WhatsApp e il rischio cyberstalking causato dal tracking dello stato

17 Aprile 2021 67

È emersa una nuova criticità privacy di WhatsApp, a pochi giorni dalla scoperta che chiunque può causare la sospensione a tempo indeterminato dell'account di un altro utente conoscendo semplicemente il numero di telefono. Anche in questo caso non si può parlare di vera e propria vulnerabilità, quanto di un modo improprio di sfruttare alcune funzionalità che può trasformarsi in uno strumento molto utile per un cyberstalker.

Il blog di cybersicurezza di Traced illustra il fenomeno del tracking dello stato di WhatsApp, che viene spesso implementato in app e servizi Web facilissimi da reperire online. Google e Apple cercano di rimuovere app del genere dei rispettivi store, ma è molto più difficile tenerle lontane dal Web. Nella loro forma più elementare, questi servizi, sono in grado di rivelare l'ultima volta che un utente ha aperto WhatsApp, ma i più evoluti mostrano addirittura una notifica ogni volta che lo status cambia da online a offline, e viceversa; creano grafici, statistiche e contatori .

Questi servizi esistono perché WhatsApp permette a qualsiasi account di ottenere informazioni circa lo status di un altro account. Se questa informazione fosse riservata (o almeno limitata ai contatti conosciuti) il problema non si porrebbe; l'ideale sarebbe permettere all'utente di scegliere, come avviene per esempio con le spunte blu di lettura dei messaggi.

Insomma, allo stato attuale non esiste un sistema valido per difendersi da questo tipo di violazione della privacy, e visto che è noto già da tempo e non è mai cambiato niente è lecito dire che, almeno per ora, WhatsApp non abbia intenzione di intervenire.


67

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
L0RE15

Sarà anche. Rimane il fatto che certe pubblità finiscono sul sito e il proprietario del sito ne é comunque responsabile: fossi io mi girerebbero le scatole che alcuni utenti possano visualizzare tali contenuti. Fermo restando che i miei cookies (che cancello ad ogni chiusura ndel browser non capisco come possano aver "scelto" un contenuto del genere visto che di certo non é un qualcosa che io abbia mai cercato...

Manuel

...dipende dalla tua navigazione e dai tuoi cookies....... ^_^

Paolo Verdi

Più che altro vorrei capire quando si decidono ad integrare la chat unificata tra le tre piattaforme su Instagram ( whatsapp, Messenger e Instagram ), sono mesi che ne parlano ed ancora non vedo questa famosa icona all’interno di Instagram.

Giardiniere Willy

Oh no, praticamente possono risalire al mio conto in banca e svuotarlo.
Ma ehi, che ci vuoi fare, sono uno che ama l'adrenalina

Marco 1979

Beh oddio, non tutte le offerte comprendono SMS, e gli MMS sono ancora carissimi (almeno a quanto vidi qualche tempo fa)

L0RE15

"troppo presto, ora ti mostro come durare di più!"

Bello il banner gigante a inizio articolo con la pubblicità dei fumetti erotici! Non c'è mai fine al peggio!

Birra

Dove finisci tu comincio io <3

Jawdj Dijadj

Non ne sarei molto sicuro, tramite haveibeenpwned ho scoperto che il numero di mio padre, che non ha mai avuto account su fb ma ha account su whatsapp, è presente nel database di dati rubati a fb

E ci metteresti poco a vedere dove abito...
Il problema è se lo scrivi prima di partire.
Ora sono a casa. Prima era come dire: la casa rimane vuota per 10 giorni.
Certe cose non vanno dette in chat o social pubblici.

Mario Di Gennaro

Ormai non li fa pagare più nemmeno lo stato dello Zimbabwe

Kilani

Adesso sono più d'accordo. Sicuramente l'intenzione è quella di incentivare la condivisione dei contenuti, l'importante è farlo in modo critico. Io non sono mai stato contrario a Facebook, ma all'uso che ne fa la gente. Riconosco che sia un prodotto geniale.

Guarda, ok che l'azienda madre è la stessa, ma Whatsapp non c'entra un tubo, così crei solo confusione e disinformazione su un argomento già complesso.

Danylo

ora anchio so che siete stati in egitto (e non uso FB)

Daniel

Tanto è inutile avete la uatsapp dipendens - e poi perdete le storis far sapere a tutti cosa mangiate dove andate con chi quando come - non sia mai

Aster

Basta che scegli un contatto (anche falso )e il tuo stato non lo vede nessuno

asd555

Ho tutti i contatti su Telegram, tranne la famiglia...

The_Th

In realtà quando sei online non lo puoi nascondere, nemmeno agli sconosciuti.
In questo modo tramite qualche servizio è possibile esattamente sapere quando sei online e quando offline, ovvio che devi lavorarci per spiare una persona, ma si trovano tranquillamente servizi che lo fanno (pagando) e ti permettono di tracciare uno (o più numeri).
In questo modo puoi "spiare" una persona (o due) per capire se causalmente sono online nello stesso momento. Insomma non hai una cronologia delle chat, ma qualcosa puoi iniziare a fare, semplicemente conoscendo il numero di una persona.

Paolo Gambetti

Magari alla sua famiglia ci tiene

Paolo Gambetti

Dovresti essere felice di non avere nessuno su telegram.

Kilani

In questo caso il problema è tua moglie, non Facebook...

supermariolino87

WhatsApp...la causa di TUTTI i mali!!!

ferragno

meglio no?

andrew

Effettivamente hai ragione sul fatto che viene mostrato solo alle persone coinvolte, chiedo venia.
Ma... no per forza di cosa no, Signal, Wire e Threema non lo mostrano né hanno questo dato. Non puoi ricavarlo in alcun modo, cosi come gli indicatori di scrittura, ti mostra online anche durante la lettura di un messaggio o quando stai scrivendo, sarebbero tranquillamente evitabili.

ale

Anche se disabiliti l'ultimo accesso ti mostra comunque come online.

Comunque queste opzioni sono anacronistiche al giorno d'oggi: avevano senso in nei sistemi di messaggistica nei primi anni 2000, un periodo in cui un utente si collegava ad internet solo in determinati periodi della giornata, e quindi aveva senso sapere quando era online per capire se contattarlo in chat o in altri modi.

Oggi che ragionevolmente tutti hanno una connessione ad internet sempre attiva ed uno smartphone su cui ricevono i messaggi, cosa ti interessa sapere se uno è online o meno? Tutt'al più che c'è anche la conferma di ricezione del messaggio in WhatsApp...

ale

Ti mostra online solo alla persona con cui stai interagendo. Quindi è ovvio che se te mi hai mandato un messaggio Telegram ti segni come online (per forza di cose), così come se se hai mandato un messaggio in un gruppo dove siamo presenti entrambi. Non è un problema di privacy perché appunto è un informazione che per forza di cose puoi sempre ricavare.

andrew
Marco 1979
Marco 1979
yepp
SpiritoInquieto

Io rilancio con Tinder!

andrew

Aggiungo Wire

andrew

In realtà il nome è geniale: proviene da "end to end encrypted", Three E, Thre-e-ma

andrew

Comunque mi sa che Telegram soffre dello stesso problema, seppur in maniera ridotta: ti mostra online appena svolgi una determinata azione anche con le impostazioni al massimo.

Desmond Hume

Vabbè ma queste cose ci sono sempre state, sembra che ora vada di moda trovare le falle di whatsapp, l'app più antiquata che esista senza manco un Cloud proprio.
Se è per spingere a mollarlo ci sto.

andrew

No, la maggior parte delle altre mille funzioni che vengono chieste non sono implementabili in un client e2ee e sono, di fatto, assenti da tutte le chat di messaggistica e2ee (provare per credere: wire, threema o signal, o le chat segrete di telegram).

Differentemente lo stato sarebbe tranquillamente nascondibile.

SpiritoInquieto

Opzioni da temerario le tue! A cominciare dalla possibilità che chiunque possa aggiungerti ai gruppi o veder il tuo ultimo momento online.
Diciamo che se i tuoi contatti hanno le stesse tue opzioni, possono ottenere bei grafici dettagliati sul tuo utilizzo di WhatsApp...

Giardiniere Willy

"WhatsApp permette a qualsiasi account di ottenere informazioni circa lo status di un altro account. Se questa informazione fosse riservata (o almeno limitata ai contatti conosciuti) il problema non si porrebbe; l'ideale sarebbe permettere all'utente di scegliere, come avviene per esempio con le spunte blu di lettura dei messaggi."

Nessuna di queste funziona? https://uploads.disquscdn.c...

HdBfs

Ne capissi mai una di cose

SpiritoInquieto

Avevo inteso "tracking dello Stato" e mi stavo preoccupando.

Comunque, chissà se esisterà un modo per revocare il consenso alle opzioni privacy che entreranno in vigore il 15 maggio. Io l'ho dato di recente, pensando che non ci fosse via di uscita, ma oggi leggo che WhatsApp potrebbe annullare questo vincolo di utilizzo e io intanto ho già dato il mio consenso.

SpiritoInquieto

FAIL: disinstallando l'account resta attivo.

Non é solo WhatsApp... Facebook è ancora peggio. Odio quando mia moglie inserisce o inoltra dati come ora, che siamo stati 2 settimane in Egitto...

halbeeee2

Certo, whatsapp fa schifo ed è anacronistico, però la mia era più una critica a quelli che ogni volta devono far sapere a tutti che si sono tagliati fuori dal mondo pur di non usare whatsapp che alla fine male non fa

asd555

Sai quanto vorrei farlo... Purtroppo non ho nessuno della famiglia su Telegram.
Sento soltanto fratellame e genitori su WhatsApp.

halbeeee2

La cosa più scioccante di questo articolo è che non è ancora arrivato nei commenti quello che "ho disinstallato whatsappò vivo molto meglio, ho detto ai miei amici che o mi scrivono su telegram o non mi scrivono"

asd555

Lo stesso discorso sarebbe applicabile alle mille funzioni che WhatsApp non integra e che invece sono presenti in tutte le altre app di messaggistica.

Non lo fanno perché WhatsApp fa schifo/vuole fare schifo.

Marco

Eppure a loro non dovrebbe richiedere chissà quale lavoro...
Si tratta solo di un'opzione da aggiungere.

Perché non lo fanno?

asd555

No, finiscila tu.

Ma finitela.

T. P.

si ma ti fa treemare!!!

ahaahah

Recensione Lenovo Tab Extreme: per la produttività ma anche l'uso multimediale

Recensione Realme 11 5G: ottima autonomia ma con alcuni limiti | VIDEO

Recensione OnePlus Open: il paradosso dei Fold | VIDEO

Il miglior cameraphone del 2023: le vostre e le nostre scelte | VIDEO