in Didi, oltre ad averne una di circa il 10% in Uber, e ha chiuso sull'exchange di Tokyo a -5,39% nella giornata di oggi.


12

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Riccardo Revilant

LEggo: Apple sfida la Cina: niente eccezioni alle regole per la tutela della privacy
e poi approdo qui...che sia un caso?!

ondaflex

Ho scritto mamellata? Alllora mi rifiuto di correggere!

abbastanza da commentare un articolo a riguardo, a quanto pare.

Squak9000

e vabbè... convinto tu

zdnko

una mamellata non si rifiuta mai! :D

ondaflex

Perchè secondo te sarebbe un'autonoma e genuina iniziativa apple la rimozione?
Ormai hai mamellata di mele al posto di organi essenziali, di cui uno in particolare

Ma a noi checcefrega?

Scottyy Wiz

ma infatti non ha perso 1mld, se mai l'ha quadruplicato. Cmq se riguarda una questione di mettersi in regola con le norme va anche bene, peró se é la solita mossa del governo comunista che appena vede una societá che ha successo, cercano di ridimensionarla in quel caso sono messi proprio male come mentalitá politica...(quasi quasi fanno fare bella figura a noi)

Gupi

Bellissimi i taxi in china con almeno 4 smartphone collegati tutti contemporaneamente

Matteo

sono inqualificabili

Roy Rogers

Anch'io c'avevo investito!
Perchè non mi avete nominato nel titolo? Uffa

Squak9000

ma Apple se ne sbatte al cavolo del miliardo di dollari.
La coerenza é fattore importante e perdere un miliardo è nulla che perdere la fiducia dei propri clienti.
Perderebbe molto più danaro.

Recensione e Riprova Google Pixel Buds Pro, rinate con l'aggiornamento

24H con Oppo Find N2 Flip, la sfida a Samsung è servita | VIDEO

Abbiamo provato i nuovi Galaxy Z Fold4 e Z Flip4, ecco le novità! | VIDEO

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città